Offensiva turca nella Siria nordorientale del 2019

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Operazione Sorgente di Pace
parte della Guerra civile siriana e Conflitto curdo-turco
Barış Pınarı Hârekatı sonrası Resulayn (Serêkanî) bombalanıyor.jpg
Bombardamenti di Ras al-Ayn il 10 ottobre 2019.
Data9 ottobre 2019 - in corso
LuogoParti settentrionali dei governatorati di Aleppo, al-Hasaka e al-Raqqa, Siria
EsitoIn corso
Schieramenti
Comandanti
Turchia Hulusi Akar
(Ministro della difesa)
Turchia Gen. Yaşar Güler
(Capo dello staff generale)[5]
Turchia Sinan Yayla
(Comandante della 2ª armata)
Flag of Syria 2011, observed.svg Brig. Gen. Salim Idris
(Ministro della difesa)
Flag of Syria 2011, observed.svg Sayf Abu Bakr
(Comandante divisione Hamza)[6]
Flag of Syrian Democratic Forces.svg Mazlum Kobane
Flag of Syrian Democratic Forces.svgInfobox Generic SDF MC.png Riad Khamis al-Khalaf
(Comandante del Consiglio militare di Tal Abyad)
Flag of Syrian Democratic Forces.svgRasAlAyn MC infobox flag.png Imad Meno
(Comandante del Consiglio militare di Serê Kanîyê)[7]
Effettivi
Turchia Sconosciuto
Flag of Syria 2011, observed.svg 14.000[11]
Sconosciuto
Perdite
Secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani:[1]
Flag of Syria 2011, observed.svg 187 morti
Turchia 9 morti, 4 blindati Kirpi persi
Secondo la Turchia:[18]
Flag of Syria 2011, observed.svg 16 morti
Turchia 2 morti
Secondo SOHR:[1]
Flag of Syrian Democratic Forces.svg 235 morti

Secondo le SDF:
Flag of Syrian Democratic Forces.svg 45 morti[19]


Secondo la Turchia:
Flag of Syrian Democratic Forces.svg 410 morti, 27 feriti e 24 catturati[20]
59 civili uccisi in Siria da TAF e SNA[12] e 1 civile ucciso dai bombardamenti delle SDF (secondo SOHR)[13]
18 civili uccisi in Turchia da bombardamenti delle SDF (secondo la Turchia)[14][15]
130.000 civili sfollati[16][17]
Altri due soldati turchi sono stati uccisi nell'area dell'Operazione Ramoscello d'Ulivo nella Siria nordoccidentale,[21] che vengono conteggiati nel pedaggio fornito da SOHR.[1]
Voci di operazioni militari presenti su Wikipedia

L'offensiva turca nella Siria nordorientale del 2019, nota col nome in codice turco di "Operazione Sorgente di Pace", (in turco: Barış Pınarı Harekâtı; in arabo: عملية نبع السلام‎ in curdo: Operasyona Bihara Aşitiyê), è un'operazione militare in corso[22] condotta dall'esercito turco (TAF) e dai suoi alleati appertenenti all'opposizione nazionale siriana (SNA) contro i territori sotto l'amministrazione autonoma della Siria del Nord-Est (Rojava) e le Forze Democratiche Siriane (SDF).

Il 6 ottobre 2019, l'amministrazione Trump ordinò il ritiro delle truppe americane dalla Siria nordorientale, dove gli USA stavano assistendo I suoi alleati curdi. L'operazione militare cominciò il 9 ottobre con i primi bombardamenti dell'aviazione turca sulle cittadine di confine.[23]

A detta del presidente turco Erdoğan l'operazione è volta all'eliminazione delle forze democratiche siriane, viste come un'organizzazione terroristica a causa dei suoi legami col PKK, ma visto come un alleato contro l'ISIS da molti paesi, tra cui gli USA, da una zona di confine, creando una zona cuscinetto di 30 km nella Siria settentrionale mentre parte dei profughi siriani in Turchia verrebbe rimpatriata.[11]Poiché la zona di insediamento proposta è fortemente curda nella composizione demografica, questa intenzione è stata criticata come un tentativo di forzare un drastico cambiamento demografico,[24][25][26] una critica negata dalla Turchia dicendo che intendeva solo "correggere" i dati demografici che i funzionari turchi affermavano fossero stati cambiati dalle SDF.[26][27][28]

L'azione turca è stata condannata dall'Unione europea, Lega araba, Iran, Israele,[29], India[30] e Regno Unito come un assalto al territorio di uno stato sovrano e arabo e un'azione destabilizzante irresponsabile con conseguenze umanitarie "potenzialmente terribili".[31] Il governo siriano ha incolpato i curdi dell'offensiva turca, a causa del loro separatismo e non dei negoziati con il governo, ma ha anche condannato l'invasione straniera del territorio siriano.[32]

Panoramica[modifica | modifica wikitesto]

La Turchia e gli Stati Uniti hanno raggiunto un accordo nell'agosto 2019 dopo mesi di minacce turche per invadere unilateralmente la Siria settentrionale. Gli Stati Uniti hanno visto le forze democratiche siriane come uno dei suoi principali alleati nell'intervento militare contro l'ISIL in Siria, mentre la Turchia ha visto il gruppo come un'estensione del Partito dei lavoratori del Kurdistan, che considera un gruppo terroristico. L'accordo ha istituito la zona cuscinetto della Siria settentrionale, che mirava a dissipare le tensioni affrontando le preoccupazioni di sicurezza della Turchia con il monitoraggio e le pattuglie comuni, pur consentendo al NES di mantenere il controllo sulle aree che aveva sotto il suo controllo in quel momento.[33][34] L'accordo è stato accolto favorevolmente dagli Stati Uniti e dall'SDF/NES, ma la Turchia non è stata generalmente soddisfatta. L'insoddisfazione della Turchia ha portato a numerosi sforzi turchi per espandere l'area coperta dalla zona cuscinetto, garantire il controllo turco su parti di essa o trasferire milioni di rifugiati nella zona, con tutti questi sforzi falliti di fronte alla ferma resistenza della SDF e all'ambivalenza americana.[35]

