Bovisa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bovisa
ATM 961.jpg
Via Varè, caratteristica strada del quartiere, con i filobus della linea 92 in transito
StatoItalia Italia
Regione  Lombardia
Provincia  Milano
CittàCoA Città di Milano.svg Milano
CircoscrizioneMunicipio 9
Altri quartieriPorta Garibaldi · Porta Nuova · Centro Direzionale · Isola · La Fontana · Montalbino · Segnano · Bicocca · Quartiere Fulvio Testi · Prato Centenaro · Niguarda · Dergano · Bovisa · Affori · Bruzzano · Comasina · Bovisasca
Mappa di localizzazione: Milano
Bovisa
Bovisa
Bovisa (Milano)
Coordinate: 45°30′05″N 9°09′50″E / 45.501389°N 9.163889°E45.501389; 9.163889

La Bovisa (La Bovisa in dialetto milanese, AFI: [buˈ(w)iːza][1]) è un quartiere di Milano, situato nella parte settentrionale della città. Appartiene al Municipio 9 ed è delimitato fisicamente dai binari della ferrovia di gronda nord, che cinge il quartiere per buona parte della sua estensione.

Origine del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il quartiere prende il nome da una cascina d'antica data dei Corpi Santi di Porta Comasina[2], la Cascina Bovisa, attorno a cui si venne a formare una borgata agricola che venne poi inglobata a Milano nel 1873.[3]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Piazza Giovanni Bausan.

Il quartiere è tagliato in due aree dal tracciato delle Ferrovienord, che si snoda in direzione nord-sud. La ferrovia è attraversabile solamente per via pedonale, attraverso le scale di accesso alla stazione ferroviaria di Bovisa: questo ha fatto sì che dalla costruzione della ferrovia lo sviluppo delle due aree evolvesse in maniera indipendente.

Alla Bovisa, cinque anni dopo la creazione dei primi stabilimenti cinematografici italiani a Roma (la "Cines") ed a Torino (la "Ambrosio"), entrambi del 1905, venne realizzato su un terreno di circa 1 ettaro lo stabilimento della "Milano Films", che restò in attività come azienda produttrice sino al 1926 e come impresa sino alla metà degli anni trenta. I teatri di posa della Bovisa vennero utilizzati anche da altre aziende produttrici milanesi, tra le quali la "Vay", la "Silentium" e la "Armenia"[4].

Sviluppatasi come zona industriale periferica di Milano, con lo stabilimento Candiani, realizzato nel 1882 per la produzione di acido solforico, divenuto poi parte del gruppo chimico Montecatini[5], alla fine del XX secolo subisce un declino dovuto allo smantellamento delle molte industrie che risiedevano nella zona, con conseguente degrado interrotto negli ultimi anni dal proliferare di cantieri a scopo residenziale e dal recupero di alcune strutture industriali dismesse.

Una delle attività più importanti di questa ex zona industriale è oggi quella connessa alla presenza di una delle due sedi cittadine del Politecnico di Milano. La zona è divisa in due campus universitari: quello est ospita le facoltà di disegno industriale, quello ovest invece è sede di alcune facoltà della Scuola di Ingegneria Industriale e dell'Informazione.

La grande centrale di produzione e stoccaggio del gas di città, ormai dismessa ed in demolizione, ha conservato le strutture dei suoi gasometri come esempio di archeologia industriale. Ancora attiva è la fabbrica della Fernet Branca.

Da qualche anno nel quartiere si sono inoltre insediati gli studi televisivi e gli uffici dell'emittente locale Telelombardia.

Nuova Bovisa[modifica | modifica wikitesto]

La via Lambruschini in una foto degli anni '60-70[6]: la via termina alla stazione Bovisa-Politecnico e nel nuovo assetto urbanistico attraversa l'area del Politecnico

Negli ultimi decenni la presenza del Politecnico e dell'Istituto di ricerca farmaceutica Mario Negri hanno contribuito alla rinascita del quartiere.

