Lech Wałęsa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lech Wałęsa
Lech Walesa - 2009.jpg
Lech Walesa nel 2009

Polonia Presidente della Polonia
Durata mandato 22 dicembre 1990 –
22 dicembre 1995
Capo del governo Tadeusz Mazowiecki
Jan Krzysztof Bielecki
Jan Olszewski
Waldemar Pawlak
Hanna Suchocka
Józef Oleksy
Predecessore Wojciech Jaruzelski (in patria)
Ryszard Kaczorowski (in esilio)
Successore Aleksander Kwaśniewski

Dati generali
Partito politico Solidarność
Firma Firma di Lech Wałęsa
Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per la pace 1983

Lech Wałęsa (pronuncia [ˈlɛx vaˈwɛ̃ŋsa]ascolta[?·info]) (Popowo, 29 settembre 1943) è un sindacalista, politico e attivista polacco.

Fu presidente della Polonia dal 1990 al 1995. Nel 1983 vinse il Premio Nobel per la pace. Oltre al Premio Nobel, ha ricevuto molti altri premi internazionali. Nonostante non abbia un diploma di scuola superiore gli è stata conferita una laurea honoris causa da parte di molte università europee e statunitensi.

Elettricista, si impegnò fin da giovane nel sindacato e combatté per la difesa dei diritti dell'uomo. Fondò Solidarność, la prima organizzazione sindacale indipendente del blocco sovietico: attraverso il movimento operaio cattolico, dopo una stagione di confronto col regime comunista, giunse alla guida della Polonia, portando a termine una rivoluzione pacifica che diede al Paese un nuovo assetto costituzionale. Nel 1995 gli successe Aleksander Kwaśniewski.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Wałęsa nacque a Popowo, nella Polonia occupata dalla Germania. Suo padre, Bolesław Wałęsa (1908-1945), era un falegname che fu arrestato e internato in un campo di lavoro forzato a Młyniec (avamposto di KL Stutthof) dalle forze di occupazione tedesche prima della nascita di Lech. Bolesław tornò a casa dopo la guerra, ma morì due mesi dopo. La madre era Feliksa Wałęsa (nata Kamieńska, 1916-1975).

Quando Lech aveva nove anni, Feliksa sposò suo cognato, Stanisław Wałęsa (1916-1981), un contadino. Lech aveva tre fratelli maggiori: Izabela (1934-2012), Edward (1937) e Stanisław (1939); e tre fratellastri più giovani: Tadeusz (1946), Zygmunt (1948) e Wojciech (1951-1988). Nel 1973, la madre e il patrigno di Lech emigrarono negli Stati Uniti per motivi economici. Vivevano a Jersey City, dove Feliksa morì in un incidente d'auto nel 1975, e Stanisław morì di infarto nel 1981. Entrambi furono sepolti in Polonia.[1]

Nel 1961, Lech si diplomò dalla scuola elementare e professionale nella vicina Chalin e Lipno come elettricista qualificato. Lavorò come meccanico automobilistico dal 1961 al 1965, e poi fece il servizio militare obbligatorio di due anni, raggiungendo il grado di caporale. Il 12 luglio 1967 iniziò a lavorare come elettricista al Cantiere Lenin (Stocznia Gdańska im Lenina) a Danzica, oggi chiamato Cantiere di Danzica (Stocznia Gdańska).

L'8 novembre 1969 Wałęsa sposò Mirosława Danuta Gołoś, che lavorava in un negozio di fiori vicino al cantiere. La coppia ha avuto otto figli: Bogdan (1970), Sławomir (1972), Przemysław (1974-2017), Jarosław (nel 1976), Magdalena (1979), Anna (1980), Maria-Wiktoria (1982) e Brygida (1985).[2]

Nel 2008 Wałęsa ha subito un infarto ed è stato necessario l'impianto di un pacemaker cardiaco presso l'Ospedale metodista di Houston in Texas.[3]

Posizione religiosa[modifica | modifica wikitesto]

Wałęsa è un devoto cattolico romano.

