Taliedo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Taliedo
Via Salomone-Milano.jpg
Via Oreste Salomone
StatoItalia Italia
Regione  Lombardia
Provincia  Milano
CittàCoA Città di Milano.svg Milano
CircoscrizioneMunicipio 4
Altri quartieriPorta Vittoria · Porta Romana · Cavriano · Quartiere Forlanini · Monluè · La Trecca · Taliedo · Morsenchio · Ponte Lambro · Calvairate · Corvetto · Nosedo · Castagnedo · Rogoredo · Santa Giulia · Triulzo Superiore
Mappa di localizzazione: Milano
Taliedo
Taliedo
Taliedo (Milano)
Coordinate: 45°26′48.84″N 9°14′53.99″E / 45.4469°N 9.24833°E45.4469; 9.24833

Taliedo[1] (Talied in dialetto milanese, AFI: [taˈljeːt]) è un quartiere di Milano, posto a est del centro, appartenente al Municipio 4.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fino al 1873 il territorio ha fatto parte del Comune dei Corpi Santi che vennero inglobati alla città di Milano. Fino ai primi del Novecento Taliedo era una zona di campagna ricca di orti e cascine. Il nome deriva dalla Cascina Taliedo, la più grossa della zona, che a sua volta prese il nome dalla presenza di numerosi alberi di tiglio (tilietum in latino).

Nel 1910 la località di Taliedo venne scelta per svolgere il Circuito Aereo Internazionale, gara di velocità aperta a piloti e apparecchi stranieri. L'area venne attrezzata con hangar e officine di manutenzione, e nell'Aerodromo d’Italia, come venne pomposamente chiamato, venne ricavato un percorso di gara chiuso di forma triangolare. Vennero requisite ed abbattute tutte le cascine della zona ad eccezione della Cascina Taliedo che venne abbattuta successivamente. L'Aerodromo venne collegato con la città da una linea tramviaria, la numero 35, con capolinea in Piazza Ovidio. Nel 1913 il campo divenne aeroporto militare, con due squadriglie del Battaglione Aviatori del regio esercito.

Il Campo di aviazione di Taliedo fu uno dei primi aeroporti d'Italia e l'unico Aeroporto di Milano fino alla costruzione di Linate. Nei primi anni trenta con la costruzione dell'aeroporto di Linate intitolato a Enrico Forlanini, il campo di aviazione di Taliedo fu abbandonato, con l'area che occupava che fu definitivamente trasformata, nel secondo dopoguerra, in zona residenziale e industriale.[2]

Con l'espansione urbana di Milano, anche la parte sud fu progressivamente edificata. Negli anni 1961-63 venne costruito il "Quartiere Taliedo", 501 appartamenti di edilizia popolare dello IACP per un totale di 1650 abitanti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luciano Canepari, Taliedo, in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana, Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0.
  2. ^ Gian Luca Lapini, Taliedo, aerodromo d'Italia, in Storia di Milano, http://www.storiadimilano.it/, 4 mar 2006. URL consultato l'11 mar 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Milano: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Milano