Nonostante l'inizio ufficiale dei pattugliamenti di terra turco-statunitensi, lo smantellamento delle fortificazioni della SDF e il ritiro delle unità YPG da parti della zona cuscinetto, le tensioni continuarono a crescere mentre la Turchia riscuoteva ancora più richieste sulla SDF, cosa che la SDF ha negato, poiché sentivano di aver accettato un duro compromesso permettendo alle truppe turche di prendere parte a pattuglie comuni con le loro controparti americane nel nord della Siria.[36] L'insoddisfazione della Turchia per lo status quo dell'accordo è diventata un'ostilità aperta, con il presidente turco che ha apertamente presentato un ultimatum contro l'SDF.[37] L'ultimatum è stato ignorato dal gruppo e la Turchia ha dichiarato che la sua "scadenza" sarebbe avvenuta all'inizio di ottobre dello stesso anno.[38]

Preludio[modifica | modifica wikitesto]

I soldati americani salutano le truppe turche per una pattuglia congiunta nel nord della Siria il 4 ottobre 2019.

I preparativi per l'offensiva si sono avviati all'inizio di ottobre, a partire dal ritiro delle forze americane dalle posizioni vicino al confine turco, dopo che il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha avuto una telefonata con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump sui piani per un'operazione militare contro le aree detenute dalla SDF ad est del fiume Eufrate.[39][40] Infatti, prima dell'offensiva turca, le forze speciali statunitense preseró in custodia due detenuti britannici, noti per i loro ruoli in una cellula dell'Isis che torturarono e uccisero ostaggi occidentali, tra cui il giornalista James Wright Foley, che venne decapitato. El Shafee Elsheikh e Alexanda Kotey sono stati trasferiti in una base americana in Iraq dopo essere stati prelevati da una prigione di guerra in Siria settentrionale gestita dalla milizia curda.[41]

Mentre il governo degli Stati Uniti ha dichiarato di non supportare l'offensiva guidata dalla Turchia, il 6 ottobre 2019 la Casa Bianca ha anche annunciato che non avrebbe interferito e avrebbe ritirato tutto il personale degli Stati Uniti nell'area per evitare un potenziale stallo tra Stati Uniti e Turchia; Il Segretario di Stato americano Pompeo ha negato che ciò equivaleva a dare il via libera alle forze armate turche per attaccare la SDF mentre un portavoce della SDF ha definito il ritiro un tradimento da parte degli Stati Uniti.[42] Secondo quanto riferito, gli Stati Uniti hanno anche tagliato gli aiuti alla SDF per non armarli contro un alleato della NATO.[43]

L'8 ottobre 2019, secondo quanto riferito, le forze armate turche hanno bombardato un convoglio di veicoli militari diretti dall'Iraq in Siria, destinati alle SDF. Tuttavia, le SDF non si sono vendicate all'attacco e non sono state riportate vittime a seguito dell'attacco aereo.[44] Lo stesso giorno le forze speciali russe hanno aperto una traversata sul fiume Eufrate tra le aree detenute dal governo siriano e dalla SDF nel governatorato di Deir el-Zor.[45] Mentre le SDF affermavano che l'esercito siriano si stava preparando ad entrare nella città di Manbij nel nord-est di Aleppo, il governo siriano aveva ribadito che era stato fatto l'accumulo dell'esercito siriano vicino a Manbij per impedire l'ingresso dell'esercito turco nella città.[46] Lo stesso giorno, le forze turche hanno bombardato Ras al-Ayn e sparato con mitragliatrici nei pressi della città.[47]

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Una mappa giornaliera dell'offensiva turca nella Siria nord-orientale

9 ottobre 2019[modifica | modifica wikitesto]

L'operazione ha avuto inizio il 9 ottobre 2019, con attacchi aerei e di artiglieria turchi contro le città di Tell Abyad, Ras al-Ayn, detenute dalle SDF, dove si dice che migliaia di persone siano fuggite dalla città,[48] Ain Issa e Qamishlo. La data è l'anniversario dell'espulsione del leader del PKK Abdullah Öcalan dalla Siria nel 1998, da parte del governo di Hafiz al-Asad.[49]

In risposta al bombardamento transfrontaliero, il portavoce di SDF ha affermato che la Turchia stava prendendo di mira i civili.[50] In seguito sono stati lanciati sei missili nella città turca di Nusaybin in risposta al PKK, e due presumibilmente hanno colpito la città di Ceylanpınar.[51][52][53] L'SDF ha anche annunciato in risposta all'avvio dell'operazione turca che avrebbero interrotto le operazioni anti-ISIS,[54] e che due civili erano stati uccisi.[55] In risposta agli attacchi aerei, la SDF ha invitato gli Stati Uniti a stabilire una zona di interdizione al volo sul nord della Siria.[56]

Offensiva di terra[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine della giornata, l'esercito turco ha annunciato che la fase fondamentale dell'operazione era iniziata da tre punti, tra cui Tell Abyad.[57]

