Razan Zaitouneh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Razan Zaitouneh

Razan Zaitouneh (o Zeitunah; in arabo: رزان زيتونة‎) (Siria, 29 aprile 1977) è un avvocato e attivista siriana. Attivamente coinvolta nella rivolta siriana, si è nascosta dopo essere stata accusata dal governo di essere un agente straniero[1] e suo marito è stato arrestato.[2] Zaitouneh ha documentato i diritti umani in Siria per i Comitati di coordinamento locale della Siria.[3] Zaitouneh è stata rapita il 9 dicembre 2013, molto probabilmente dall'organizzazione Jaysh al-Islam. Ad agosto 2018 il suo destino è rimasto sconosciuto. Si sospetta che sia stata uccisa.[4]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Zaitouneh si è laureata in giurisprudenza nel 1999 e nel 2001 ha iniziato a lavorare come avvocato.

Attivismo legale a favore dei diritti umani[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2001 fa parte del team di avvocati per la difesa dei prigionieri politici. Nello stesso anno è stata una dei fondatori dell'Associazione per i diritti umani in Siria (HRAS). Nel 2005 Razan Zaitouneh ha istituito lo SHRIL (la rete siriana di informazioni sui diritti umani), attraverso il quale denuncia le violazioni dei diritti umani in Siria. Dal 2005 fino alla sua scomparsa nel 2013 Razan Zaitouneh è stata membro attivo del Comitato per il sostegno alle famiglie di prigionieri politici in Siria.

Il 23 marzo 2011 la televisione di stato siriana ha annunciato che Razan Zaitouneh fosse un agente straniero, la quale si è nascosta mentre continuava il suo lavoro legale e sui diritti umani, al fine di evitare di essere arrestata.[5]

Zaitouneh ha fondato il Centro di documentazione sulle violazioni in Siria nell'aprile 2011 per documentare violazioni dei diritti umani e abusi nel paese.[6] Ha inoltre contribuito alle segnalazioni di violazioni dei diritti umani diffuse dai Comitati di coordinamento locale della Siria,[7] di cui è stata una delle fondatrici.[4]

Suo marito Wael Hamadeh e suo fratello Abd al-Rahman Hammada sono stati arrestati il 12 maggio 2011. Wael Hamadeh è stato rilasciato il 1 ° agosto 2011.[8]

Il 27 ottobre 2011 le è stato assegnato il Premio Sakharov per la libertà di pensiero.[9] In precedenza aveva ricevuto il premio Anna Politkovskaya da Reach All Women in War.[10] Nel 2013 le è stato assegnato l'International Women of Courage Award .[11]

La scomparsa nel 2013[modifica | modifica wikitesto]

I siti web dell'opposizione hanno riferito che il 9 dicembre 2013 Zaitouneh era stata rapita insieme a suo marito e due colleghi nella città di Douma, controllata dall'opposizione, a nord di Damasco .[12][13][14] A dicembre 2015, la loro posizione era ancora sconosciuta e l'identità dei rapitori era incerta, sebbene si sospettasse che il gruppo ribelle islamista Salafi Jaysh al-Islam fosse responsabile.[6][15]

Ad agosto 2018 l' Associated Press (AP) non era a conoscenza di prove significative del destino di Zaitouneh. AP ipotizzava che Jaysh al-Islam (Esercito dell'Islam) avesse arrestato Zaitouneh e che l'avesse tenuta nella prigione di Tawbeh. Jaysh al-Islam ha negato l'ipotesi.[4] Un indizio è stato il graffito visto da diversi testimoni sulla parete di una cella di una prigione che afferma: "Mi manca mia madre - Razan Zaitouneh, 2016." Un altro indizio è stato l'uso di uno dei computer del Centro di documentazione sulle violazioni, preso insieme a Zaitouneh nel rapimento del dicembre 2013, da un indirizzo IP di Jaysh al-Islam nella prigione di Tawbeh. Un altro attivista dell'opposizione, Mazen Darwish, ha dichiarato che Zaitouneh è stata trattenuta da Jaysh al-Islam fino all'inizio del 2017. AP ha ritenuto probabile che Zaitouneh sia stata uccisa.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Syrian Activist In Hiding: 'If We Didn't Believe We Will Win, We Couldn't Bear All This', su rferl.org, Radio Liberty, 7 ottobre 2011. URL consultato il 27 ottobre 2011.
  2. ^ Peter Beaumont, Syria's defiant women risk all to protest against President Bashar al-Assad, in The Guardian, London, 21 maggio 2011. URL consultato il 27 ottobre 2011.
  3. ^ Syrian woman activist wins human rights award, su amnesty.org, Amnesty International, 10 luglio 2011. URL consultato il 1º maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2012).
  4. ^ a b c Mroue, Bassem, "Clues But No Answers in One of Syrian War's Biggest Mysteries", su bloomberg.com, 13 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2019).
  5. ^ SYRIA HUMAN RIGHTS INFORMATION LINK (SHRIL), su PeaceWomen; Women's International League for Peace and Freedom. URL consultato il 15 aprile 2019.
  6. ^ a b Noura Hourani, ‘A person who believed’: Remembering Razan Zaitouneh on her 41st birthday, su Syria Direct, 29 aprile 2018. URL consultato il 22 marzo 2019.
  7. ^ Syrian woman activist wins human rights award, su amnesty.org, Amnesty International, 7 ottobre 2011. URL consultato il 5 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2012).
  8. ^ SYRIA: FURTHER INFORMATION: SYRIAN MAN RELEASED: WA’EL HAMMADA, su Amnesty International, 11 agosto 2011. URL consultato il 15 aprile 2019.
  9. ^ Three finalists for Sakharov Prize 2011 honouring human rights activists, su europarl.europa.eu, Parlamento europeo. URL consultato il 27 ottobre 2011.
  10. ^ Razan Zaitouneh (Syria): Winner of the 2011 Anna Politkovskaya Award, su Reach All Women in War. URL consultato il 27 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 13 novembre 2011).
  11. ^ Dissident Tibetan Writer Wins The US Government 2013 International Women of Courage Award, su VOA Tibetan. URL consultato il 4 febbraio 2015.
  12. ^ (AR) اختطاف الناشطة رزان زيتونه في دوما بريف دمشق, su DayPress, 10 dicembre 2013. URL consultato il 4 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2019).
  13. ^ Zaman Alwasl, Human Rights advocate Razan Zaitouneh kidnapped near Damascus, su zamanalwsl.net, 10 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2013).
  14. ^ Syrian opposition activist Razan Zaitouneh kidnapped at gunpoint, su Financial Times. URL consultato il 4 febbraio 2015.
  15. ^ Michael Pizzi, The Syrian Opposition Is Disappearing From Facebook, su The Atlantic. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  16. ^ Razan Zaitouneh (Syria): Winner of the 2011 Anna Politkovskaya Award, su Raw in War. URL consultato il 18 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 13 novembre 2011).
Controllo di autoritàVIAF (EN5338151051870233530009 · ISNI (EN0000 0004 6447 3261 · LCCN (ENn2018003071 · GND (DE1143653726 · WorldCat Identities (ENlccn-n2018003071