È un convinto oppositore dell'aborto; nel 1993 durante la sua presidenza ha firmato una legge che limita gli aborti in Polonia. Questa legge ha annullato l'accesso praticamente gratuito all'aborto che esisteva dal 1956 e ne ha limitato l'uso a casi in cui la vita della donna è in pericolo, la gravidanza è risultata da stupro o incesto, o il feto è irreparabilmente danneggiato. I medici che violano le regole rischiano fino a due anni di carcere. Questa legge sull'aborto è una delle più restrittive in Europa.[4]

Wałęsa è noto per la sua posizione anti-gay.[5] Nonostante le acute critiche internazionali e una denuncia legale di "propaganda di odio contro una minoranza sessuale", Wałęsa ha rifiutato di scusarsi per i suoi commenti. Durante una manifestazione politica nel 2000, descrisse le persone omosessuali come "malate" e disse: "Credo che queste persone abbiano bisogno di cure mediche".[6]

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Fin dall'inizio della sua carriera Wałęsa fu interessato alle rivendicazioni dei lavoratori. Era un leader carismatico che aiutò a organizzare le proteste illegali del 1970 al Cantiere di Danzica quando i lavoratori protestarono contro il decreto del governo che faceva aumentare i prezzi dei generi alimentari e fu ritenuto dal governo il presidente del comitato di sciopero.[7]

Nel giugno 1976 Wałęsa perse il lavoro nel Cantiere di Danzica a causa del suo continuo coinvolgimento in sindacati illegali, scioperi e in una campagna per commemorare le vittime delle proteste del 1970. In seguito ha lavorato come elettricista per diverse altre compagnie, ma il suo attivismo lo ha portato continuamente licenziato e per lunghi periodi è stato disoccupato. Wałęsa e la sua famiglia erano sotto costante sorveglianza da parte della polizia segreta polacca; la sua casa e il posto di lavoro erano sempre controllati. Nel corso degli anni è stato arrestato più volte per aver partecipato a attività dissidenti.

Wałęsa ha lavorato a stretto contatto con il Comitato per la difesa dei lavoratori (KOR), un gruppo che è stato formato per prestare aiuto alle persone arrestate dopo gli scioperi del 1976 e alle loro famiglie.

Lech Walesa nell'agosto del 1980

Nel giugno 1978 è diventato un attivista dei sindacati clandestini (Wolne Związki Zawodowe Wybrzeża). Il 14 agosto 1980, un altro aumento dei prezzi dei generi alimentari portò a uno sciopero nel Cantiere Lenin di Danzica, di cui Wałęsa fu uno dei mandanti. Wałęsa scalò la recinzione del cantiere e divenne rapidamente uno dei leader degli scioperi. Lo sciopero ha ispirato altri scioperi simili che si sono poi diffusi in tutta la Polonia. Wałęsa è stato a capo del comitato interdisciplinare di sciopero, coordinando i lavoratori a Danzica e in altri 20 stabilimenti della regione. Il 31 agosto il governo, rappresentato da Mieczysław Jagielski, ha firmato un accordo (l'accordo di Danzica) che concesse ai lavoratori del Cantiere Lenin il diritto di scioperare e permise loro di formare un sindacato indipendente.[8]

Il comitato di coordinamento degli scioperi si è legalizzato come Comitato di coordinamento nazionale di Solidarność e Wałęsa è stato scelto come presidente. Il sindacato Solidarnosc è cresciuto rapidamente, rivendicando oltre 10 milioni di membri, più di un quarto della popolazione polacca. Il ruolo di Wałęsa nello sciopero, nei negoziati e nel nuovo sindacato indipendente gli è valso la conoscenza sul palcoscenico internazionale.

Wałęsa mantenne la sua posizione fino al 13 dicembre 1981, quando il generale Wojciech Jaruzelski dichiarò la legge marziale in Polonia. Wałęsa e molti altri leader e attivisti di Solidarnosc sono stati arrestati; egli fu incarcerato per 11 mesi fino al 14 novembre 1982 a Chylice, Otwock e Arłamów, città orientali vicino al confine sovietico. L'8 ottobre 1982 il sindacato Solidarność fu messo al bando. Nel 1983 Wałęsa fece domanda per tornare al cantiere navale di Danzica come elettricista. Trattato formalmente come "semplice lavoratore" rimase praticamente agli arresti domiciliari fino al 1986.

Lo stesso anno venne insignito del Premio Nobel per la pace, che non poté ritirare in Svezia personalmente, poiché temeva che non gli sarebbe stato poi permesso il rientro in patria. Sua moglie Danuta ritirò il premio al posto del marito, che donò il suo corrispettivo in denaro ai quartieri generali di Solidarność temporaneamente in esilio a Bruxelles.

Verso la metà degli anni '80, Wałęsa continuò a svolgere attività sotterranee legate al sindacato.[9] In seguito ad un'amnistia del 1986 Wałęsa ha co-fondato il Consiglio provvisorio di Solidarnosc NSZZ (Tymczasowa Rada NSZZ Solidarność), la prima entità solidale giuridica solidale dalla dichiarazione di legge marziale. Dal 1987 al 1990, ha organizzato e guidato il Comitato esecutivo provvisorio semi-illegale del sindacato di Solidarnosc. A metà del 1988 ha istigato agli scioperi per l'arresto del lavoro nel cantiere navale di Danzica.

Dopo mesi di scioperi e deliberazioni politiche, a conclusione della decima sessione plenaria del Partito dei lavoratori ungheresi polacco (PZPR, il partito comunista polacco), il governo ha accettato di partecipare alle "Trattative della tavola rotonda", negoziati che si sono protratti da febbraio ad aprile 1989. Durante i colloqui, Wałęsa viaggiò attraverso la Polonia per tenere discorsi a sostegno dei negoziati. Al termine dei colloqui, il governo ha firmato un accordo per ristabilire il sindacato di Solidarnosc e organizzare elezioni semi libere per il parlamento polacco; in conformità con l'accordo della tavola rotonda, solo i membri del Partito comunista e i suoi alleati potevano rappresentare il 65% dei seggi nella camera bassa, il Sejm.

Nel dicembre 1988 Wałęsa ha cofondato il Comitato dei cittadini di Solidarnosc[10] questo era apparentemente un organo consultivo, ma in pratica un partito politico che vinse le elezioni parlamentari nel giugno 1989. Il partito vince le elezioni parlamentari del 1989 (guadagna il 48% dei posti nella Camera dei deputati della Polonia dei 49% che sono soggetti alle libere elezioni e tutti i posti meno uno del Senat appena ristabilito; il restante 51% dei posti della Camera dei deputati della Polonia vengono automaticamente conferiti al partito comunista). Wałęsa era una delle figure di spicco di Solidarnosc; era un attivista attivo, che appariva in molti manifesti elettorali, ma non era candidato al Parlamento.

Alla fine del 1989 persuade i leader dei partiti precedentemente alleati ai comunisti di formare una coalizione di governo non comunista, il primo governo non comunista del blocco sovietico. Dopo un accordo "semi-segreto", con grande sorpresa del partito comunista, il parlamento sceglie Tadeusz Mazowiecki come Capo del Governo, il primo non comunista della Polonia dal dopoguerra.[11] La Polonia, pur rimanendo formalmente un paese comunista, comincia a cambiare la sua economia verso il sistema di libero mercato.