10 ottobre 2019[modifica | modifica wikitesto]

Prima dell'alba della mattina del 10 ottobre 2019, l'esercito turco inizia ufficialmente l'offensiva di terra contro le SDF; annunciano anche di aver raggiunto 181 obiettivi nel nord della Siria e che 14.000 ribelli sostenuti dalla Turchia stessero prendendo parte all'offensiva guidata dalla Turchia. Le SDF dichiarano di aver respinto un progresso turco verso Tell Abyad. Più tardi, secondo quanto riferito, scoppiano scontri tra SDF e forze allineate alla Turchia vicino ad al-Bab.[58] Le forze a guida turca avanzano nell'area di Tell Abyad e catturano i villaggi di Tabatin e Al-Mushrifah.[59] Di notte le forze armate turche dichiarano il controllo di 11 villaggi. Mentre i combattimenti continuano intorno a Tell Abyad, l'esercito nazionale siriano annuncia di aver catturato i villaggi di Mishrifah, Al-Hawi, Barzan, Haj Ali e una fattoria ad est della città.[60] Durante gli attacchi aerei turchi durante i combattimenti, le SDF affermano che le forze aeree turche avessero colpito una prigione con prigionieri ISIS.[61][62] I media turchi riferiscono in tarda serata che 174 combattenti SDF sono stati uccisi, feriti o catturati.[63]

Protesta a Berlino, Germania, contro l'offensiva militare turca, 10 ottobre 2019

Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan afferma quel giorno che 109 combattenti SDF erano stati uccisi nell'operazione e un numero imprecisato di combattenti feriti e catturati. In un discorso ai legislatori del suo partito dell'AK Party, il presidente Erdoğan ha anche minacciato di inondare l'Europa con 3,6 milioni di rifugiati se le nazioni europee avessero continuato a criticare l'operazione militare, in particolare se l'avessero etichettata come un'invasione.[64][65]

Un totale di 7 civili turchi sono stati uccisi e 85 civili sono stati feriti dal bombardamento di SDF in Turchia il secondo giorno dell'operazione secondo i media turchi.[66][67][68][69][70][71]

70.000 persone sono fuggite dalle città di confine delle SDF a seguito dei bombardamenti turchi.[72][73]

Secondo il Ministero della difesa nazionale turco, un soldato turco è stato ucciso dall'YPG.[74]

11 ottobre 2019[modifica | modifica wikitesto]

2 giornalisti sono stati feriti a Nusaybin, quando l'edificio da cui stavano filmando è stato incendiato da Qamishli attraverso il confine con i combattenti SDF. L'incidente è stato trasmesso in diretta sui canali televisivi turchi, secondo fonti turche.[75]

3 civili sono stati uccisi a Suruç da un bombardamento delle SDF.[76][77] In risposta all'attacco, la Turchia bombarda Kobanê, un villaggio siriano oltre il confine[78] Altri 8 civili sono stati uccisi nel corso della giornata a Nusaybin e 35 sono stati feriti dall'attacco di mortaio delle SDF, portando il totale dei civili uccisi dai bombardamenti delle SDF in Turchia a 18, secondo fonti turche.[79][80][81]

7 civili sono stati uccisi in Siria dalle forze turche nell'area di Tell Abyad, di cui 3 uccisi da cecchini turchi secondo il SOHR.[82]

Secondo il Ministero della Difesa nazionale turco, un totale di 399 combattenti SDF sono stati uccisi, catturati o feriti dall'inizio dell'operazione militare turca.[83]

L'esercito siriano libero afferma di aver conquistato il villaggio di Halawa, a sud-est di Tell Abyad.[84] TAF e SNA annunciano la cattura di Tell Halaf nel corso della giornata e pubblicano un video dall'interno della città.[85]

Nella città di Qamishli, un sospetto autobomba ISIS uccide 5 civili, mentre un presunto attacco di artiglieria turca colpisce una prigione vicina e cinque sospetti membri dell'ISIS, precedentemente detenuti in custodia dalle SDF, fuggono.[86]

Nella città di Kobanê, secondo quanto riferito, una base di forze speciali statunitensi ha subito pesanti bombardamenti da parte dell'artiglieria turca; le truppe statunitensi non si sono vendicate, ma si sono ritirate dopo la fine dei bombardamenti. La Turchia ha risposto negando di aver preso di mira la base americana, affermando invece di aver sparato contro le posizioni delle SDF.[87] Secondo il ministro della Difesa turco, l'attacco con mortaio contro la città di Suruç all'inizio del giorno è stato lanciato deliberatamente a 1000 metri dalla base americana di Kobanê dalle SDF per evitare ritorsioni turche.[88]

Lo stesso giorno, Jaysh al-Islam annuncia che si sarebbero uniti all'offensiva turca dalle loro basi nelle aree di Afrin e di Aleppo settentrionale.[89]

La BBC riferisce che 100.000 persone sono fuggite dalle loro case nel nord della Siria. La Mezzaluna Rossa curda (Heyva Sor) afferma che finora ci sono stati 11 decessi civili confermati. L'esercito turco ha confermato la morte di un soldato e ha affermato che altri tre erano stati feriti.[90]

Il Ministero della Difesa Nazionale della Turchia annuncia che altri tre soldati sono stati uccisi dall'YPG, due dei quali sono stati uccisi in un attacco di mortaio contro una base militare turca in una parte della Siria occupata dalla Turchia. Ciò ha portato a quattro il numero totale di soldati turchi uccisi nell'operazione.[74] Il SOHR riferisce che il numero effettivo di soldati turchi uccisi nell'operazione fosse sei.[91] Nel corso della giornata, il SOHR riferisce che almeno 12 guardie di frontiera turche sono state uccise o ferite in uno scontro con le SDF a Kobanê.[92]

