Campagna Internazionale per l’Abolizione delle Armi Nucleari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
International Campaign to Abolish Nuclear Weapons
Logo ICAN Internationale Kampagne zur Abschaffung von Atomwaffen.svg
Global Parliamentary Appeal for a Nuclear Weapons Ban.jpg
Tipono-profit
Fondazione2007
ScopoDisarmo nucleare
Sede centraleSvizzera Le Grand-Saconnex
Indirizzo150 Route de Ferney, 1211 Genève 2, Switzerland
Direttrice esecutivaSvezia Beatrice Fihn
Sito web

Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per la pace 2017

La Campagna Internazionale per l’Abolizione delle Armi Nucleari (ICAN dall'inglese International Campaign to Abolish Nuclear Weapons) è una coalizione globale della società civile che lotta per promuovere l'adesione e la piena implementazione del Trattato per la proibizione delle armi nucleari.

Nel 2017 vinse il Premio Nobel per la pace "per il suo lavoro per portare l'attenzione alle conseguenze umanitarie catastrofiche di qualunque uso delle armi nucleari e per i suoi straordinari sforzi per ottenere un trattato che metta al bando queste armi". L'organizzazione ICAN iniziò nel 2007, e oggi conta 652 organizzazioni sociali in 107 paesi. L'ultimo ad aderire è stato il Sierra Leone nel 2022.

Paesi Membri[modifica | modifica wikitesto]

I paesi che hanno firmato il Trattato per la proibizione delle armi nucleari ma che ancora non l'hanno ratificato sono: l' Algeria,l' Angola, il Burkina Faso, la Repubblica Centroafricana, la Guinea Equatoriale, il Ghana, la Libia, il Madagascar, il Mozambico, il Niger, il Sierra Leone, il Sudan, São Tomé e Príncipe, la Tanzania, il Togo, la Zambia, lo Zimbabwe,il Brunei, l' Indonesia, la Birmania, il Liechtenstein, le Barbados, il Brasile, la Colombia, e Haiti.

I paesi che, invece, hanno firmato il Trattato per la proibizione delle armi nucleari e che lo hanno anche ratificato sono: il Benin, il Botswana, il Burundi, le Comore, la Repubblica del Congo, la Costa d'Avorio, la Repubblica Democratica del Congo, il Gambia, la Guinea-Bissau, il Lesotho, il Malawi, la Namibia, la Nigeria, le Seychelles, il Bangladesh, la Cambogia, il Kazakistan, il Laos, la Malaysia, le Maldive, la Moldavia, il Nepal, le Filippine, laThailandia, il Timor Est, il Vietnam, l' Austria, Città del Vaticano, l'Irlanda, Malta, San Marino, Antigua e Barbuda, il Belize, la Bolivia, il Cile, il Costa Rica, Cuba, Dominica, la Repubblica Dominicana, l' Ecuador, El Salvador, Grenada, il Guatemala, la Guyana, l'Honduras, la Giamaica, il Nicaragua, Panama, il Paraguay, il Perù, Saint Kitts e Nevis, Saint Lucia, Saint Vincent Grenadine, Trinidad e Tobago, l' Uruguay, il Venezuela, il Messico, leIsole Cook, Figi, Kiribati, Nauru, la Nuova Zelanda, Niue, Palau, Samoa, Tuvalu, e Vanuatu [1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Africa, su ICAN. URL consultato il 14 ottobre 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN235723257 · LCCN (ENnb2012009877 · GND (DE1186865903 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2012009877