New York Giants

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi New York Giants (disambigua).
New York Giants
Football americano American football pictogram.svg
New York Giants logo.png
Big Blue; G-Men
Jints; Big Blue Wrecking Crew
Segni distintivi
Uniformi di gara
Giants uniforms12 nobrands.png
Colori sociali                   
Blu, Rosso, Bianco, Grigio
Dati societari
CittàFlag of New York City.svg New York (NY)
PaeseStati Uniti Stati Uniti
LegaStati Uniti National Football League
ConferenceNFC
DivisionNFC East
Fondazione1925
DenominazioneNew York Giants (1925-presente)
PresidenteStati Uniti John Mara
ProprietarioStati Uniti John Mara (50%)
Stati Uniti Steve Tisch (50%)
General managerStati Uniti Dave Gettleman
Capo-allenatoreStati Uniti Pat Shurmur
StadioMetLife Stadium
(82566 posti)
Sito web
Palmarès
Vince Lombardi Trophy.pngVince Lombardi Trophy.pngVince Lombardi Trophy.pngVince Lombardi Trophy.pngEd Thorp Memorial Trophy.pngEd Thorp Memorial Trophy.pngEd Thorp Memorial Trophy.pngEd Thorp Memorial Trophy.pngNational Football ConferenceNational Football ConferenceNational Football ConferenceNational Football ConferenceNational Football Conference
Super Bowl4
Campionati NFL4
Titoli NFC5
Titoli divisionali16
Apparizioni ai playoff32
AmericanFootball current event.svg Stagione in corso

I New York Giants sono una squadra di football americano della NFL con sede a New York. Competono nella East Division della National Football Conference. Giocano le loro gare casalinghe a East Rutherford, New Jersey al MetLife Stadium, condiviso coi New York Jets.

Al 2017, secondo la rivista Forbes, il valore dei Giants è di circa 3,3 miliardi di dollari, terzi tra le franchigie della NFL.[1]

I Giants sono una delle cinque squadre ad essersi unite alla NFL nel 1925 e l'unica di esse ancora esistente, oltre che la squadra del nord-est degli Stati Uniti da più tempo nella lega. La squadra è al terzo posto per il maggior numero di titoli vinti: quattro nell'era pre-Super Bowl (1927, 1934, 1938, 1956) e quattro dopo l'avvento del Super Bowl (Super Bowl XXI (1986), XXV (1990), XLII (2007) e XLVI (2011)), oltre ad essere la squadra ad essere arrivata più volte in finale, 19. Solo i Green Bay Packers (13) e i Chicago Bears (9) hanno vinto più titoli dei Giants. Durante la sua storia, la franchigia ha avuto tra le sue file 15 membri della Pro Football Hall of Fame, inclusi i vincitori del premio di MVP della NFL Mel Hein, Frank Gifford, Y.A. Tittle e Lawrence Taylor.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia dei New York Giants.

Fondati da Tim Mara nel 1925, i Giants ebbero successo nella loro prima stagione, terminando con un record di 8–4[2]. Nella terza stagione della sua storia, la squadra ottenne il miglior record della lega, 11–1–1, e fu premiata col titolo NFL[3]. Dopo una deludente quarta stagione (1928) il proprietario Mara comprò l'intera squadra dei Detroit Wolverines, principalmente per avere in squadra la loro stella, il quarterback Benny Friedman, e fuse le due squadre sotto il nome di Giants.

Nei 14 anni tra il 1933 e il 1946, i Giants si qualificarono per giocare la finale che assegnava il titolo NFL 8 volte, vincendolo 2. Durante questo periodo i Giants erano guidati dall'allenatore Hall of Famer Steve Owen e dai giocatori, anch'essi futuri Hall of Famer, Mel Hein, Red Badgro e Tuffy Leemans. Questo periodo incluse anche la celebre "Sneakers Game" (traduzione: "partita in scarpe da ginnastica"), dove sconfissero i Chicago Bears su un campo congelato nella finale del 1934, indossando scarpe da ginnastica per una migliore trazione. I Giants ebbero particolare successo dalla seconda metà degli anni '30, fino a quando gli Stati Uniti entrarono nella Seconda Guerra Mondiale. Essi raggiunsero il loro terzo titolo NFL nel 1938 con la vittoria 23–17 sui Green Bay Packers.

I Giants non vinsero titoli fino al 1956, quando trionfarono grazie a diversi giocatori in seguito indotti nella Pro Football Hall of Fame come il running back Frank Gifford, il linebacker Sam Huff e l'offensive tackle Roosevelt Brown oltre che il running back all-pro Alex Webster. Anche parte dello staff sarebbe stata inserita nella Hall of Fame: il capo-allenatore Jim Lee Howell aveva Vince Lombardi come allenatore dell'attacco e Tom Landry come allenatore della difesa. Dal 1958 al 1963, i Giants giocarono la finale del campionato cinque volte senza vincerne alcuna. Dal 1964 al 1978, i Giants registrarono solo due stagioni positive e nessuna apparizione ai playoff.

Nel 1979, i Giants mossero i primi passi che li avrebbero riportati ai vertici della NFL. Tra questi ci furono le scelte nei draft del quarterback Phil Simms nel 1979 e del linebacker Lawrence Taylor nel 1981. Nel 1981, Taylor vinse il premio di rookie difensivo dell'anno e anche di miglior difensore assoluto, portando i Giants ai playoff per la prima volta dal 1963. Dopo la stagione accorciata dallo sciopero del 1982 in cui finirono 4–5, il capo-allenatore Ray Perkins si dimise per andare ad allenare alla University of Alabama. In un cambio che si rivelò cruciale negli anni futuri, fu sostituito dal coordinatore difensivo, Bill Parcells. I Giants arrivarono ad un record di 14–2 nel 1986 guidati dall'MVP e difensore dell'anno Lawrence Taylor Nel loro primo Super Bowl, il Super Bowl XXI, contro i Denver Broncos al Rose Bowl di Pasadena. Guidati dall'MVP dell'incontro, Simms, che completò 22 passaggi su 25 (record del Super Bowl dell'88% di completi), sconfissero i Broncos 39–20, vincendo il primo titolo dal 1956. Nel 1990, i Giants andarono sul 13–3 e stabilirono il record NFL per il minor numero di palle perse nella stagione (14)[4]. Nei playoff superarono i favoriti Buffalo Bills 20–19, trionfando nel Super Bowl XXV, dove fu eletto MVP dell'incontro il running back Ottis Anderson.

Dopo la stagione 1990, Parcells si dimise da capo allenatore e venne sostituito dal coordinatore offensivo, Ray Handley. Handley fu l'allenatore per due deludenti stagioni (1991–92), che videro i Giants passare da vincitori del Super Bowl a un record di 8–8 nel 1991 e 6-10 nel 1992. Dopo quella stagione fu licenziato e sostituito dall'ex allenatore dei Denver Broncos Dan Reeves. All'inizio degli anni 90, Simms e Taylor, due delle stelle del decennio precedente, giocarono le ultime stagioni della carriera con una produzione in rapido declino.

Una partita tra i Giants e gli Houston Texans nell'ottobre 2010

I Giants inizialmente faticarono molto nell'era post Simms e Taylor. Dopo aver iniziato con un 3–7 nel 1994, i Giants finirono vincendo tutte le sei gare finali e terminando 9–7 mancando però i playoff[5]. Jim Fassel, ex coordinatore offensivo degli Arizona Cardinals fu assunto come nuovo allenatore e la stagione terminò 10–5–1 raggiungendo i playoff nel 1997. Dopo aver perso al primo turno coi Vikings, i Giants terminarono 8–8 nel 1998. Nel 2000 la squadra ebbe un record nella stagione regolare di 12–4, guadagnandosi il primo posto nella NFC. Nei playoff i Giants superarono i Philadelphia Eagles, 20–10, e i Minnesota Vikings 41–0 nella finale della NFC. Essi arrivarono ad affrontare i Baltimore Ravens nel Super Bowl XXXV uscendo sconfitti.

Nel 2004 Tom Coughlin divenne il nuovo allenatore. Nel Draft NFL 2004 i San Diego Chargers avevano inizialmente i diritti della prima scelta assoluta, a causa del loro record di 4-12 nel 2003. Eli Manning era il giocatore più seguito del draft e appariva chiara l'intenzione dei Chargers di sceglierlo come primo assoluto. Manning però, (a cui fece eco il padre Archie) disse pubblicamente che si sarebbe rifiutato di giocare coi Chargers così fu organizzato uno scambio coi Giants, di cui divenne il quarterback titolare a metà stagione. La prima parte dell'epoca di Coughlin produsse risultati insoddisfacenti (un record di 25–23 su due anni, con due apparizioni ai playoff, entrambe perdute, prima del 2007) suscitando le perplessità dei media. Durante questo periodo della loro storia, gradi giocatori che militarono nei Giants furono il defensive end Michael Strahan, che stabilì il record stagionale di sack della NFL nel 2001 e il running back Tiki Barber, che stabilì il record di franchigia per yard corse in una stagione nel 2005. Le cose cambiarono nella stagione 2007 quando il club conquistò il suo terzo Super Bowl dopo avere battuto in finale gli allora imbattuti in stagione New England Patriots in una delle più grandi sorprese della storia del football.

Dopo essere tornati ai playoff nel 2008, la squadra non vi fece più ritorno fino al 2011 dove, come wild card, batté Falcons, Packers e 49ers, facendo ritorno al Super Bowl, dove superò nuovamente i Patriots. MVP della partita fu nuovamente nominato Eli Manning.

I Giants, dopo la vittoria del quarto Super Bowl, non fecero più ritorno ai playoff fino al 2016, nella prima stagione in cui Tom Coughlin non era più alla guida della squadra, sostituito per una stagione e mezza da Ben McAdoo.

Titoli[modifica | modifica wikitesto]

Campionati NFL[modifica | modifica wikitesto]

Anno Allenatore Città Avversario Punteggio Record
1927 Earl Potteiger N/A N/A N/A 11–1–1
1934 Steve Owen New York Chicago Bears 30–13 8–5
1938 Steve Owen New York Green Bay Packers 23–17 8–2–1
1956 Jim Lee Howell New York Chicago Bears 47–7 8–3–1
Totale campionati NFL vinti: 4

Super Bowl[modifica | modifica wikitesto]

Anno Allenatore Super Bowl Città Avversario Punteggio Record
1986 Bill Parcells XXI Pasadena Denver Broncos 39–20 17–2
1990 Bill Parcells XXV Tampa Buffalo Bills 20–19 16–3
2007 Tom Coughlin XLII Glendake New England Patriots 17–14 14–6
2011 Tom Coughlin XLVI Indianapolis New England Patriots 21–17 13–7
Totale Super Bowl vinti: 4

Titoli NFC[modifica | modifica wikitesto]

Anno Allenatore Città Avversario Punteggio Record
1986 Bill Parcells East Rutherford Washington Redskins 17–0 17–2
1990 Bill Parcells San Francisco San Francisco 49ers 15–13 16–3
2000 Jim Fassel East Rutherford Minnesota Vikings 41–0 14–5
2007 Tom Coughlin Green Bay Green Bay Packers 23–20 (DTS) 14–6
2011 Tom Coughlin San Francisco, CA San Francisco 49ers 20–17 (DTS) 13–7
Totale titoli NFC: 5

Risultati stagione per stagione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stagioni dei New York Giants.

Rivalità[modifica | modifica wikitesto]

I Giants sentono una forte competitività con i New England Patriots, ma le vere rivalità sono quelle con Eagles, Cowboys, Redskins e 49ers. Inoltre condividono una rivalità geografica minore con i Jets.

Philadelphia Eagles[modifica | modifica wikitesto]

Giants ed Eagles mantengono un'accesa rivalità risalente al 1933. Entrambe le squadre hanno sempre condiviso conference e division, lottando per i posti nei playoff. Gli Eagles hanno avuto la meglio in questa rivalità negli anni '40 ed '80, mentre i Giants hanno vissuto il loro periodo d'oro tra gli anni '50 e gli anni '70. La rivalità è così accesa non solo per le questioni sportive, ma anche per la storica rivalità che intercorre tra le città di New York e Filadelfia, legata a motivi storico-sociali e presente anche in altri sport (come Phillies-Mets in MLB o Rangers-Flyers in NHL).

Dallas Cowboys[modifica | modifica wikitesto]

Giants e Cowboys giocano nella stessa division ininterrottamente dal 1960. I newyorchesi erano una contendente negli anni '50 e '60 (quando i texani si erano appena formati), la squadra di Dallas lo divenne negli anni '70, quando i Giants si trovavano in difficoltà. Il fatto di essere due squadre storicamente vincenti nella stessa division ha portato ad una rivalità molto sentita da entrambi i lati. Questa rivalità è singolare nel panorama sportivo americano, visto che nessuna altra squadra professionistica dello stato del Texas gioca nella stessa division o intrattiene una rivalità con una squadra dello stato di New York.

Washington Redskins[modifica | modifica wikitesto]

Una partita tra Giants e Redskins

Quella tra Redskins e Giants è la più antica rivalità della NFC East, risalente al 1932, quando George Preston Marshall fondò i Boston Braves, che dopo quattro anni si sarebbero spostati a Washington. Sebbene non così accesa come le rivalità con Cowboys ed Eagles, quella con i Redskins era considerata dallo storico proprietario dei Giants Wellington Mara la rivalità più "autentica" della division. La reciproca antipatia deriva anche dalla rivalità tra New York City (primo centro del paese per popolazione e principale piazza economica) e Washington, D.C. (capitale federale degli Stati Uniti e primo centro politico del paese). La rivalità, dopo una forte ascesa negli anni '70 ed '80, si è leggermente placata, anche se dal 2010 i rapporti fra le franchigie e i loro tifosi hanno ripreso ad inasprirsi.