12 ottobre 2019[modifica | modifica wikitesto]

Le forze armate turche e l'esercito nazionale siriano hanno affermato di aver raggiunto l'autostrada M4, 32 km in profondità nel territorio siriano e tagliando efficacemente la linea di approvvigionamento tra Manbij e Qamishli.[93] L'esercito d'opposizione siriano annuncia di aver preso 18 villaggi vicino all'autostrada M4, nella parte orientale di Raqqa.[94] Secondo fonti curde, la politica locale curdo Hevrin Khalaf è stata uccisa dalle truppe turche vicino a Qamishli, tuttavia la sua morte non è stata confermata dalle autorità.[95]

Due colpi di mortaio sono stati sparati ad Akçakale dalle SDF, vicino a un hotel dove i giornalisti alloggiavano secondo i media turchi.[96][97] Il ministro degli interni turco Süleyman Soylu ha annunciato che quasi 300 colpi di mortaio erano stati sparati nella provincia di Mardin dalle SDF dall'inizio dell'operazione.[98]

Intorno alle 12:00 (UTC+3), TAF e SNA hanno annunciato di aver catturato Ras al-Ayn,[99][100] ma le SDF negano che la Turchia avesse preso il controllo della città.[101][102]

Vengono compiuti crimini di guerra da parte delle milizie turche, a causa di una sparatoria su medici e ambulanze,[103] violando le Convenzioni di Ginevra.

13 ottobre 2019[modifica | modifica wikitesto]

Protesta a Parigi contro l'offensiva militare turca, 13 ottobre 2019

Le forze armate turche e l'esercito nazionale siriano annunciano la cattura della città di Suluk del distretto di Tell Abyad al mattino presto.[104] Il SOHR ha confermato che le forze turche e l'SNA avevano preso il pieno controllo di Suluk e che gli scontri si stavano avvicinando ad Ain Issa. Il SOHR ha anche riferito che le forze turche avessero preso di mira un'ambulanza nell'area di Tell Abyad che è ancora dispersa.[105][106]

Il SOHR riferisce anche che le SDF sono state in grado di riguadagnare quasi tutto il controllo sulla città contestata di Ras-al Ayn dopo un contrattacco.[107]

Le forze armate turche e l'esercito siriano libero hanno annunciato nel pomeriggio di aver catturato il centro di Tell Abyad,[108] e secondo il SOHR hanno tagliato l'autostrada M4.[109][110] Fonti turche riferiscono che i bombardamenti delle SDF contro Jarablus hanno ucciso 2 civili siriani.[111]

Alla luce dell'avanzamento delle forze pro-turche su Ayn Issa, le SDF affermano che 785 persone collegate all'ISIS erano fuggite da un campo di detenzione nell'area e che i fuggitivi hanno ricevuto assistenza dalle forze pro-turche e dagli attacchi aerei turchi.[112] Secondo il Washington Post, le truppe statunitensi hanno evacuato la città di Ayn Issa.[113]

Il presidente turco Erdoğan dichiara che 652 proiettili di mortaio e razzi sono stati lanciati contro la Turchia dall'inizio dell'operazione, uccidendo 18 persone e ferendo 147 civili.

Il segretario della difesa degli Stati Uniti Mark Esper dichiara che gli Stati Uniti stavano pianificando di evacuare tutti i 1.000 soldati rimasti dalla Siria settentrionale.[114] Gli USA hanno inoltre informato le SDF dell'intenzione di ritirarsi dalle basi militari di Manbij e Kobane e hanno già evacuato Ayn Issa secondo il SOHR.

Le forze armate turche e l'esercito siriano libero hanno catturato completamente Tall Abyad nel tardo pomeriggio secondo il SOHR.[115][109]

14 ottobre 2019[modifica | modifica wikitesto]

Per fronteggiare l'offensiva turca, le forze curde hanno raggiunto un accordo con il governo siriano di Bashar al-Assad, per l'invio di un contingente militare a protezione delle città strategiche di Kobanê e Manbij. L'accordo, stipulato con la mediazione del governo russo è frutto di negoziati tra le Forze Democratiche Siriane dell'amministrazione semiautonoma curda nel Nord-Est della Siria e il governo siriano, svoltisi presso la base aerea russa di Hmeimim a Laodicea.[116] Nella mattina le truppe di Damasco hanno raggiunto la località di Tel Tamer, nei pressi di Ras al-Ain, considerato punto nevralgico dell'assalto, preparandosi alla difesa della zona. Entrambe le parti belligeranti rivendicano il sostegno ricevuto dalla Russia[117]

15 ottobre 2019[modifica | modifica wikitesto]

Le Nazioni Unite hanno condannato le violenze "da entrambi gli schieramenti", condannado fortemente l'attacco aereo turco condotto a Tel-Tamor, sull'autostrada di Ras al-Ain, che ha colpito un convoglio di civili su cui viaggiavano numerosi giornalisti, uccidendone due.[118]

17 ottobre 2019[modifica | modifica wikitesto]

Turchia e Stati Uniti hanno raggiunto un accordo per un cessate il fuoco in Siria di 120 ore, nelle quali gli Stati Uniti favoriranno l'evacuazione dei combattenti curdi dalla zona di sicurezza concordata dal governo turco. A dare l'annuncio il vicepresidente americano Mike Pence, dopo l'incontro con il presidente turco Erdoğan.[119] L'accordo è tuttavia controverso, dato che pochi minuti dopo, un portavoce dell'amministrazione del Nordest della Siria ha dichiarato che i termini sono rigettati dalle forze curde.[120]

Reazioni[modifica | modifica wikitesto]

Reazioni internazionali all'operazione turca del 2019 nella Siria settentrionale.

