Storia d'Italia (1861-oggi)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Vittorio Emanuele II
- Primo re d'Italia (1861-1878)
Bandiera della Repubblica Italiana
(dal 1946 in poi)
Repubblica Italiana dal 1975 in poi

1leftarrow.pngVoce principale: Italia.

La storia dell'Italia unita inizia nel 1861, dopo la proclamazione del regno d'italia unitario, in seguito alla quale la penisola italiana venne riunita in un unico stato sovrano, autonomo ed indipendente.

Indice

Contesto[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Regno d'Italia (1861-1946) e Italia repubblicana.
Regno d'Italia il 17 marzo 1861, data di proclamazione del regno. Regno d'Italia il 17 marzo 1861, data di proclamazione del regno.
Regno d'Italia il 17 marzo 1861, data di proclamazione del regno.
Il Regno d'Italia dopo la Presa di Roma, avvenuta il 20 settembre 1870, fino alla Prima guerra mondiale.

Dopo l'esito della seconda guerra di indipendenza e dopo i plebisciti nei diversi territori conquistati o annessi. Con la prima convocazione del Parlamento italiano del 18 febbraio 1861 e la successiva proclamazione del 17 marzo, Vittorio Emanuele II di Savoia divenne il primo re d'Italia.

La popolazione, rispetto all'originario Regno di Sardegna, quintuplicò. Istituzionalmente e giuridicamente, il Regno d'Italia venne configurandosi come un ingrandimento del Regno di Sardegna, esso fu infatti una monarchia costituzionale.

Nel 1866 l’Italia, nel rispetto dell’alleanza italo-prussiana, partecipò alla guerra austro-prussiana, dichiarando guerra al’Austria. Tale guerra, a cui è stato attribuito il nome di terza guerra di indipendenza italiana, consentì all’Italia, in base al trattato di Vienna, di estendere la propria sovranità anche al Veneto.

Il neonato Stato quindi si ritrovò, fin dai primi tempi, a tentare di risolvere problemi di standardizzazione delle leggi, di mancanza di risorse a causa delle casse statali vuote per le spese belliche, di creazione di una moneta unica per tutta la penisola e, più in generale, problemi di gestione per tutte le terre improvvisamente acquisite. Difficoltà cui si aggiungevano altre carenze strutturali, come ad esempio l'analfabetismo e la povertà diffusa, nonché la mancanza di infrastrutture.

Le questioni che tennero banco nei primi anni dopo l'unificazione d'Italia furono la disastrosa situazione economica del Mezzogiorno ed il brigantaggio postunitario antisabaudo delle regioni meridionali (soprattutto tra il 1861 e il 1869): il problema divenne noto come la "questione meridionale".
Ulteriore elemento di fragilità per il giovane regno italiano fu l'ostilità della chiesa e del clero cattolico nei suoi confronti, ostilità che si sarebbe rafforzata dopo il 1870 e la presa di Roma assumendo anche in questo caso la denominazione di "questione romana".

La destra storica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Destra storica.
La breccia di Porta Pia, sulla destra della Porta Pia, in una foto dell'epoca
Ritratto di Marco Minghetti

La Destra storica, composta principalmente dall'alta borghesia e dai proprietari terrieri, formò il nuovo governo, che ebbe come primi obiettivi il completamento dell'unificazione nazionale, la costruzione del nuovo Stato (per il quale si scelse un modello centralista) e il risanamento finanziario mediante nuove tasse che produssero scontento popolare e accentuarono il brigantaggio, represso con la forza.

In politica estera, la Destra storica mantenne la tradizionale alleanza con la Francia, anche se le due nazioni si scontrarono in diverse questioni, prime fra tutte l'annessione del Veneto e la presa di Roma.

Nel 1876 il governo, presieduto da Marco Minghetti, venne esautorato per la prima volta non per autorità regia, bensì dal Parlamento (rivoluzione parlamentare). Ebbe così inizio l'epoca della Sinistra storica, guidata da Agostino Depretis. Finiva un'epoca: nel 1878 Vittorio Emanuele II morì, e sul trono gli succedette Umberto I.

La sinistra storica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sinistra storica.
Agostino Depretis
Umberto I d'Italia, Re d'Italia dal 1878 al 1900.
Francesco Crispi, figura cardine della politica italiana dal 1887 al 1896.

La Sinistra abbandonò l'obiettivo del pareggio di bilancio e avviò delle politiche di democratizzazione e ammodernamento del paese, investendo nell'istruzione pubblica e allargando il suffragio, e avviando una politica protezionistica di investimenti in infrastrutture e sviluppo dell'industria nazionale coll'intervento diretto dello Stato nell'economia.

Per ciò che concerne la politica estera Depretis abbandonò l'alleanza con la Francia, a causa della conquista da parte dello Stato d'oltralpe della Tunisia. L'Italia entrò quindi nella Triplice alleanza, alleandosi con la Germania e l'Impero austro-ungarico. Favorì lo sviluppo del colonialismo italiano, innanzitutto con l'occupazione di Massaua in Eritrea.

L’epidemia di colera del 1884-1885 aveva mietuto in Italia quasi 18.000 vittime. Francesco Crispi, appena conseguì la guida del governo, istituì al ministero dell’Interno la Direzione di sanità pubblica, coinvolgendo per la prima volta i medici nel processo decisionale. Una specifica legge del 1888, inoltre, trasformò il Consiglio superiore di sanità in un organo di medici specialisti anziché di amministratori, e creò la figura del medico provinciale. La norma stabilì il principio che lo Stato era responsabile della salute dei suoi cittadini.

L'epoca giolittiana[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Età giolittiana.

Dal 1901 al 1914 la storia e la politica italiana fu fortemente influenzata dai governi guidati da Giovanni Giolitti.

Come neo-presidente del Consiglio si trovò a dover affrontare, prima di tutto, l'ondata di diffuso malcontento che la politica Crispina aveva provocato con l'aumento dei prezzi. Ed è con questo primo confronto con le parti sociali che si evidenziò la ventata di novità che Giolitti portò nel panorama politico a cavallo tra il XIX ed il XX secolo. Non più repressione autoritaria, bensì accettazione delle proteste e quindi degli scioperi, purché non violenti né politici, con lo scopo (riuscito) di portare i socialisti nell'arco parlamentare.

Gli interventi più importanti di Giolitti furono la legislazione sociale e sul lavoro, il suffragio universale maschile, la nazionalizzazione delle ferrovie e delle assicurazioni, la riduzione del debito statale, lo sviluppo delle infrastrutture e dell'industria.

In politica estera, ci fu il riavvicinamento dell'Italia alla Triplice intesa di Francia, Regno Unito e Russia. Fu continuata la politica coloniale nel Corno d'Africa, e dopo la guerra italo-turca, furono occupate Libia e Dodecaneso. Giolitti fallì nel suo tentativo di arginare il nazionalismo come aveva costituzionalizzato i socialisti, e non riuscì quindi a impedire l'entrata dell'Italia nella prima guerra mondiale e quindi l'ascesa del fascismo.

L'avventura coloniale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Impero coloniale italiano.

Il Corno d'Africa[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Colonialismo italiano e Campagna d'Africa orientale .

L'inizio del regno vide l'Italia impegnata anche in una serie di guerre di espansione coloniale. L'occupazione cominciò nel novembre 1869 con il padre lazzarista Giuseppe Sapeto che avviò le trattative per l'acquisto della Baia di Assab. Il governo egiziano contestò tale acquisizione e rivendicò il possesso della baia: da ciò seguì una lunga controversia che si concluse solo nel 1882 dopo tre tentativi. L'iniziativa fu appoggiata dai governi di sinistra di Agostino Depretis e da una compagnia private guidata da Raffaele Rubattino. Il 10 marzo 1882 il governo italiano acquistò il possedimento di Assab, che il 5 luglio dello stesso anno diventò ufficialmente italiano.

Oltre all'acquisizione di Assab da parte della società Rubattino, lo Stato italiano cercò di occupare il porto di Zeila, a quel tempo controllato dagli egiziani, ma con esito negativo. Quando gli egiziani si ritirarono dal Corno d'Africa nel 1884, i diplomatici italiani fecero un accordo con la Gran Bretagna per l'occupazione del porto di Massaua che assieme ad Assab formò i cosiddetti possedimenti italiani nel mar Rosso. Dal 1890 assunsero la denominazione ufficiale di Colonia Eritrea.

L'interesse per la fondazione di colonie italiane continuò anche durante i governi di Francesco Crispi. La città di Massaua diventò il punto di partenza per un progetto che sarebbe dovuto sfociare nel controllo del Corno d'Africa. Agli inizi degli anni ottanta questa zona era abitata da popolazioni etiopiche, dancale, somale e oromo, autonome oppure soggette a dominatori. All'epoca i signori della zona erano gli egiziani (lungo le coste del mar Rosso), alcuni sultanati (i più importanti furono gli Harar, gli Obbia, e i Zanzibar), emiri o capi tribali. Diverso il caso dell'Etiopia, allora retta dal Negus Neghesti (Re dei Re, cioè Imperatore) Giovanni IV, ma con la presenza di uno Stato relativamente autonomo nei territori del sud, retto da Menelik II.

Attraverso i commercianti e gli studiosi italiani che frequentavano la zona, già dagli anni sessanta, l'Italia cercò di dividere i due Negus al fine di penetrare, prima politicamente e poi militarmente, all'interno dell'Etiopia. Tra i progetti ci fu l'occupazione della città santa di Harar, l'acquisto di Zeila dai britannici e l'affitto del porto di Chisimaio, posto alla foce del Giuba, in Somalia. Tutti e tre i progetti non si conclusero positivamente.

Nel 1889 l'Italia ottenne, tramite un accordo da parte del Console italiano di Aden con i Sultani che governavano la zona, i protettorati su Obbia e su Migiurtinia. Nel 1892 il Sultano di Zanzibar concesse in affitto i porti del Benadir (fra cui Mogadiscio e Brava) alla società commerciale "Filonardi". Il Benadir, sebbene gestito da una società privata, fu sfruttato dal Regno d'Italia come base di partenza per delle spedizioni esplorative verso le foci del Giuba e dell'Omo, e per ottenere il protettorato sulla città di Lugh.

A seguito della sconfitta e della morte dell'Imperatore Giovanni IV in una guerra contro i dervisci sudanesi (1889), l'esercito italiano occupò una parte dell'altopiano etiopico, compresa la città di Asmara, sulla base di precedenti accordi fatti con Menelik II il quale, con la morte del rivale, era riuscito a farsi riconoscere Negus Neghesti, cioè “Re di Re” (“Imperatore”). Con il trattato che seguì, Menelik II accettò la presenza degli italiani sull'altopiano etiope e riconobbe nell'Italia l'interlocutore privilegiato con gli altri paesi europei. Quest'ultimo riconoscimento fu interpretato dagli italiani come l'accettazione di un protettorato e negli anni seguenti sarà fonte di discordie fra i due paesi.

La politica di progressiva conquista dell'Etiopia si concretizzò con la campagna d'Africa Orientale (1895-1896) e terminò con la sconfitta di Adua (1º marzo 1896). Fu uno dei pochi successi della resistenza africana al colonialismo europeo del XIX secolo. Anche dopo questa cocente sconfitta la politica coloniale nel Corno d'Africa continuò con il protettorato sulla Somalia, dichiarata colonia nel 1905.

Dalla Sirte al Ciad[modifica | modifica sorgente]

Uno dei tentativi di creare un Impero coloniale oltre il Corno d'Africa era quello di un'espansione che andasse dal mar Mediterraneo al golfo di Guinea. Il progetto non venne mai esplicitato pubblicamente, ma fu chiaro durante le trattative per il Trattato di Versailles (1919), dopo la prima guerra mondiale, che causò frizioni diplomatiche con la Francia. Per realizzare questa intenzione, avendo già formale possesso della Libia, il corpo diplomatico italiano chiese di avere la colonia tedesca del Camerun e cercò di ottenere, come compenso per la partecipazione alla guerra mondiale, il passaggio del Ciad dalla Francia all'Italia. Il progetto fallì quando il Camerun venne assegnato alla Francia e l'Italia ottenne solamente l'Oltregiuba, oltre a una ridefinizione dei confini tra la Libia e ed il Ciad, possedimento francese.

Una delle richieste italiane durante il Trattato di Versailles dopo la prima guerra mondiale fu quella di annettere la Somalia Francese e il Somaliland in cambio della rinuncia alla partecipazione nella ripartizione delle colonie tedesche tra le forze dell'Intesa. Il tentativo non ebbe seguito. Fu l'ultima manovra dello “stato liberale”, prima del fascismo, relativa alla penetrazione nel Corno d'Africa.

Colonie italiane[modifica | modifica sorgente]

Eritrea (1884 - 1941)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Eritrea italiana.
Menelik II, imperatore d'Abissinia (oggi Etiopia) dal 1889 al 1913

L'area del mar Rosso fu una delle zone che suscitò il maggior interesse dei governi della Sinistra italiana.

Primo nucleo della futura colonia Eritrea fu l'area commerciale stabilita dalla società Rubattino nel 1870 presso la baia di Assab. Abbandonata per quasi dieci anni, fu poi acquistata dallo Stato italiano agli inizi degli anni ottanta e assieme al porto di Massaua, occupato nel 1884, compose i possedimenti italiani del mar Rosso.

Con il Trattato di Uccialli i possedimenti italiani vennero estesi nell'entroterra fino alle sponde del fiume Mareb. Di conseguenza il 1º gennaio 1890 fu istituzionalizzato il possesso di quei territori con la creazione di una colonia retta da un Governatore e avente capoluogo la città di Asmara (climaticamente più confortevole per gli italiani rispetto a Massaua).

La massima espansione dei suoi confini fu raggiunta agli inizi del 1896, quando il Governatore della colonia, Oreste Baratieri dovette tramutare in realtà il progetto di occupazione dell'entroterra etiopico. Nel 1894 aveva fatto occupare la città sudanese di Cassala, allora possedimento derviscio, mentre nel 1895 durante la campagna d'Africa Orientale, occupò ampie zone del Tigray, comprendenti la città di Axum. A seguito della sconfitta nella battaglia di Adua, i confini della colonia ritornarono ad essere quelli stabiliti dal Trattato e tali rimasero fino alla guerra d'Etiopia.

Primo governatore non militare fu Ferdinando Martini a quel tempo convinto sostenitore della necessità per lo Stato italiano di possedere colonie. A costui toccò il compito di ristabilire contatti pacifici con l'Etiopia, di migliorare i rapporti fra italiani e popolazioni indigene e di creare un corpo di funzionari che portasse avanti l'amministrazione della colonia. Fu grazie alla sua politica che la colonia ebbe degli Ordinamenti Organici e dei codici coloniali.

La Somalia (1890 - 1941)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Somalia Italiana.

La prima penetrazione italiana in Somalia fu stabilita nel sud del paese africano tra il 1889 e il 1890 come protettorato. Fu dichiarata colonia nel 1905. Nel giugno 1925 la sfera di influenza italiana venne estesa fino ai territori dell'Oltregiuba e le isole Giuba, fino ad allora parte del Kenya inglese e cedute come ricompensa per l'entrata in guerra a fianco degli Alleati durante la prima guerra mondiale.

Tientsin, Cina (1901 - 1943)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Concessione italiana di Tientsin.

Nel 1901, come a molte altre potenze straniere, fu garantito all'Italia una concessione commerciale nell'area della città di Tientsin in Cina. La concessione italiana, di 46 ettari, fu una delle minori concessioni concesse dal Celeste impero alle potenze europee. Dopo la fine della prima guerra mondiale la concessione austriaca nella stessa città fu inglobata in quella italiana. I termini di tale concessione vennero ridiscussi, e infine la stessa concessione venne di fatto sospesa, a seguito di un accordo tra la Repubblica Sociale Italiana e il governo filo-giapponese della Repubblica di Nanchino (che inglobò la concessione) nel 1943. Dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943, la guarnigione italiana a Tientsin combatté contro i giapponesi, ma dovette poi arrendersi e pagare con la prigionia in Corea. La concessione di Tientsin, così come i quartieri commerciali italiani a Shanghai, Hankow e Pechino, furono formalmente soppressi con il trattato di pace del 1947.

Libia (1911 - 1943)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Libia italiana.

Dopo una breve guerra contro l'Impero Ottomano nel 1911, l'Italia acquisì il controllo della Tripolitania e della Cirenaica, ottenendo il riconoscimento internazionale a seguito degli accordi del Trattato di Losanna. Le mire italiane sulla Libia, vennero appoggiate dalla Francia, che vedeva di buon occhio l'occupazione di quel territorio in funzione anti-inglese. Con il fascismo, alla Libia venne attribuito l'appellativo di quarta sponda, quando in realtà per gran parte degli anni venti fu impegnata in una sanguinosa pacificazione della colonia (durante la quale si fece ricorso ai gas asfissianti e alle deportazioni di massa).

Il Dodecaneso (1912 - 1943)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Dodecaneso e Isole italiane dell'Egeo.

Tra l'aprile e l'agosto del 1912, durante la fase conclusiva della guerra in Libia contro l'Impero Ottomano, l'Italia decise di occupare dodici isole dell'Egeo sottoposte al dominio turco: il cosiddetto Dodecaneso. A seguito del Trattato di Losanna, l'Italia poté mantenere l'occupazione militare delle dodici isole fino a quando l'esercito turco non avesse abbandonato completamente l'area libica. Questo processo avvenne lentamente, anche perché alcuni ufficiali ottomani decisero di collaborare con la resistenza libica, per cui l'occupazione dell'area nel mar Egeo venne mantenuta nei fatti fino al 21 agosto 1915, giorno in cui l'Italia, entrata nella prima guerra mondiale assieme le forze dell'Intesa, riprese le ostilità contro l'Impero Ottomano.

Durante la guerra e l'occupazione italiana di Adalia l'isola di Rodi fu sede di un'importante base navale per le forze marine britanniche e francesi.

Dopo la vittoria nella prima guerra mondiale, il Regno d'Italia intendeva consolidare formalmente la propria presenza nell'area dell'Egeo e lungo le coste turche. Tramite un accordo con il governo greco all'interno del Trattato di Sèvres del 1919, si stabilì che Rodi diventasse italiana anche dal punto di vista formale, mentre le altre undici isole sarebbero passate alla Grecia, come la totalità delle altre isole del mar Egeo. In cambio, l'Italia avrebbe ottenuto dallo Stato greco il controllo della parte sud-ovest dell'Anatolia (Occupazione italiana di Adalia), che si estendeva da Konya fino ad Alanya e che comprendeva il bacino carbonifero di Adalia. La sconfitta dei greci nella guerra contro la Repubblica di Turchia nel 1922, rese impossibile l'accordo e l'Italia mantenne l'occupazione di fatto delle isole fino a quando, con il Trattato di Losanna del 1923, l'amministrazione dell'arcipelago non le fu riconosciuto internazionalmente.

Saseno (1914-1920)[modifica | modifica sorgente]

L'isola di Saseno fu occupata il 30 ottobre 1914 dal Regno d'Italia, fino a quando, dopo la prima guerra mondiale, il 18 settembre 1920, grazie ad un accordo italo-albanese (accordo di Tirana del 2 agosto 1920, in cambio delle pretese italiane su Valona) e ad un accordo con la Grecia, entrò a far parte dell'Italia che la voleva per la sua posizione strategica.

Fece prima parte della provincia di Zara (dal 1920 al 1941), poi nel 1941 entrò a far parte della provincia di Cattaro (Dalmazia). Occupata dai tedeschi nel settembre del 1943 e dai partigiani albanesi nel maggio del 1944, l'isola venne restituita all'Albania per effetto del Trattato di Parigi del 10 febbraio (1947).

Oggi sull'isola esiste un deposito e una caserma della Guardia costiera aperta nel 1997 per reprimere i traffici illeciti tra l'Italia e l'Albania e restano le installazioni (incluso un faro e varie fortificazioni) costruite durante la precedente occupazione italiana.

L'Italia nella prima guerra mondiale (1915-1918)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi prima guerra mondiale, fronte italiano (prima guerra mondiale) e Battaglia dell'Isonzo.

L'iniziale neutralità[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Neutralità italiana (1914-1915).

Nella prima guerra mondiale l'Italia rimase inizialmente neutrale, per poi scendere al fianco degli alleati il 23 maggio 1915 dopo la firma del segreto Patto di Londra.

L'accordo prevedeva che l'Italia entrasse in guerra al fianco dell'Intesa entro un mese, ed in cambio avrebbe ottenuto, in caso di vittoria, il Trentino, il Tirolo fino al Brennero (Alto Adige), la Venezia Giulia, l'intera penisola istriana, con l'esclusione di Fiume, una parte della Dalmazia.

Per quanto riguarda i possedimenti coloniali l'Italia avrebbe conquistato l'arcipelago del Dodecaneso (occupato, ma non annesso a colonia dopo la guerra italo-turca), la base di Valona in Albania, il bacino carbonifero di Adalia in Turchia, nonché un'espansione delle colonie africane, a scapito della Germania (l'Italia in Africa possedeva già Libia, Somalia ed Eritrea).

1915[modifica | modifica sorgente]

Lo Stato italiano decise di entrare in guerra il 24 maggio 1915.
Il comando dell'esercito venne affidato al generale Luigi Cadorna, che aveva come obiettivo il raggiungimento di Vienna passando per Lubiana[1]. All'alba del 24 maggio il Regio Esercito sparò il primo colpo di cannone contro le postazioni austro-ungariche asserragliate a Cervignano del Friuli che, poche ore più tardi, divenne la prima città conquistata. All'alba dello stesso giorno la flotta austro-ungarica bombardò la stazione ferroviaria di Manfredonia; alle 23:56, bombardò Ancona. Lo stesso 24 maggio cadde il primo soldato italiano, Riccardo Di Giusto.

In viola: Territori conquistati dall’Italia nella prima offensiva sul fronte dell’Isonzo terminata il 16 giugno 1915 In viola: Territori conquistati dall’Italia nella prima offensiva sul fronte dell’Isonzo terminata il 16 giugno 1915
In viola: Territori conquistati dall’Italia nella prima offensiva sul fronte dell’Isonzo terminata il 16 giugno 1915
Il paese di Caporetto, occupato dall’esercito italiano durante la prima offensiva sul fronte dell’Isonzo

Il fronte aperto dall'Italia ebbe come teatro le Alpi, dallo Stelvio al mare Adriatico. Lo sforzo principale per sfondare il fronte fu concentrato nella regione delle valli Isonzo, in direzione di Lubiana.
Dopo un'iniziale avanzata italiana, gli austro-ungarici ricevettero l'ordine di trincerarsi e resistere. Si arrivò così a una guerra posizione simile a quella che si stava svolgendo sul fronte occidentale: l'unica differenza consisteva nel fatto che, mentre sul fronte occidentale le trincee erano scavate nel fango, sul fronte italiano erano scavate nelle rocce e nei ghiacciai delle Alpi fino ed oltre i 3.000 metri di altitudine. Nelle ultime battaglie dell'Isonzo, combattute alla fine del 1915, le perdite italiane ammontarono a oltre 60.000 morti e più di 150.000 feriti, equivalenti a circa un quarto delle forze mobilitate.

Un bastione austro-ungarico pressoPlezzo

1916[modifica | modifica sorgente]

L'inizio del 1916 fu caratterizzato dalla quinta battaglia dell'Isonzo che non portò ad nessun risultato. In scontri che seguirono gli austro-ungarici sfondarono in Trentino, occupando l'altopiano di Asiago. Questa offensiva fu fermata a fatica dall'Esercito italiano che reagì con una controffensiva respingendo il nemico fino all'altopiano del Carso. Lo scontro fu chiamato battaglia degli Altipiani.

Il 4 agosto 1916 fu conquistata Gorizia che, pur non essendo di importanza strategica, fu presa a caro prezzo (20.000 morti e 50.000 feriti). Anche le ultime tre battaglie combattute nell'anno non portarono a nessun guadagno strategico a fronte però di 37.000 morti e 88.000 feriti.

Oltre la conquista di Gorizia, l'unico guadagno territoriale fu l'avanzamento del fronte di qualche chilometro in Trentino.

1917[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Battaglia di Caporetto.
La cartolina di un soldato al fronte alla famiglia

Il 18 agosto 1917 iniziò la più imponente offensiva italiana nel conflitto, con 600 battaglioni e 5.200 pezzi d'artiglieria (a fronte, rispettivamente dei 250 e 2.200 austriaci). Nonostante lo sforzo la battaglia non portò a nessun acquisto territoriale né tantomeno alla conquista di postazioni strategie. Ingente fu il prezzo pagato con il sangue (30.000 morti, 110.000 feriti e 20.000 tra dispersi o prigionieri).

Nell'ottobre 1917 la Russia abbandonò il conflitto a causa della rivoluzione comunista. Le truppe degli Imperi centrali furono spostate dal fronte orientale a quello occidentale.

Visti gli esiti dell'ultima offensiva italiana e i rinforzi provenienti dal fronte orientale, austro-ungarici e tedeschi decisero di tentare l'avanzata. Il 24 ottobre gli austro-ungarici e i tedeschi ruppero il fronte convergendo su Caporetto e accerchiarono la 2a Armata comandato dal generale Luigi Capello. Il generale Capello e Luigi Cadorna da tempo avevano il sospetto di un probabile attacco, ma sottovalutarono le notizie e l'effettiva capacità offensiva delle forze nemiche. Gli austriaci avanzarono per 150 km in direzione sud-ovest raggiungendo Udine in soli quattro giorni. L'unica armata che resistette al disastro[2] fu la 3a, guidata da Emanuele Filiberto di Savoia, cugino di Re Vittorio Emanuele III.

Mappa dell'avanzata austro-ungarica tedesca in seguito alla rotta italiana

La rottura del fronte di Caporetto provocò il crollo delle postazioni italiane lungo l'Isonzo, con la ritirata delle armate schierate dall'Adriatico fino alla Valsugana, in Trentino. I 350.000 soldati dislocati lungo il fronte si diedero a una ritirata disordinata assieme a 400.000 civili che scappavano dalle zone invase. Ingenti furono le perdite di materiale bellico. Inizialmente si tentò di fermare il ripiegamento portando il nuovo fronte lungo il fiume Tagliamento, con scarso successo, poi al fiume Piave, dove, l'11 novembre 1917, la ritirata ebbe fine anche grazie al diniego di Re Vittorio Emanuele III alla proposta di indietreggiare fino al Mincio.

A seguito della disfatta, il generale Cadorna, nel comunicato emesso il 29 ottobre 1917, indicò, in modo errato e strumentale «la mancata resistenza di reparti della II armata» come la motivazione dello sfondamento del fronte da parte dell'esercito austro-ungarico.

In seguito Cadorna, invitato a far parte della Conferenza interalleata a Versailles, venne sostituito dal generale Armando Diaz, l'8 novembre 1917, dopo che la ritirata si stabilizzò definitivamente sulla linea del Monte Grappa e del Piave.

La disfatta portò alcune conseguenze: Cadorna venne rimosso dall'incarico e sostituito dal maresciallo Armando Diaz nel ruolo di capo di stato maggiore. Oltre a Cadorna perse il posto anche il generale Luigi Capello, ritenuto principale responsabile della sconfitta. Un altro effetto della disfatta l'elevato malcontento nelle truppe. I disordini furono frequenti, e molti si concludevano con sommarie fucilazioni.

1918[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Offensiva del Piave e Battaglia di Vittorio Veneto.
Schema della Battaglia di Vittorio Veneto nel 1918 risultata decisiva per la vittoria italiana nella guerra

La severa disciplina di Cadorna, i lunghi mesi in trincea e il disastro di Caporetto avevano fiaccato l'esercito. Per i militari più religiosi furono anche determinanti le parole di papa Benedetto XV sull'”inutile strage”. Diaz, per fronteggiare questi problemi e per raggiungere la vittoria, cambiò completamente strategia. Innanzitutto alleggerì la disciplina ferrea. Secondariamente, essendo il nuovo fronte meglio difendibile di quello lungo l'Isonzo, puntò ad azioni mirate alla difesa del territorio nazionale, piuttosto che a sterili ma sanguinosi contrattacchi. Ciò il compattamento delle truppe e della nazione, presupposto per la vittoria finale. Già nel 1917 furono chiamata alle armi la classe dei nati nel 1899 (i cosiddetti “Ragazzi del '99”).

Gli austro-ungarici fermarono gli attacchi in attesa della primavera del 1918, preparando un'offensiva che li avrebbe dovuti portare a penetrare nella pianura veneta.

L'offensiva austro-ungarica arrivò il 15 giugno: l'esercito dell'Impero attaccò con 66 divisioni nella battaglia del solstizio (15 - 23 giugno 1918), che vide gli italiani resistere all'assalto. Gli austro-ungarici persero le loro speranze, visto che il paese era ormai a un passo dal tracollo, assillato dall'impossibilità di continuare a sostenere lo sforzo bellico sul piano economico e su quello sociale, data l'incapacità dello Stato di farsi garante dell'integrità dello Stato multinazionale asburgico. Con i popoli dell'impero asburgico sull'orlo della rivoluzione, l'Italia anticipò di un anno l'offensiva prevista per il 1919 per impegnare le riserve austro-ungariche ed impedire loro la prosecuzione dell'offensiva sul fronte francese.

« La guerra contro l'Austria-Ungheria che, sotto l'alta guida di S. M. il Re Duce Supremo, l'Esercito italiano, inferiore per numero e per mezzi, iniziò il 24 maggio 1915 e con fede incrollabile e tenace valore condusse ininterrotta ed asprissima per 41 mesi, è vinta. [...]
I resti di quello che fu uno dei più potenti eserciti del mondo, risalgono in disordine e senza speranza le valli che avevano disceso con orgogliosa sicurezza. »
(comunicato del Comando Supremo ("Bollettino della Vittoria"))

Da Vittorio Veneto, il 23 ottobre partì l'offensiva, con condizioni climatiche pessime. Gli italiani avanzarono rapidamente in Veneto, Friuli e Cadore e il 29 ottobre l'Austria-Ungheria si arrese. Il 3 novembre, a Villa Giusti, presso Padova l'esercito dell'Impero firmò l'armistizio; i soldati italiani entrarono a Trento mentre i bersaglieri sbarcarono a Trieste, chiamati dal locale comitato di salute pubblica, che però aveva richiesto lo sbarco di truppe dell'Intesa. Il giorno seguente, mentre il generale Armando Diaz annunciava la vittoria, venivano occupate Rovigno, Parenzo, Zara, Lissa e Fiume. Quest'ultima - pur non prevista tra i territori promessi dal Patto di Londra - venne occupata in seguito agli eventi del 30 ottobre 1918 quando il Consiglio Nazionale, insediatosi nel municipio dopo la fuga degli ungheresi e la presa del potere da parte di truppe croate, aveva proclamato l'unione della città all'Italia sulla base dei principi wilsoniani,.

Secondo alcune ricostruzioni, l'esercito italiano avrebbe inteso occupare anche Lubiana, ma fu fermato poco oltre Postumia dalle truppe serbe. Il 5 novembre reparti della Marina entravano a Pola, occupata per alcuni giorni da alcuni reparti militari sloveni e croati già facenti parte dell'esercito austriaco, a nome dell'appena costituito (ed effimero) Stato degli Sloveni, Croati e Serbi. Il giorno seguente venivano inviati altri mezzi a Sebenico che diventava la sede principale del Governo Militare della Dalmazia.

L'ultimo caduto italiano è stato il caporal maggiore Giuseppe Pezzarossa di 19 anni appartenente alla 1º Sezione Mantova, colpito da una pallottola in fronte alle ore 15 del 30 ottobre 1918 a sud di Udine.

Questo triste primato è conteso da Attilio Del Gobbo che, a vent'anni, cadde sotto il fuoco dell'esercito austroungarico in ritirata, la mattina del 4 novembre mentre si dirigeva da Feletto Umberto (Tavagnacco) verso Udine sventolando il tricolore per accogliere le truppe italiane arrivate in città. Secondo lo storico Giuseppe Del Bianco, Udine ha quindi dato la prima (Riccardo Di Giusto) e l'ultima vittima della prima guerra mondiale.[3]

In punteggiato bianco: il nuovo confine orientale italiano stabilito dai trattati di Saint-Germanin-en-Laye (1919), Rapallo (1920) e Roma (1924)

L'esito del conflitto[modifica | modifica sorgente]

L'Italia completò la sua riunificazione nazionale acquisendo il Trentino-Alto Adige, la Venezia Giulia, l'Istria ed alcuni territori del Friuli ancora irredenti. Queste regioni avevano fatto parte, fino ad allora, della Cisleitania nell'ambito dell'Impero austro-ungarico (ad eccezione della città di Fiume, incorporata nel Regno d'Italia nel 1924 e posta in Transleitania). Inoltre al Regno d'Italia furono assegnate alcune compensazioni territoriali in Africa, come l'Oltregiuba in Somalia.

Ma il prezzo fu altissimo: 651.010 soldati, 589.000 civili per un totale 1.240.000 morti su di una popolazione di soli 36 milioni, con la più alta mortalità nella fascia di età compresa tra 20 e 24 anni.[4][5][6]

Le conseguenze sociali ed economiche furono pesantissime: l'Italia con la sua economia basata sull'agricoltura perse una grossa fetta della sua forza-lavoro causando la rovina di moltissime famiglie.

Tuttavia, l'Italia non vide riconosciuti i diritti territoriali acquisiti sulla Dalmazia con l'intervento a fianco degli alleati: in base al Patto di Londra con cui aveva negoziato la propria entrata in guerra, l'Italia avrebbe dovuto ottenere la Dalmazia settentrionale incluse le città di Zara, Sebenico e Tenin.

Infatti, in base al principio della nazionalità propugnato dal presidente americano Thomas Woodrow Wilson, la Dalmazia venne annessa al neocostituito Regno dei Serbi, dei Croati e degli Sloveni, con l'eccezione di Zara (a maggioranza italiana) e dell'isola di Lagosta, che con altre tre isole vennero annesse all'Italia.

Questo rifiuto degli Alleati di mantenere gli impegni sottoscritti nel Patto di Londra creò numerose tensioni nella politica italiana del primo dopoguerra, ed uno dei maggiori beneficiati fu Benito Mussolini con il suo "Fascismo".

Il Fascismo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia dell'Italia fascista, Vittoria mutilata, Rivoluzione italiana e Movimenti rivoluzionari nell'Italia del Primo Novecento.

Le origini[modifica | modifica sorgente]

Dopo la Grande Guerra la situazione interna italiana era precaria: il trattato di pace firmato a Versailles non aveva portato però a compimento l'intero percorso di annessioni previste nel 1915, che avrebbero garantito all'Italia una posizione di grande influenza nei Balcani e nel Mediterraneo orientale.

Le casse statali erano quasi vuote anche perché la lira durante il conflitto aveva perso buona parte del suo valore, a fronte di un costo della vita aumentato di almeno il 450%. Scarseggiavano le materie prime e le industrie faticavano a convertire la produzione bellica in produzione di pace e ad assorbire l'abbondanza di manodopera accresciuta dai soldati di ritorno dal fronte.

Per questi motivi nessun ceto sociale era soddisfatto, e soprattutto tra i benestanti s'insinuò il timore di una possibile rivoluzione comunista, sull'esempio russo. L'estrema fragilità socio-economica portò spesso a disordini, che il più delle volte venivano stroncati con metodi sbrigativi e sanguinari dalle forze armate.

Nascita del fascismo[modifica | modifica sorgente]

Tra gli strati sociali più scontenti e più soggetti alle suggestioni ed alla propaganda nazionalista che, a seguito del Trattato di Pace, si infiammò ed alimentò il mito della vittoria mutilata, emersero le organizzazioni di reduci ed in particolare quelle che raccoglievano gli ex-arditi (truppe scelte d'assalto), presso le quali, al malcontento generalizzato, si aggiungeva il risentimento causato dal non aver ottenuto un adeguato riconoscimento per i sacrifici, il coraggio e lo sprezzo del pericolo dimostrati in anni di duri combattimenti al fronte.

Incontro tra Benito Mussolini e Gabriele D'Annunzio, il poeta attivo nella Prima guerra mondiale ed anche nella lotta per l'italianità di Fiume

Con la fine della Prima guerra mondiale ed essendo l'Italia risultata vittoriosa nel conflitto, alla conferenza di pace di Parigi richiese che venisse applicato alla lettera il patto (memorandum) di Londra, che preveda l'annessione anche della Dalmazia; così non fu a causa del parere contrario del presidente americano Wilson. La Francia inoltre non vedeva di buon occhio una Dalmazia italiana poiché avrebbe consentito all'Italia di controllare i traffici provenienti dal Danubio. Il risultato fu che le potenze dell'Intesa alleate dell'Italia opposero un rifiuto e ritrattarono quanto promesso nel 1915. L'Italia fu divisa sul da farsi, e Vittorio Emanuele Orlando abbandonò per protesta la conferenza di pace di Parigi. Le potenze vincitrici furono così libere di continuare le trattative, rimandando la definizione dei confini orientali italiani a successive consultazioni fra l'Italia stessa e il neonato Regno dei Serbi, Croati e Sloveni. La questione venne definita temporaneamente col Trattato di Rapallo (1920), e - per quanto riguarda la città di Fiume - col Trattato di Roma (1924).

Fu questo il contesto nel quale il 23 marzo 1919 Benito Mussolini fondò a Milano il primo fascio di combattimento, adottando simboli che sino ad allora avevano contraddistinto gli arditi, come le camicie nere e il teschio.

Il nuovo movimento espresse la volontà di "trasformare, se sarà inevitabile anche con metodi rivoluzionari, la vita italiana" autodefinendosi partito dell'ordine riuscendo così a guadagnarsi la fiducia dei ceti più ricchi e conservatori, contrari a ogni agitazione e alle rivendicazioni sindacali, nella speranza che la massa d'urto dei "fasci di combattimento" si potesse opporre alle agitazioni promosse dai socialisti e dai cattolici popolari.

Al neonato movimento mancava inizialmente una base ideologica ben delineata e lo stesso Mussolini non s'era in un primo tempo schierato a favore di questa o quell'altra idea, ma semplicemente contro tutte le altre. Nelle sue intenzioni il fascismo avrebbe dovuto rappresentare la "terza via".

Gli anni dello squadrismo[modifica | modifica sorgente]

Roma, devastazione di una sede sindacale con falò sulla strada delle carte e suppellettili ivi rinvenute (1920)

Nel movimento, oltre agli arditi, confluirono anche futuristi, nazionalisti, ex combattenti d'ogni arma ma anche elementi di dubbia moralità. Appena 20 giorni dopo la fondazione dei Fasci le neonate squadre d'azione si scontrarono con i socialisti e assaltarono la sede del giornale socialista L'Avanti!, devastandola: l'insegna del giornale fu divelta e portata a Mussolini come trofeo. Era l'inizio della guerra civile.

Nel giro di qualche mese le squadre fasciste si diffusero in tutta Italia dando al movimento una forza paramilitare. Per due anni l'Italia fu percorsa da nord a sud dalle violenze dei movimenti politici rivoluzionari contrapposti di fascismo e bolscevismo che iniziarono a contendersi il campo, sotto lo sguardo di uno Stato pressoché incapace di reagire tanto agli scioperi e alle occupazioni delle fabbriche da parte bolscevica, quanto alle "spedizioni punitive" degli squadristi.

Il 12 novembre 1921 nasceva il Partito Nazionale Fascista (PNF), trasformando il movimento in partito e accettando alcuni compromessi legalitari e costituzionali con le forze moderate. In quel periodo lo pnF giunse ad avere ben 300.000 iscritti (nel momento di massima espansione il PSI aveva superato di poco i 200.000 iscritti) forte anche dell'appoggio dei latifondisti emiliani e toscani. Proprio in queste regioni le squadre guidate dai ras furono più determinate a colpire i sindacalisti e i socialisti, intimidendoli con la famigerata pratica del manganello e dell'olio di ricino, o addirittura commettendo omicidi che restavano il più delle volte impuniti. In questo clima di violenze, alle elezioni del 15 maggio 1921 i fascisti ottennero a sorpresa 35 seggi.

Marcia su Roma e primi anni di governo[modifica | modifica sorgente]

Un momento della marcia su Roma

Dopo il Congresso di Napoli, in cui 40.000 camicie nere inneggiarono a marciare su Roma, Mussolini diede seguito ai suoi piani insurrezionali contro il debole governo italiano: il momento pareva propizio, ed un forte contingente di 50.000 squadristi venne radunato nell'alto Lazio e condotto da un quadrumvirato, composto da Italo Balbo (uno dei ras più famosi), Emilio De Bono (comandante della Milizia), Cesare Maria De Vecchi (un generale non sgradito al Quirinale) e Michele Bianchi (segretario del partito fedelissimo di Mussolini che, invece, rimase prudentemente a Milano), mosse contro la Capitale, il 26 ottobre 1922. Mentre l'Esercito si preparava a fronteggiare il colpo di mano fascista (con Pietro Badoglio principale sostenitore della linea dura) il re Vittorio Emanuele III si rifiutò di firmare il decreto di stato d'emergenza, costringendo alle dimissioni il presidente del consiglio Luigi Facta ed il suo governo. Le camicie nere marciarono sulla Capitale il 28 ottobre, senza incontrare alcuna resistenza ed effettuando anche qualche azione violenta contro i comunisti e i socialisti della città.

Il 30 ottobre, dopo la marcia su Roma, il re incaricò Benito Mussolini di formare il nuovo governo. Il capo del fascismo lasciò Milano per Roma, ed immediatamente si mise all'opera. A soli 39 anni Mussolini diveniva presidente del consiglio, il più giovane nella storia dell'Italia unita.

Il nuovo governo comprendeva elementi dei partiti moderati di centro e di destra e militari, e - ovviamente - molti fascisti.

Fra le prime iniziative intraprese dal nuovo corso politico vi fu il tentativo di "normalizzazione" delle squadre fasciste - che in molti casi continuavano a commettere violenze -, provvedimenti a favore dei mutilati e degli invalidi di guerra, drastiche riduzioni della spesa pubblica, la riforma della scuola (Riforma Gentile), la firma degli accordi di Washington sul disarmo navale, e l'accettazione dello status quo col regno di Jugoslavia circa le frontiere orientali e la protezione della minoranza italiana in Dalmazia.

Il fascismo diventa dittatura[modifica | modifica sorgente]

In vista delle elezioni del 6 aprile 1924 Mussolini fece approvare una nuova legge elettorale (c.d. "Legge Acerbo") che avrebbe dato i tre quinti dei seggi alla lista che avesse raccolto il 40% dei voti. La campagna elettorale si tenne in un clima di tensione senza precedenti con intimidazioni e pestaggi. Il listone guidato da Mussolini ottenne il 64,9% dei voti.

Il 30 maggio 1924 il deputato socialista Giacomo Matteotti prese la parola alla Camera contestando i risultati delle elezioni. Il 10 giugno 1924 Matteotti venne rapito e ucciso.

L'opposizione rispose a questo avvenimento ritirandosi sull'Aventino (Secessione aventiniana), ma la posizione di Mussolini tenne fino a quando il 16 agosto il corpo decomposto di Matteotti fu ritrovato nei pressi di Roma. Uomini quali Ivanoe Bonomi, Antonio Salandra e Vittorio Emanuele Orlando esercitarono allora pressioni sul re affinché Mussolini fosse destituito ma Vittorio Emanuele III appellandosi allo Statuto Albertino replicò: «Io sono sordo e cieco. I miei occhi e i miei orecchi sono la Camera e il Senato» e quindi non intervenne.

Ciò che accadde esattamente la notte di San Silvestro del 1924 non sarà forse mai accertato. Il 3 gennaio 1925 alla Camera Mussolini recitò il famoso discorso in cui si assunse ogni responsabilità per i fatti avvenuti:

« Dichiaro qui, al cospetto di questa Assemblea e al cospetto di tutto il popolo italiano, che io assumo, io solo, la responsabilità politica, morale, storica di tutto quanto è avvenuto. Se le frasi più o meno storpiate bastano per impiccare un uomo, fuori il palo e fuori la corda! Se il fascismo non è stato che olio di ricino e manganello, e non invece una passione superba della migliore gioventù italiana, a me la colpa! Se il fascismo è stato un'associazione a delinquere, io sono il capo di questa associazione a delinquere! Se tutte le violenze sono state il risultato di un determinato clima storico, politico e morale, ebbene a me la responsabilità di questo, perché questo clima storico, politico e morale io l'ho creato con una propaganda che va dall'intervento ad oggi. »
Il fascio littorio, simbolo del fascismo. Il fascio littorio, simbolo del fascismo.
Il fascio littorio, simbolo del fascismo.
Stemma di Stato durante il fascismo.

Con questo discorso Mussolini si era dichiarato dittatore. Nel biennio 1925-1926 vennero emanati una serie di provvedimenti liberticidi: vennero sciolti tutti i partiti e le associazioni sindacali non fasciste, venne soppressa ogni libertà di stampa, di riunione o di parola, venne ripristinata la pena di morte e venne creato un Tribunale speciale con amplissimi poteri, in grado di mandare al confino con un semplice provvedimento amministrativo le persone sgradite al regime.

La crisi economica[modifica | modifica sorgente]

Il primo grosso problema che la dittatura dovette affrontare fu la pesante svalutazione della lira. La ripresa produttiva successiva alla fine della prima guerra mondiale portò effetti negativi quali la carenza di materie prime dovuta alla forte richiesta e ad un'eccessiva produttività rapportata ai bisogni reali della popolazione. Nell'immediato, i primi segni della crisi furono un generale aumento dei prezzi, l'aumento della disoccupazione, una diminuzione dei salari e la mancanza di investimenti in Italia e nei prestiti allo Stato.

Per risolvere il problema, come in Germania, venne deciso di stampare ulteriore moneta per riuscire a ripagare i debiti di guerra contratti con Stati Uniti e Gran Bretagna. Ovviamente questo non fece altro che aumentare il tasso di inflazione e far perdere credibilità alla lira, che si svalutò pesantemente nei confronti di dollaro e sterlina.

Le mosse per contrastare la crisi non si fecero attendere: venne messo in commercio un tipo di pane con meno farina, venne aggiunto alcool alla benzina, vennero aumentate le ore di lavoro da 8 a 9 senza variazioni di salario, venne istituita la tassa sul celibato, vennero aumentati tutti i possibili prelievi fiscali, venne vietata la costruzione di case di lusso, vennero aumentati i controlli tributari, vennero ridotti i prezzi dei giornali, bloccati gli affitti e ridotti i prezzi dei biglietti ferroviari e dei francobolli.

La conciliazione con la Chiesa[modifica | modifica sorgente]

I partecipanti e firmatari dei Patti Lateranensi

L'11 febbraio 1929 furono firmati i Patti Lateranensi, che stabilirono il mutuo riconoscimento tra il Regno d'Italia e lo Stato della Città del Vaticano.

Il rapporto tra Stato e Chiesa era precedentemente disciplinato dalla cosiddetta legge delle Guarentigie approvata unilateralmente dal Parlamento italiano il 13 maggio 1871 dopo la presa di Roma, questa legge non venne mai riconosciuta dai pontefici.

Tra fascismo e Chiesa ci fu sempre un rapporto ostico: Mussolini si era sempre dichiarato ateo ma sapeva benissimo che per governare in Italia non si poteva andare contro la Chiesa e i cattolici. La Chiesa dal canto suo, pur non vedendo di buon occhio il fascismo, lo preferiva di gran lunga all'ideologia comunista.

Alla soglia del potere Mussolini affermò (giugno 1921) che «il fascismo non pratica l'anticlericalismo» e alla vigilia della marcia su Roma informò la Santa Sede che non avrebbe avuto nulla da temere da lui e dai suoi uomini.

Con la ratifica del concordato la religione cattolica divenne la religione di stato in Italia, fu istituito l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole e fu riconosciuta la sovranità e l'indipendenza della Santa Sede.

Lo sviluppo dell'aeronautica[modifica | modifica sorgente]

All'inizio degli anni trenta la dittatura si era ormai stabilizzata ed era fondata su radici solide.

In questo periodo l'aeronautica ricevette un forte impulso e furono organizzate diverse imprese aeronautiche. Dopo le crociere di massa nel mediterraneo e la prima trasvolata dell'Atlantico meridionale (1931), nel 1933 il quadrumviro della marcia su Roma, Italo Balbo, organizzò la seconda e più famosa trasvolata dell'Atlantico settentrionale per commemorare il decennale dell'istituzione della Regia Aeronautica (28 marzo 1923). A bordo di 25 idrovolanti SIAI-Marchetti S.55X dal 1º luglio al 12 agosto 1933 Balbo e i suoi uomini compirono la traversata fino a New York e ritorno attraversando tutte le maggiori nazione europee e buona parte degli Stati Uniti. Per l'epoca fu un'impresa epica che diede al giovane ferrarese una fama superiore a quella di Mussolini.

Gli anni del consenso[modifica | modifica sorgente]

Nel 1929 l'autarchia entrò anche nel linguaggio. Furono infatti bandite tutte le parole straniere da ogni comunicazione scritta ed orale: ad esempio chiave inglese diventò chiave morsa, cognac diventò arzente, ferry-boat diventò treno-battello pontone. Conseguentemente vennero rinominate tutte le città con nome francofono dell'Italia nord-occidentale e con nome tedescofono dell'Italia nord-orientale: secondo la toponomastica fascista, per fare un paio di esempi, Courmayeur diventò Cormaiore e Kaltern diventò Caldaro. Inoltre si scoprì che anche l'uso del lei aveva origini straniere, perciò venne inaugurata una campagna per la sostituzione del lei con il voi, capeggiata dal segretario del partito Achille Starace.

L'11 ottobre 1935 l'Italia venne sanzionata per la guerra d'Etiopia. Le sanzioni in vigore dal 18 novembre consistevano in:

  • Embargo sulle armi e sulle munizioni
  • Divieto di dare prestiti o aprire crediti in Italia
  • Divieto di importare merci italiane
  • Divieto di esportare in Italia merci o materie prime indispensabili all'industria bellica

Paradossalmente, nell'elenco delle merci sottoposte ad embargo mancano petrolio e i semilavorati.

In realtà fu soltanto la Gran Bretagna a osservare le regole imposte dalle sanzioni. La Germania hitleriana così come gli Stati Uniti furono i primi due paesi a schierarsi apertamente verso l'Italia, garantendo la possibilità di acquistare qualunque bene. La Russia rifornì di nafta l'Esercito Italiano per tutta la durata del conflitto, ed anche la Polonia si dimostrò piuttosto aperta.

In questo periodo l'Italia tutta si strinse intorno a Mussolini. La Gran Bretagna venne etichettata col termine di perfida Albione, e le altre potenze furono etichettate come nemiche perché impedivano all'Italia il raggiungimento di un posto al sole. Ritornò in voga il patriottismo e la propaganda politica spinse affinché si consumassero solo prodotti italiani. Fu in pratica la nascita dell'autarchia, secondo la quale tutto doveva essere prodotto e consumato all'interno dello stato. Tutto ciò che non poteva essere prodotto per mancanza di materie prime venne sostituito: il tè con il karkadè, il carbone con la lignite, la lana con il lanital (la lana di caseina), la benzina con il carburante nazionale (benzina con l'85% di alcool) mentre il caffè venne abolito perché «fa male» e sostituito con il "caffè" d'orzo.

FIAT C.R.32 del XVI Gruppo Autonomo "cucaracha" scortano un S.M.81 in una missione di bombardamento.
Testata del Corriere della Sera dell'11 novembre 1938

La guerra civile in Spagna[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi guerra civile spagnola.

Il 18 luglio 1936 scoppiò in Spagna la guerra civile fra le sinistre del Fronte Popolare, al potere dalle elezioni del 1936, e la Falange, una forza ideologicamente paragonabile al fascismo che grazie all'appoggio della Chiesa cattolica spagnola, al contributo militare della Germania e dell'Italia portò il potere nelle mani di Francisco Franco.

Allo scoppio delle ostilità oltre 60.000 volontari accorsero da 53 nazioni in aiuto dei repubblicani mentre Mussolini e Hitler fornirono in via ufficiosa l'appoggio alla Falange. In questo contesto non di rado italiani combattenti nelle due parti si scontrarono in una vera e propria lotta fratricida. Gli italiani accorsi a combattere per la Seconda repubblica spagnola erano fra i più numerosi, per nazionalità superati solo da tedeschi e francesi.

L'alleanza con la Germania nazista[modifica | modifica sorgente]

Dal 1938 in Europa si iniziò a respirare aria di guerra: Hitler aveva già annesso l'Austria e i Sudeti e con la successiva Conferenza di Monaco gli venne dato il lasciapassare per l'annessione di tutta la Cecoslovacchia.

L'Italia intanto avviò una guerra parallela occupando l'Albania. In due soli giorni (7-8 aprile 1939) con l'ausilio di 22.000 uomini e 140 carri armati Tirana fu conquistata.

Il 22 maggio tra Germania e Italia fu firmato il Patto d'Acciaio che legava i due paesi in una stretta alleanza. Alcuni membri del governo italiano si opposero, e lo stesso Galeazzo Ciano, firmatario per l'Italia, definì il patto una «vera e propria dinamite»

Le leggi razziali[modifica | modifica sorgente]

Il 14 luglio 1938 fu pubblicato sui maggiori quotidiani nazionali il "Manifesto della razza". In questa sorta di tavola redatta da cinque cattedratici (Arturo Donaggio, Franco Savorgnan, Edoardo Zavattari, Nicola Pende e Sabato Visco) e da cinque assistenti universitari (Leone Franci, Lino Businco, Lidio Cipriani, Guido Landra e Marcello Ricci) venne fissata la «posizione del fascismo nei confronti dei problemi della razza».

I dieci imperativi categorici erano:

  1. Le razze umane esistono
  2. Esistono grandi razze e piccole razze
  3. Il concetto di razza è un concetto puramente biologico
  4. La popolazione dell'Italia attuale è nella maggioranza ariana e la sua civiltà è ariana
  5. È una leggenda l'apporto di masse ingenti di uomini in tempi storici
  6. Esiste ormai una pura "razza italiana"
  7. È tempo che gli italiani si proclamino francamente razzisti
  8. È necessario fare una netta distinzione fra i Mediterranei d'Europa (Occidentali) da una parte e gli Orientali e gli Africani dall'altra
  9. Gli ebrei non appartengono alla razza italiana
  10. I caratteri fisici e psicologici puramente europei degli Italiani non devono essere alterati in nessun modo

Con questo manifesto si dava il via a quel processo che portò alla promulgazione delle leggi razziali.

L'Impero[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Africa Orientale Italiana.
L'Impero coloniale italiano nel 1940, nel momento di massima espansione.

A partire dal 1926-27 l'Albania entrò gradualmente nella sfera d'influenza dell'Italia ma solo nell'aprile del 1939 fu occupata militarmente da questo paese che le impose come sovrano Vittorio Emanuele III.

Nel 1928, inoltre, gli italiani cominciarono a penetrare in Etiopia, divenuta ormai il principale interesse del fascismo, e gli etiopi ad attaccare il territorio italiano in Eritrea. L'incidente più importante, però, avvenne a Ual Ual, nel 1934, e Mussolini lo usò in seguito per giustificare la sua guerra contro lo Stato etiopico.

Mussolini, quindi, nel gennaio 1935 prese accordi con il ministro degli esterni francese, Pierre Laval per assicurarsi un sostegno diplomatico contro l'Etiopia.[7] Pochi mesi più tardi la Società delle Nazioni riconobbe la buona fede di entrambi i Paesi, ma prima l'Etiopia, che presentò ricorso a marzo dello stesso anno, e l'Italia poi, con una dichiarazione del duce a Cagliari non erano soddisfatti.

Il 2 ottobre del 1935, poi Mussolini dichiarò guerra all'Etiopia (Guerra d'Etiopia) e il giorno successivo iniziarono le operazioni, con un doppio attacco italiano proveniente sia dalle basi eritree, sotto il comando di De Bono, che da quelle somale, sotto al guida di Graziani. Contemporaneamente la Società delle Nazioni decise di sanzionare l'Italia per aver attaccato uno Stato membro, con pesanti ripercussioni sull'economia italiana[8]. In poco tempo gli italiani avanzarono e sconfissero ripetutamente le truppe abissine. A novembre Pietro Badoglio sostituì De Bono e il 7 maggio 1936 l'Etiopia venne sconfitta ed entrò a fare parte del Regno d'Italia, divenuto Impero. Vittorio Emanuele III assunse infatti il titolo di “Imperatore d'Etiopia”.

Fatti di sangue durante il dominio coloniale italiano[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi crimini di guerra italiani.

A seguito dell'uccisione di civili e militari italiani in Libia ed Etiopia[9], durante il dominio coloniale italiano in Africa furono commesse (anche se in misura inferiore a quanto fatto - ad esempio - da inglesi e francesi[10]) alcune atrocità e crimini contro l'umanità[11][12].

La guerra d'Etiopia e la nascita dell'Impero[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerra d'Etiopia.
Coloni e soldati italiani in partenza per conquistare e colonizzare l'Abissinia nel 1935

Il fascismo cercò innanzitutto di presentarsi in maniera diversa nei confronti dell'Etiopia cercando di attuare un trattato di amicizia con l'amministrazione del reggente Hailé Selassié. Tale accordo si concretizzò nel 1928. In questa fase la colonia eritrea, sotto l'amministrazione del Governatore Jacopo Gasparini cercò di ottenere un protettorato sullo Yemen e creare una base per un impero coloniale sulla penisola araba, ma Mussolini non volle inimicarsi la Gran Bretagna e fermò il progetto.

A seguito della completa conquista della Libia, avvenuta alla fine degli anni venti, Mussolini manifestò l'intenzione di dare un Impero all'Italia e l'unico territorio rimasto libero da ingerenze straniere era l'Abissinia, nonostante fosse membro della Società delle Nazioni. Il progetto d'invasione iniziò all'indomani della conclusione degli accordi sul trattato di amicizia e si concluse con l'ingresso dell'esercito italiano ad Addis Abeba il 5 maggio 1936.

L'Abissinia (l'odierna Etiopia) fu conquistata dalle truppe italiane, comandate dal generale Pietro Badoglio dopo la guerra del 1935-1936. La vittoria fu annunciata il 9 maggio 1936, il Re d'Italia Vittorio Emanuele III assunse il titolo di Imperatore d'Etiopia (con il titolo di Qesar, anziché quello di Negus Neghesti), Mussolini quello di Fondatore dell'Impero, e a Badoglio fu concesso il titolo di Duca di Addis Abeba.

Le colonie durante il fascismo[modifica | modifica sorgente]

Vittorio Emanuele III, Re d'Italia dal 1900 al 1946 ed Imperatore d'Etiopia dal 1936 al 1943

Durante il fascismo l'Eritrea fu oggetto di un ambizioso progetto di modernizzazione, voluto dal Governatore Jacopo Gasparini, che cercò di tramutarla in un importante centro per la commercializzazione dei prodotti e materie prime. La colonia Eritrea venne inglobata nell'Africa Orientale Italiana nel 1936, diventando uno dei sei governi in cui era diviso il vicereame. Nel 1941 la colonia venne occupata, insieme al resto dell'Africa Orientale Italiana, dalle truppe britanniche.

All'inizio della seconda guerra mondiale, nel maggio 1940 le truppe italiane occuparono la Somalia britannica (Somaliland), che fu amministrativamente incorporata nella Somalia italiana. Nei primi mesi del 1941 le truppe inglesi occuparono tutta la Somalia italiana e riconquistarono anche il Somaliland. Dopo l'invasione da parte delle truppe alleate nella seconda guerra mondiale la Somalia Italiana fu consegnata all'Italia in amministrazione fiduciaria decennale nel 1950. Nel 1934, Tripolitania e Cirenaica vennero riunite per formare la colonia di Libia, nome utilizzato 1.500 anni prima da Diocleziano per indicare quei territori. L'Italia perse il controllo sulla Libia, quando le forze italo-tedesche si ritirarono in Tunisia nel 1943. Dopo la fine della guerra, la Libia venne provvisoriamente amministrata dalla Gran Bretagna fino al conseguimento definitivo dell'indipendenza nel 1951. Negli anni venti e trenta l'amministrazione del dodecaneso da un lato portò degli ammodernamenti, come la costruzione di ospedali e acquedotti, ma si distinse anche per il tentativo di italianizzare con diversi provvedimenti le dodici isole, i cui abitanti erano a maggioranza di lingua greca, con la presenza di una minoranza turca ed ebraica. Nel settembre 1943 dopo l'Armistizio di Cassibile, i soldati del Terzo Reich occuparono le isole. L'8 maggio del 1945 le forze britanniche presero possesso dell'isola di Rodi e tramutarono il Dodecaneso in un protettorato. Con il Trattato di Parigi (1947), gli accordi fra Grecia e Italia stabilirono il possesso formale delle isole da parte dello Stato greco, che assunse pieno controllo amministrativo solamente nel 1948.

Durante il regime fascista fu ampliati i possedimenti coloniali. Oltre a Eritrea, Somalia, Libia, dodecaneso e la concessione di Tientsin, entrarono nella sfera d'influenza italiana la già citata Etiopia, l'Albania.

Africa Orientale Italiana (1936 - 1941)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Impero Italiano d'Etiopia.

Con la conquista di gran parte dell'Etiopia si procedette ad una ristrutturazione delle colonie del Corno d'Africa. Somalia, Eritrea ed Abissinia vennero riunite nel vicereame dell'Africa Orientale Italiana (AOI). Il progetto coloniale terminò con l'occupazione britannica dei territori soggetti al dominio italiano nel 1941.

L'Etiopia fu la colonia italiana, insieme all'Eritrea, più interessata dalla costruzione di nuove strade, grandi infrastrutture (ponti, ecc.) e anche dalla sistemazione delle città, specie della capitale Addis Abeba secondo un piano regolatore prestabilito (nuovi quartieri, una nuova ferrovia). La breve presenza italiana, di soli 5 anni, e le difficoltà di pacificazione della zona, non permise la sistemazione totale della città, che sarebbe dovuta essere il fiore all'occhiello del colonialismo italiano. Tuttavia, quale membro della Società delle Nazioni, l'Italia ricevette la condanna internazionale per l'occupazione dell'Etiopia, che era uno Stato membro.

Nei primi mesi del 1941 le truppe inglesi sconfissero gli italiani ed occuparono l'Etiopia, anche se alcuni focolai di resistenza italiana si mantennero attivi a Gondar fino all'autunno del 1941. Inoltre si ebbe anche una guerriglia italiana durata fino al 1943. Gli inglesi reinsediarono il deposto Negus, Hailé Selassié, esattamente cinque anni dopo la sua cacciata.

Albania (1939 - 1943)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Occupazione italiana del Regno di Albania.

L'Albania era sotto la sfera di influenza italiana dagli anni venti, e l'isola di Saseno davanti Valona era parte integrante del Regno d'Italia dai tempi della Pace di Parigi (1919). Dopo alterne vicende, l'Albania venne occupata militarmente da truppe italiane nel 1939. Alla base di questa decisione, vi fu il tentativo di Mussolini di controbilanciare l'alleanza con la sempre più potente Germania nazista di Hitler, dopo l'occupazione dell'Austria e della Cecoslovacchia. L'invasione dell'Albania, iniziata il 7 aprile 1939 fu completata in cinque giorni. Il re Zog si rifugiò a Londra.

Vittorio Emanuele III ottenne la corona albanese, e venne insediato un governo fascista guidato da Shefqet Vërlaci. Le forze dell'esercito albanese vennero incorporate in quello italiano.

Nel 1941 vennero uniti all'Albania il Kosovo, alcune piccole aree del Montenegro ed una parte della Macedonia (territori già iugoslavi).

La resistenza contro l'occupazione italiana iniziò nell'estate 1942 e si fece più violenta e organizzata nel 1943: nell'estate del 1943 le montagne interne erano difatti sotto il controllo diretto della resistenza albanese guidata da Enver Hoxha. Nel settembre 1943 dopo la caduta di Mussolini, il controllo sull'Albania venne assunto dalla Germania nazista.

L'Italia nella Seconda guerra mondiale (1940-1945)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Seconda guerra mondiale e Storia militare dell'Italia durante la seconda guerra mondiale.

1940[modifica | modifica sorgente]

La corazzata Cavour parzialmente affondata nella Notte di Taranto dall'aviazione inglese

Nel 1940 l'Italia fu alleata con la Germania nazista nella Seconda guerra mondiale contro Francia e Regno Unito, dichiarando nel 1941 guerra alla Unione Sovietica e con l'Impero giapponese agli Stati Uniti d'America. Mussolini credeva infatti in una guerra lampo a favore della Germania di Hitler da cui poter trarre vantaggi come alleato. Il 10 giugno 1940 l'Italia entrò quindi in guerra. I primi scontri ebbero luogo il 21 giugno sulle Alpi, contro la Francia, ormai attaccata dai tedeschi con la tattica del blitzkrieg, che portò allo Stato fascista italiano la sola conquista di una piccola striscia nel sud del Paese, riportando i confini a prima del 1850, con l'esclusione di Nizza. Tra agosto e settembre cominciarono le operazioni nell'Africa. Il 3 agosto venne attaccata la Somalia Britannica, che venne conquistata il 19 agosto.

Contemporaneamente, a nord, le truppe comandate dal generale Rodolfo Graziani attaccarono gli inglesi stanziati in Egitto e si spinsero fino a Sidi Barrani. Nello stesso momento lo Stato maggiore fascista concentrò le sue mire espansionistiche in Grecia. Più volte bloccati dalla Germania durante l'estate nell'ottobre del 1940 gli italiani cominciarono a muoversi verso la penisola. Pensando di non trovare alcuna resistenza le truppe italiane avanzarono, ma tra novembre e dicembre i greci, aiutati anche dagli inglesi, passarono all'azione e costrinsero gli italiani a ritirarsi in Albania. Anche la flotta italiana subì alcune perdite tra gli uomini e il parziale affondamento della Corazzata Cavour e il danneggiamento di altre due navi a causa di un attacco dell'aviazione inglese al porto di Taranto. Intanto la situazione peggiorò anche in Africa.

Gli insuccessi in Grecia portarono poi, il 4 dicembre alle dimissioni dal ruolo di capo di Stato Maggiore Pietro Badoglio, che venne sostituito dal generale Ugo Cavallero. Pochi giorni dopo, tra il 6 e l'16 dicembre gli inglesi iniziarono un'offensiva in Nord Africa, sconfiggendo le truppe italiane e riprendendosi Sidi Barrani e la Baia di Sollum.

1941[modifica | modifica sorgente]

Il Regno d'Italia tra il 1941 ed il 1943, con la Provincia di Lubiana, la Provincia di Cattaro e il Governatorato di Dalmazia

Nel febbraio 1941 gli inglesi sconfissero nuovamente gli italiani, in Egitto penetrando anche in Libia nella regione della Cirenaica. Contemporaneamente si registrarono i primi insuccessi anche nelle colonie del corno d'Africa, culminati il 20 maggio con la resa del Duca d'Aosta dopo la battaglia sull'Amba Alagi. In questa occasione all'esercito italiano fu reso l'onore delle armi da parte dei britannici.

Nel marzo ripresero poi le operazioni in Grecia, ma nonostante gli sforzi fatti da Cavallero, l'esercito italiano venne nuovamente sconfitto e questo fatto causò la fine della Guerra parallela, così chiamata da Mussolini.[13]

In aprile l'Italia partecipò all’invasione del Regno di Jugoslavia assieme alle altre Potenze dell’Asse ed alla relativa spartizione del paese balcanico: nelle aree annesse dall’Italia furono istituiti la Provincia di Lubiana, la Provincia del Carnaro, ed il Governatorato di Dalmazia; inoltre all’Italia fu concesso anche di mettere nominalmente a capo del neo costituito Stato Indipendente di Croazia un rappresentante di Casa Savoia - l'influenza italiana sullo Stato Indipendente di Croazia si limitò solamente alle zone costiere e, in base ad accordi con il capo del governo croato Ante Pavelić, l'Italia avrebbe avuto per 25 anni il dominio del litorale della Croazia.[13]

L'intervento tedesco nei Balcani fece rinviare la campagna in Russia, che venne intrapresa nel giugno 1941, con l'Operazione Barbarossa. Il governo italiano decise un'ampia partecipazione delle proprie truppe, temendo di avere un ruolo sempre più marginale nella guerra, mandando in azione il Corpo di Spedizione Italiano in Russia al comando del generale Giovanni Messe. Contemporaneamente l'arrivo di Erwin Rommel in Libia vide un netto miglioramento della situazione, ma con il passare dei mesi la scarsità di rifornimenti dovuti all'affondamento di questi da parte degli inglesi stanziati a Malta fece arretrare nuovamente il fronte. In Russia il CSIR vinse alcune battaglie, ma, a partire da ottobre, l'inverno causò vari problemi ai soldati italiani, non muniti di sufficienti protezioni contro il freddo.

1942[modifica | modifica sorgente]

Soldati dell'ARMIR in URSS nel 1942

Nel 1942 le operazioni italiane si concentrarono in Unione Sovietica e Africa. In entrambi i fronti, grazie alle truppe tedesche si ebbero frequenti successi: in Russia si conquistarono vasti territori e si arrivò a controllare durante l'estate anche Stalingrado, mentre nel nord Africa Rommel si spinse in Egitto, conquistando varie città, ma a causa degli attacchi dell'aviazione anglo-americana e dei rinforzi sempre meno frequenti si arrivò ad una sconfitta nella battaglia di El Alamein, che segnò la fine delle speranze dell'Asse di conquistare l'Egitto ed i campi petroliferi del Medio Oriente. A seguito di questa sconfitta cominciò la ritirata e gli italiani, non muniti di mezzi veloci vennero sconfitti dagli inglesi, con le divisioni Ariete e Littorio che vennero quasi completamente annientate dalla controffensiva.

La situazione peggiorò poi anche in Russia con l'avvicinarsi dell'inverno, infatti Mussolini non si era curato di rafforzare l'equipaggiamento delle truppe italiane appartenenti all'ARMIR,[14] ex CSIR. Già nell'estate vi erano state pesanti decimazioni nell'esercito italiano e nel dicembre 1942 cominciano le prime pesanti sconfitte, seguite dalla ritirata.

1943[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Repubblica Sociale Italiana e Resistenza Italiana.
Lo sbarco americano a Gela nel contesto dell'Operazione Huskynel luglio 1943
I granatieri del generale Gioacchino Solinas difendono Roma il 9 settembre del 1943
Repubblica Sociale Italiana.
Le aree segnate in verde facevano ufficialmente parte della RSI ma erano considerate dalla Germania zone di operazione militare e sottoposte a diretto controllo tedesco.[15]
1943: due donne, nell'Italia Meridionale, che trasportano brocche d'acqua sulla testa
Formazione partigiana in movimento durante la Resistenza

Le sconfitte sia sul fronte africano che su quello russo causarono in Italia vari scioperi e un calo di consensi nei confronti del fascismo e di Mussolini. A maggio venne presa Tunisi, ultimo baluardo dell'esercito regio italiano e poche settimane più tardi anche le isole di Lampedusa e Pantelleria, dando inizio all'Operazione Husky.
Le difficoltà militari colpirono anche Mussolini. Il 24 luglio si riunì il Gran Consiglio del Fascismo e il mattino seguente il duce venne sfiduciato. Vittorio Emanuele III decise quindi di sostituirlo a capo del governo con Pietro Badoglio. Proprio mentre si trovava a colloquio con il re, Mussolini fu arrestato: il monarca aveva fatto circondare l'edificio dai carabinieri, e il duce venne portato a Ponza, in carcere. Successivamente fu trasferito a La Maddalena e quindi sul Gran Sasso.
Intanto il nuovo capo del governo Badoglio annunciò la continuazione della guerra al fianco dei tedeschi, ma contemporaneamente cominciò a trattare l'armistizio con gli Alleati, che venne firmato a Cassibile il 3 settembre e reso pubblico l'8 settembre 1943. Il giorno successivo il re e Badoglio fuggirono da Roma, andando in Puglia, sotto la protezione di inglesi e americani.

I tedeschi attuarono l'operazione Achse ed altre operazioni minori, con le quali le truppe tedesche occuparono le zone dell'Italia non ancora liberate dagli Alleati, inserendo il Trentino-Alto Adige e le provincie di Belluno, Udine, Gorizia, Trieste, Pola, Fiume e Lubiana all'interno di due zone di operazioni nelle quali esercitarono una sorta di sovranità sostanziale. 700 000 soldati italiani, in assenza di ordini precisi, furono presi prigionieri dall'esercito tedesco e deportati in Germania.

Il 13 ottobre 1943 il governo Badoglio dichiarò guerra alla Germania. L'Italia Paese si trovò così divisa in due: il Regno del Sud al fianco degli alleati contro la Germania e la Repubblica Sociale Italiana. Al Nord, si era costituita la Repubblica Sociale Italiana sotto il controllo tedesco e sotto la guida di Mussolini, il quale era stato liberato il 12 settembre (Operazione Quercia). In breve tempo si costituirono le prime formazioni partigiane, che combatterono contro i fascisti e i tedeschi. Alcuni storici hanno evidenziato più aspetti contemporaneamente presenti all'interno del fenomeno della Resistenza: "guerra patriottica e lotta di liberazione" da un invasore straniero, insurrezione popolare spontanea, "guerra civile" tra antifascisti e fascisti, "guerra di classe" con aspettative rivoluzionarie soprattutto da parte dei gruppi partigiani socialisti e comunisti.[16]

Nel Sud, la situazione era leggermente migliore dato che gli anglo-americani permisero un minimo di libertà alle popolazioni.

1944[modifica | modifica sorgente]

Umberto di Savoia, "Luogotenente del Regno" dal 5 giugno 1944. Fu Re d'Italia dal 9 maggio 1946 al 13 giugno dello stesso anno

L'11 gennaio 1944 furono fucilati a Verona, dopo un drammatico processo pubblico, degli ex gerarchi fascisti Galeazzo Ciano, Emilio De Bono, Luciano Gottardi, Giovanni Marinelli, Carluccio Pareschi, a seguito della condanna a morte che il tribunale decretò a tutti coloro che il 25 luglio 1943 avevano votato la sfiducia a Mussolini nell'ordine del giorno proposto da Dino Grandi al Gran Consiglio del Fascismo.

Il 22 gennaio 1944 gli anglo-americani sbarcarono nell'Italia Centrale, nella zona compresa tra Anzio e Nettuno. L'attacco aveva lo scopo di aggirare le forze tedesche attestate sulla Linea Gustav e di liberare Roma. La lunga battaglia che ne derivò è comunemente conosciuta come battaglia di Anzio.

Il 24 marzo i tedeschi compirono l'eccidio delle Fosse Ardeatine in cui persero la vita 335 civili italiani, come atto di rappresaglia per l'attentato di via Rasella eseguito da partigiani gappisti contro il Polizeiregiment "Bozen" ed avvenuto il giorno prima in via Rasella. Per la sua efferatezza, l'alto numero di vittime, e per le tragiche circostanze che portarono al suo compimento, è diventato l'evento simbolo della rappresaglia nazista durante il periodo dell'occupazione. Le "Fosse Ardeatine", antiche cave di pozzolana site nei pressi della via Ardeatina, sono diventate un monumento a ricordo dei fatti.

Il 5 giugno 1944, il giorno dopo la liberazione di Roma, Vittorio Emanuele III nomina il figlio Luogotenente Generale del Regno in base agli accordi tra le varie forze politiche che formano il Comitato di Liberazione Nazionale, che prevedono di «congelare» la questione istituzionale fino al termine del conflitto. Umberto, dunque, esercita di fatto le prerogative del sovrano senza tuttavia possedere la dignità di re, che rimane a Vittorio Emanuele III, rimasto in disparte a Salerno.

1945[modifica | modifica sorgente]

Grazie agli approvvigionamenti ottenuti nell'inverno tra il 1944 ed il 1945 in primavera gli alleati poterono lanciare l'offensiva contro l'esercito tedesco sfondando in più punti la Linea Gotica portando gli alleati alla liberazione il 21 aprile 1945 di Bologna. L'arrivo degli alleati a Milano fu anticipato dalla insurrezione partigiana proclamata dal CLN il 25 aprile, questa data sarà poi scelta come festività nazionale per ricordare la liberazione.

Le potenze dell'Asse in Italia capitolarono il 29 aprile 1945, ed il 2 maggio il comando tedesco firmò a Caserta la resa delle sue truppe in Italia e per procura anche la resa formale dei reparti della RSI.

Epilogo del conflitto e costo della guerra[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerra civile in Italia (1943-1945), Triangolo della morte (Emilia), Massacri delle Foibe e Amnistia Togliatti.
Mappa tratta da un atlante militare americano che rappresenta nei toni del rosso i territori controllati dagli Alleati e dall'EPJ e in bianco quelli ancora controllati dai tedeschi al 1/5/1945.

Nel maggio del 1945 in Europa le potenze dell'Asse furono sconfitte e la fine della guerra vide l'Italia in condizioni critiche: i combattimenti ed i bombardamenti aerei avevano ridotto molte città e paesi a cumuli di macerie, le principali vie di comunicazione erano interrotte, il territorio era occupato dalle truppe angloamericane. Particolarmente critica la situazione in Dalmazia e nella Venezia Giulia, che erano state occupate dall'Esercito popolare di liberazione della Jugoslavia, che arrestarono o giustiziarono centinaia di italiani; a Gorizia, Trieste e Pola tali atrocità cessarono nella seconda decade di giugno quando l’amministrazione jugoslava venne sostituita con quella degli angloamericani.

Il numero di italiani morti a causa della guerra fu molto elevato: sono stimati tra 415.000 (di cui 330.000 militari e 85.000 civili)[17] e 443.000 morti[18], stimando che la popolazione italiana all'inizio del conflitto fosse di 43.800.000 persone si arriva conteggiare circa una vittima ogni 100 italiani.

Le conseguenze dell'ingresso e della sconfitta nella Seconda guerra mondiale, vennero sancite dai trattati di pace firmati a Parigi il 10 febbraio 1947, con mutilazioni nazionali territoriali: l'Istria e la Dalmazia cedute alla nascente Repubblica Federale Socialista di Jugoslavia, il Dodecaneso alla Grecia, il colle di Briga ed il colle di Tenda alla Francia, l'Isola di Saseno all'Albania, il pagamento dei danni di guerra all'Unione Sovietica e la perdita di tutti i possedimenti coloniali in Africa.

Dalla fine della guerra fino agli anni cinquanta avvenne anche l'esodo istriano durante il quale oltre il 90% della popolazione di lingua italiana (in quantità stimata tra un minimo 250.000 e un massimo 350.000 persone,[19]) abbandonò i territori istriani e dalmati, assegnati alla Jugoslavia: una parte degli esuli emigrò in seguito nelle Americhe o in Australia. Oltre 100.000 furono anche gli italiani rimpatriati dai possedimenti coloniali in Libia ed Etiopia.

L'Italia repubblicana[modifica | modifica sorgente]

Prima pagina del quotidiano il Corriere della Sera, edizione dell'
11 giugno 1946, che dichiarava la vittoria del voto repubblicano a seguito dei risultati del referendum istituzionale del 2 e 3 giugno.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Italia repubblicana e Prima Repubblica (Italia).

Gli anni costituenti[modifica | modifica sorgente]

Dopo la fine della guerra si cominciò a mettere in discussione la forma di Stato monarchica. Il re Vittorio Emanuele III tentò di salvare il potere regio abdicando in favore del figlio Umberto II, tuttavia il 2 giugno del 1946 un referendum istituzionale sancì la fine della monarchia e la nascita della Repubblica Italiana; in contemporanea vennero eletti i delegati a un'Assemblea Costituente, col compito di redigere una nuova Costituzione. Per la prima volta in Italia, anche la donne ebbero il diritto al voto.

Il 1º luglio Enrico De Nicola venne nominato primo Presidente della Repubblica Italiana. Il 25 giugno 1946 cominciarono ufficialmente i lavori dell'Assemblea Costituente con Giuseppe Saragat alla presidenza; la nuova costituzione repubblicana entrò in vigore il 1º gennaio 1948.

Alcide De Gasperi

In quegli anni l'Italia operò le scelte decisive che avrebbero determinato il proprio destino: guidata da Alcide De Gasperi, che presiedeva un governo di unità nazionale composto dai tre partiti antifascisti del Comitato di Liberazione Nazionale, l'Italia accettò di entrare a far parte della sfera di influenza atlantica, filoamericana e anticomunista, contrapposta al blocco sovietico. Questa collocazione tuttavia accese una competizione politica tra i due maggiori partiti, la DC e il PCI. Quest'ultimo rimarrà da allora confinato all'opposizione per via dei legami ideologici e finanziari col regime totalitario dell'Unione Sovietica,[20] legami che avrebbero provocato, nel caso di una sua entrata al governo, una rottura dell'alleanza internazionale con gli Stati Uniti e degli accordi di Yalta. Un tale assetto politico priverà inoltre l'Italia di una logica dell'alternanza fino alla caduta del muro di Berlino,[21] generando un'anomalia rispetto alle altre democrazie occidentali dove i partiti comunisti godevano di una forza e un consenso assai minori che in Italia.[22][23] Questa situazione degenererà in pratiche consociative più o meno occulte.[20]

Un'altra anomalia tipicamente italiana fu l'atteggiamento del Partito Socialista (allora denominato PSIUP), che a differenza di quanto avveniva negli altri paesi occidentali decise di schiacciarsi sempre più sulle posizioni dei comunisti, per timore di vedersi sottrarre da costoro l'egemonia sulle masse operaie, accettando così anche la dipendenza da Mosca.[22] Alcuni esponenti del partito, guidati da Saragat, disapprovando la scelta di legarsi a un regime totalitario come l'Unione Sovietica, operarono nel gennaio 1947 una scissione, dando vita al Partito Socialista dei Lavoratori Italiani, che in seguito diverrà Partito Socialdemocratico Italiano.

La prima repubblica[modifica | modifica sorgente]

Gli anni del centrismo e della ricostruzione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Fronte dell'Uomo Qualunque, Piano Marshall e Legge truffa.
Poster del Piano Marshall

Dopo che il 31 maggio 1947 era caduto il terzo governo De Gasperi per la fuoriuscita di socialisti e comunisti, cominciò una lunga fase di governo detta del "centrismo", perché dominata da partiti collocati esclusivamente nell'area di centro dello schieramento politico. L'Italia diventò un grande cantiere, anche grazie agli aiuti del Piano Marshall elargiti dagli USA, che contribuirono a risanare il bilancio dello Stato. In contemporanea si verificarono evoluzioni nella politica e nel costume.

Palmiro Togliatti

In vista delle elezioni del 1948 crebbero i timori per una vittoria delle sinistre, unite nel Fronte Democratico Popolare, anche per il susseguirsi di episodi di rappresaglia da parte di apparati del PCI non solo contro ex-fascisti, ma anche contro cittadini comuni, sacerdoti, e chiunque non fosse esplicitamente affiliato all'ideologia comunista, accusato di fascismo solo perché ritenuto "nemico di classe".[24] Tra gli episodi più inquietanti, vi fu l'occupazione della prefettura di Milano da parte dell'esponente del PCI Giancarlo Pajetta con l'aiuto di bande armate, cui seguirono due giorni di insurrezione nei quali sembrò approssimarsi un colpo di Stato, finché il leader nazionale del PCI Togliatti, su pressioni di Stalin, ordinò ai ribelli di ritirarsi.[25]

Nonostante la concorrenza del Fronte dell'Uomo Qualunque, le elezioni del 1948 si risolsero infine con la vittoria della Democrazia Cristiana, e la bruciante, inaspettata, sconfitta del Fronte Popolare: questo non era andato al di là della somma dei voti del PSI e del PCI ottenuti nel 1946. La sconfitta in casa comunista fu mal digerita; il malcontento esplose all'improvviso in occasione di un attentato a Togliatti il 14 luglio 1948, quando alla notizia della sua presunta morte ci furono sollevazioni in tutte le città italiane che reclamavano la destituzione del governo De Gasperi democraticamente eletto.[26][27] Togliatti tuttavia non morì, venendo salvato dai medici; fu provvidenziale un suo stesso annuncio alla radio in cui invitava i "compagni" a deporre le armi.[28]

Un edificio realizzato col piano INA-Casa

Nel 1949, su richiesta degli Stati Uniti, l'Italia decise di aderire alla NATO, un'alleanza fra tutti i paesi dell'Europa occidentale contrapposta al blocco sovietico, una decisione che scatenò nuovamente le proteste e i sommovimenti delle sinistre nelle piazze italiane. Accanto alle agitazioni politiche l'Italia si stava comunque ricostruendo. La forte prevalenza democristiana nei governi che si succedettero, tutti a guida De Gasperi, permise di varare importanti riforme come quella del piano Casa, con cui lo Stato agevolò la costruzione di 75 000 abitazioni per i lavoratori.[29] Venne poi varata nel 1950 la riforma agraria, ritenuta tra le più importanti del secondo dopoguerra,[30] che attuava, tramite l'esproprio coatto ai grandi latifondisti, la distribuzione delle terre incolte ai braccianti agricoli rendendoli così piccoli imprenditori; se da un lato la riforma andava incontro alle rivendicazioni dei contadini del Sud, sfociate in episodi come la strage di Portella della Ginestra (1º maggio 1947, undici morti e ventisette feriti) per altri versi ridusse in maniera notevole la dimensione delle aziende agricole, togliendo di fatto la possibilità di trasformarle in veicoli imprenditoriali avanzati.[30]

Tra gli altri atti di rilievo della stagione centrista ci fu l'attuazione di un riassetto fiscale, e l'istituzione della Cassa del Mezzogiorno per finanziare iniziative industriali tese allo sviluppo economico del meridione d'Italia. La produzione industriale accelerò e comparvero i primi segnali del consumismo. Nel 1954 cominceranno anche le prime trasmissioni televisive della Rai, che portarono a un incremento vertiginoso della vendita di televisori.

La tensione politica tra DC e PCI tuttavia non si attenuava. La crescita sulla destra del Movimento Sociale Italiano, nato dalle ceneri della Repubblica Sociale Italiana, e del Partito Nazionale Monarchico dell'armatore Achille Lauro, avrebbe inoltre potuto sottrarre voti utili alla DC. Diversi esponenti democristiani, tra cui lo stesso De Gasperi, preferirono evitare di stipulare accordi con queste forze minori per formare un unico blocco anticomunista, al quale guardavano invece con favore rappresentanti della stessa Chiesa cattolica, scegliendo di attaccarle frontalmente. Fu così varata la legge Scelba che vietava la ricostituzione del disciolto Partito Fascista (anche se mai applicata), e una nuova legge elettorale, ribattezzata dagli oppositori "legge truffa", che prevedeva un premio di maggioranza al partito (la DC nelle intenzioni) che avesse superato la soglia del 50% dei voti. Questa legge non avrebbe danneggiato tanto le sinistre che mantenevano ampi consensi elettorali nel paese, ma proprio le destre che avrebbero visto esclusi o ridotti i propri rappresentanti al Parlamento. Alle elezioni del 1953, tuttavia, per un soffio la DC non ottenne la maggioranza assoluta dei voti, e il meccanismo della "legge truffa" non scattò. Si trattò di una sconfitta per la DC che determinò la fine dell'esperienza politica di De Gasperi.

Seguirono diversi governi piuttosto deboli (Pella, Fanfani, Scelba) che fecero emergere l'esigenza di un superamento del centrismo, ora che la DC faticava a governare da sola con i suoi minori alleati di centro. A nuovi scenari che consentissero ad esempio un'apertura ai socialisti guarderà sempre più con favore il nuovo presidente della Repubblica Giovanni Gronchi, esponente della sinistra democristiana, spalleggiato dall'imprenditore Enrico Mattei, presidente dell'Agip, una delle personalità più rilevanti e potenti del panorama post-bellico italiano, che diede un impulso determinante allo sviluppo petrolifero dell'Italia, opponendosi al predominio delle cosiddette sette sorelle.

Notevoli sconvolgimenti si produssero anche in casa comunista, in seguito alla morte di Stalin nel 1953: circondato allora da un'aura di mito, la sua figura venne pesantemente ridimensionata pochi anni dopo quando ne fu svelato il volto spietato dal suo successore Krusciov, che ne denunciò i crimini e le nefandezze, come le purghe e le deportazioni nei gulag.[31] La notizia della denuncia fu un trauma per il mondo comunista, che cercò di negare i crimini, ma ebbe conseguenze in Ungheria che nel 1956 si ribellò al regime sovietico uscendo dal Patto di Varsavia. La conseguente sanguinosa repressione della rivolta ungherese da parte delle armate sovietiche suscitò ondate di sdegno e di avversione al comunismo nei paesi occidentali. Nel PCI emerse per la prima volta il dissenso, da parte degli intellettuali del Manifesto dei 101, che furono espulsi dal partito, mentre Togliatti decideva di difendere la repressione sovietica e di continuare a schierarsi con l'URSS.

Nel 1954 intanto era stato firmato il Memorandum di Londra con il quale il Territorio libero di Trieste veniva suddiviso in due zone, una assegnata all'Italia ed una alla Jugoslavia. Nel 1955 l'Italia venne anche ammessa alle Nazioni Unite.

Il miracolo economico[modifica | modifica sorgente]

Tra il 1958 e il 1963 l'economia italiana, ma anche la società e le famiglie, subirono una radicale trasformazione: da paese prevalentemente agricolo l'Italia diventò una delle sette grandi potenze industriali del mondo.

Allora l'Italia primeggiava soprattutto in due grandi settori ad alta tecnologia, quali la microelettronica e la chimica, grazie a gruppi industriali come la Olivetti e la Montecatini, ma anche nella farmaceutica, nel nucleare, nell'aeronautica, nelle telecomunicazioni, settori che in seguito scompariranno o finiranno in mano allo straniero.[32]

Importanti cambiamenti ci furono nell'alimentazione e nella vita delle donne, grazie alla diffusione degli elettrodomestici, in particolare della lavatrice e del frigorifero. Anche le automobili e le motociclette divennero beni accessibili per un gran numero di italiani. Si affermarono marchi come FIAT, Lancia, Alfa Romeo, Autobianchi, Gilera, Piaggio & C..

Contribuì alla rapida crescita dell'Italia l'elevata disponibilità di manodopera, dovuta ad un forte flusso di migrazione dalle campagne alle città, e dal Sud verso il Nord. Questo fenomeno provocò per certi versi un aumento del divario economico tra il Settentrione e il Meridione. Ma contribuì alla crescita anche un fattore esterno, cioè la creazione del Mercato comune europeo (MEC), preceduta dalla creazione nel 1951 della Comunità europea del carbone e dell'acciaio e la creazione della CEE nel 1957, a cui l'Italia aderì immediatamente. Con la creazione del MEC vi fu l'apertura delle frontiere europee ai commerci, col conseguente aumento delle esportazioni e degli scambi commerciali europei.

Antonio Segni inaugura l'Autostrada del Sole, il 4 ottobre 1964, a bordo della Lancia Flaminia 335 presidenziale.

Se il paese uscì dall'arretratezza in cui versava, non mancarono però gli aspetti negativi legati al "miracolo economico", come una crescita tumultuosa dei centri urbani. Questo notevole sviluppo si dovette tra l'altro anche all'intervento dello Stato nell'economia attraverso politiche di tipo Keynesiano, rese possibili soprattutto dall'aumento della spesa pubblica e dalla creazione di società a partecipazione statale. Fondamentale in tal senso fu la realizzazione di alcune infrastrutture necessarie per lo sviluppo del mercato: un importante ruolo fu ricoperto dall'IRI, ente pubblico di origine fascista fondato nel 1933, che intervenne sostanzialmente nella costruzione della rete autostradale (con la costituzione della Società Autostrade) e nel potenziamento del settore dei trasporti, non solo automobilistico, ma anche metropolitano, navale e aereo (fondazione dell'Alitalia).

Verso la fine del centrismo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Legge Merlin.
Aldo Moro e Amintore Fanfani, definiti i due "cavalli di razza" della Democrazia Cristiana.

Con l'uscita di scena di De Gasperi, il vuoto lasciato nella dirigenza della DC fu progressivamente riempito da due nuove personalità, Amintore Fanfani e Aldo Moro. Già nel 1956 Fanfani ritenne maturi i tempi per un'alleanza col PSI, ora che questo partito si era deciso a rompere i legami col PCI, contestandone la sottomissione al regime comunista sovietico, soprattutto in occasione della repressione sovietica della rivolta ungherese. Pur avviandosi così verso una nuova fase, nel PSI restavano tuttavia forti le resistenze nei confronti di una possibile alleanza con la DC.

Le elezioni del 1958 segnarono un importante successo dei partiti componenti il centro-sinistra vagheggiato da Fanfani. Quest'ultimo formò allora un governo imperniato sull'alleanza col PSDI di Giuseppe Saragat, come premessa per una futura alleanza coi socialisti di Pietro Nenni. Tra gli atti di rilievo del nuovo governo, orientato su tematiche care alla sinistra, come una politica estera filo-araba o l'appoggio all'Eni di Enrico Mattei, ci fu l'abolizione delle case chiuse con la legge Merlin, e il varo del nuovo codice della strada per far fronte al grave incremento degli incidenti automobilistici, dovuto alla progressiva motorizzazione di massa.

Il varo del centro-sinistra[modifica | modifica sorgente]

Nel marzo 1959 però, all'interno della DC, stava emergendo la corrente dei Dorotei, che contestava il decisionismo di Fanfani, e il fatto che egli concentrasse nelle sue mani tre poteri: quello di presidente della DC, di presidente del Consiglio, e di ministro degli Esteri. I Dorotei giunsero ad appoggiare in Sicilia la giunta del democristiano Silvio Milazzo, sostenuta da una convergenza di missini e comunisti, contro il candidato di Fanfani Barbaro Lo Giudice. Ritrovandosi isolato, senza più appoggi al suo difficile tentativo di trovare un'intesa col PSI, Fanfani rassegnò le dimissioni da tutte e tre le cariche.

Gli scontri a Genova

Nel 1960 il presidente della Repubblica Giovanni Gronchi affidò allora a Fernando Tambroni il governo che avrebbe dovuto finalmente varare il nuovo corso di centro-sinistra. Di fronte a un ennesimo temporeggiamento di Nenni e della base socialista, tuttavia, Tambroni decise di cercare altrove i voti di cui aveva bisogno, e li trovò nel Movimento Sociale Italiano, a cui concedeva in cambio il suo "sdoganamento". Il governo Tambroni in tal modo ricevette dall'opposizione diverse accuse di neofascismo, ma fu soltanto alcuni mesi dopo, col pretesto di un congresso del MSI da tenere a Genova, città ritenuta "antifascista" in quanto medaglia d'oro della Resistenza, che scoppiarono delle pesanti proteste di piazza, sobillate dal PCI,[33] con scontri e morti ammazzati anche nelle altre città italiane.

In seguito ai gravi fatti di Genova Tambroni rassegnò le dimissioni; al suo posto tornò Fanfani che stavolta trovò i socialisti più disponibili ad un'alleanza con la DC, memori dell'esperienza appena trascorsa, a partire dalla quale il MSI subirà un isolamento dal cosiddetto arco costituzionale che durerà almeno fino alla metà degli anni ottanta.[34]. Venne così varato un governo che si reggeva su un appoggio esterno del PSI, definito da Aldo Moro delle «convergenze parallele», che durerà quasi tre anni. Tra i suoi atti di rilievo vi fu la nazionalizzazione dell'energia elettrica (che nel 1964 porterà alla nascita dell'Enel) voluta dalle forze di sinistra ma osteggiata dal PLI e dalle società private Edison e Società Adriatica di Elettricità. Vi fu poi l'estensione della scuola dell'obbligo fino ai 14 anni con la creazione della scuola media unificata, per impedire l'abbandono scolastico dei ragazzi avviati precocemente al lavoro.

Nell'agosto del 1960 si erano svolte intanto le Olimpiadi di Roma. Benché l'unità nazionale italiana si stesse ormai consolidando, grazie anche alla diffusione della lingua comune veicolata dalla televisione, persistevano episodi di separatismo, tra i quali la Notte dei fuochi del 1961 in Alto Adige. Sempre nel 1961 avvennero le celebrazioni del centenario dell'unificazione italiana: il presidente degli Stati Uniti John Fitzgerald Kennedy disse:

« Tutti noi, nel senso più vasto, dobbiamo qualcosa all’esperienza italiana. È un fatto storico straordinario: ciò che siamo e in cui crediamo ha avuto origine in questa striscia di terra che si protende nel Mediterraneo. Tutto quello per la cui salvaguardia combattiamo oggi ha avuto origine in Italia, e prima ancora in Grecia. (...) Il Risorgimento, da cui è nata l’Italia moderna, come la Rivoluzione americana che ha dato le origini al nostro Paese, è stato il risveglio degli ideali più radicati della civiltà occidentale: il desiderio di libertà e di difesa dei diritti individuali. Lo Stato esiste per proteggere questi diritti, che non ci vengono grazie alla generosità dello Stato. Questo concetto, le cui origini risalgono alla Grecia e all’Italia, è stato, secondo me, uno dei fattori più importanti nello sviluppo del nostro Paese. (...) Per quanto l'Italia moderna abbia solo un secolo di vita, la cultura e la storia della penisola italiana vanno indietro di oltre duemila anni. La civiltà occidentale come la conosciamo oggi, le cui tradizioni e valori spirituali hanno dato grande significato alla vita occidentale in Europa dell’Ovest e nella comunità Atlantica, è nata sulle rive del Tevere[35] »
Il campanile di Pirago, frazione di Longarone, rimasto in piedi dopo il passaggio dell'onda di morte abbattutasi il 9 ottobre 1963

Le seguenti elezioni del 1963 videro un indebolimento della DC e del PSI, e un contemporaneo rafforzamento del PCI a sinistra, che aveva duramente contestato la loro alleanza, e del PLI a destra, che aveva accusato il governo di causare l'aumento dei prezzi e di gonfiare la spesa pubblica. Fanfani fu costretto a ritirarsi dalla scena politica, mentre si formava per l'estate un governo "balneare" in attesa di nuovi sviluppi.

Fu nell'autunno di quell'anno che si verificò il terribile disastro del Vajont, nel fondovalle veneto, che provocò la morte di circa 2000 persone.[36]

Nel dicembre del 1963 fu incaricato Aldo Moro di formare il primo vero governo di centro-sinistra "organico", cioè con l'entrata effettiva dei socialisti al governo. Fu un varo a cui sia la DC che il PSI giunsero stremati da anni di trattative, congressi, ed esitazioni. Anche in quest'occasione non mancarono i malumori all'interno di entrambi i partiti, che esplosero pochi mesi dopo, nel maggio 1964, quando il governo Moro cadde per una questione riguardante il finanziamento pubblico alle scuole cattoliche. Ma già il ministro del Bilancio, il democristiano Emilio Colombo, aveva criticato Moro per un'eccessiva arrendevolezza nei confronti di alcune riforme auspicate dai socialisti, come quella sulle Regioni e sull'urbanistica, e su cui Nenni si rifiutava di cedere, sebbene il PSI avesse messo in minoranza il suo esponente più radicale, Riccardo Lombardi.

Di fronte allo stallo venutosi a creare, il presidente della Repubblica Segni convocò il comandante dell'arma dei Carabinieri Giovanni De Lorenzo, il quale partecipò in seguito ad una riunione con Moro e alcuni dirigenti della DC. Qualche anno più tardi si parlerà del tentativo, o piuttosto della minaccia, di attuare un piano eversivo, noto come il "Piano Solo", per far rientrare nei ranghi la sinistra, e convincerla ad ammorbidire le proprie posizioni. Nenni, probabilmente messo al corrente di questa possibilità, decise di far rientrare il PSI al governo; Lombardi lasciò la direzione del PSI, e il suo uomo di fiducia Giolitti non venne più confermato come ministro nel nuovo governo, il cui cui corso sarà negli anni a venire molto più moderato del precedente, e dalla cui agenda politica verranno tolte le riforme volute dai socialisti. Ci fu anche una scissione nel PSI da parte della componente più estremista del partito, che diede vita al PSIUP.

Nel 1966 invece il PSI, la cui direzione era passata da Nenni a Francesco De Martino, dopo aver contribuito ad eleggere Saragat presidente della Repubblica, si fonderà con il PSDI, rimarginando la scissione dello stesso Saragat avvenuta nel 1946, andando così a formare il Partito Socialista Unificato. La fusione si rivelerà però fallimentare alle elezioni del 1968, dopo le quali i due partiti torneranno a dividersi.

Il sessantotto e la contestazione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Il Sessantotto e La contestazione.

Dopo la morte di Togliatti nel 1964, che aveva guidato il partito comunista lungo quello che allora si definiva "doppio binario" (della legalità democratica da un lato, e della fedeltà all'Unione Sovietica dall'altro)[37] l'estrema sinistra conobbe un periodo di fermenti. Nel 1966 si svolse il primo scontro "alla luce del sole" di un congresso del PCI, tra l'ala "destra" di Giorgio Amendola e quella di "sinistra" di Pietro Ingrao; il compromesso fu trovato nell'assegnazione della leadership a una figura di mediazione, Luigi Longo. Ma a sinistra dello stesso PCI stavano cominciando a formarsi dei movimenti spontanei, che contestavano la guerra americana in Vietnam solidarizzando coi Viet Cong, simpatizzavano per la Cina maoista che criticava la degenerazione a suo dire "borghese" dell'URSS, e idealizzavano la rivoluzione cubana di Fidel Castro e Che Guevara. Questi gruppi si riunivano intorno a riviste di orientamento operaista.

Patty Pravo al Piper Club, icona del nuovo costume

Negli anni sessanta era comunque la stratificazione sociale dell'intera popolazione italiana che era cambiata dopo il boom economico: l'urbanizzazione creata dai flussi migratori interni aveva aumentato la concentrazione della popolazione, esisteva ormai un ceto medio e si cominciava a delineare un prototipo di italiano medio. L'apertura agli stili di vita e ai fenomeni musicali internazionali, specialmente tra i giovani, portò alla comparsa dei cosiddetti "capelloni", già nel 1965. Guardati sempre più con diffidenza, la nuova Beat Generation italiana tuttavia si guadagnò la simpatia dell'opinione pubblica in occasione della terribile alluvione di Firenze del 4 novembre 1966, quando gli studenti accorsi da tutta Italia per prestare soccorso furono chiamati gli «angeli del fango».

Lavagna in una scuola occupata (gennaio 1968
Carica della polizia a Valle Giulia a Roma (marzo 1968)

I cambiamenti nella mentalità di questi gruppi giovanili esplosero nel 1968, l'anno che vide l'Italia trasformarsi radicalmente sul piano culturale e sociale, in seguito alle migliorate condizioni di vita dovute al boom economico degli anni precedenti, e al sorgere di movimenti radicali, soprattutto di estrema sinistra. Le proteste partirono da una contestazione studentesca dei metodi di insegnamento nelle università, ritenuti "autoritari", e si estenderanno fino a saldarsi con i movimenti degli operai. La base ideologica di queste sollevazioni consisteva soprattutto nel "terzomondismo", ossia nella solidarietà verso le lotte rivoluzionarie dei popoli poveri e lontani dall'Occidente. In Italia però, a differenza delle altre liberaldemocrazie occidentali, la contestazione del '68 verrà sempre più egemonizzata dall'ideologia comunista.[38][39] Si trattava di gruppi per lo più autonomi dai partiti, sorti dalle assemblee, dai collettivi, e dalle occupazioni, che dipingevano gli americani come i nuovi "nazisti", che giunsero a scavalcare a sinistra lo stesso PCI, ritenendo il filo-sovietismo quasi un tradimento dell'autentico marxismo, di cui consideravano invece degno interprete il dittatore cinese Mao Tse-tung, e contestavano alle radici lo Stato e le istituzioni borghesi. L'intellettuale Pier Paolo Pasolini fece notare tuttavia come la base sociale dei contestatori italiani fosse costituita, almeno all'inizio, proprio da studenti piccolo-borghesi anziché da proletari.[40]

Tra i nuovi gruppi extra-parlamentari di estrema sinistra, che avevano quasi tutti intenti rivoluzionari, emersero l'Unione Comunisti Italiani, simpatizzante di Mao Tse-tung; Potere Operaio di Oreste Scalzone, che vedeva negli operai la forza propulsiva della rivoluzione; Movimento Studentesco di orientamento leninista; e Lotta Continua di Adriano Sofri, rivolto a tematiche sociali più generiche e dedito a diffondere la cosiddetta "controinformazione".

Tra i partiti, quello che più di tutti seppe trarre vantaggio dalla contestazione fu comunque il PCI, che guadagnò terreno a spese dei socialisti. Nello stesso anno ci fu tuttavia un Sessantotto controcorrente, noto come la Primavera di Praga, ossia il tentativo della Cecoslovacchia guidata dal riformista Alexander Dubček di sottrarsi al giogo sovietico, tentativo duramente represso dall'Armata Rossa. Il PCI, la cui laedership stava vedendo l'avvicendamento di Luigi Longo, dimessosi per motivi di salute, con Enrico Berlinguer, nuova figura di mediazione tra le due anime del partito, stavolta criticò e condannò i crimini di Mosca (a differenza del 1956 durante l'invasione dell'Ungheria), senza però giungere ad un'effettiva rottura. Berlinguer anzi rafforzò ancor più i legami del PCI con l'URSS, per non distruggere il mito sovietico di cui si alimentava la base del partito, ritenendo l'invasione della Cecoslovacchia un errore da mettere tra parentesi. Questo atteggiamento scuscitò le critiche di un folto gruppo di intellettuali comunisti, riunti intorno alla rivista Il manifesto, tra cui Rossana Rossanda[41] che furono espulsi dal partito come già accaduto in altre circostanze.[42]

Anche nel mondo cattolico cresceva il fermento, in particolare si chiedeva alla DC di aprirsi alle nuove rivendicazioni sociali, o di solidarizzare coi vietcong, e di prendere le distanze dagli USA. Dopo la pesante sconfitta subita dal Partito Socialista Unificato nel 1968, si ritenne comunque esaurita l'esperienza di centro-sinistra guidata da Aldo Moro, il quale lasciò il campo al democristiano Mariano Rumor, leader doroteo, che salirà a capo di cinque governi, sempre però insieme ai socialisti.

Manifestazione di operai in sciopero durante l'autunno caldo

La crescita del conflitto sociale aveva portato intanto al cosiddetto autunno caldo del tardo 1969, quando i movimenti studenteschi sessantottini si saldarono con le sollevazioni e le proteste del mondo operaio. Per la prima volta dal 1946, le tre sigle sindacali CGIL, CISL, UIL, si ritrovarono unite. Il movimento ottenne vari successi come le 40 ore lavorative, una regolamentazione degli straordinari, la revisione del sistema pensionistico, il diritto di assemblea; nel 1970 verrà infine approvato lo statuto dei lavoratori. Nello stesso anno fu approvata da una maggioranza trasversale, con l'esclusione della DC e del MSI, anche la legge sul divorzio, appoggiata in particolare dall'emergente leader radicale Marco Pannella, che si distinguerà sempre più per le sue battaglie in materia di diritti civili. Un altro risultato a cui si giunse sulla scia dei movimenti sociali fu l'istituzione, sempre nel 1970, delle Regioni come enti autonomi, una riforma che comportava una loro capacità legislativa e quindi l'implicita cessione di regioni notoriamente "rosse", in particolare l'Emilia-Romagna, la Toscana e l'Umbria, alla guida dei comunisti.

Gli anni settanta[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi anni di piombo e Strategia della tensione in Italia.

Negli anni settanta alcuni dei numerosi movimenti politici, sorti negli anni precedenti, si estremizzarono e degenerarono nel terrorismo rosso dando vita in particolare alle BR, accompagnato da quello nero costituito da gruppi elitari neofascisti come i NAR.

Sebbene il Sessantotto italiano fosse stato egemonizzato dall'estrema sinistra, vi avevano partecipato anche alcune frange di estrema destra; il nuovo decennio si aprì ora proprio col cosiddetto "triennio di destra",[43] ossia con uno spostamento dell'intero quadro politico sul versante conservatore, dovuto sia ad un nuovo protagonismo del MSI guidato da Giorgio Almirante, sia all'emergere della cosiddetta "maggioranza silenziosa", composta da esponenti del ceto moderato intimoriti dalle contestazioni della sinistra, che si presentavano con il motto «Noi siamo l'Italia che lavora, produce e paga le tasse».[44]

I fatti di Reggio

Già dopo le prime elezioni regionali, nel luglio 1970 scoppiò la rivolta di Reggio Calabria, dovuta alla decisione del governo di centro-sinistra di collocare il capoluogo della neonata regione a Catanzaro. La sommossa fu capeggiata dal missino Ciccio Franco, sindacalista della CISNAL, che rilanciò l'espressione «boia chi molla di mussoliniana memoria. Dopo tre mesi di scontri violenti, che videro la città di Reggio assediata dall'esercito, i moti furono sedati, ma nel 1972 il MSI diventerà il primo partito della Calabria.

Ancora nel 1971, il MSI si rivelò determinante nell'elezione del nuovo presidente della Repubblica Giovanni Leone, sebbene i voti missini non fossero stati esplicitamente richiesti. Alle elezioni anticipate dell'anno seguente, il MSI raggiunse il suo massimo storico fino ad allora, grazie anche alla fusione con i Monarchici. A causa dei modesti risultati del PSI, venne formato un governo Andreotti-Malagodi che segnò anche una momentanea interruzione del centro-sinistra con un ritorno alla formula centrista, l'esclusione dei socialisti, e un ingresso organico dei liberali nella compagine governativa.

La notte dell'8 dicembre del 1970 la sede del Ministero dell'Interno venne occupata da formazioni paramilitari del Fronte Nazionale guidate dal principe Junio Valerio Borghese, ex figura carismatica della Repubblica Sociale Italiana, nel tentativo di compiere un colpo di stato ma l'azione fu annullata dallo stesso Borghese mentre era in corso di esecuzione, in circostanze poco chiare[45]. L'opinione pubblica fu informata del fallito colpo di stato (denominato "Golpe Borghese") soltanto tre mesi dopo l'accaduto[46].

Interno della Banca dell'Agricoltura a Piazza Fontana dopo la bomba

La notizia si andava comunque ad inserire in un clima allarmistico di attentati, che connotarono quegli anni detti perciò "di piombo", attentati inaugurati dall'esplosione di una bomba in Piazza Fontana a Milano il 12 dicembre 1969, in cui rimasero uccise diciassette persone. Per la strage, rimasta senza colpevoli, fu incriminato l'anarchico Pietro Valpreda, e un suo amico, Giuseppe Pinelli, che morì in circostanze misteriose cadendo da una finestra della questura dov'era interrogato; il Movimento Studentesco, ipotizzando cospirazioni e trame oscure, accusò di omicidio il commissario Luigi Calabresi che stava conducendo l'interrogatorio. Calabresi, che pure era persona mite e legato a Pinelli da rapporti di amicizia, divenne il bersaglio di una martellante campagna di denuncia da parte di intellettuali ed estremisti di sinistra, finché venne ucciso il 17 maggio 1972. Per il suo omicidio saranno condannati in via definitiva gli esponenti di Lotta Continua Adriano Sofri, Ovidio Bompressi e Giorgio Pietrostefani.

La bomba di Piazza Fontana segnò anche l'inizio della cosiddetta "strategia della tensione", termine con il quale la pubblicistica ha indicato un oscuro piano di attentati mirati a seminare il terrore tra la popolazione per preparare il terreno a un colpo di stato di estrema destra, nel quale si ipotizzò fossero coinvolti elementi dei servizi segreti e delle forze armate legati a gruppi neofascisti[45]: in tale strategia si inquadrano anche altri attentati rimasti tristemente celebri, come la strage di Peteano del 1972, l'attentato alla questura di Milano ad opera dell'anarchico Bertoli nel 1973, quello al treno Italicus nel 1974 e, nello stesso anno, la strage di piazza della Loggia a Brescia durante una manifestazione sindacale, tutti attribuiti a gruppi neofascisti[47]. Nell'agosto 1970 erano poi comparsi davanti alla SIEMENS di Milano i primi volantini a firma BR, gruppo terrorista di estrema sinistra, che dapprima si limitò ad azioni dimostrative come furti e incendi, ma col passare degli anni divenne sempre più violento, giungendo a rapire, gambizzare e uccidere personalità del mondo culturale e politico ritenuti "reazionari". La sinistra politica, soprattutto quella comunista, dapprima non riuscì ad ammettere che le BR fossero una costola proveniente dalle proprie fila, ipotizzando trame oscure dello Stato e parlando perciò di Brigate «sedicenti» rosse.[48] Anche quando diventò evidente la loro matrice rivoluzionaria di sinistra, negli ambienti del PCI vi fu chi mantenne, nonostante le condanne ufficiali del partito, un atteggiamento indulgente nei loro confronti parlando di «compagni che sbagliano».[48][49] Negli stessi ambienti desterà scalpore, nel marzo 1978, un articolo di Rossana Rossanda che denunciava chiaramente l'appartenenza delle BR all'«album di famiglia» del PCI.[50]

Il Partito Comunista, intanto, stava conoscendo un'impetuosa crescita elettorale, mentre la DC, tornata sotto la guida di Fanfani, subì nel 1974 la sconfitta al referendum abrogativo della legge sul divorzio. Si trattò di un successo per il movimento femminista, il quale comincerà a battersi anche per la legalizzazione dell'aborto che riuscirà a ottenere nel 1978. Fra le nuove tendenze, presero a diffondersi tra i giovani le culture alternative e la moda dei raduni di massa. Negli anni settanta la crescita economica che aveva portato al boom si arrestò, iniziò una recessione aggravata dalla crisi petrolifera del 1973 dovuta alla guerra dello Yom Kippur tra Israele e mondo arabo. Ne conseguì un periodo di austerity caratterizzato dalle prime "domeniche a piedi" per il divieto di circolazione degli automezzi. Aumentò il disagio sociale e crebbe spaventosamente l'inflazione. Si verificarono anche i primi disastri ambientali, come quello di Seveso, un comune della provincia di Milano investito da una nube di diossina nel luglio 1976.

Sul piano politico si venne determinando uno stallo per via dell'erosione dei consensi alla maggioranza di centro-sinistra, che portò alla fine anticipata di due legislature. Cominciò allora a prendere corpo l'idea di un compromesso storico fra le principali forze politiche del paese, che dalla DC si estendesse al PCI, cresciuto enormemente alle Regionali del 1975 e i cui «voti congelati» non potevano essere ormai ulteriormente confinati all'opposizione. Per rimuovere la pregiudiziale che impediva al suo partito di partecipare al governo del paese, Berlinguer nel 1976 rilasciò una storica intervista al Corriere della Sera in cui sembrava prendere le distanze dall'URSS, dichiarando di non voler prendere più le sue parti in caso di conflitto con la NATO.[51] Fu così che in quello stesso anno, dopo che il PSI ebbe fatto cadere l'ultimo governo di centro-sinistra, a seguito di elezioni anticipate cominciarono i governi di astensione o di unità nazionale, guidati da Giulio Andreotti, monocolori democristiani che si reggevano indirettamente sull'astensione di PSI, PCI, PLI e PSDI, ma vissuti dal paese come se tutti i partiti vi contribuissero.

Un'immagine di Giuseppe Memeo, durante una sparatoria a Milano nel maggio 1977

Il compromesso storico porterà tuttavia il PCI a lasciare scoperti diversi settori alla propria sinistra che non si sentivano più rappresentati da quel partito, contrari all'idea di compromessi con le forze "borghesi". In particolare nel 1977 ci fu un ritorno delle agitazioni e dei movimenti di piazza, con scontri molto più feroci di quelli del Sessantotto: iniziate con un assalto alla tribuna di Luciano Lama, leader della CGIL a cui veniva contestata una linea politica ritenuta troppo morbida, le violenze sfociarono in azioni armate con lanci di molotov, uccisioni sia di poliziotti che di manifestanti, assalti alle sedi del MSI, e strascichi come la strage di Acca Larentia. Anche le BR giunsero a incrementare gli attentati, sottostando all'ordine della loro guida, Mario Moretti, di «mirare al cuore dello stato».

Aldo Moro prigioniero delle Brigate Rosse

Berlinguer, ritenendo che il PCI stesse pagando più di tutti il proprio appoggio al governo Anderotti con una perdita di consensi, fece pressioni per avervi un maggior coinvolgimento. Fu allora che si ebbe l'episodio più eclatante quando il 16 marzo 1978 le BR rapirono il Presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro, uno dei maggiori sostenitori del compromesso storico, nel sanguinoso agguato di via Fani a Roma, proprio nel momento in cui il Presidente del Consiglio incaricato, Giulio Andreotti, stava tentando di far nascere il primo governo con i voti diretti del PCI. Il fronte politico si divise allora tra i fautori della trattativa con le BR (soprattutto il PSI), e i sostenitori della fermezza (democristiani e comunisti), convinti che lo Stato non si dovesse piegare ai loro ricatti; alla fine prevalsero quest'ultimi. Il conseguente omicidio di Moro, il cui cadavere fu fatto ritrovare in via Caetani, a metà strada tra le sedi della DC e del PCI, gettò l'Italia intera nello scompiglio e nel caos. Il ministro dell'Interno Cossiga, che si era opposto alla trattativa con le BR, fu costretto alle dimissioni. Anche il presidente della Repubblica Leone fu accusato di non aver fatto abbastanza per salvare Moro; sottoposto tra l'altro a una campagna mediatica da parte dell'Espresso e del Partito Radicale che lo ritenevano coinvolto nello scandalo Lockheed, che in quegli anni stava portando a svariate inchieste giudiziarie,[52] Leone si dimise di lì a poco, nonostante la sua estraneità ai fatti[53] riconosciuta vent'anni dopo dagli stessi radicali.[54] L'omicidio di Moro accelerò di fatto la fine dei governi di solidarietà nazionale, portando alla fine anticipata della legislatura nel 1979, e lasciando nella Repubblica Italiana la lugubre sensazione di avviarsi verso un inesorabile declino.[43]

Gli anni Ottanta[modifica | modifica sorgente]

Il pesante clima ideologico degli anni settanta, che aveva portato a un vertiginoso accrescimento della tensione sociale e politica, cominciò a dissolversi all'inizio degli anni ottanta, durante i quali avvenne la cosiddetta svolta del «riflusso».[55] Già nell'autunno del 1980, la marcia dei quarantamila a Torino fece emergere l'esistenza di una «maggioranza silenziosa» che si contrapponeva alle proteste dei sindacati e al clamore degli scontri sociali del decennio precedente.

Ci fu così un ritorno delle persone dalle piazze al privato; cominciò l'era della televisione commerciale, unito a un decollo della pubblicità e a un incremento dei consumi. Rinacque il Carnevale di Venezia; crebbe la disaffezione dei cittadini per la politica, ma aumentò il senso di ottimismo e di benessere sociale.[56]

Pertini con un gruppo di studenti

A livello politico, ci fu un declino del potere dei sindacati e del Partito Comunista Italiano, parallelamente all'ascesa di Bettino Craxi tra le fila del Partito Socialista Italiano, chiamato nel 1976 a risollevare le sorti del partito che allora si trovava ai minimi storici, stretto nella tenaglia del tentativo di compromesso storico tra la DC e il PCI.[57] Già nel 1978 Craxi era riuscito a far eleggere presidente della Repubblica Sandro Pertini, uomo della vecchia guardia del PSI, che durante il suo mandato si propose un riavvicinamento più amichevole e sereno dei cittadini alle istituzioni, promuovendo ad esempio incontri e afflussi di scolaresche al Palazzo del Quirinale. Per il suo carisma, il suo modo di fare schietto e ironico, il suo affetto verso i bambini, Pertini sarà ricordato come il presidente più amato dagli italiani.[58][59][60]

Enzo Bearzot omaggiato dall'album dei Calciatori

I primi anni ottanta furono tuttavia ancora permeati di una certa turbolenza. La scoperta, ad esempio, della loggia massonica P2 mise in nuova luce molti dei misteri italiani; il presidente del consiglio Arnaldo Forlani si dimise per lo scandalo che seguì. Nell'estate 1980 avvennero la strage di Ustica (un disastro aereo dai contorni tuttora non chiariti) e la strage di Bologna, che provocò 85 vittime e oltre duecento feriti, mentre nel 1981 un attentato a papa Giovanni Paolo II, polacco, la cui elezione al soglio pontificio era stata mal vista nell'Est europeo. Nel calcio esplose uno scandalo scommesse di notevole rilievo, che vide la condanna di numerosi calciatori e la penalizzazione di alcune importanti squadre di club.

Tra gli eventi sportivi di rilievo ci fu tuttavia nel 1982 l'inaspettata vittoria della nazionale italiana di calcio ai mondiali di Spagna, di cui fu protagonista uno dei maggiori imputati nello scandalo, il calciatore Paolo Rossi.

Alla guida del governo, intanto, andò per la prima volta un politico non appartenente alle fila della DC, cioè Spadolini del PRI. Fu il preludio della chiamata a Palazzo Chigi di Bettino Craxi, investito da Pertini l'anno dopo nel 1983. Quello di Craxi sarà ricordato come il governo di più lunga durata fra tutti quelli che fino allora si erano succeduti: esso si reggeva su un'alleanza di pentapartito del PSI con la DC e altre forze minori.

Bettino Craxi, presidente del Consiglio dal 1983 al 1987

Tra i suoi atti di rilievo, Craxi firmò con il Vaticano, nel febbraio del 1984, un protocollo aggiuntivo ai Patti Lateranensi già stipulati nel 1929, che ribadiva la sovranità e la reciproca indipendenza di Stato e Chiesa.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Accordo di villa Madama.

Sul piano economico Craxi si propose di combattere la pesante inflazione che si trascinava sin dagli anni settanta, motivo di stagnazione e crescita lenta, individuandone la causa principale nella scala mobile, ossia nel meccanismo di adeguamento automatico dei salari all'aumento del costo della vita. L'abolizione per decreto di alcuni punti della scala mobile scatenò le proteste sia della CGIL (che ruppe l'unità con le altre sigle sindacali)[61] che del Partito Comunista Italiano, i quali in aperta sfida a Craxi proclamarono dei pesanti scioperi. Poiché Craxi non demorse, essi riuscirono a far indire un referendum per sconfiggere la sua nuova legge in materia. Il referendum tenutosi nel giugno del 1985 vide però la vittoria di Craxi e la sconfitta del PCI, il quale, anche in seguito alla morte del suo leader Enrico Berlinguer avvenuta un anno prima, da allora si avviò a una lenta e inesorabile perdita di consensi.

Sul versante estero, Craxi da un lato rafforzò i legami dell'Italia con il Patto Atlantico, intensificando i rapporti con l'America di Ronald Reagan, ma dall'altro mantenne una politica filo-araba nella questione israelo-palestinese del Medio Oriente, come durante la crisi di Sigonella del 1985. Anche l'anno dopo, durante il bombardamento americano di Tripoli a cui seguì una rappresaglia libica con lancio di missili su Lampedusa, Craxi si rivelò indulgente verso Mu'ammar Gheddafi, mostrando di disapprovare piuttosto l'attacco americano e il suo coinvolgimento del suolo italiano.[62]

Per il resto, tuttavia, l'Italia di Craxi appoggiò il progetto americano di uno scudo missilistico, in risposta alle minacce del mondo comunista-sovietico fattesi sempre più pressanti, progetto a cui si erano allineati anche gli altri paesi occidentali come il Regno Unito, la Francia, la Germania e la Spagna, e che si rivelerà determinante per mettere in crisi l'apparato strategico e finanziario dell'Unione Sovietica, accelerandone la caduta e la svolta di Michail Gorbačëv. Il PCI, invece, in occasione dell'installazione della base missilistica a Comiso, non mancò di schierarsi dalla parte del regime sovietico.[63]

Il successo delle trasmissioni commerciali[64] si inserì in quel cambiamento sociale di costume che contribui a fare di Milano una capitale della moda e dello spettacolo

Nella seconda metà degli anni ottanta ci fu una crescita significativa del Prodotto interno lordo italiano, grazie a diversi fattori come il calo dell'inflazione e l'introduzione di alcuni elementi di libero mercato, che portò l'Italia ad affermarsi come la quinta potenza economica mondiale.[65] Si impose il made in Italy, trascinato dalla moda[66] e dai prodotti alimentari di consumo.[67] Da paese di emigranti l'Italia si scoprì terra di immigrati, provenienti soprattutto dai paesi "extracomunitari" del terzo mondo.[68] Nel 1987, intanto, la DC si dichiarò non più disponibile a dare la fiducia a Craxi, obbligandolo a lasciare la presidenza del Consiglio a Giovanni Goria, uomo di Ciriaco De Mita: questi, avversario di Craxi, era espressione dell'ala sinistra della DC e favorevole all'antico progetto di alleanza consociativa tra DC e PCI.[69] Di fronte al pericolo di perdere peso e visibilità nell'ambito della spartizione dei posti di potere, che vedeva ad esempio l'assegnazione delle tre reti pubbliche della televisione non solo ai due partiti di maggioranza, ma anche al PCI, Craxi diede vita a una politica movimentista di piazza, antagonista alla DC. Tra i risultati di queste iniziative vi furono i referendum del 1987 a favore della punibilità civile dei magistrati (vanificato in seguito dalla legge Vassalli)[70] e quello sul "nucleare" che riscosse molti consensi sull'onda emotiva del disastro di Černobyl' decretando l'abolizione della produzione di energia nucleare in Italia.

Quando poi nel 1988 lo stesso De Mita succedette a Goria alla guida del governo, Craxi sfruttò il malcontento di diversi settori della destra democristiana, formando contro di lui una solida alleanza insieme ad Andreotti e Forlani, ribattezzata C.A.F. (dalle iniziali dei cognomi dei tre protagonisti), che prevedeva una loro alternanza al governo con programmatica esclusione della sinistra estrema.

Il passaggio agli anni '90[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Accordi di Schengen.
Giulio Andreotti

Il CAF costrinse ben presto alle dimissioni De Mita, che fu sostituito nel 1989 da Andreotti. La solidità del patto Craxi-Andreotti-Forlani suscitò tuttavia una sensazione di immobilismo, dando l'impressione che i politici si accordassero tra loro indipendentemente dal resto del paese. Ciò nonostante, dal governo Andreotti furono avviate alcune importanti riforme economiche come l'apertura agli investimenti privati nelle università,[71] e soprattutto l'adesione al trattato di Maastricht, che nel 1992 avrebbe aperto il mercato italiano alla libera concorrenza internazionale, rendendo obsoleto il sistema economico basato sul consociativismo e le partecipazioni statali su cui si era retto fino allora.[72]

Francesco Cossiga, Presidente della Repubblica dal 1985 al 1992

La caduta del muro di Berlino, che assunse il significato ideale di un crollo dell'alternativa al capitalismo, portò ad un'accelerazione degli eventi politici. Con la fine della guerra fredda caddero in molti elettori moderati le ragioni per votare democristiano in funzione anticomunista; cominciarono così a crescere nuovi movimenti post-ideologici come la Lega Nord che contestavano la partitocrazia. Il PCI deliberò il proprio scioglimento, attuando una revisione ideologica che si protrarrà attraverso varie tappe fino al 1998. Con la crisi dei partiti tradizionali crebbe anche il ruolo supplente del presidente della Repubblica Francesco Cossiga, che iniziò sempre più a intervenire nella vita politica con pubbliche dichiarazioni e prese di posizione volutamente provocatorie, per stimolarne un cambiamento. Autodenunciatosi alla magistratura come referente politico di Gladio, egli avvertiva che la fine della guerra fredda e della contrapposizione tra i due blocchi internazionali avrebbe determinato lo "scongelamento" del sistema politico italiano, rimasto da sempre bloccato da una paralisi consociativa dovuta alla cinquantennale presenza al suo interno del più grande partito comunista d'Occidente.[73]

La revisione ideologica del PCI, che scelse di chiamarsi Partito Democratico della Sinistra, non condusse tuttavia ad un avvicinamento al PSI, per via del rapporto travagliato tra i due partiti che si era andato logorando lungo tutti gli anni ottanta;[74] restava dunque ancora lontana la costruzione di un blocco di sinistra alternativo alla DC, e con essa la possibilità di uscire dalla paralisi consociativa del sistema. In occasione della Guerra del Golfo del 1991, a cui l'Italia partecipò con proprie forze militari sotto l'egida dell'ONU, il neonato PDS si schierò contro la guerra in antitesi all'orientamento della comunità internazionale, attirandosi così le critiche, da parte di Craxi, di aver attuato una svolta filo-occidentale poco credibile.[75]

Nel giugno dello stesso anno, intanto, l'emergente leader Mariotto Segni propose dei referendum per abolire il voto proporzionale, ritenuto una delle cause della paralisi del sistema: il primo passo in questa direzione fu la proposta di introduzione della preferenza unica, che ebbe notevole successo ai referendum del giugno 1991.

Mani pulite e la stagione delle stragi mafiose[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tangentopoli e Bombe del 1992-1993.
Antonio Di Pietro, il magistrato più famoso dell'inchiesta Mani pulite

In vista delle elezioni dell'aprile 1992 crebbe fortemente il tasso di faziosità generale, soprattutto a livello mediatico, dove nella rete controllata dal Pds le trasmissioni condotte da Michele Santoro, a cui si aggiunsero quelle di Gad Lerner, riscossero sempre più successo nel presentare un paese allo sfascio e nel rivolgere attacchi senza precedenti al pentapartito.[76]

Si assistette inoltre a un coinvolgimento sempre più accentuato nell'agone politico di diversi settori della società civile, come il capo dello Stato, gli organi di stampa, Confindustria, e soprattutto la magistratura, rimasti fino allora neutrali.[76]

Nel 1992 le indagini della magistratura milanese, dette "di Mani pulite", sul fenomeno dilagante delle tangenti (da cui il nome dello scandalo chiamato appunto "Tangentopoli"), portarono alla scoperta di numerosi intrecci irregolari tra politica e affari,[77] originati da un consociativismo patologico.[78] Furono colpiti quasi solamente esponenti del pentapartito, ossia delle forze politiche di maggioranza che fino allora erano state al governo. Fu per questo che Craxi, uno dei principali imputati, in un discorso al Parlamento chiamò in correità anche i partiti dell'opposizione, dichiarando «spergiuro» chi avesse negato di non aver fatto ricorso al finanziamento illecito dei partiti.[79][80]

Sul piano economico, intanto, l'Italia subì una pesante crisi finanziaria: nel 1992 la lira venne svalutata e uscì dal Sistema monetario europeo avendo superato i margini di fluttuazione consentiti. Cresceva anche il debito pubblico, salito costantemente sin dagli anni settanta per il vertigionoso aumento della spesa pubblica (quasi raddoppiata dal 1960)[81] causato da un oneroso sistema di Stato sociale e dall'attuazione di politiche keynesiane di sostegno alla produzione.[82][83] Se negli anni settanta il peso del debito era stato mitigato dalla forte inflazione, negli anni ottanta era andato fuori controllo per l'avvenuta separazione tra Ministero del Tesoro e Banca d'Italia, fino a raggiungere il 121,8% nel 1994,[84] alimentato dal circolo vizioso della spesa per interessi passivi sui titoli di stato.[85][86]

Nelle elezioni politiche del 5 aprile 1992 la DC ottenne il minimo storico dei suffragi pur conservando la maggioranza relativa, PDS e PRC assommati ricevettero molti meno voti del vecchio PCI, mentre gli altri partiti di governo rimasero pressoché stabili nelle preferenze; la Lega Nord ottenne un risultato sorprendente vincendo in numerosi collegi settentrionali e ottenendo quasi il 9% a livello nazionale. Anche la Rete e i Verdi riuscirono a fare eleggere alcuni loro candidati: conseguenza del voto fu un parlamento molto frammentato e senza una maggioranza robusta. Quando, a maggio, le Camere appena riunite furono chiamate a votare il nuovo Presidente della Repubblica, le votazioni si tennero in un clima di caos totale (in quegli stessi giorni avvenne la strage di Capaci, in cui rimasero uccisi il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e tre agenti di scorta) e fu affossata dapprima la candidatura di Arnaldo Forlani, poi quella di Giulio Andreotti. Alla fine, fu eletto il democristiano Oscar Luigi Scalfaro, che si rifiutò di concedere incarichi ai politici vicini agli inquisiti: Craxi, che aspirava a tornare alla presidenza del Consiglio, dovette rinunciare in favore di Giuliano Amato, che varò una finanziaria molto onerosa, detta di «lacrime e sangue», mentre le forze del pentapartito crollavano sotto i colpi dell'inchiesta "Mani Pulite", che portò alle dimissioni degli allora ministri Claudio Martelli (PSI), Francesco De Lorenzo (PLI), Giovanni Goria (DC) e Franco Reviglio (PSI), raggiunti dagli avvisi di garanzia. In seguito alla strage di via d'Amelio (19 luglio), in cui rimasero uccisi il giudice Paolo Borsellino e cinque agenti di scorta, il Governo Amato fu costretto a dare il via all'"Operazione Vespri siciliani", con cui vennero inviati 7000 uomini dell'Esercito in Sicilia per presidiare gli obiettivi sensibili, e dispose inoltre il trasferimento in blocco di circa cento detenuti mafiosi nelle carceri dell'Asinara e di Pianosa per isolarli dal mondo esterno[87].

Il 18 aprile 1993 i nuovi referendum voluti da Mario Segni, forte del successo del 1991, sancirono la fine del proporzionale e l'introduzione del Mattarellum, cioè di un sistema di voto in gran parte maggioritario, che spingendo i partiti ad accorparsi in coalizioni avrebbe segnato la fine di un'epoca. Dinanzi ai nuovi scenari Amato rassegnò le dimissioni e subentrò un governo guidato per la prima volta non da un parlamentare ma da un tecnico indipendente, Carlo Azeglio Ciampi, che avrebbe traghettato il sistema verso la seconda repubblica. Nel maggio-luglio 1993 alcuni attentati dinamitardi a Roma, Firenze e Milano provocarono in tutto dieci morti, un centinaio di feriti e numerosi danni al patrimonio artistico italiano: tale strategia si collocava nell'ambito della feroce risposta di Cosa Nostra all'applicazione di nuovi strumenti legislativi per la lotta alla mafia (articolo 41 bis, legge sui collaboratori di giustizia)[88]. Nello stesso periodo scoppiò anche lo "scandalo SISDE", relativo alla gestione di fondi riservati, che arrivò a coinvolgere il Presidente della Repubblica Scalfaro[89].

Seconda Repubblica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Seconda Repubblica (Italia).

Il nuovo panorama politico[modifica | modifica sorgente]

Nel vuoto politico dello schieramento moderato, derivante dalla disintegrazione dell'ordine precedente, emerse un nuovo partito fondato dall'imprenditore Silvio Berlusconi, Forza Italia, che si poneva come alternativa al vecchio sistema pur inglobando alcuni dei suoi protagonisti, e ottenne un forte successo alle elezioni del 1994, con due distinte coalizioni, al Nord con la Lega Nord, e al Centro-Sud con il MSI, in procinto di sciogliersi dentro Alleanza Nazionale. Della coalizione facevano parte anche il CCD e partiti minori. Le due coalizioni ottennero la maggioranza assoluta alla Camera, ma non al Senato.

Berlusconi e Prodi[modifica | modifica sorgente]

Romano Prodi, leader del centro-sinistra Romano Prodi, leader del centro-sinistra
Romano Prodi,
leader del centro-sinistra
Silvio Berlusconi,
leader del centro-destra

In questa fase, definita "Seconda Repubblica", si consolida il principio del bipolarismo e l'alternanza fra i governi dei due schieramenti di centro-sinistra e centro-destra: dal 1996 al 2001 i governi dell'Ulivo, dal 2001 al 2006 quelli della Casa delle Libertà e dal 2006 quello dell'Unione, una nuova coalizione dei partiti di centro-sinistra. Risale a questi anni l'entrata in vigore dell'euro.