Presidenza[modifica | modifica wikitesto]

Foto ufficiale della Presidenza della Repubblica

Dopo le elezioni parlamentari del giugno 1989, Wałęsa rimase deluso dal fatto che alcuni dei suoi ex attivisti fossero soddisfatti di governare insieme agli ex comunisti. Decise quindi di candidarsi per l'ufficio di presidente appena ristabilito, usando lo slogan "Non voglio, ma devo" ("Nie chcę, ale muszę."). Il 9 dicembre 1990 Wałęsa vinse le elezioni presidenziali , sconfiggendo il primo ministro Mazowiecki e altri candidati per diventare il primo Capo di stato liberamente eletto della Polonia in 63 anni e il primo capo di stato non comunista in 45 anni.[12] Durante la sua presidenza comincia la cosiddetta "guerra ai vertici", che avrà come conseguenza svariati cambiamenti di governo. La sua presidenza è fortemente criticata dalla maggior parte dei partiti politici e perde molto dell'iniziale appoggio alla fine del 1995.

Durante la sua presidenza, Wałęsa ha traghettato la Polonia attraverso la privatizzazione e la transizione verso un'economia di libero mercato (con il piano Balcerowicz), si svolsero le prime elezioni parlamentari in Polonia nel 1991 completamente libere e fu avviato un periodo di ridefinizione delle relazioni estere del paese. Negozia con successo il ritiro delle truppe sovietiche dalla Polonia e vince una sostanziale riduzione dei debiti esteri. Wałęsa ha sostenuto l'entrata della Polonia nella NATO e nell'Unione europea, entrambe avvenute dopo la sua presidenza, rispettivamente nel 1999 e nel 2004.

Nel 1993 ha fondato il proprio partito politico, il Bezpartyjny Blok Wspierania Reform (BBWR) un'organizzazione apparentemente non politica. La BBWR di Wałęsa è andata male nelle elezioni parlamentari del 1993 e il suo sostegno popolare si ridusse al 10%. Nel 1995 ha perso l'elezione presidenziale contro Aleksander Kwasniewski, che ha rappresentato i risorgenti polacchi post-comunisti e il partito Democratico Left Alliance (SLD). Wałęsa è stato criticato per il suo stile conflittuale. Mentre perdeva gli alleati politici, venne ad essere circondato da persone che erano viste dal pubblico come incompetenti e poco raccomandabili.[13] Alcuni pensavano che Wałęsa, un ex elettricista senza istruzione superiore, fosse troppo esplicito e troppo poco dignitoso per la carica di presidente.[14] Il consigliere per la sicurezza nazionale di Wałęsa, Jacek Merkel, attribuiva le carenze della presidenza di Wałęsa alla sua incapacità di comprendere l'ufficio del presidente come istituzione. Era un leader sindacale efficace in grado di articolare ciò che sentivano i lavoratori, ma come presidente aveva difficoltà a delegare potere o a navigare nella burocrazia.

Dopo la sconfitta elettorale, Wałęsa aiuta ad organizzare il nuovo partito Azione Elettorale Solidarność (Akcja Wyborcza Solidarność) che vince le elezioni parlamentari. In realtà il suo contributo rimane di minore importanza e Wałęsa detiene solamente una posizione defilata all'interno del partito. Il vero leader del partito e il principale organizzatore sarà il nuovo leader del sindacato Marian Krzaklewski.

Nel 1995 ha fondato l'I stituto Lech Wałęsa, con la missione "di divulgare le conquiste della Solidarietà polacca, educare le giovani generazioni, promuovere la democrazia e costruire la società civile in Polonia e nel mondo".[15]

Nel 2000 Wałęsa si candida di nuovo alle elezioni presidenziali, ma riceve meno dell'1% dei voti decidendo così il ritiro dalla politica e da allora fornisce lezioni di storia e politica in varie università estere dell'Europa centrale.

Nonostante la scarsa popolarità in patria, la reputazione internazionale di Wałęsa è rimasta intatta. Ha condotto vari cicli di conferenze in tutto il mondo.

