Yitzhak Rabin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Yitzhak Rabin
יצחק רבין
Yitzhak Rabin nel 1994

Primo ministro di Israele
Durata mandato3 giugno 1974 –
22 aprile 1977
PresidenteChaim Herzog
Ezer Weizman
PredecessoreGolda Meir
SuccessoreMenachem Begin

Durata mandato13 luglio 1992 –
4 novembre 1995
PresidenteEphraim Katzir
PredecessoreYitzhak Shamir
SuccessoreShimon Peres

Leader dell'opposizione
Durata mandatofebbraio 1992 –
13 luglio 1992
Capo del governoYitzhak Shamir
PredecessoreShimon Peres
SuccessoreYitzhak Shamir

Ministro della difesa di Israele
Durata mandato13 settembre 1984 –
15 marzo 1990
Capo del governoShimon Peres
Yitzhak Shamir
PredecessoreMoshe Arens
SuccessoreMoshe Arens

Durata mandato13 luglio 1992 –
4 novembre 1995
Capo del governoSe stesso
PredecessoreMoshe Arens
SuccessoreShimon Peres

Presidente del Partito Laburista Israeliano
Durata mandato3 giugno 1974 –
22 aprile 1977
PredecessoreGolda Meir
SuccessoreShimon Peres

Durata mandato10 aprile 1992 –
4 novembre 1995
PredecessoreShimon Peres
SuccessoreShimon Peres

Dati generali
Partito politicoPartito Laburista Israeliano
FirmaFirma di Yitzhak Rabin יצחק רבין
Yitzhak Rabin
Rabin durante il servizio militare
NascitaGerusalemme, 1º marzo 1922
MorteTel Aviv, 4 novembre 1995
Cause della morteassassinio
Dati militari
Paese servitoBandiera d'Israele Israele
Forza armata Haganah
Forze di difesa israeliane
Anni di servizio1941 - 1967
GradoTenente generale
GuerreSeconda guerra mondiale
Guerra arabo-israeliana del 1948
Guerra dei sei giorni
CampagneCampagna di Siria
Altre carichepolitico
fonti nel corpo del testo
voci di militari presenti su Wikipedia
Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per la pace 1994

Yitzhak Rabin, o Yitschak Rabin (in ebraico יצחק רבין? ascolta; Gerusalemme, 1º marzo 1922Tel Aviv, 4 novembre 1995), è stato un politico e generale israeliano.

È stato il primo Primo ministro dello Stato d'Israele ad essere nato sul territorio del proprio Stato, a Gerusalemme. Fu insignito del Premio Nobel per la pace nel 1994.

La sua famiglia era costituita da immigrati ebrei dall'Europa orientale ed è cresciuto in una famiglia sionista laburista. Ha imparato l'agricoltura a scuola ed eccelleva come studente. Ha condotto una carriera di 27 anni come soldato e alla fine ha raggiunto il grado di Rav Aluf. Da adolescente si unì al Palmach, il commando dell'Yishuv. Alla fine salì di grado fino a diventare il capo delle operazioni durante la guerra arabo-israeliana del 1948. Si unì alle Forze di difesa israeliane di recente formazione alla fine del 1948 e continuò a crescere come ufficiale promettente. Ha contribuito a plasmare la dottrina dell'addestramento dell'IDF all'inizio degli anni '50 e ha guidato la Direzione delle operazioni dell'IDF dal 1959 al 1963. È stato nominato Capo di stato maggiore generale nel 1964 e ha supervisionato la vittoria di Israele nella guerra dei sei giorni del 1967.

Rabin ha servito come ambasciatore di Israele negli Stati Uniti dal 1968 al 1973, durante un periodo di approfondimento dei legami USA-Israele. Fu nominato Primo ministro di Israele nel 1974 dopo le dimissioni di Golda Meir. Nel suo primo mandato, Rabin firmò l'accordo provvisorio del Sinai e ordinò l'Operazione Entebbe. Si è dimesso nel 1977 a seguito di uno scandalo finanziario. Rabin è stato ministro della difesa israeliano per gran parte degli anni '80, anche durante lo scoppio della Prima Intifada.

Nel 1992, Rabin è stato rieletto primo ministro su una piattaforma che abbracciava il processo di pace israelo-palestinese. Ha firmato diversi accordi storici con la leadership palestinese nell'ambito degli Accordi di Oslo. Nel 1994 Rabin ha vinto il Premio Nobel per la pace insieme al rivale politico di lunga data Shimon Peres e al leader palestinese Yasser Arafat. Rabin ha anche firmato un trattato di pace con la Giordania nel 1994. Nel novembre del 1995 è stato assassinato da un estremista di nome Yigal Amir, che si è opposto ai termini degli accordi di Oslo. Amir è stato condannato per l'omicidio di Rabin all'ergastolo. Rabin è stato il primo tra i primi ministri di Israele ad essere nato in Israele ed è stato l'unico primo ministro ad essere assassinato e il secondo a morire in carica dopo Levi Eshkol. Rabin è diventato un simbolo del processo di pace israelo-palestinese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Yitzhak Rabin con Yāser ʿArafāt e Bill Clinton il 13 settembre 1993

Origini e formazione[modifica | modifica wikitesto]

Era di formazione agricolo-militare, tipica della sua comunità israeliana negli anni del Mandato britannico della Palestina. Fu tra i fondatori del Palmach (acronimo di Pelugot Machaz, "squadre d'assalto") che contribuirono in maniera decisiva alla costituzione dell'esercito del futuro Stato di Israele, anche se il suo sogno fin da bambino era quello di diventare ingegnere idraulico per garantire acqua alla sua fattoria. Fu comandante della brigata Harel che conquistò Gerusalemme durante la prima guerra arabo-israeliana. Nell'estate del 1948 sposò Leah Schlossberg dalla quale ebbe due figli.

Carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Divenne Capo di Stato Maggiore dell'esercito nel periodo della "guerra dei sei giorni", e si deve a lui, assieme a Moshe Dayan, la concezione di attacco che portò alla distruzione a terra dell'intera forza aerea egiziana e siriana. Lasciato l'esercito nel 1968, fu nominato ambasciatore di Israele negli Stati Uniti d'America durante i quali rafforzò la solida alleanza tra questi ultimi.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Video corto su Yitzhak Rabin dalla Israeli News Company

Scaduti i termini della missione, rientrò in patria facendo il suo ingresso alla Knesset alle elezioni del dicembre 1973 come membro del partito Partito Laburista Israeliano e successivamente, nel marzo 1974, venne nominato ministro del lavoro. A seguito delle dimissioni di Golda Meir, Rabin sconfisse Shimon Peres alle elezioni per la leadership del partito e nel giugno 1974 venne eletto primo ministro. Con Peres ebbe una forte antipatia politica e personale per due decenni. Fu sua la decisione di autorizzare la missione di salvataggio di Entebbe, il cui successo fece salire la popolarità di Rabin alle stelle.

Tuttavia nell'aprile 1977 uno scandalo giornalistico rivelò l'esistenza di un conto corrente che Leah Rabin aveva mantenuto illegalmente su una banca americana, sin da quando il marito era ambasciatore negli Stati Uniti, violando le norme valutarie del tempo. Nonostante non fosse coinvolto, Rabin rimase al fianco della moglie e diede le dimissioni. Lasciò la guida del partito a Shimon Peres, il quale venne sconfitto alle elezioni del 1977 dal leader della destra Menachem Begin. Rimase nella Knesset per i successivi otto anni senza ricoprire cariche pubbliche. Rientrò come ministro della Difesa nel governo di unità nazionale del 1984.

Nel 1992 il Partito Laburista Israeliano decise di puntare su Rabin. La scelta si rivelò azzeccata e Rabin, che col tempo si era guadagnato il soprannome di "Mister Sicurezza", tornò a coprire la carica di Primo ministro e anche quella di Ministro della Difesa. Chiamò al ministero degli affari esteri il suo compagno-rivale Shimon Peres con il quale aveva appianato le vecchie divergenze. Nell'agosto del 1993 venne resa pubblica la notizia che israeliani e palestinesi avevano intrattenuto negoziati diretti per otto mesi. La notizia fece scalpore in tutto il mondo. In Israele suscitò una forte opposizione da parte della destra religiosa che non perse occasione per organizzare manifestazioni contro Rabin e la sua politica di pace.

Nonostante ciò, il 13 settembre del 1993 firmò, insieme al leader dell'OLP, gli accordi di Oslo. L'accordo prevedeva il riconoscimento da parte di Israele dell'OLP come rappresentante del popolo palestinese e da parte dell'OLP il riconoscimento a Israele del diritto ad esistere. L'anno dopo fu insignito al Premio Nobel per la pace insieme a Shimon Peres, e al presidente della futura Autorità Nazionale Palestinese, Yāser ʿArafāt.

