Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

al-Raqqa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
al-Raqqa
città
الرقة
al-Raqqa – Veduta
Localizzazione
Stato Siria Siria
Governatorato al-Raqqa
Distretto al-Raqqa
Sottodistretto
Territorio
Coordinate 35°57′N 39°01′E / 35.95°N 39.016667°E35.95; 39.016667 (al-Raqqa)Coordinate: 35°57′N 39°01′E / 35.95°N 39.016667°E35.95; 39.016667 (al-Raqqa)
Altitudine 245 m s.l.m.
Superficie 1 962 km²
Abitanti 196 529[1] (2009)
Densità 100,17 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale C5710
Prefisso 22
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Siria
al-Raqqa
al-Raqqa
Sito istituzionale

al-Raqqa (in arabo: الرقة‎, traslitterabile anche ar-Raqqa) è una città della Siria, capoluogo del governatorato omonimo. In passato era conosciuta come Callinico. Nel linguaggio moderno viene chiamata Raqqa.[2][3][4]

E' stata il quartier generale e la capitale del sedicente Stato Islamico[5] dal gennaio 2014[6] sino al 17 ottobre 2017.[7]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Porta di Baghdad

La città fu fondata dal re seleucide Seleuco II Callinico, che la chiamò Kallinikos (in latino Callinicum). Divenne forte militare romano (con il nome di Nicephorium) almeno dai tempi di Settimio Severo, se non prima.

La città rimase con alterne vicende sotto il dominio romano fino a che fu poi conquistata assieme a tutta la Siria dagli Arabi musulmani, all'epoca del secondo califfo ʿUmar ibn al-Khaṭṭāb (reg. 634-644). Nelle sue vicinanze (a Ṣiffīn) fu combattuto lo storico scontro tra il califfo ʿAlī b. Abī Ṭālib e il ribelle deposto governatore siriano, Muʿāwiya b. Abī Sufyān.

Nel corso del successivo periodo abbaside, divenne per 13 anni circa, dal 796 all'809, la capitale de facto del califfato, in quanto funzionale al desiderio di Hārūn al-Rashīd di condurre da lì operazioni militari su vasta scala contro il nemico bizantino, nella speranza di una vittoria definitiva (mai realizzata) contro il suo potente avversario cristiano.[8]

La Qalʿat di Jaʿbar b. Sābiq al-Qushayrī (conquistatore della città in epoca selgiuchide), costruita sulla sponda sinistra del medio Eufrate, di fronte a Siffin

Con la morte di Hārūn e la successiva guerra civile tra i due suoi figli, al-Amīn e al-Maʾmūn, al-Raqqa rientrò in un anonimato dal quale non riuscì più del tutto a emergere.

Distruzione di monumenti da parte di Da'esh[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della sua occupazione di Raqqa, il sedicente Stato Islamico ha espresso ancora una volta la sua radicale intolleranza nei confronti dello Sciismo, distruggendo la Moschea di Uways al-Qarnī (in arabo: مسجد أويس القرني‎), in cui si conservavano le spoglie del Compagno del Profeta, ʿAmmār b. Yāsir, e del Seguace Uways al-Qarnī, entrambi caduti nella battaglia di Siffin, combattendo per la causa del quarto califfo "ortodosso", nonché cugino paterno e genero di Maometto,ʿAlī b. Abī Ṭālib.

Già oggetto di bombardamenti da parte del fronte anti-ISIS[9], nel novembre 2015, come ritorsione per gli attentati di Parigi, la Francia ha aumentato l'impegno militare nella zona con una serie di bombardamenti volti ad eliminare i centri di addestramento presenti in tale località[10].

Il 6 giugno 2017 è iniziata la grande battaglia per strappare Raqqa all'isis.

Il 17 ottobre 2017, dopo oltre 4 mesi di combattimenti, la città viene completamente liberata dalle Forze Democratiche Siriane, appoggiate dagli Stati Uniti, dopo che le ultime sacche di resistenza concentratesi attorno allo Stadio e all'Ospedale della città sono state eliminate.[7]

Persone legate a Al-Raqqa[modifica | modifica wikitesto]

La Moschea di Uways al-Qarnī nel 2009.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Stima World Gazetter
  2. ^ Alessandro Sala, Attentati di Parigi, la risposta francese: aerei bombardano Raqqa. Isis: «Hanno colpito il deserto», in Corriere della Sera, 15 novembre 2015. URL consultato il 18 novembre 2015.
  3. ^ Siria, la risposta della Francia agli attentati: pioggia di bombe sui centri di comando dell'Is a Raqqa, in La Repubblica, 15 novembre 2015. URL consultato il 18 novembre 2015.
  4. ^ Attentati Parigi, in Siria pioggia di raid francesi su Raqqa. “In Francia chiudiamo moschee radicali”, in Il Fatto Quotidiano, 15 novembre 2015. URL consultato il 18 novembre 2015.
  5. ^ (EN) www.al-monitor.com
  6. ^ (EN) Syria, anti-Assad rebel infighting leaves 700 dead, including civilians. AsiaNews, 13 gennaio 2014
  7. ^ a b Siria, espugnata Raqqa: cade la "capitale" dell'Isis, in La Repubblica, 17-10-2017. URL consultato il 18-10-2017.
  8. ^ Claudio Lo Jacono, Storia del mondo musulmano (VII-XVI secolo). Volume I. Il Vicino Oriente, Einaudi, Torino 2003, p. 191.
  9. ^ (EN) Russia fires missiles from Mediterranean on targets in ISIS stronghold Raqqa - reports, su RT English. URL consultato il 18 novembre 2015.
  10. ^ Francia lancia nuova ondata raid su Raqqa, su ANSA. URL consultato il 18 novembre 201.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN126876837 · GND: (DE4210671-0 · BNF: (FRcb150056419 (data)
Geografia Portale Geografia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di geografia