Nel 2014 in un'intervista Wałęsa ha espresso il suo disappunto su un altro premio Nobel, il presidente americano Barack Obama: ha affermato in particolare alla CNN: "Quando è stato eletto c'era una grande speranza nel mondo. Speravamo che Obama avrebbe reclamato la leadership morale per l'America , ma questo fallì... in termini di politica e moralità l'America non guida più il mondo".[16] Wałęsa ha anche accusato Obama di non meritare il premio Nobel per la pace.

Wałęsa ha nuovamente conquistato i titoli dei giornali dopo aver condiviso i suoi pensieri sulla crisi dei migranti in Europa, affermando: "Guardando i rifugiati in televisione, ho notato che... sono ben nutriti, ben vestiti e forse anche più ricchi di noi... Se l'Europa aprirà le sue porte, presto ne verranno fuori milioni e mentre vivranno tra noi inizieranno ad esercitare le proprie usanze, tra cui la decapitazione".[17]

Walesa e la Polizia segreta[modifica | modifica wikitesto]

Firma di Lech Walesa - Bolek sul documento che dimostrerebbe la sua collaborazione con la Polizia segreta sovietica

Dai primi anni '80 si sono succedute voci secondo cui negli anni '70 Wałęsa aveva prestato servizio come informatore per i servizi di sicurezza comunisti.[18] Wałęsa ha sempre negato con veemenza le accuse.

La polemica riemerse nel 2008 con la pubblicazione di un libro che pretendeva di dimostrare che Wałęsa, nome in codice Bolek , era stato un operativo per i servizi di sicurezza dal 1970 al 1976.[19]

La questione è riemersa di nuovo nel febbraio 2016, quando l'Institute of National Remembrance ha sequestrato materiali dalla vedova di Czesław Kiszczak, un ex ministro dell'interno, che si dice documentasse il ruolo di Wałęsa come spia dei servizi di sicurezza.[20]

L'analisi più completa dell'eventuale collaborazione di Wałęsa con la polizia segreta è stata fornita in un libro del 2008 dal titolo L'SB (Służba Bezpieczeństwa; polizia segreta) e Lech Wałęsa: Un contributo biografico (SB a Lech Wałęsa. Przyczynek do biografii ). Il libro è stato scritto da due storici dell'Istituto di Commemorazione Nazionale, Sławomir Cenckiewicz e Piotr Gontarczyk, e ha incluso documenti dagli archivi della polizia segreta. Tra i documenti c'erano le schede di registrazione, i promemoria, le note della polizia segreta e i rapporti dell'informatore. Gli autori del libro sostengono che Wałęsa, che lavorava sotto il nome in codice di Bolek , era un informatore segreto della polizia dal 1970 (dopo essere stato rilasciato dall'arresto) fino al 1976 (prima di essere licenziato dal cantiere navale).

Secondo loro, "ha scritto rapporti e informato su più di 20 persone e alcuni di loro sono stati perseguitati dalla polizia comunista, ha identificato persone e ha origliato i suoi colleghi al lavoro. Il libro descrive il destino di sette delle sue presunte vittime; le informazioni riguardanti gli altri sono state distrutte o rubate. Secondo loro, Wałęsa ha ricevuto oltre 13.000 zloty come compenso per i suoi servizi mentre lo stipendio mensile all'epoca era di circa 3.500 zloty.[21] Il libro sosteneva anche che durante la sua presidenza Wałęsa usò il suo ufficio per distruggere le prove della sua collaborazione con la polizia segreta rimuovendo documenti incriminanti dagli archivi.

Il libro ha anche affermato che nel 1983, quando Wałęsa fu nominato per il Nobel per la pace, la polizia segreta tentò di metterlo in imbarazzo facendo trapelare informazioni sulla precedente collaborazione di Wałęsa con il governo. A questo punto però Wałęsa era già così popolare che la maggior parte dei polacchi non credeva ai media ufficiali e respinse le accuse come una manipolazione da parte delle autorità comuniste.[22]

Il 18 febbraio 2016, l'INR di Varsavia ha annunciato di aver sequestrato un pacchetto di documenti originali che avrebbero dimostrato che Wałęsa era un informatore comunista. I documenti risalgono al periodo 1970-1976 e sono stati sequestrati dalla casa di un ex ministro degli interni recentemente deceduto, il generale Czesław Kiszczak. L'autenticità dei documenti è stata confermata da un esperto di archivi, ma i pubblici ministeri hanno richiesto un esame della grafia che ha concluso che i documenti erano autentici e, quindi, Wałęsa aveva collaborato con la polizia segreta comunista.[23]

Il dossier è composto da due cartelle. Il primo è un "fascicolo personale" contenente 90 pagine di documenti, compreso un impegno scritto a mano di cooperare con la polizia segreta datata 21 dicembre 1970 e firmato Lech Wałęsa - Bolek con l'impegno che "non ammetterebbe mai la sua collaborazione con la polizia segreta nemmeno alla famiglia".[24] Il file contiene anche la conferma di aver ricevuto dei compensi per la sua attività. Il secondo è un "file di lavoro" che contiene 279 pagine di documenti, tra cui numerosi rapporti di Bolek sui suoi collaboratori nel Cantiere di Danzica, e note di agenti di polizia segreta degli incontri con lui. Secondo una nota, Wałęsa accettò di collaborare per paura della persecuzione dopo la protesta dei lavoratori nel 1970.

I documenti mostrano anche che all'inizio Bolek fornì con entusiasmo informazioni su opinioni e azioni dei suoi collaboratori e prese i soldi per le informazioni, ma con il tempo il suo entusiasmo diminuì e la qualità delle sue informazioni divenne scarsa, fino a quando non fu ritenuto non più prezioso e la collaborazione con lui fu interrotta nel 1976.[25]

Per anni Wałęsa ha negato con veemenza di collaborare con la polizia segreta comunista e ha etichettato i file incriminanti come falsi creati per comprometterlo. Wałęsa nega anche che durante la sua presidenza abbia rimosso i documenti che lo incriminano dagli archivi. Dopo la pubblicazione del libro "SB a Lech Wałęsa" nel 2008, ha detto che mentre era presidente "Ho preso in visione il file, ma non ne ho rimosso nulla. Ho visto che c'erano alcuni documenti lì su di me e che erano chiaramente delle falsificazioni, ho detto ai miei segretari di registrare e sigillare il file, ho scritto 'non aprirlo', ma qualcuno non ha obbedito e ha rimosso i documenti."[26]

Wałęsa ha presentato dichiarazioni contrastanti sull'autenticità dei documenti. Inizialmente è apparso vicino a un'ammissione sostenendo, nel 1992, che nel dicembre 1970 ha firmato dei documenti per sfuggire alla polizia segreta. Tuttavia, nei suoi ultimi anni Wałęsa ha detto che tutti i documenti sono falsi.[27]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze polacche[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca
— 1993
Gran Maestro dell'Ordine Virtuti Militari - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Virtuti Militari
Gran Maestro e Gran Croce dell'Ordine della Polonia Restituta - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Gran Croce dell'Ordine della Polonia Restituta
Gran Maestro dell'Ordine al Merito della Repubblica di Polonia - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito della Repubblica di Polonia