San Francisco 49ers[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante non giochino nella stessa division, quella tra Giants e 49ers è considerata una delle grandi rivalità interdivisionali della NFL. Le due squadre si sono incontrate spesso in partite di playoff (8 volte dal 1982 ad oggi, record NFL per gli incontri di playoff disputati in questo arco temporale). Soprattutto negli anni '80 e '90 questa rivalità era particolarmente sentita, dato che entrambe le squadre si davano battaglia per la vittoria della conference. Da allora le due franchigie hanno vissuto momenti alterni, anche se la partita contro i californiani rimane comunque attesa da tutti i tifosi dei Giants.

New York Jets[modifica | modifica wikitesto]

Quella tra Giants e Jets è la più antica rivalità intercittadina della lega (New York è assieme a Los Angeles l'unica città americana ad avere due franchigie) e l'unico caso in tutta la NFL di due franchigie che condividono lo stesso stadio, il MetLife Stadium. Originariamente i Jets (fondati nel 1960) appartenevano alla lega concorrente della NFL, la AFL, che voleva farne la prima squadra cittadina sottraendo tifosi e prestigio ai Giants, portando a notevoli frizioni tra le due tifoserie e le due dirigenze. Da allora, tuttavia, il basso numero di sfide tra le due squadre e la scarsa competitività da parte dei Jets ha portato questa rivalità a ridimensionarsi.

Giocatori importanti[modifica | modifica wikitesto]

Membri della Pro Football Hall of Fame[modifica | modifica wikitesto]

Con 28 membri nella Pro Football Hall of Fame, i Giants sono la seconda squadra di football con più giocatori indotti. Tim Mara e Mel Hein furono parte della classe inaugurale nel 1963, mentre il defensive end Michael Strahan, il giocatore dei Giants indotto più di recente, è stato inserito nel 2015.[6] Numerosi membri, tra cui Larry Csonka, Ray Flaherty, Joe Guyon, Pete Henry, Arnie Herber, Cal Hubbard, Don Maynard, Hugh McElhenny e Jim Thorpe sono stati all'epoca giocatori dei New York Giants, ma sono stati indotti largamente basandosi sulle loro carriere con altre squadre.

Hall of Famer dei New York Giants
N. Giocatore Ruolo N. Giocatore Ruolo
17 Red Badgro TE Tim Mara Proprietario e fondatore
79 Rosey Brown T Wellington Mara Co-proprietario
53 Harry Carson LB 13 Don Maynard WR
39 Larry Csonka FB/RB 13 Hugh McElhenny RB
1 Ray Flaherty Allenatore 55 Steve Owen T, Allenatore
6 Benny Friedman QB - Bill Parcells Allenatore
16 Frank Gifford HB 81 Andy Robustelli DE
11 Joe Guyon RB 50 Ken Strong HB
7 Mel Hein C 10 Fran Tarkenton QB
55 Pete Henry OT 56 Lawrence Taylor LB
38 Arnie Herber QB 31 Jim Thorpe RB, DB
41,60 Cal Hubbard T 14 Y.A. Tittle QB
70 Sam Huff LB 45 Emlen Tunnell DB
4 Tuffy Leemans FB 73 Arnie Weinmeister DE

Numeri ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Numeri ritirati dai Giants
N. Giocatore Ruolo Anni
1 Ray Flaherty 1 E 1928-35
4 Tuffy Leemans RB 1936-43
7 Mel Hein C, LB 1931-45
11 Phil Simms QB 1979-93
14 Y.A. Tittle QB 1961-64
16 Frank Gifford HB, WR 1952-64
32 Al Blozis 2 OT 1942-44
40 Joe Morrison RB, WR 1959-72
42 Charlie Conerly QB 1948-61
50 Ken Strong HB 1936-47
56 Lawrence Taylor LB 1981-93
Note:
  • 1 Ritirato nel 1935, questo fu il primo numero ad essere ritirato in tutta la storia dei quattro maggiori sport professionistici americani.
  • 2 Morto in combattimento nella Seconda Guerra Mondiale.