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Assassinio di Yitzhak Rabin.
Il luogo dell'assassinio di Rabin, 2006

La sera del 4 novembre 1995, prese parte a un comizio in difesa della pace nella Piazza dei Re d'Israele (in ebraico: כיכר מלכי ישראל) a Tel Aviv, la piazza ora porta il suo nome (in ebraico: כיכר רבין Kikar Rabin). Il motto dell'evento a cui stava partecipando era “Sì alla pace, no alla violenza”. All'evento Yigal Amir, uno studente di giurisprudenza israeliano di estrema destra e religiosamente fanatico, ha colto il momento in cui il Primo ministro ha lasciato il palco ed è stato scortato alla sua macchina, e gli ha sparato. Rabin morì poco dopo all'ospedale di Ichilov.

Poco prima dei colpi mortali, Rabin ha pronunciato un discorso commovente:

(HE)

«אני רוצה להודות לכל אחד ואחד מכם שהגיע לכאן היום כדי להפגין למען שלום ונגד אלימות. הממשלה הזו, שחלקה עם חברי שמעון הפרס, זכה יושבים ראש, החליטה לתת הזדמנות לשלום – שלום שיפתור את מרבית בעיות מדינת ישראל. […] דרך שלום עדיף על המסלול של מלחמה. אני אומר לך את זה כמי שהיה 27 שנים של איש צבא.»

(IT)

«Vorrei ringraziare ognuno di voi che è venuto qui oggi a manifestare per la pace e contro la violenza. Questo governo, che ho il privilegio di presiedere con il mio amico Shimon Peres, ha scelto di dare una possibilità alla pace, una pace che risolverà la maggior parte dei problemi di Israele. […] La via della pace è preferibile alla via della guerra. Ve lo dico da qualcuno che è stato un militare per 27 anni.»

Ai suoi funerali a Gerusalemme parteciparono circa un milione di israeliani e molti esponenti di rilievo della politica mondiale.[1] Parteciparono anche molti leader arabi i quali non erano mai stati in Israele prima d'allora.

Secondo il Grande Oriente d'Italia, Rabin fu membro della Massoneria[2].

Le indagini[modifica | modifica wikitesto]

In margine ai lavori d'indagine sull'assassinio del primo ministro, ucciso da un estremista di destra israeliano nel 1995, la commissione Shamgar affermò tra l'altro che le autorità israeliane avevano vistosamente fallito nell'investigare o perseguire i crimini commessi.

Commemorazioni e seguito[modifica | modifica wikitesto]

La tomba di Yitzhak (pietra nera) e Leah Rabin (pietra bianca)

Attualmente è in vigore una giornata nazionale di commemorazione nell'anniversario del suo assassinio. Yitzhak Rabin è sepolto sul monte Herzl insieme alla moglie Leah Rabin, morta nel 2000. Lì una pietra nera ricorda lui e una pietra bianca sua moglie.

Dopo la morte di Rabin, i negoziati e l'intero processo di pace si sono arenati.

In un sondaggio israeliano del 2005, un quarto degli intervistati ha affermato che Rabin fu vittima di un complotto; questo si riflette anche in numerosi siti web che diffondono teorie cospirazioniste.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

  • I fatti relativi al suo assassinio sono narrati nel film del 2015 Rabin, the Last Day.
  • Nel 1998 il cantante reggae Alpha Blondy intitolò Yitzhak Rabin un proprio disco.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Israeliane[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia per la guerra arabo-israeliana del 1948 - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia per la crisi di Suez - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia per la guerra dei sei giorni - nastrino per uniforme ordinaria

Straniere[modifica | modifica wikitesto]

Premio Principe delle Asturie per la cooperazione internazionale (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria
Ronald Reagan Freedom Award (Stati Uniti d'America) - nastrino per uniforme ordinaria
Premio Nobel per la pace - nastrino per uniforme ordinaria
— Oslo, 10 dicembre 1994

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Primo ministro di Israele Successore
Golda Meir 3 giugno 1974 - 22 aprile 1977 Menachem Begin I
Yitzhak Shamir 13 luglio 1992 - 4 novembre 1995 Shimon Peres II
Controllo di autoritàVIAF (EN46766256 · ISNI (EN0000 0000 7974 6227 · LCCN (ENn80038008 · GND (DE118941119 · BNE (ESXX1092305 (data) · BNF (FRcb11920945q (data) · J9U (ENHE987007266709205171 · NDL (ENJA00515667 · WorldCat Identities (ENlccn-n80038008