Medaglia dell'Indipendenza della Turchia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Medaglia dell'Indipendenza
İstiklâl Madalyası
Istiklal madalyası.jpg
La medaglia conferita al distretto di İnebolu
Turchia
Turchia
Statuscessato
Istituzione29 novembre 1920
Primo capoMustafa Kemal
Precedenza
Ordine più alto-
Ord.Franz.Joseph-CAV.png
Nastro della medaglia

La medaglia dell'Indipendenza (in turco: İstiklâl Madalyası; in turco ottomano: استقلال مدالیه سی‎) è una onorificenza militare speciale emessa in numero limitato dalla Grande Assemblea Nazionale Turca in conformità con la Legge 66 del 29 novembre 1920.

Aspetto e materiale[modifica | modifica wikitesto]

La medaglia d'indipendenza di forma ovale in ottone misura 35 × 40 mm e pesa 15,55 g. Mostra sul recto un sole che sorge, sotto il quale è raffigurato l'edificio in cui la Büyük Millet Meclisi si riunì per la prima volta il 23 aprile 1920. A destra e sinistra dell'edificio si trovano case e una moschea e sotto l'edificio si vede un contadino con un carro da buoi. Il verso mostra all'interno della stella lunare una mappa della Turchia.

Decorati[modifica | modifica wikitesto]

Mustafa Kemal Atatürk con İstiklâl Madalyası con nastro rosso-verde

L'İstiklâl Madalyası fu assegnata a militari e civili che avevano dato importanti contributi al paese durante la Guerra d'indipendenza turca. Le persone che avevano combattuto al fronte portavano la medaglia su un nastro rosso. A chi aiutava nelle retrovie venne assegnata la medaglia con un nastro bianco e ai membri del parlamento una con un nastro verde. I membri del Parlamento che si distinsero al fronte, ricevettero una medaglia dell'indipendenza con nastro rosso e verde.[1] Anche alle bandiere di tutti i reggimenti delle forze nazionali turche, che presero parte alle campagne durante l'occupazione di Smirne tra il 15 maggio 1919 e il 9 settembre 1922 fu conferita una medaglia.[2] L'onorificenza venne conferita oltre che alle persone fisiche anche alla provincia di Kahramanmaraş (nastro rosso)[3] e al distretto di İnebolu (nastro bianco).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Copia archiviata, su asal.msb.gov.tr. URL consultato il 2 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 9 febbraio 2010).. T.C. Millî Savunma Bakanlığı Askeralma Dairesi Başkanlığı. Consultato il 1. Aprile 2010 (turco).
  2. ^ Regolamenti-Ministero della Giustizia Archiviato il 3 febbraio 2008 in Internet Archive.
  3. ^ Copia archiviata, su maliye.gov.tr. URL consultato il 2 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2010).. T.C. Maliye Bakanlığı. (turco).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (TR) İstiklal Madalyası Kanunu, su mevzuat.adalet.gov.tr. URL consultato il 2 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2008). Testo della legge.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]