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona (Casa reale di Romania) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona (Casa reale di Romania)
— 2014[28]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito (Cile) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito (Cile)
Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca)
— 5 luglio 1993
Collare dell'Ordine della Croce della Terra Mariana (Estonia) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine della Croce della Terra Mariana (Estonia)
Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia)
— 1993
Cavaliere di Gran Croce della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce della Legion d'Onore (Francia)
— 1991
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito di Germania (Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito di Germania (Germania)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana (Italia)
— Roma, 6 febbraio 1991[29]
Gran Collare dell'Ordine di Vytautas il Grande (Lituania) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine di Vytautas il Grande (Lituania)
— [30]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia)
— 1995
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi (Paesi Bassi)
Gran Collare dell'Ordine della Libertà (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine della Libertà (Portogallo)
— 18 agosto 1993
Gran Collare dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo)
— 3 marzo 1995
Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine del Bagno (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine del Bagno (Regno Unito)
— 1991
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone Bianco (Repubblica Ceca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone Bianco (Repubblica Ceca)
— 1999
Cavaliere di Collare dell'Ordine Piano (Santa Sede) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Collare dell'Ordine Piano (Santa Sede)
Cavaliere dell'ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'ordine dei Serafini (Svezia)
— 16 settembre 1993
Ordine di Stato della Repubblica di Turchia (Turchia) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Stato della Repubblica di Turchia (Turchia)
— 1994[31]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica ungherese (Ungheria) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica ungherese (Ungheria)
— 1994
Medaglia Presidenziale della Libertà (Stati Uniti) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Presidenziale della Libertà (Stati Uniti)
— 1989
  • Medal of Merit of the Polish American Congress, 1981
  • Gran Gruz Placa de Oro de la Orden Heraldica do Cristobal Colon, Republica Dominicana, 2001
  • International Democracy Award, 1982
  • Social Justice Award, 1983
  • American Friendship Medal, 1983
  • Humanitarian Public Service Medal, 1984
  • Pro Fide et Patria Medal, Polonia, 1985
  • International Integrity Award, 1986
  • Liberty Medal, 1989
  • Countries of Europe Human Rights Prize, 1989
  • George Meany Human Rights Award, 1989
  • 1ª classe dell'Ordine di Francisco de Miranda, 1989
  • Cittadino onorario di Londra, 1991
  • Grand Sash of Order of Leopold, 1991
  • Order of Merit of Federal Republic of Germany
  • Medal of Independence of the Republic of Turkey
  • Order of Korea
  • Medal of Republic of Uruguay
  • Medaglia UNESCO
  • Path for Peace Award, Apostolic Nuncio to the United Nations, 1996
  • Freedom Medal of National Endowment for Democracy, Washington, 1999
  • International Freedom Award, Memphis, 1999
  • Premio Pacem in Terris, 2001
  • Gran Gruz Placa de Oro de la Orden Heraldica do Cristobal Colon, Republica Dominicana, 2001
  • One of A Different View's 15 Champions of World Democracy, 2008
  • Legion of Liberty (IPEA)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Thomas W. Ennis, STEPFATHER OF LECH WALESA DIES IN JERSEY CITY. URL consultato il 18 aprile 2018.
  2. ^ (EN) Fundacja Instytut Lecha Wałęsy, su www.ilw.org.pl. URL consultato il 18 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2009).
  3. ^ (EN) Reuters Editorial, Walesa leaves Texas hospital after heart treatment, in U.K.. URL consultato il 18 aprile 2018.