Arresti in Turchia[modifica | modifica wikitesto]

La polizia turca ha arrestato più di 120 critici online dell'invasione turca per aver diffuso "propaganda terroristica".[121][122] Il procuratore turco ha avviato un'indagine sulla "propaganda terroristica" contro i parlamentari Sezai Temelli e Pervin Buldan, co-leader del partito HDP filo-curdo.[123] Le autorità turche hanno arrestato il web editor dell'opposizione BirGün e il caporedattore del portale di notizie online Diken.[124]

Ulteriori preoccupazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono preoccupazioni per una possibile rinascita dello Stato islamico (ISIS) nella regione, in quanto le Forze Democratiche Siriane - che hanno condotto operazioni contro l'ISIS e hanno tenuto prigionieri ISIS nella regione - devono rispondere alll'offensiva turca e quindi potrebbero perdere il controllo delle prigioni.[125][126] Alla domanda sulla situazione dopo il ritiro delle forze statunitensi nella Siria nord-orientale, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha respinto la minaccia dell'ISIS, sottolineando che "stanno per fuggire in Europa".[127][128] Il Pentagono ha sollevato ulteriori preoccupazioni sul fatto che l'esercito turco avesse rinchiuso le forze statunitensi di stanza a Kobanê con fuoco di artiglieria.[129]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d القوات التركية والفصائل الموالية لها تسيطر على مساحة نحو 220 كلم مربع عند الشريط الحدودي منذ انطلاق العملية العسكرية شرق الفرات
  2. ^ Islamic State relatives flee en masse from Syrian camp - Kurdish-led authority
  3. ^ Heavy fighting as Turkey pushes into north Syria, in BBC News, 10 ottobre 2019. Ospitato su www.bbc.com.
  4. ^ Turkey-Syria border: All the latest updates, su www.aljazeera.com, 10 ottobre 2019.
  5. ^ (TR) Harekat ile ilgili çalışmalarımız devam ediyor [Minister of National Defense Akar: Operations are continuing], su www.aa.com.tr, 9 ottobre 2019.
  6. ^ Yeni Şafak, Free Syrian Army ready for potential new operation, su Yeni Şafak.
  7. ^ (EN) ERSİN ÇAKSU, Not a single house captured by the enemy in Serekaniye, in ANF News, 11 ottobre 2019. URL consultato l'11 ottobre 2019.
  8. ^ (TR) Emre Bey, Son dakika: Barış Pınarı Harekatında Son Durum Nedir, Şehit veya Gazi Var Mı? [Last minute: What is the latest situation in the operation of Peace Spring, Is there a martyr or a veteran?], in Banka Haberi. URL consultato il 12 ottobre 2019.
  9. ^ (TR) Barış Pınarı Harekatı'nda milli silahlar dikkat çekti [National operations attracted attention at the Operation Peace Spring], in Son Dakika, 11 ottobre 2019.
  10. ^ a b c (TR) İşte 'Barış Pınarı Harekatı'nda kullanılan silahlar [Here are the weapons used in the Operation 'Peace Spring'], in CNN Turk, 10 ottobre 2019, p. 8. URL consultato il 12 ottobre 2019.
  11. ^ a b Turkey begins ground offensive in northeastern Syria, in Al Jazeera, 9 ottobre 2019. URL consultato il 10 ottobre 2019.
  12. ^ 96 ساعة من “نبع السلام”: أكثر من 130 ألف نازح ونحو 60 شهيدا مدنيا.. ومدينة “تل أبيض” و40 بلدة وقرية في أيدي تركيا، وما يزيد عن 200 قتيلا من “قسد” والجنود الأتراك والفصائل الموالية لأنقرة
  13. ^ About 10 citizens were killed or injured due to rocket shelling carried out by the forces of "Jarabulus Military Council" on the city of Jarabulus north-east of Aleppo, su syriahr.com, 10 ottobre 2019.
  14. ^ Turkey Says It Captured a Key Syrian Border Town, Time, 12 ottobre 2019.
  15. ^ Suriye operasyonu – Harekatın başladığı günden bu yana en az 18 sivil ve dört asker hayatını kaybetti, in Medyascope, 12 ottobre 2019. URL consultato il 13 ottobre 2019.
  16. ^ http://www.syriahr.com/?p=341868
  17. ^ 100,000 flee as Turkey steps up Syria offensive, in BBC News, 11 ottobre 2019. Ospitato su www.bbc.com.
  18. ^ Erdogan says Turkish-led offensive to extend further along Syrian border
  19. ^ Monitor: 104 SDF fighters killed battling Turkish attack
  20. ^ Son dakika haberi: Erdoğan harekatın ne zaman biteceğini açıkladı
  21. ^ Two Turkish soldiers killed in Kurdish militant attack in Syria: ministry
  22. ^ Invasion of northeast Syria carries gain and risk for Turkey, su AP NEWS, 9 ottobre 2019. URL consultato il 10 ottobre 2019.
  23. ^ Bethan McKernan, Turkey launches military operation in northern Syria, in The Guardian, 9 ottobre 2019.
  24. ^ Cengiz Candar, Erdogan's Syria plan: Resettling the Syrian refugees or ousting Kurds from their land?, su Al-Monitor, 30 settembre 2019.
  25. ^ Syria is witnessing a violent demographic re-engineering, su Financial Times.
  26. ^ a b Turkey's plan to settle refugees in northeast Syria alarms allies, in Reuters, 8 ottobre 2019.
  27. ^ Wesley Dockery, Turkey Begins Military Operation Against Kurds After Trump Pulls Troops In Northern Syria, su International Business Times, 9 ottobre 2019.
  28. ^ After US green light, Turkey prepares military operation in Syria, su Arab News, 7 ottobre 2019.
  29. ^ Giuseppe Conte, Seguo con apprensione gli ultimi eventi nel Nord-Est della Siria. Esortiamo la Turchia a desistere subito dall’iniziativa militare unilaterale che può nuocere alla stabilità regionale e compromettere la lotta a Daesh. Va scongiurato il rischio di altre sofferenze alla popolazione, su @GiuseppeConteIT, 2019T10:51. URL consultato il 12 ottobre 2019.
  30. ^ (EN) India slams Turkey for its 'unilateral military offensive' in northeast Syria | India News – Times of India, in The Times of India. URL consultato il 10 ottobre 2019.
  31. ^ World reacts to Turkey's military operation in northeast Syria, su Al Jazeera.
  32. ^ Syria blames Kurdish forces for Turkish military offensive. Xinhua, 10 ottobre 2019.
  33. ^ Safe Zone: Existing Project But Deferred Details, su Enab Baladi, 29 agosto 2019. URL consultato il 9 ottobre 2019.
  34. ^ Kurdistan24, SDF command reveals details about buffer zone in northeast Syria, su Kurdistan24. URL consultato il 9 ottobre 2019.
  35. ^ (EN) Turkey says U.S. stalling on Syria 'safe zone', will act alone if needed, in Reuters, 10 settembre 2019. URL consultato il 9 ottobre 2019.
  36. ^ Erdoğan cites U.S.-Turkey disagreement over safe zone as joint patrols begin in Syria, su Ahval. URL consultato il 9 ottobre 2019.
  37. ^ Turkey to initiate own plans if safe zone deal fails, su TRT World, 18 settembre 2019.
  38. ^ Turkey's Syria 'safe zone' deadline expires, su gulfnews.com. URL consultato il 9 ottobre 2019.
  39. ^ J. D. Simkins, Trump on pulling US troops out of Syria: 'We're not a police force', su Military Times, 8 ottobre 2019.
  40. ^ Michael Crowley e Carlotta Gall, In Trump, Turkey's Erdogan Keeps Finding a Sympathetic Ear, in The New York Times, 8 ottobre 2019.
  41. ^ amp.mediaset.net, https://amp.mediaset.net/tgcom24/article/9588519.
  42. ^ Trump makes way for Turkey operation against Kurds in Syria, in BBC News, 7 ottobre 2019. URL consultato il 10 ottobre 2019.
  43. ^ Ben Hubbard e Carlotta Gall, Turkey Launches Offensive Against U.S.-Backed Syrian Militia, in The New York Times, 9 ottobre 2019.
  44. ^ Report: Turkish warplanes bombing Kurdish targets in northeast Syria, su Ynetnews, 10 luglio 2019.
  45. ^ News Desk, Russian Special Forces open new Euphrates crossing between SDF, SAA lines: photos, su Al-Masdar News, 7 ottobre 2019.
  46. ^ News Desk, Kurdish-led SDF claim Syrian Army is preparing to capture Manbij, su Al-Masdar News, 8 ottobre 2019.
  47. ^ The Turkish forces target the vicinity of Ras Al-Ayn area by shells and heavy machineguns, in conjunction with the arrival of new batches of factions loyal to Turkey to the latter's territory in the frame of the anticipated military operation • The Syrian Observatory For Human Rights, su syriahr.com, 8 ottobre 2019.
  48. ^ Civilians flee Syrian border towns as Turkish warplanes, artillery kick off offensive, in Reuters, 9 ottobre 2019.
  49. ^ Bethan McKernan, Turkey launches military operation in northern Syria, in The Guardian, 9 ottobre 2019.
  50. ^ Turkey begins military offensive in Syria: Live updates, in www.cnn.com, 9 ottobre 2019.
  51. ^ YPG/PKK'lı teröristlerin attığı roket Nusaybin'e düştü | STAR, su Star.com.tr.
  52. ^ Nusaybin ve Ceylanpınar'a havan mermisi düştü!, su takvim.com.tr.
  53. ^ Turkey launches assault on Syrian Kurdish forces, su AFP.com.
  54. ^ EXCLUSIVE-US-backed Syrian forces halt counter-Islamic State operations -sources, su news.yahoo.com.
  55. ^ Turkey launches Syria offensive with air strikes, in BBC News, 9 ottobre 2019.
  56. ^ 'Panic' as Turkish Ground Troops Push into Northeast Syria, 'Humanitarian Catastrophe' Feared by Kurdish Civilians, su www1.cbn.com, 9 ottobre 2019.
  57. ^ Barış Pınarı'nda kara harekatı da başladı, su www.haberturk.com.
  58. ^ Renewed clashes between the Kurdish forces and pro-Turkey factions in the north-eastern parts of Aleppo countryside • The Syrian Observatory For Human Rights, su syriahr.com, 10 ottobre 2019.
  59. ^ - TSK, Tel Erkam Köyüne Yakın Bağlantı Yolunu Kontrol Altına Aldı- Tabatin ve Al-mushrifah Köyleri..., su Haberler.com.
  60. ^ twitter.com, https://twitter.com/.
  61. ^ Trump says jihadists 'will be escaping to Europe' in potential jailbreak, su almasdarnews.com, 10 ottobre 2019.
  62. ^ Hain saldırı... Bir acı haber daha: 7 şehit, 85 yaralı, su www.hurriyet.com.tr.
  63. ^ 228 YPG terrorists neutralized in Turkey's Operation Peace Spring, su DailySabah.
  64. ^ Erdogan threatens to flood Europe with 3.6 million refugees if EU calls Turkish operation in Syria an 'invasion', 10 ottobre 2019.
  65. ^ 109 'terrorists' killed in Turkish offensive in Syria, says Erdogan, su The Irish Times, 10 ottobre 2019.
  66. ^ (TR) Hainler Akçakale'de sivilleri hedef aldı, 10 ottobre 2019.
  67. ^ (TR) Son dakika: Şanlıurfa ve Mardin'de hain saldırı: 7 sivil şehit, in Haber Turk.
  68. ^ YPG sivilleri hedef aldı! Biri bebek 5 şehit, 11 ottobre 2019.
  69. ^ 21 ayrı noktaya havan düştü: 2 şehit, 46 yaralı, 11 ottobre 2019.
  70. ^ Nusaybin'de 3 ayrı noktaya havan saldırısı: 3 şehit, 24 yaralı, 10 ottobre 2019.
  71. ^ Terör örgütü'nün saldırısında bir anne ve 2 kızı şehit düştü, in Memurlar.Net, 10 ottobre 2019.
  72. ^ Carlotta Gall e Patrick Kingsley, Shells Fired into Turkey as Syria Offensive Extends into 2nd Day, in The New York Times, 10 ottobre 2019.
  73. ^ Turkey presses Syrian assault as thousands flee the fighting, su apnews.com, 10 ottobre 2019.
  74. ^ a b The Latest, su The Washington Post, 11 ottobre 2019. URL consultato il 12 ottobre 2019.
  75. ^ Yeni Şafak, YPG/PKK gazetecilerin olduğu restorana ateş açtı: 2 gazeteci yaralandı, su Yeni Şafak, 11 ottobre 2019.
  76. ^ YPG'nin Suruç'a saldırısında sivil şehit sayısı 3'e yükseldi, su cnnturk.com.
  77. ^ Son dakika... Terör örgütü YPG'den sivillere alçak saldırı: İki ilçemizde şehit ve yaralılar var, su CNN Türk.
  78. ^ Barış Pınarı Harekatı'nda Ayn El Arab'daki terör hedefleri, top atışları ile vuruldu, su Mynet Haber.
  79. ^ Nusaybin'e havan saldırısı: 2 şehit, su f5haber.com, 11 ottobre 2019.
  80. ^ Nusaybin'de sivillere havanlı saldırı: 8 şehit, su aa.com.tr.
  81. ^ Eight killed in Turkish border town in YPG attack: Governor's office, in Reuters, 11 ottobre 2019.
  82. ^ Turkish Forces killed 7 civilians as they try to escape the fire, and continued their attacks on Tal Abyad and Ras al-Ayn with large land and air support • the Syrian Observatory for Human Rights, su syriahr.com, 11 ottobre 2019.
  83. ^ 399 terrorists neutralized by Turkey's anti-terror op, su www.aa.com.tr.
  84. ^ twitter.com, 11 ottobre 2019, https://twitter.com/.
  85. ^ (TR) Suriye Milli Ordusu Tel Halef köyündeki terör örgütü paçavralarını indirdi, in TRT Haber, 11 ottobre 2019.
  86. ^ (EN) Raf Sanchez, Dispatch: Anger on Turkish border as conflict reveals contradiction at the heart of Western Syria policy, in The Telegraph, 11 ottobre 2019. URL consultato l'11 ottobre 2019.
  87. ^ Tom O'Connor, James LaPorta e Naveed Jamali, EXCLUSIVE: TURKEY ATTACKS US SPECIAL FORCES IN SYRIA, APPARENTLY BY MISTAKE, in Newsweek, 11 ottobre 2019. URL consultato l'11 ottobre 2019.
  88. ^ TSK ABD gözlem noktasını vurdu mu, su odatv.com.
  89. ^ Jaysh al-Islam [jaishalislam], twitter.com, 11 ottobre 2019, https://twitter.com/jaishalislam/status/1182692580263387136.
  90. ^ Turkey Syria offensive: 100,000 flee homes as assault continues, su BBC News, 11 ottobre 2019. URL consultato l'11 ottobre 2019.
  91. ^ The areas of Ras Al-Ayn, Tal Abyad, Al-Darbasiyyah and Al-Qamishli witness violent clashes and intense ground shelling, in Syrian Observatory for Human Rights, 11 ottobre 2019. URL consultato l'11 ottobre 2019.
  92. ^ Information about the killing and injury of 12 members of the Turkish Border Guard Forces in clashes against the SDF at the border strip in the area of Ayn Al-Arab (Kobani), su Syrian Observatory For Human Rights, 11 ottobre 2019. URL consultato il 12 ottobre 2019.
  93. ^ SON DAKİKA! Barış Pınarı Harekatı'nda çok önemli gelişme! Stratejik noktaya ulaşıldı, su Sabah.
  94. ^ Son dakika haberi: MSB duyurdu! Rasulayn kontrol altına alındı, su sabah.com.tr.
  95. ^ Charlotte Berrefjord Bergløff, Kurdisk politiker skal være drept i Syria, su NRK, 12 ottobre 2019. URL consultato il 12 ottobre 2019.
  96. ^ Şanlıurfa Akçakale'ye havan mermisi atıldı, su NTV.
  97. ^ Son dakika: YPG yine gazetecileri hedef aldı! Alçak planları deşifre oldu, su takvim.com.tr.