L'area della Bovisa sta vivendo un processo di recupero e ridefinizione. Per l'area della "goccia", quella fra le stazioni ferroviarie di Bovisa e Villapizzone, il Comune di Milano ha in progetto la costruzione di un nuovo Parco Scientifico Tecnologico, dedicato all'innovazione e alla ricerca, in cui far sorgere laboratori e centri di ricerca sull'energia e la mobilità sostenibile insieme a residenze private e supermercati.

EuroMilano Spa è la società di sviluppo e progettazione immobiliare partecipata da banca Intesa, Legacoop ed Esselunga a capo del progetto di riqualificazione dell'area della Nuova Bovisa.[7]

Il progetto di EuroMilano Spa per la riqualificazione urbana della Bovisa è iniziato con la realizzazione della nuova sede di Mediapason, il gruppo che raccoglie le emittenti regionali di Telelombardia, Antenna3 e Canale 6, l'ampliamento del polo universitario del Politecnico di Milano, e della Triennale Bovisa, ora in disuso.

Bovisa nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Al quartiere sono dedicati :

  • l'unico romanzo del regista Ermanno Olmi, Ragazzo della Bovisa
  • la canzone "Bovisa a Mano Armata" del gruppo musicale Belize
  • la canzone Notte in Bovisa del gruppo musicale Calibro 35
  • il quartiere è menzionato da Giovanni D'Anzi nella canzone "Lassa pur ch'el mond el disa"
  • la canzone "40 passi" di Davide Van De Sfroos inizia con il verso "Come corsari della Bovisa"
  • il quartiere è menzionato nella canzone di Vasco Brondi "Mezza nuda"

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il quartiere della Bovisa è lambito a sud dalla circonvallazione esterna.

La Bovisa è servita dalla stazione di Bovisa FN, che si trova alla congiunzione tra la ferrovia Milano-Asso/Saronno e il passante ferroviario. La stazione, gestita dal Gruppo FNM, è servita da treni suburbani (linee S1, S2, S3, S4, S12 e S13), da treni regionali da e per Como, Varese, Laveno-Mombello, Novara e Asso con capolinea a Milano Cadorna e dal Malpensa Express, tutti eserciti da Trenord. L'area della Goccia è inoltre servita dalla stazione di Villapizzone, situata nell'omonimo quartiere limitrofo, che nel 1998 ha sostituito la vecchia stazione FS. In essa transitano le linee suburbane S5, S6 ed S11 e i treni regionali per Bergamo e Cremona (entrambi via Treviglio) attestati presso la stazione di Porta Garibaldi.

Il quartiere è attraversato da linee di autobus, filobus e tram, gestite da ATM, che collegano la Bovisa ai quartieri limitrofi, al centro di Milano e a tutti gli altri quartieri che sorgono lungo la circonvallazione. La Bovisa non è servita direttamente dalla metropolitana; la stazione più vicina è Dergano, nell'omonimo quartiere poco distante, sulla linea M3.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ DiPI Online - Dizionario di Pronuncia Italiana, su dipionline.it. URL consultato il 10 febbraio 2015.
  2. ^ Fonte: Pag 99 di "Milano e provincia: Monza e la Brianza milanese, l'Adda, il Ticino, le Abbazie." di Touring club italiano, Anna Ferrari-Bravo - 2003 -
  3. ^ R.D. 8 giugno 1873, n. 1413
  4. ^ Aldo Bernardini, Le imprese di produzione del cinema muto italiano, Bologna, Persiani, 2015, p.642-645
  5. ^ la Bovisa operaia, su disegnoeprogetto.progettistiinrete.it. URL consultato il 10 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2015).
  6. ^ Introdurre la Bovisa
  7. ^ EuroMilano Spa - Nuova Bovisa, su euromilano.net, 18 novembre 2012. URL consultato il 6 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2012).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Milano: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Milano