Władysław Raczkiewicz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Władysław Raczkiewicz
Raczkiewicz W.jpg

Presidente della Polonia in esilio
Durata mandato 30 settembre 1939 –
5 giugno 1947
Capo del governo Władysław Sikorski
Stanisław Mikołajczyk
Tomasz Arciszewski
Predecessore Ignacy Mościcki
Successore August Zaleski (in esilio)
Bolesław Bierut (in patria)

Dati generali
Partito politico Blocco apartitico per la cooperazione con il Governo
Indipendente

Władisław Raczkiewicz (IPA: [vwadɨˈswaf rat͡ʂkʲɛˈvit͡ʂ]) (Kutaisi, 28 gennaio 1885Ruthin, 6 giugno 1947) è stato un militare e politico polacco. Fu presidente della Repubblica polacca, in esilio, dal 1939 alla morte.

Nato a Kutaisi, in Georgia (al secolo una provincia dell'Impero russo), da genitori polacchi, Raczkiewicz aderì in gioventù alle organizzazioni socialiste polacche, poi si arruolò nell'esercito zarista. Dopo la caduta dello zar, riorganizzò le forze polacche in Russia. Ministro polacco dell'Interno, voivoda (governatore) provinciale, fu poi Presidente del Senato (1929-1934) e del Sejm (1934-1939), i due rami del parlamento polacco.

Fuggito in Romania col governo dopo l'invasione tedesco-sovietica della Polonia (1939), fu designato presidente della Repubblica dal dimissionario Ignacy Mościcki. Trasferitosi a Parigi col governo in esilio (1939), nel 1940 dovette fuggire in esilio a Londra sotto l'incalzare delle armate tedesche.

Alla conferenza di Jalta le grandi potenze decisero che la Polonia sarebbe rientrata nella sfera d'influenza sovietica, così il Comitato (governo in esilio) di Londra, presieduto da Raczkiewicz, fu accantonato a favore del Comitato di Lublino, composto da socialisti e comunisti. Rackiewicz morì nel giugno 1947 ed ebbe come successore August Zaleski. Raczkiewicz è seppellito nel cimitero di Newark-on-Trent, nella Inghilterra.

Il Comitato di Londra non riconobbe mai il governo comunista polacco (che nel 1952 sostituì la carica di presidente della Repubblica con quella di presidente del Consiglio di Stato), e continuò a designare presidenti della Repubblica (in esilio) fino al ritorno alla democrazia (1990), quando l'ultimo presidente del Comitato, Ryszard Kaczorowski passò le sue insegne al neopresidente polacco Lech Wałęsa.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze polacche[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila bianca - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila bianca
— 30 settembre 1939
Gran Maestro dell'Ordine Virtuti Militari - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Virtuti Militari
Gran Maestro dell'Ordine della Polonia Restituta - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Polonia Restituta
Medaglia dell'indipendenza polacca - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'indipendenza polacca
Croce al Merito delle Forze Centrali di Lituania - nastrino per uniforme ordinaria Croce al Merito delle Forze Centrali di Lituania

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di I Classe dell'Ordine della Croce dell'Aquila (Estonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine della Croce dell'Aquila (Estonia)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile)
Gran Cordone dell'Ordine di Leopoldo (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Cordone dell'Ordine di Leopoldo (Belgio)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN28148790 · ISNI (EN0000 0001 0882 781X · LCCN (ENn2003050596 · GND (DE129384526 · BNF (FRcb14548148m (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie