Organizzazione internazionale per le migrazioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Organizzazione internazionale per le migrazioni
(EN) International Organization for Migration
(FR) Organisation internationale pour les migrations
(ES) Organización Internacional para las Migraciones
IOM-OIM.svg
Abbreviazione IOM, OIM
Tipo Organizzazione internazionale
Fondazione 1951
Sede centrale Svizzera Ginevra
Direttore generale Stati Uniti William L. Swing
Lingue ufficiali Inglese, francese, spagnolo
Bilancio 1675 milioni di dollari statunitensi
Sito web 

L'Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM/OIM) è un'organizzazione internazionale fondata nel 1951 che si occupa di migrazioni.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Stati membri (viola) e partners (blu) dell'OIM.

La sede principale è a Ginevra mentre uffici locali sono presenti in oltre 100 nazioni.

L'Italia è uno dei paesi fondatori dell'OIM.

Attualmente gli Stati membri sono 149 e quelli osservatori sono 12, a cui si aggiungono numerose organizzazioni intergovernative e non governative.

Pur non facendo parte del sistema delle Nazioni Unite, dal 16 ottobre 1992 all'OIM è stato riconosciuto lo status di osservatore dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite e collabora strettamente con le Agenzie specializzate dell'ONU.

Sedi[modifica | modifica wikitesto]

Ufficio di coordinamento per il Mediterraneo a Roma.

L'OIM ha una struttura flessibile e ha oltre 440 uffici dislocati in più di 100 Paesi.

L'ufficio di coordinamento per il Mediterraneo ha sede in Roma, via Nomentana, 62.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.italy.iom.int/index.php?option=com_content&task=view&id=18&Itemid=31

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN158982589 · BNF: (FRcb11995373z (data)
Nazioni Unite Portale Nazioni Unite: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Nazioni Unite