Tadeusz Mazowiecki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tadeusz Mazowiecki
Tadeusz Mazowiecki - Europeana 1989 - TV Interview.jpg
Tadeusz Mazowiecki nel 2013

Primo ministro della Polonia
Durata mandato 24 agosto 1989 –
4 gennaio 1991
Presidente Wojciech Jaruzelski
Lech Wałęsa
Predecessore Czesław Kiszczak (in patria)
Edward Szczepanik (in esilio)
Successore Jan Krzysztof Bielecki

Dati generali
Partito politico Citizens' Movement for Democratic Action, Unione Democratica, Unione della Libertà e Partito Democratico
Università Università di Varsavia
Firma Firma di Tadeusz Mazowiecki

Tadeusz Mazowiecki (Płock, 18 aprile 1927Varsavia, 28 ottobre 2013) è stato un giornalista, politico, autore, filantropo e operatore sociale polacco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stato un membro fondatore di Solidarność al fianco di Lech Wałęsa; fu condannato dalla legge marziale per la sua opposizione al regime comunista della Polonia. È stato Primo Ministro della Repubblica di Polonia dal 24 agosto 1989 al 31 dicembre 1989. Dopo la fine del comunismo nel paese, è rimasto in carica come primo ministro fino al 12 gennaio 1991.

È stato inviato speciale dell'ONU nell'ex-Jugoslavia, partecipando attivamente nella lotta per la difesa dei diritti umani. Fu grande amico di Papa Giovanni Paolo II.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze polacche[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca
— 1995
Medaglia Gloria Artis d'oro - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Gloria Artis d'oro
— 2009
Cavaliere dell'Ordine dell'Ecce Homo - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Ecce Homo

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri»
— 14 marzo 2000[1]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Gregorio Magno (Santa Sede) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Gregorio Magno (Santa Sede)
Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore
— 1998
Commendatore con Placca dell'Ordine al Merito della Repubblica ungherese (Ungheria) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore con Placca dell'Ordine al Merito della Repubblica ungherese (Ungheria)
Commendatore di Gran Croce dell'Ordine del Granduca Gediminas (Lituania) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce dell'Ordine del Granduca Gediminas (Lituania)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27081552 · ISNI (EN0000 0001 0881 527X · LCCN (ENn87821245 · GND (DE118977105 · BNF (FRcb12033361t (data) · BNE (ESXX1026721 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n87821245