  98. ^ Bakan Soylu açıkladı! 'Mardin'e 300'e yakın havan mermisi düştü' - Akşam, su aksam.com.tr.
  99. ^ Suriye Milli Ordusu, Resulayn'ı kontrol altına aldı, su Timeturk.com.
  100. ^ Resulayn'da kontrol ele geçirildi! İşte YPG'nin elindeki ABD zırhlıları!, su sabah.com.tr.
  101. ^ (EN) SDF Serêkaniyê commander Amude: The city is under our control, ANF News, 12 ottobre 2019. URL consultato il 13 ottobre 2019.
  102. ^ Syrian Kurds deny Turkey has taken battleground border Serêkaniyê town, Ekurd.net, 12 ottobre 2019. URL consultato il 13 ottobre 2019.
  103. ^ La Turchia spara su medici e ambulanze. Colpita clinica d'emergenza a Serêkaniye, su DINAMOpress, 12 ottobre 2019. URL consultato il 12 ottobre 2019.
  104. ^ https://www.aa.com.tr/tr/baris-pinari-harekati/tel-abyadin-suluk-beldesi-teroristlerden-kurtarildi/1611814
  105. ^ The Turkish forces and factions loyal to them achieve a new advancement in Al-Raqqah countryside and take the control of large spaces of Sluk town under a cover of heavy firepower • The Syrian Observatory For Human Rights, su The Syrian Observatory For Human Rights, 13 ottobre 2019. URL consultato il 13 ottobre 2019.
  106. ^ http://www.syriahr.com/?p=341789
  107. ^ The SDF regain the control of Ras Al-Ayn city almost completely after a counter attack in which 17 members of the pro-Turkey factions were killed • The Syrian Observatory For Human Rights, su The Syrian Observatory For Human Rights, 13 ottobre 2019. URL consultato il 13 ottobre 2019.
  108. ^ Copia archiviata, su dirilispostasi.com. URL consultato il 13 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2019).
  109. ^ a b http://www.syriahr.com/?p=342020
  110. ^ http://www.syriahr.com/?p=341870
  111. ^ https://www.takvim.com.tr/guncel/2019/10/13/ypg-sivillere-fuzeyle-saldirdi-2-sehit
  112. ^ Almost all suspected ISIS militants' escape Syria camp: SDF, su www.rudaw.net, 13 ottobre 2019. URL consultato il 13 ottobre 2019.
  113. ^ https://www.washingtonpost.com/news/world/wp/2019/10/13/u-s-troops-evacuate-another-syrian-town-as-turkish-led-forces-advance-potentially-marooning-other-u-s-soldiers/
  114. ^ https://www.cbsnews.com/news/turkey-syria-mark-esper-secretary-of-defense-us-preparing-to-evacuate-all-troops-from-northern-syria-face-the-nation/
  115. ^ https://www.jpost.com/Breaking-News/Turkish-army-Syrian-allies-enter-Tel-Abyad-situation-calm-604518
  116. ^ Siria, l'esercito di Damasco verso Nord dopo un accordo con i curdi. Reporter stranieri colpiti da raid turchi, su Repubblica.it, 13 ottobre 2019. URL consultato il 14 ottobre 2019.
  117. ^ Siria, le truppe di Assad arrivano al confine turco. Ok russo ad Ankara per attaccare Kobane, su Repubblica.it, 14 ottobre 2019. URL consultato il 14 ottobre 2019.
  118. ^ (EN) Syria war: executions condemned as violence continues ‘on both sides’ of border with Turkey, su UN News, 15 ottobre 2019. URL consultato il 17 ottobre 2019.
  119. ^ Siria, accordo Usa-Turchia per il cessate il fuoco. Pence: «Tregua 120 ore per il ritiro dei curdi», su Corriere della Sera, 17 ottobre 2019. URL consultato il 17 ottobre 2019.
  120. ^ TPI - TPI LIVE DAL ROJAVA - Il vicepresidente Usa Mike.... URL consultato il 17 ottobre 2019.
  121. ^ Turkish public, politicians voice support for Syria military push, in Al-Jazeera, 10 ottobre 2019.
  122. ^ Turkey's military operation in Syria: All the latest updates, in Al-Jazeera, 11 ottobre 2019.
  123. ^ Turkish police investigate Kurdish leaders, fire water cannon at protesters, 10 ottobre 2019.
  124. ^ Turkish authorities launch legal action against 78 people, in Hürriyet Daily News, 10 ottobre 2019.
  125. ^ Carlotta Gall, ISIS Rears Its Head, Adding to Chaos as Turkey Battles Kurds, su The New York Times, 11 ottobre 2019.
  126. ^ Liz Sly, Turkey’s invasion of Syria puts Islamic State fight on hold at a critical time, su Washington Post, 11 ottobre 2019.
  127. ^ Charlie Cooper, Trump shrugs off ISIS fighters fleeing Syria: They’ll ‘be escaping to Europe’, su POLITICO, 10 ottobre 2019.
  128. ^ David Choi, Trump brushes off worries that freed ISIS prisoners will be a threat: 'They're going to be escaping to Europe.', su Business Insider, 9 ottobre 2019.
  129. ^ (EN) Dan Lamothe, U.S. forces say Turkey was deliberately ‘bracketing’ American troops with artillery fire in Syria, in Washington Post, 12 ottobre 2019. URL consultato il 13 ottobre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]