Norman Borlaug

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Io sostengo che il mondo ora ha la tecnologia - già disponibile o molto avanzata in fase di ricerca - per nutrire in modo sostenibile una popolazione di dieci miliardi di persone. La domanda più pertinente oggi è se agli agricoltori e agli allevatori sarà permesso utilizzare questa nuova tecnologia. Mentre le nazioni ricche possono certamente adottare posizioni favorevoli a rischi ultra bassi, e pagare di più per il cibo prodotto con il metodo cosiddetto "biologico", un miliardo di persone cronicamente sottonutrite dei paesi poveri non può farlo. Ci sono voluti diecimila anni per espandere la produzione di cibo ai livelli attuali di circa 5 miliardi di tonnellate per anno. Entro il 2005 dovremo di nuovo raddoppiare la produzione attuale. Questo non può essere fatto a meno che gli agricoltori nel mondo possano avere accesso ai metodi di produzione attuali ad alte rese, oltre che ai miglioramenti biotecnologici che possono aumentare le rese e la qualità nutrizionale delle nostre coltivazioni di base. »
(Norman Ernest Borlaug nel discorso tenuto ad Oslo nel 2000, in commerazione del Premio Nobel ottenuto trent'anni prima[1])
Norman Ernest Borlaug
Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per la pace 1970

Norman Ernest Borlaug (Cresco, 25 marzo 1914Dallas, 12 settembre 2009) è stato un agronomo e ambientalista statunitense, vincitore del Premio Nobel per la pace nel 1970, definito il padre della Rivoluzione verde[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nella fattoria di famiglia a Cresco, piccolo paese dell'Iowa, compì gli studi nella sua città natale, per poi portare a termine un Dottorato di ricerca in Patologia vegetale all'Università del Minnesota, nel 1942.

Dal 1942 al 1944 divenne ricercatore della DuPont, incentrando i suoi studi sui battericidi e sui fungicidi.

Nel 1944 divenne responsabile del centro di ricerche delle malattie genetiche con sede in Messico, dove negli anni si prodigò per creare coltivazioni resistenti alle condizioni climatiche avverse dei paesi del Terzo mondo, attraverso le modificazioni geniche e la creazione di colture resistenti. Egli incrociò varietà diverse di frumento per ottenerne di nuove che fossero resistenti al clima mesoamericano, avessero ottima resa e non crescessero troppo in altezza per poi piegarsi, il cosiddetto "grano nano"[3]. In Messico riuscì a far raggiungere pochi anni dopo il suo arrivo l'autosufficienza alimentare grazie ai suoi metodi. Dopo il Messico sperimentò i suoi metodi in India, Pakistan, poi in Egitto e in molti altri Paesi dell'Africa e dell'Asia. Cominciò così la Rivoluzione alimentare, o "Rivoluzione Verde", che trova in Borlaug il proprio fondatore.

Per il suo impegno nella lotta contro la fame nel mondo, ottenne il riconoscimento del Premio Nobel per la pace nel 1970.

Nel 1986 fondò il World Food Prize, riconoscimento diretto alle personalità impegnate nella lotta contro la fame nel mondo.

Intervista a Norman Borlaug all'Università di Bologna nel 2004

È morto nella sua casa di Dallas in Texas il 12 settembre 2009[4], dopo una lunga lotta contro il cancro.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze statunitensi[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia Presidenziale della Libertà - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Presidenziale della Libertà
— 1977
Medaglia d'oro del Congresso - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro del Congresso
— 6 dicembre 2006

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Padma Vibhushan (India) - nastrino per uniforme ordinaria Padma Vibhushan (India)
— 2006

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Citato in: Dario Bressanini e Beatrice Mautino, Contro Natura, Milano, Rizzoli, 2025, ISBN 978-88-17-08092-7, pp. 45-46
  2. ^ Il padre della Rivoluzione verde
  3. ^ dettagli della selezione agronomica e del funzionamento biologico molecolare nel grano nano di Borlaug, Norman Borlaug e il grano nano, 11 ottobre 2013. URL consultato l'11 ottobre 2013.
  4. ^ (EN) Nobel Prize winner Norman Borlaug dies at 95 in The Associated Press, 12 settembre 2009. URL consultato il 15-9-2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: (EN8729473 · LCCN: (ENn82070315 · ISNI: (EN0000 0001 2119 907X · GND: (DE140379703