Laissez-faire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Questa voce è parte della serie
Liberalismo
Yellow flag waving.svg

Personalità
Acton · Arnold · Aron · Adams · Badawi · Bentham · Berlin · Beveridge · Burke · Čapek · Cassirer · Cattani · Cavour · Collingwood · Condorcet · Constant · Croce · Douglass · Einaudi · Emerson · Friedman · George · Giolitti · Gobetti · Gordon · Green · Guizot · Hardy (Mill) · Hayek · Hobbes · Hobhouse · Hu · Humboldt · Hume · Jefferson · Kant · Keynes · Korais · Krog · Kymlicka · Lafayette · Lincoln · List · Lloyd-George · Locke · Madison · Malthus · Marshall · Martineau · Mazzini · Mill · Milton · Mises · Molinari · Montesquieu · Naumann · Nozick · Ortega · Paine · Popper · Priestley · Rawls · Ricardo · Rousseau · Russell · Rüstow · Say · Sen · Sieyès · Smith · Spencer  · Spinoza · Staël · Tocqueville · Trenchard · Turgot · Voltaire · Washington · Weber · Wollstonecraft

Italian Parliament yellow.svg Portale Politica
Owl of Minerva.png Portale Filosofia
Capitello modanatura mo 01.svg Portale Storia
Nuvola apps kchart.svg Portale Economia

Il laissez-faire (AFI: lɛse fɛʁ ascolta[?·info]; letteralmente "lasciate fare" in francese) è un sistema economico in cui le transazioni tra gruppi privati di persone sono libere o quasi esenti da ogni forma di interventismo economico; secondo i sostenitori del laissez-faire, l'azione egoistica del singolo cittadino, nella ricerca del proprio benessere, sarebbe infatti sufficiente a garantire la prosperità economica dell'intera società, secondo la metafora della mano invisibile creata da Adam Smith.[1][2]

Onomaturgia[modifica | modifica wikitesto]

L'espressione, che nella sua interezza suona laissez faire, laissez passer ("lasciate fare, lasciate passare"), viene per lo più attribuita all'economista J.C.M. Vincent de Gournay (1712-1759), ministro del commercio francese, avversario, come i fisiocratici, del tradizionale centralismo regolamentatore colbertista, ma più attento di loro alla realtà non agricola, ossia artigianale-industriale e commerciale, del paese.

John Maynard Keynes, nel suo La fine del laissez-faire (1926), scrive che la massima del laissez-faire è tradizionalmente attribuita al mercante Legendre nella sua risposta a una richiesta di Jean Baptiste Colbert, su che cosa occorresse per far prosperare il commercio. Ma al Legendre sembra competere solo la prima parte della locuzione, e nella forma "laissez nous faire". Keynes aggiunge che il primo scrittore che usò l'espressione fu il marchese d'Argenson, ex ministro di Luigi XV, verso il 1751: Laissez faire, telle devrait être la devise de toute puissance publique, depuis que le monde est civilisé.

Keynes inoltre affermava che "la popolarità della dottrina deve di più ai filosofi politici del tempo, che agli economisti" .

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Adam Smith, VII (PDF), in The Wealth of Nations, Libro I, 9 marzo 1776, p. 52.
  2. ^ Toufic K. Gaspard, A political economy of Lebanon, 1948-2002 : the limits of laissez-faire, Brill, 2004, ISBN 1-4237-1427-X, OCLC 60876446. URL consultato il 21 ottobre 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia