Economia di mercato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Questa voce è parte della serie
Liberalismo
Yellow flag waving.svg

Personalità
Acton · Arnold · Aron · Adams · Badawi · Bentham · Berlin · Beveridge · Burke · Čapek · Cassirer · Cattani · Cavour · Collingwood · Condorcet · Constant · Croce · Douglass · Einaudi · Emerson · Friedman · George · Giolitti · Gobetti · Gordon · Green · Guizot · Hardy (Mill) · Hayek · Hobbes · Hobhouse · Hu · Humboldt · Hume · Jefferson · Kant · Keynes · Korais · Krog · Kymlicka · Lafayette · Lincoln · List · Lloyd-George · Locke · Madison · Malthus · Marshall · Martineau · Mazzini · Mill · Milton · Mises · Molinari · Montesquieu · Naumann · Nozick · Ortega · Paine · Popper · Priestley · Rawls · Ricardo · Rousseau · Russell · Rüstow · Say · Sen · Sieyès · Smith · Spencer  · Spinoza · Staël · Tocqueville · Trenchard · Turgot · Voltaire · Washington · Weber · Wollstonecraft

Italian Parliament yellow.svg Portale Politica
Owl of Minerva.png Portale Filosofia
Capitello modanatura mo 01.svg Portale Storia
Nuvola apps kchart.svg Portale Economia

Un'economia di mercato è un sistema economico in cui le decisioni in materia di investimenti, produzione e distribuzione vengono guidate esclusivamente dai segnali di prezzo creati dalle forze della domanda e dell'offerta. La principale caratteristica di un'economia di mercato è l'esistenza di mercati dei fattori che svolgono un ruolo dominante nell'allocazione dei beni capitali e dei beni di produzione.[1][2]

Tali economie spaziano da un mercato regolamentato liberamente a sistemi di laissez-faire, dove l'attività statale è limitata alla fornitura di beni e servizi pubblici e alla salvaguardia della proprietà privata,[3] a forme interventiste dove il governo si impegna a correggere i fallimenti del mercato e a promuovere il benessere sociale. Le economie di stato o dirigiste sono quelle in cui lo stato svolge un ruolo direttivo nel guidare lo sviluppo generale del mercato attraverso politiche industriali o di pianificazione indicativa (la cui guida tuttavia sostituisce il mercato per la pianificazione economica), una forma a volte indicata come economia mista.[4][5]

Tali economie sono anche in contrasto con le economie pianificate in cui le decisioni di investimento e produzione sono incorporate in un piano economico integrato a livello economico. In un'economia pianificata, la pianificazione economica è il principale meccanismo di allocazione tra le imprese piuttosto che i mercati, con i mezzi di produzione dell'economia posseduti e gestiti da un singolo corpo organizzativo.

Il giudizio dei mercati[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Altvater, pag. 57
  2. ^ (EN) Autori vari, Comparing Economic Systems in the Twenty-First Century, Seventh Edition, George Hoffman, 2004, p. 538.
  3. ^ (EN) Yu-Shan Wu, Comparative Economic Transformations: Mainland China, Hungary, the Soviet Union, and Taiwan, Stanford University, 1995, p. 8.
  4. ^ Altvater, pag. 237-8
  5. ^ (EN) Irvin B. Tucker, Macroeconomics for Today, West Publishing, p. 491.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85019958 · GND (DE4037653-9