  4. ^ (EN) The Associated Press, Walesa Signs Law Sharply Restricting Abortions. URL consultato il 18 aprile 2018.
  5. ^ 'If Europe opens its gates to Muslims, there will be beheadings here', in The Jerusalem Post | JPost.com. URL consultato il 18 aprile 2018.
  6. ^ Windy City Times, World Report - Gay Lesbian Bi Trans News Archive - Windy City Times, su Windy City Times. URL consultato il 18 aprile 2018.
  7. ^ CNN Cold War - Profile: Lech Walesa, su cnn.com, 15 aprile 2008. URL consultato il 18 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2008).
  8. ^ (EN) Richard J. Hunter e Leo V. Ryan, From Autarchy to Market: Polish Economics and Politics, 1945-1995, Greenwood Publishing Group, 1998, ISBN 978-0-275-96219-7. URL consultato il 18 aprile 2018.
  9. ^ (PL) Wałęsa Lech - Zapytaj.onet.pl -, su zapytaj.onet.pl. URL consultato il 18 aprile 2018.
  10. ^ www.ilw.org.pl - Fundation - Lech Walesa Institute, su ilw.org.pl, 3 febbraio 2008. URL consultato il 18 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2008).
  11. ^ (EN) Timothy Garton Ash, Lech Walesa, in Time, 13 aprile 1998. URL consultato il 18 aprile 2018.
  12. ^ (EN) Fundacja Instytut Lecha Wałęsy, su www.ilw.org.pl. URL consultato il 18 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2009).
  13. ^ BBC News | Communism | Poland, su news.bbc.co.uk. URL consultato il 18 aprile 2018.
  14. ^ (EN) Lech Walesa | Biography, Solidarity, Nobel Prize, & Facts, in Encyclopedia Britannica. URL consultato il 18 aprile 2018.
  15. ^ Biography - Lech Walesa Institute Foundation, su walesa.org, 6 marzo 2016. URL consultato il 18 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2016).
  16. ^ (EN) Nobel Peace Prize winner: Obama failed to reclaim America's role as world leader. URL consultato il 18 aprile 2018.
  17. ^ 'If Europe opens its gates to Muslims, there will be beheadings here', in The Jerusalem Post | JPost.com. URL consultato il 18 aprile 2018.
  18. ^ (PL) Krzysztof Wyszkowski, Justification for the Judgement from 31 August 2010, su www.wyszkowski.com.pl. URL consultato il 18 aprile 2018.
  19. ^ (EN) Lech Walesa | Biography, Solidarity, Nobel Prize, & Facts, in Encyclopedia Britannica. URL consultato il 18 aprile 2018.
  20. ^ (EN) Lech Walesa | Biography, Solidarity, Nobel Prize, & Facts, in Encyclopedia Britannica. URL consultato il 18 aprile 2018.
  21. ^ (PL) IPN Launching Hunt for Wałęsa, in gazetapl. URL consultato il 18 aprile 2018.
  22. ^ Interview with Historian Slawomir Cenckiewicz: 'Positive Proof' Lech Walesa was a Communist Spy, in Spiegel Online, 23 giugno 2008. URL consultato il 18 aprile 2018.
  23. ^ The Institute of National Remembrance | Official statement on the inspection of the first batch of materials secured by the prosecutor of the IPN on 16 February 2016, su ipn.gov.pl, 24 febbraio 2016. URL consultato il 18 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2016).
  24. ^ (EN) Martin M. Sobczyk, Poland’s State Archives Releases Lech Walesa Documents, in Wall Street Journal, 22 febbraio 2016. URL consultato il 18 aprile 2018.
  25. ^ Polish state archive releases secret file on Lech Walesa - The Washington Post, su washingtonpost.com, 7 marzo 2016. URL consultato il 18 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2016).
  26. ^ (PL) IPN Launching Hunt for Wałęsa, in gazetapl. URL consultato il 18 aprile 2018.
  27. ^ (EN) Walesa 'was paid Communist informant', in BBC News, 18 febbraio 2016. URL consultato il 18 aprile 2018.
  28. ^ Ordine si medalii
  29. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  30. ^ Wałęsa ha restituito quest'ultima onorificenza il 6 settembre 2011 come protesta per le discriminazioni da parte del governo lituano verso la minoranza polacca.
  31. ^ Dostluk İlişkilerine Katkının Altın Sembolü: Devlet ve Cumhuriyet Nişanları (Turkish) - The Gold Symbol Contribution of Friendly Relations : State and Republic Orders, Haberler.com, febbraio 2013. URL consultato il 1º agosto 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN109834327 · ISNI (EN0000 0001 2147 5062 · LCCN (ENn81039335 · GND (DE118628704 · BNF (FRcb12046249m (data) · NLA (EN36204766