Cultura del vaso campaniforme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diffusione della cultura del vaso campaniforme
Questa voce è parte della serie
Età dei metalli
Età della pietra

Età del rame

Metallurgia, Domesticazione del cavallo, ruota
Cultura del vaso campaniforme

Età del bronzo

Europa
Cultura di Unetice
Cultura dei campi di urne
Cultura di Hallstatt
Cultura Majkop
Età del bronzo scandinava
Età del bronzo atlantica
Carro, Spada nell'età del bronzo
Medio Oriente
Cultura Kura-Araxes
Cultura Trialeti

Età del ferro

Europa
Italia preistorica e protostorica
Medioevo ellenico
Cultura di La Tène
Cultura colchica
Cultura di Koban
Urartu
Asia
Achemenidi
Impero Maurya
Periodo dei regni combattenti
Periodo Yayoi
Stato Jin
Africa
Nok
Dinastia Zhou, Civiltà vedica, Storia dell'alfabeto

Storiografia

La cultura del vaso campaniforme (in inglese "Beaker culture") si riferisce a un periodo della tarda età del rame (2600 - 1900 a.C. circa[1]), in cui si diffuse questa tipologia di ceramica.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Sono molte le teorie sull'origine di questa cultura.[2] Una di queste vuole che la sua nascita sia avvenuta nella penisola iberica durante il calcolitico da dove si diffuse nel resto del continente, effettivamente recenti studi al radiocarbonio hanno dimostrato che i più antichi esempi di ceramiche campaniformi provengono dal territorio portoghese (2900 a.C.), dai siti di Zambujal e Vila Nova de Sao Pedro[3]. Marija Gimbutas la identificava invece come un'antica cultura indoeuropea, più precisamente proto-celtica;in questo contesto, l'archeologa lituana la fa derivare da culture dell'Europa centro-orientale kurganizzate da incursioni di tribù indoeuropee delle steppe. Così la Gimbutas descrisse la diffusione del campaniforme nell'ottica dell'espansione Kurgan:

« Il complesso del vaso campaniforme, una diramazione della cultura di Vučedol, continuò le caratteristiche dei Kurgan. Il popolo del vaso campaniforme della seconda metà del III millennio a.C. era composto da cavalieri vagabondi e da arcieri, nella stessa maniera dei loro zii e cugini: il popolo della ceramica cordata del nord Europa e il popolo della cultura delle catacombe della regione pontica settentrionale. La loro diffusione in Europa occidentale, dalle Isole britanniche alla Spagna, incluse le isole mediterranee occidentali, concluse il periodo di espansione e distruzione. »
(Marija Gimbutas[4])

David W. Anthony, nel 2007, riprendendo la tesi della Gimbutas, ha indicato la pianura ungherese (fortemente "kurganizzata", attorno al 3100 a.C., dalla terza ondata kurgan, costituita da immigrati provenienti dalle steppe che importarono la cultura di Jamna) come territorio d'origine della cultura del vaso campaniforme da dove si sarebbe espansa verso ovest[5].

Edward Sangmeister negli anni sessanta teorizzò che la prima espansione del vaso campaniforme partì dal Portogallo e si diresse verso nord lungo la costa atlantica raggiungendo i Paesi Bassi e l'Europa centrale; in seguito, dopo essersi "fusa" con la cultura della ceramica cordata, avvenne un movimento di riflusso (Ruckstrom) verso ovest di questa cultura a partire dalla Germania[6].

Negli anni settanta Lanting e Van der Waals hanno proposto invece una cronologia per lo sviluppo della cultura del vaso campaniforme direttamente dalle prime forme della cultura dell'ascia da battaglia e dalla cultura del bicchiere imbutiforme, presenti precedentemente nell'area olandese (il cosiddetto Dutch Model)[7][1].

Vasellame

Data l'inusuale forma del vasellame e la comparsa ex abrupto delle attestazioni archeologiche, la spiegazione tradizionale per l'apparizione della cultura del vaso campaniforme è stata quella della diffusione di un gruppo di persone attraverso l'Europa. Agli inizi del XX secolo, queste terrecotte furono viste come elemento di un popolo che, attraverso continue invasioni, portò con sé la lavorazione dei metalli e nuovi usi funerari, sostituendo la precedente popolazione europea del primo Neolitico.

Attualmente si pensa che la diffusione di questo fenomeno culturale in una regione così vasta dell'Europa sia attribuibile a diversi fattori (flussi migratori, scambi commerciali)[1].

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Il vaso campaniforme si diffonde in Europa tra l'età del rame e l'antica Età del Bronzo (fine III - inizio II millennio a.C.). L'espressione fu coniata da John Abercromby per definire una tipologia di oggetti in terracotta, la cui forma ricordava quella di una campana rovesciata.

La decorazione dei vasi presenta numerose varianti, anche se è caratterizzata da fini decorazioni ottenute con tecniche diverse: cordicella, pettine, conchiglia.

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Questa cultura è attestata nelle odierne Portogallo, Spagna, Italia insulare e centro-settentrionale, Francia (escluso il Massiccio centrale), Gran Bretagna e Irlanda, Paesi Bassi, Germania tra l'Elba e il Reno, con un'estensione lungo l'alto corso del Danubio nel bacino di Vienna (Austria) e Ungheria (isola Czepel).

Italia continentale[modifica | modifica wikitesto]

Nella penisola le aree più interessate sono la pianura padana, in particolare la zona del lago di Garda, e la Toscana. I vasi campaniformi appaiono in questi territori dell'Italia centro-settentrionale come "elementi estranei" inseritisi nelle pre-esistenti culture di Remedello e del Rinaldone[8]. Per quanto riguarda l'aspetto funerario, numerosi sepolcri sono stati scoperti soprattutto nel bresciano, ad esempio, a Ca' di Marco e a Santa Cristina di Fiesse, mentre, nell'Italia centrale, bicchieri campaniformi sono stati rinvenuti nella tomba di Fosso Conicchio (VT)[9].

Sardegna[modifica | modifica wikitesto]

Vasi campaniformi e brassard dalla tomba di Marinaru (SS)
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cultura del vaso campaniforme in Sardegna.

Verso la fine del III millennio a.C., anche la Sardegna venne investita dalla corrente culturale campaniforme. Fu una cultura di apporto esterno, le cui popolazioni vissero mischiate con popoli di altre culture. Fu presumibilmente composta da una società guerriera, a giudicare dai ritrovamenti nei sepolcri delle domus de janas di armi ed equipaggiamenti bellici, come i braccioli di pietra levigata che i guerrieri indossavano per attutire il rinculo dell'arco, noti come brassard (bracciali da arciere), insieme a caratteristiche collane di conchiglie o denti di animale. Usavano inoltre pugnali di rame, bracciali e anelli. Per la prima volta in Sardegna appaiono manufatti in oro (Tomba Bingia 'e Monti- Gonnostramatza). Anche in queste fasi, i protosardi continuano a utilizzare le necropoli a domus de janas per le loro sepolture, ma è documentata anche l'inumazione entro cista litica (Santa Vittoria-Nuraxinieddu).

Sicilia[modifica | modifica wikitesto]

Il campaniforme venne introdotto in Sicilia dalla Sardegna e si diffuse principalmente nella parte nord-occidentale e sud-occidentale dell'isola. Nell'area nord-occidentale e nel Palermitano mantenne pressoché integre le sue caratteristiche culturali e sociali, mentre nella parte sud-occidentale vi fu una forte integrazione con le culture locali[10]. L'unico esemplare di bicchiere campaniforme noto per la Sicilia orientale venne rinvenuto a Siracusa[11].

Set campaniforme[modifica | modifica wikitesto]

Brassard, pugnale, punte di freccia

Oltre al vaso a forma di campana, nei vari siti associati al campaniforme è spesso riscontrabile un tipico "set" o "pacchetto", composto da un bracciale da arciere, punte di freccia in selce, bottoni in osso a V, pugnali in rame e vari ornamenti, come collane di conchiglie o zanne di cinghiale.

Migrazione vs. acculturazione[modifica | modifica wikitesto]

Vere Gordon Childe ha descritto la gente del vaso come:

« una popolazione di invasori dediti alla guerra, dalle abitudini autoritarie e con una predilezione per le armi di metallo e gli ornamenti, che li hanno spinti a imporre un'unità politica sui loro nuovi domini sufficiente per una certa unificazione economica. »

Tuttavia, non è necessario pensare a una correlazione fra una cultura archeologica e un gruppo etnico. Del resto, la cultura materiale e le innovazioni tecnologiche possono diffondersi indipendentemente dal movimento di un popolo. Dunque, il punto di vista di Childe appare oggi errato, basato su correlazioni erronee e conoscenze limitate, mentre l'assunto di un'invasione del popolo del vaso è considerato come un tentativo di attribuire i numerosi cambiamenti culturali a una causa precisa.

Altri archeologi, notando che la distribuzione delle coppe era più ampia nelle zone degli itinerari di trasporto, compresi i luoghi di guado, le valli fluviali e i passi montani, hanno suggerito che lo stile pan-europeo della coppa sia stato portato in origine da commercianti di bronzo, che poi si depositò presso le locali culture neolitiche o primo-calcolitiche, da cui emersero stili locali.

Oggi molti archeologi pensano che il popolo del vaso non sia mai esistito come gruppo e che la cultura del vaso campaniforme sia stata solo il frutto della diffusione in Europa di conoscenze manifatturiere non connesse con un popolo. Queste conoscenze potrebbero essere giunte attraverso l'influenza di popoli vicini, piuttosto che come conseguenza di un movimento migratorio. Questa cultura potrebbe, ad esempio, essere correlata alla produzione e al consumo di birra (come sembrerebbero suggerire anche studi palinologici su pollini), o a legami commerciali marittimi con l'Europa atlantica.

La teoria che esclude un'invasione fu proposta per la prima volta da Colin Burgess e Steve Shennan attorno alla metà degli anni settanta del XX secolo, e oggi l'ipotesi più diffusa è quella di popoli indigeni europei che hanno adottato e adattato in modi diversi nuove conoscenze, dando così vita alla cultura del vaso campaniforme.

Recenti analisi su 86 individui di questa cultura provenienti da sepolture bavaresi suggeriscono, tuttavia, che tra il 18 e il 25 per cento di queste sepolture erano occupate da individui provenienti da zone molto lontane da quest'area. Ciò attesterebbe l'esistenza di un notevole movimento migratorio dal nord-est al sud-ovest.[12]

Un altro studio effettuato sull'arciere di Amesbury, il cosiddetto "Re di Stonehenge", per via della vicinanza del suo sepolcro al famoso sito inglese e per lo sfarzo del suo corredo funerario (comprendente vasi campaniformi di raffinata qualità, pugnali, punte di freccia e oggetti in oro), ha stabilito che il defunto proveniva da una regione fredda dell'Europa centrale. Il caso dell'arciere di Amesbury è utilizzato come esempio dai sostenitori della tesi migrazionista.

Usi funerari[modifica | modifica wikitesto]

La cultura del vaso campaniforme aveva una sua sepoltura tipica, la cosiddetta "cista litica monosoma" presente in tutte le zone dell'Europa in cui si diffuse questa cultura. Il defunto veniva sepolto in posizione rannicchiata, con lo sguardo rivolto verso est, sovente con un corredo di armi e con l'immancabile vaso campaniforme. La grande ricchezza dei corredi funerari riscontrata in alcune sepolture ha fatto supporre che esistesse già una qualche forma di stratificazione sociale. Nelle sepolture campaniformi prevale il rito dell'inumazione, anche se sono stati registrati alcuni casi di cremazione del defunto.

Antropologia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Studi craniometrici effettuati in passato dimostrarono che il popolo del vaso campaniforme apparteneva a un tipo fisico differente rispetto a quello delle genti native delle aree colonizzate. Secondo queste indagini, il popolo del vaso campaniforme era di alta statura, possedeva una corporatura robusta e un cranio brachicefalo. A partire dagli anni Sessanta, l'ipotesi migratoria venne scartata, anche se recenti studi hanno cautamente confermato le prime ipotesi che teorizzavano una migrazione di questo popolo che portò con sé nei nuovi territori le proprie abilità metallurgiche, tecniche agricole e pratiche religiose[13][14][15].

il sito di Stonehenge.
Ricostruzione del sito di Los Millares.

Siti di rilievo[modifica | modifica wikitesto]

  • Molenaarsgraaf (Olanda)
  • Schafstad (Germania)
  • Brandvsek (Boemia)
  • Avebury, Stonehenge (Gran Bretagna)
  • Le Petit Chasseur (Svizzera)
  • Embusco, Camp de Laure (Francia)
  • Los Millares, Fuente Olmedo (Spagna)
  • Zambujal, Vilanova de Sao Pedro (Portogallo)
  • New Grange (Irlanda)
  • Querciola (Toscana)
  • Bingia 'e Monti (Sardegna)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c J.P.Mallory - Encyclopedia of the Indoeuropean cultures. - "Beaker culture" pg. 53-54-55
  2. ^ Natasha Grace Bartels, 'Beaker Problem', University of Albeda, Department of Anthropology, 1998 [1]
  3. ^ Humphrey Case, Beakers and the Beaker Culture in Christopher Burgess, Peter Topping e Frances Lynch (a cura di), Beyond Stonehenge: Essays on the Bronze Age in honour of Colin Burgess, Oxford, Oxbow, 2007, pp. 237–254, ISBN 978-1-84217-215-5.
  4. ^ [2] Frase di Maria Gimbutas estrapolata da: Archaeology and language di Colin Renfrew, cap 3: Lost languages and forgotten scripts: The Indoeuropean languages, Old and New.
  5. ^ David W. Anthony - The Horse, The Wheel and Language pg.367
  6. ^ Sangmeister E. (1963) – « Exposé sur la civilisation du vase campaniforme », in: Les civilisations atlantiques du Néolithique à l'Âge du Fer, Actes du Premier Colloque Atlantique, Brest 1961, Rennes: Laboratoire d’anthropologie préhistorique, 1963, p. 25-56.
  7. ^ Lanting, J.N. & J.D. van der Waals, (1976), "Beaker culture relations in the Lower Rhine Basin" in Lanting e (Eds) "Glockenbechersimposion Oberried l974". Bussum-Haarlem: Uniehoek n.v.
  8. ^ Le grandi avventure dell'archeologia VOL. 5: Europa e Italia protostorica - Curcio editore, pp. 1585-1586
  9. ^ Il complesso culturale di "Fosso Conicchio" (Viterbo)
  10. ^ Sebastiano Tusa, p. 310.
  11. ^ Sebastiano Tusa, p. 311, fig. 52.
  12. ^ Price, T. Douglas; Grupe, Gisela and Schröter, Peter "Migration in the Bell Beaker period of Central Europe.
  13. ^ Anthropological sketch of the prehistoric population of the Carpathian Basin - Zsuzsanna K. Zoffmann, Acta Biol Szeged 44(1-4):75-79, (2000)
  14. ^ A Test of Non-metrical Analysis as Applied to the 'Beaker Problem' - Natasha Grace Bartels,University of Albeda, Department of Anthropology, 1998 [3]
  15. ^ A. Gallagher, M.M. Gunther and H. Bruchhaus, Population continuity, demic diffusion and Neolithic origins in central-southern Germany: The evidence from body proportions, Homo: internationale Zeitschrift für die vergleichende Forschung am Menschen (3 marzo 2009).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Darvill, T., Oxford Concise Dictionary of Archaeology, OUP 2003.
  • (EN) J. P. Mallory, "Beaker Culture", Encyclopedia of Indo-European Culture, Fitzroy Dearborn 1997.
  • (EN) Peter Neal Peregrine, Melvin Ember, "Bell Beaker", Encyclopedia of Prehistory: Europe Vol. 4, 2001.
  • (FR) Marc Vander Linden, Le phénomène campaniforme dans l'Europe du 3ème millénaire avant notre ère: synthèse et nouvelles perspectives. Oxford: Archaeopress 2006, BAR international series 1470.
  • Aa.Vv., Ichnussa. La Sardegna dalle origini all'età classica, Milano, 1981.
  • E. Atzeni, La preistoria del Sulcis-Iglesiente, AA.VV., Iglesias. Storia e Società, Iglesias, 1987, pp. 7-57.
  • E. Atzeni, La "Cultura del Vaso Campaniforme" nella necropoli di Locci-Santus (S. Giovanni Suergiu), Aa.Vv., Carbonia e il Sulcis. Archeologia e territorio, a cura di V. Santoni, Oristano, 1995, pp. 149-183.
  • F. Barreca, L'esplorazione topografica della regione sulcitana, Monte Sirai III, 1966, pp. 133-170.
  • G. Lilliu, La civiltà dei Sardi dal Paleolitico all'età dei nuraghi, Torino, 1988.
  • F. Lo Schiavo, L. Usai, Testimonianze cultuali di età nuragica: la grotta Pirosu in località Su Benatzu di Santadi, Aa.Vv., Carbonia e il Sulcis. Archeologia e territorio, a cura di V. Santoni, Oristano, 1995, pp. 145-186.
  • M. Baioni, V. Leonini, D. Lo Vetro, F. Martini, R. Poggiani Keller, L. Sarti, Bell Beaker in everyday life, Proceedings of the 10th Meeting "Archeologie et Gobelets" (Florence-Siena-Villanova sul Clisi), May 12-15, 2006, Millenni, Firenze 2008.
  • S. Tusa, La Sicilia nella preistoria, Palermo, Sellerio Editore, 1999, ISBN 88-389-1440-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

archeologia Portale Archeologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di archeologia