Partito Democratico (Polonia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito Democratico
Partia Demokratyczna – demokraci.pl
Partia Demokratyczna - demokraci Logo.svg
LeaderElżbieta Bińczycka
StatoPolonia Polonia
Sedeul. Marszałkowska 77/79,
00-683 Varsavia
Fondazione7 maggio 2005
IdeologiaLiberalismo sociale[1]
CollocazioneCentro
Affiliazione internazionaleALDE
Sito web

Il Partito Democratico (in polacco: Partia Demokratyczna - PD) è un partito politico di orientamento socio-liberale fondato in Polonia nel 2005.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il partito si presenta come prosecutore dell'Unione della Libertà (Unia Wolności - UW), fondato nel 1994. Nel 2001 l'UW aveva subito la scissione deil'area più conservatrice del partito, che costituì Piattaforma Civica su iniziativa di Donald Tusk. Nel 2005 l'allora leader di UW, Władysław Frasyniuk, lancia l'idea del nuovo partito, nel quale confluiscono anche alcuni esponenti dell'Alleanza della Sinistra Democratica (SLD).

Il PD si presenta per la prima volta alle elezioni parlamentari del 2005, in occasione delle quali ottiene il 2,5% dei voti senza conseguire alcun seggio. Alle successive elezioni parlamentari del 2007 il partito partecipa alla costruzione di Sinistra e Democratici, una coalizione di centro-sinistra costituita da SLD, Unione del Lavoro e Socialdemocrazia di Polonia. La coalizione ottiene il 13,15% dei voti, andando all'opposizione del governo guidato da Piattaforma Civica; il PD ottiene tre dei 53 seggi conseguiti complessivamente. Il deludente risultato elettorale ha portato allo scioglimento della coalizione, avvenuto nella primavera del 2008.

Alle elezioni europee del 2009 il partito dà luogo alla coalizione denominata Alleanza per il Futuro - Centro Sinistra (Porozumienie dla Przyszłości - CentroLewica) insieme a Socialdemocrazia di Polonia, ottenendo però solo il 2,4% dei voti e senza ottenere alcun seggio. In seguito, nel 2010, i tre deputati del PD lasciano questo partito.

In vista delle elezioni parlamentari del 2011 il partito si presenta solo in due collegi del Senato[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]