Con le nuove elezioni indette dopo la caduta del governo dell'Unione, il 13 e il 14 aprile 2008 salì di nuovo al governo la coalizione di centro-destra, composta dal PdL (Popolo della Libertà, risultato della lista unica di candidati tra FI, AN e altri partiti minori), dalla Lega Nord e dal Movimento per le Autonomie. All'opposizione vi era la coalizione formata da PD (nato dalla fusione tra il PDS e la sinistra democristiana) e Italia dei Valori, oltre all'UdC (Unione di Centro), mentre rimasero esclusi dal parlamento i comunisti provenienti dalla Rifondazione seguita allo scioglimento del PCI nel 1991 (riuniti ne La Sinistra - l'Arcobaleno) assieme alla Federazione dei Verdi, anch'essa rimasta fuori dal Parlamento.

Nel 2010, in seguito a vari dissensi coi vertici del partito, l'ex leader di AN Gianfranco Fini uscì dal Popolo della Libertà insieme ad altri parlamentari.

Con l'uscita di Fini dalla maggioranza che sosteneva il governo Berlusconi, si ebbe l'indebolimento del governo e ciò unito a una spaventosa crisi finanziaria, portò infine alla caduta del governo nel novembre 2011 e all'insediamento del tecnico indipendente Mario Monti alla presidenza del Consiglio, il quale si dimetterà un anno più tardi, nel dicembre 2012, poco prima dello scadere della legislatura. Con le elezioni politiche del 24 e 25 febbraio 2013 la coalizione di centrosinistra guidata da Bersani, segretario del PD, aveva ottenuto la maggioranza in parlamento, ma non riuscì ad ottenere la maggioranza assoluta (50%+1 dei voti) per governare, e dunque il Paese si trovava in una situazione di ingovernabilità. Il 24 aprile 2013 Enrico Letta, membro del PD, riceve l'incarico come presidente del Consiglio dei ministri dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, incarico che accetta con riserva, che scioglierà positivamente il 27 aprile; lo stesso giorno presenta la lista dei ministri al Presidente della Repubblica. Il 28 aprile giura fedeltà alla Costituzione dinanzi a Napolitano.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L'età dell'imperialismo e la Prima guerra mondiale, La biblioteca di Repubblica, 2004, p.683, ISBN =.
  2. ^ Puntata di "La grande storia" dal titolo "Casa Savoia" andata in onda su Rai Tre
  3. ^ LA PATRIA DEL FRIULI mercoledì 30 dicembre 1931
  4. ^ G. Mortara, La Salute pubblica in Italia durante e dopo la Guerra, Yale University Press, New Haven, 1925.
  5. ^ D. A. Glei S. Bruzzone G. Caselli, The effects of war losses on mortality estimates for Italy - A first attempt (L'effetto delle perdite di guerra nella stima della mortalità in Italia - Un primo tentativo) The effects of war losses on mortality estimates for Italy
  6. ^ Dati Censimento Istat
  7. ^ Langer, William L. ed., An Encyclopaedia of World History. Houghton Mifflin Company, Boston, 1948, p. 990.
  8. ^ Da “Tesi on-line
  9. ^ Antonicelli, Franco. Trent'anni di storia italiana 1915 - 1945 p. 67
  10. ^ Mockler, Anthony. Haile Selassie's War: The Italian-Ethiopian Campaign, 1935-1941pag. 48
  11. ^ Angelo Del Boca. Italiani, brava gente?, Editore Neri Pozza, 2005.
  12. ^ Angelo Del Boca. A un passo dalla forca. Atrocità e infamie dell'occupazione italiana della Libia nelle memorie del patriota Mohamed Fekini, Baldini Castoldi Dalai, 2007
  13. ^ a b La seconda guerra mondiale e il dopoguerra, La biblioteca di Repubblica, 2004, p.147, ISBN =.
  14. ^ La seconda guerra mondiale e il dopoguerra, La biblioteca di Repubblica, 2004, p.194, ISBN =.
  15. ^ en.wiki/Italian Social Republic
  16. ^ C. Pavone, Una guerra civile, pp. 169-412; G. Oliva, La resistenza, passim.
  17. ^ Giulio De Martino, La mente storica: orientamenti per la didattica geo-storico-sociale, Liguori Editore Srl, 2005, ISBN 88-207-3905-4
  18. ^ Secondo il rapporto Morti e dispersi per cause belliche negli anni 1940-45,compilato nel 1957 da Roma: Istituto Centrale Statistica i morti militari furono 291.376, di cui 204.346 prima dell'armistizio (66.686 morti in battaglia o per ferite, 111.579 dispersi certificati morti e 26.081 morti per cause non belliche) e 87.030 dopo l'armistizio (42.916 morti in battaglia o per ferite, 19.840 dispersi certificati morti e 24.274 morti per cause non belliche), i prigionieri morti sono inclusi in questo elenco. I civili morti sono stati 153.147 (123.119 dopo l'armistizio) inclusi 61.432 in attacchi aerei (42.613 dopo l'armistizio). Per ulteriori approfondimento si veda qui. A questi vanno aggiunti 15.000 soldati africani coscritti. Sono incluse le 64.000 vittime delle repressioni e genocidi nazisti (tra cui 30.000 prigionieri). I morti militari dopo l'armistizio includono 5.927 schierati con gli alleati, 17.166 partigiani e 13.000 della Repubblica Sociale Italiana. 1.000 persone del popolo rom e 8.562 ebrei morirono.
  19. ^ A tutt'oggi non vi è accordo fra gli storici su una più accurata valutazione del numero di profughi Sintesi di un testo di Ermanno Mattioli e Sintesi di un testo dello storico Enrico Miletto
  20. ^ a b I vincoli del consociativismo, articolo di Piero Melograni, Il Sole 24 ore, 1999.
  21. ^ Alberto Ronchey usò l'espressione «fattore K» per indicare l'impedimento del PCI ad avere accesso al governo per la logica dei blocchi contrapposti, cfr. La sinistra e il fattore K, articolo sul Corriere della Sera, 1979, richiamato da Quel che resta del fattore K, archivio del Corriere della Sera, 2006.
  22. ^ a b Storia della Prima Repubblica, parte II, Le elezioni del 48, a cura di Paolo Mieli, 3D produzioni video e Istituto Luce.
  23. ^ articolo di Lucio Colletti, archivio del Corriere della Sera, 1993.
  24. ^ «Ritornando al terrorismo contro i fascisti della Rsi, è d'obbligo dire che sarà questa la forma di lotta che i comunisti continueranno a praticare durante l'intera guerra civile e nei primi anni del dopoguerra, sino alla fine del 1948» (G. Pansa, I vinti non dimenticano, pag. 16, Rizzoli, Milano 2010 ISBN 978-88-17-04976-4).
  25. ^ Aldo G. Ricci, «I timori di guerra civile nelle discussioni dei governi De Gasperi», in AA.VV., L'influenza del comunismo nella storia d'Italia, Rubbettino, 2008.
  26. ^ Quella sottile linea rossa. L'attentato a Palmiro Togliatti, a cura di G. Calore, 14 aprile 2010.
  27. ^ A. Ciaralli, "Liberare le carceri, arrestare treni e tram". Il "Piano K", un documento dell'attività insurrezionale del PCI?, in Segni per Armando Petrucci, Roma 2002, pp. 60-119; cfr. anche Carlo Maria Lomartire, Insurrezione. 14 luglio 1948: l'attentato a Togliatti e la tentazione rivoluzionaria.
  28. ^ Marco Innocenti, 14 luglio 1948: l'attentato a Togliatti, da un inserto de Il Sole 24 Ore.
  29. ^ Paola Di Biagi, La grande ricostruzione, in "Saggi, Storia e scienze sociali", Corriere della Sera, 2001.
  30. ^ a b Corrado Barberis Teoria e storia della riforma agraria Firenze, Vallecchi, 1957
  31. ^ M. Innocenti, 5 marzo 1953: la morte di Stalin, inserto del Sole 24 Ore.
  32. ^ Piero Angela, La sfida del secolo, Mondadori, 2006.
  33. ^ Indro Montanelli, L'Italia dei due Giovanni, Milano, Rizzoli editore, 1989, pag. 130. Cfr. anche Piero Ignazi, Il polo escluso. Profilo del Movimento Sociale Italiano, Bologna, Il Mulino, 1989, pag. 93.
  34. ^ «[Craxi] non ritenne di dover discriminare nessuno, e decise di consultare, quando formò il suo primo governo, anche il segretario del MSI Almirante, e fu la prima volta che accadeva» (Mauro Del Bue, Il socialismo liberale da Rosselli a Craxi, 2006)
  35. ^ SCUOLA/ Ha ragione Obama, c����� una crisi peggiore di quella economica del 2008 | pagina 3.
  36. ^ Elenco morti e feriti del Vajont sul sito ufficiale del Comune di Longarone.
  37. ^ Salvatore Sechi, Compagno cittadino. Il PCI tra via parlamentare e lotta armata, Rubbettino, 2006, ISBN 978-88-498-1108-7, alle pagg. 148, 152, 275.
  38. ^ S. Acquaviva, Guerriglia e guerra rivoluzionaria in Italia, Milano, Rizzoli, 1979.
  39. ^ Cfr. anche M. Brambilla, Dieci anni di illusioni. Storia del Sessantotto, Milano, Rizzoli, 1994.
  40. ^ «Avete facce di figli di papà. Buona razza non mente. Avete lo stesso occhio cattivo. Siete paurosi, incerti, disperati (benissimo) ma sapete anche come essere prepotenti, ricattatori e sicuri: prerogative piccoloborghesi, amici. Quando ieri a Valle Giulia avete fatto a botte coi poliziotti, io simpatizzavo coi poliziotti! Perché i poliziotti sono figli di poveri. Vengono da periferie, contadine o urbane che siano» (Pasolini, dal testo della poesia Il PCI ai giovani!!).
  41. ^ «Praga è sola» fu il titolo emblematico di quella rivista in occasione dei fatti di Praga.
  42. ^ Comunismo e ironia. Il Manifesto fa quaranta, articolo di Fabio Martini su La Stampa, 28 aprile 2011.
  43. ^ a b Storia della Prima Repubblica, parte V, Il 68 e gli Anni di Piombo, a cura di Paolo Mieli, 3D produzioni video e Istituto Luce.
  44. ^ Le piazze contrapposte, L'Italia tra libertà e unità, saggio storico di Alberto Servidio.
  45. ^ a b I tre anni che sconvolsero l'Italia Corriere della Sera, 16 novembre 2009
  46. ^ E la Cia disse: sì al golpe Borghese ma soltanto con Andreotti premier - La Repubblica.it
  47. ^ Strategia della tensione in Enciclopedia Treccani
  48. ^ a b Cfr. l'Intervista a Mario Scialoja, tratta da Gilberto Mastromatteo, Quando i media staccano la spina, Prospettiva Editrice, ISBN 978-88-7418-152-0.
  49. ^ Piero Fassino, uno dei dirigenti del PCI in quegli anni, ricorda in proposito: «A volte, le nostre intenzioni erano confuse. Mentre alcuni compagni pensavano a una congiura di forze reazionarie, in altri la condanna del terrorismo era, come dire?, soltanto tattica. Secondo questi ultimi compagni, il terrorista sbagliava unicamente perché la forma di lotta che aveva scelto era "controproducente" e faceva il gioco del padrone. Mancava in molti di noi un giudizio negativo della violenza, da rifiutare sempre, in sé e per sé. E c'erano anche, guai a non riconoscerlo!, gruppi sia pure isolati di nostri compagni che dicevano di certe vittime: "Gli sta bene!". Accadde, ad esempio, per il sequestro Amerio. Quest'ultima posizione si espresse nella formula: "I terroristi sono compagni che sbagliano". Lo slogan imperversò per un paio d'anni, fino al 1977, contrapponendosi alla tesi della congiura» (da un'intervista tratta da Bruno Vespa, Vincitori e vinti, pag. 338-339, Mondadori, Milano 2005, ISBN 88-04-54866-5.
  50. ^ «Chiunque sia stato comunista negli anni cinquanta riconosce di colpo il nuovo linguaggio delle BR. Sembra di sfogliare l'album di famiglia: ci sono tutti gli ingredienti che ci vennero propinati nei corsi Stalin e Ždánov di felice memoria. Il mondo, imparavamo allora, è diviso in due. Da una parte sta l'imperialismo, dall'altra il socialismo. L'imperialismo agisce come centrale unica del capitale monopolistico internazionale (allora non si diceva "multinazionali"). Gli Stati erano il "comitato d'affari" locale dell'imperialismo internazionale. In Italia il partito di fiducia - l'espressione è di Togliatti - ne era la DC. In questo quadro, appena meno rozzo e fortunatamente riequilibrato dalla "doppiezza", cioè dall'intuizione del partito nuovo, dalla lettura di Gramsci, da una pratica di massa diversa, crebbe il militarismo comunista degli anni cinquanta. Vecchio o giovane che sia il tizio che maneggia la famosa IBM, il suo schema è veterocomunismo puro. Cui innesta una conclusione che invece veterocomunista non è: la guerriglia» (R. Rossanda, Il discorso sulla Dc, articolo apparso in prima pagina sul Manifesto, il 28 marzo 1978).
  51. ^ Cfr. l'intervista a Berlinguer di Giampaolo Pansa, Berlinguer conta "anche" sulla NATO per mantenere l'autonomia da Mosca, articolo sul Corriere della Sera, 15 giugno 1976. I paesi membri della NATO non consideravano tuttavia il PCI un partito democratico e non lo ritenevano adatto a governare l'Italia né a fornire ministri ad un governo democristiano. Tale fu la posizione di netta condanna nei confronti del Partito Comunista Italiano emersa nel vertice G8 tenutosi a Porto Rico nello stesso anno.
  52. ^ Uno scandalo che a livello politico vedeva l'imputazione della DC da parte delle opposizioni, e a cui Aldo Moro aveva reagito dichiarando in maniera perentoria che il suo partito non si sarebbe fatto «processare nelle piazze» (dagli Atti parlamentari, VII legislatura, Parlamento in seduta comune, "Resoconto stenografico della seduta dal 3 all'11 marzo 1977", pag. 455).
  53. ^ New York Times obituary, 10 novembre 2001
  54. ^ Testo della lettera di pubbliche scuse di Pannella e Bonino a Leone
  55. ^ 1980, l’anno del Riflusso ci ha reso moderni.
  56. ^ Claudio Pavanello, Tutto sugli anni 80, Zoppelli e Lizzi, 2009.
  57. ^ Colarizi Simona e Gervasoni Marco, La cruna dell'ago. Craxi, il partito socialista e la crisi della Repubblica, Laterza 2006).
  58. ^ Alessio Altichieri, "Non ci sarà più un altro Pertini" la Voltolina ricorda il suo Sandro in Corriere della Sera, 24 aprile 1992. URL consultato il 10 febbraio 2009.
  59. ^ Francesco La Spina, Savona-Roma nel nome di Pertini in La Repubblica, 19 ottobre 2005. URL consultato l'11 febbraio 2009.
  60. ^ Giangiacomo Schiavi, Quel giorno Pertini mi disse - intervista a Enzo Biagi in Corriere della Sera, 23 aprile 2007. URL consultato il 10 febbraio 2009.
  61. ^ Storia della CGIL.
  62. ^ Ma tenero è il governo, articolo su La Repubblica, 27 ottobre 1989, pag. 2.
  63. ^ I missili a Comiso e la svolta del mondo.
  64. ^ Nell'immagine il gioco a premi Telemike condotto da Mike Bongiorno
  65. ^ V. Castronovo, Storia economica d'Italia, Einaudi, Torino 1995, pag. 515-517.
  66. ^ Patrizia Calefato, Mass moda. Linguaggio e immaginario del corpo vestito, Meltemi editore, Roma 2007, pag. 8.
  67. ^ L'Italia repubblicana nella crisi degli anni Settanta: culture, nuovi soggetti, identità, a cura di Fiamma Lussana e Giacomo Marramao, Rubbettino, Soveria Mannelli 2003, pag. 294.
  68. ^ Immigrazione straniera in Italia.
  69. ^ Giuseppe Sangiorgi, Piazza del Gesù. La Democrazia Cristiana negli anni Ottanta: un diario politico, Mondadori, 2005, pagg. 435-437, in Colarizi, La cruna dell'ago, op. cit., pag. 217.
  70. ^ Ripartiamo dalla responsabilità civile dei magistrati, articolo su L'Occidentale, 2011.
  71. ^ Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca.
  72. ^ La nuova Europa, da Maastricht all'euro, su Corriere.it/story.
  73. ^ Paolo Guzzanti, Cossiga uomo solo, Mondadori, 1991 ISBN 88-04-35273-6.
  74. ^ Colarizi e Gervasoni, op. cit., pagg. 229-233.
  75. ^ Craxi, Tre gravi errori, articolo su L'Avanti! del 1º febbraio 1991.
  76. ^ a b Colarizi e Gervasoni, op. cit., pagg. 258-259.
  77. ^ "Tangentopoli" in vocabolario Treccani.
  78. ^ Melograni, Il disastro italiano in 14 punti, articolo su Mondo economico, 10 ottobre 1993.
  79. ^ «I partiti, specie quelli che contano su apparati grandi, medi o piccoli, giornali, attività propagandistiche, promozionali e associative, e con essi molte e varie strutture politiche operative, hanno ricorso e ricorrono all'uso di risorse aggiuntive in forma irregolare od illegale. Se gran parte di questa materia deve essere considerata materia puramente criminale allora gran parte del sistema sarebbe un sistema criminale. Non credo che ci sia nessuno in quest'aula, responsabile politico di organizzazioni importanti che possa alzarsi e pronunciare un giuramento in senso contrario a quanto affermo: presto o tardi i fatti si incaricherebbero di dichiararlo spergiuro» (dal discorso di Craxi alla Camera del 3 luglio 1992).
  80. ^ Secondo Piero Fassino, in quell'occasione «non c'è dubbio che ci fu un silenzio assolutamente reticente e ambiguo da parte di tutta la classe politica davanti al discorso che Craxi fece alla Camera e nel quale disse con parole crude che il problema del finanziamento illegale non riguardava soltanto il PSI ma l'intero sistema politico» ("Bettino fu un capro espiatorio", intervista su La Stampa).
  81. ^ Università Cattolica del Sacro Cuore, La spesa pubblica in Italia: articolazioni, dinamica e un confronto con gli altri Paesi
  82. ^ Privilegia Ne Irroganto
  83. ^ Cfr. anche I vincoli del consociativismo, articolo di Piero Melograni, Il Sole 24 ore, 1999.
  84. ^ IMF World Economic Outlook - October 2009
  85. ^ «Vari fattori si sono accumulati [...] in seguito a spese e perdite immense: in particolare quelle degli anni Settanta, per mantenere il consenso politico e la pace sociale. [...] Tutti questi debiti sono stati man mano scaricati su BOT e CCT» (Piero Angela, A cosa serve la politica?, Milano, Mondadori, 2011, pag. 111).
  86. ^ Cfr. anche Gennaro Lettieri, Compendio di scienza delle finanze, Maggioli editore, 2011, pag. 245.
  87. ^ Esercito Italiano- "Vespri Siciliani"
  88. ^ Audizione del procuratore Sergio Lari dinanzi la Commissione Parlamentare Antimafia - XVI LEGISLATURA.
  89. ^ Quel «portafoglio» targato Sisde Corriere della Sera, 29 gennaio 2012

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]