Premi individuali[modifica | modifica wikitesto]

MVP della NFL
Anno Giocatore Ruolo
1938 Mel Hein C
1963 Y.A. Tittle QB
1986 Lawrence Taylor LB
MVP del Super Bowl
Anno Giocatore Ruolo
XXI Phil Simms QB
XXV Ottis Anderson RB
XLII Eli Manning QB
XLVI Eli Manning QB
Difensore dell'anno
Anno Giocatore Ruolo
1981 Lawrence Taylor LB
1982 Lawrence Taylor LB
1986 Lawrence Taylor LB
2001 Michael Strahan DE
Rookie offensivo dell'anno
Anno Giocatore Ruolo
2014 Odell Beckham WR
2018 Saquon Barkley RB
Rookie difensivo dell'anno
Anno Giocatore Ruolo
1981 Lawrence Taylor LB
Comeback Player of the Year
Anno Giocatore Ruolo
1989 Ottis Anderson RB
MVP del Pro Bowl
Anno Giocatore Ruolo
1958 Frank Gifford RB
1960 Sam Huff LB
1985 Phil Simms QB

Record di franchigia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera

Record in carriera
Categoria Giocatore Numero
Yard passate Eli Manning 48.214
TD passati Eli Manning 320
Yard ricevute Amani Toomer 9.497
TD su ric. Amani Toomer 54
Yard corse Tiki Barber 10.449
TD su corsa Brandon Jacobs 60

Stagionali

Record stagionali
Categoria Giocatore Numero Anno
Yard passate Eli Manning 4.933 2011
TD passati Y.A. Tittle 36 1963
Yard ricevute Victor Cruz 1.536 2011
TD su ric. Homer Jones
Odell Beckham
13 1967
2015
Yard corse Tiki Barber 1.860 2005
TD su corsa Joe Morris 21 1985

La squadra[modifica | modifica wikitesto]

Roster dei New York Giants
Offensive Linemen
Defensive Linemen
Linebacker
Defensive Back
Special Team
Lista delle riserve
Squadra di allenamento



Roster aggiornato al 5 settembre 2019

53 attivi, 19 inattivi, 10 nella squadra di allenamento

Legenda
  • I rookie sono in corsivo.
  • il primo ruolo è il principale mentre gli eventuali successivi indicano i ruoli secondari.
  • Injury icon 2.svg indica un giocatore fuori per il resto della stagione.
  • (IR) attiva indica la lista ristretta per un solo giocatore infortunato che può tornare ad allenarsi dopo la settimana 6 e a rientrare in prima squadra dopo la settimana 8.
  • (NFI) indica la lista dove viene inserito un giocatore che ha un infortunio non legato al football americano.
  • (PUP) indica la lista dove viene inserito un giocatore mentre è in attesa di recuperare la condizione fisica. Nella stagione regolare dopo la sesta partita giocata dalla propria squadra, il giocatore ha tempo 3 settimane per riprendere ad allenarsi, più tre settimane aggiuntive dal suo rientro agli allenamenti per rientrare in prima squadra.
AFC East: BUF · MIA · NE · NYJNorth: BAL · CIN · CLE · PITSouth: HOU · IND · JAC · TENWest: DEN · KC · LAC · OAK
NFC East: DAL · NYG · PHI · WASNorth: CHI · DET · GB · MINSouth: ATL · CAR · NO · TBWest: ARI · LAR · SF · SEA

Lo staff[modifica | modifica wikitesto]

Staff dei New York Giants
Organi dirigenziali
Capo allenatore
Altri allenatori
Allenatori dell'attacco
Allenatori della difesa
Allenatori dello special team
AFC East: BUF · MIA · NE · NYJNorth: BAL · CIN · CLE · PITSouth: HOU · IND · JAC · TENWest: DEN · KC · OAK · LAC
NFC East: DAL · NYG · PHI · WASNorth: CHI · DET · GB · MINSouth: ATL · CAR · NO · TBWest: ARI · LAR · SF · SEA

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Sports Money: 2016 NFL Valuations, Forbes.com, settembre 2017. URL consultato il 22 novembre 2017.
  2. ^ (EN) New York Giants (1925 – ), su databasefootball.com (archiviato dall'url originale il 9 aprile 2007).
  3. ^ (EN) Championship games 1925–1949, su giants.com (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2006).
  4. ^ Neft, Cohen, and Korch. pag. 914
  5. ^ (EN) 1994 New York Giants, su databasefootball.com (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2007).
  6. ^ (EN) Hall of Famers By Franchise, Pro Football Hall of Fame. URL consultato il 6 maggio 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Neft, David S.; Cohen, Richard M.; Korch, Rick (1994). The Complete History of Professional Football from 1892 to the Present. New York: St. Martin's Press. p. 113. ISBN 0-312-11435-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN248146543 · LCCN (ENn50074750 · WorldCat Identities (ENn50-074750
Sport Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport