Nature

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nature
Stato Regno Unito Regno Unito
Lingua inglese
Periodicità settimanale
Genere stampa scientifica
Formato cartaceo ed e-book
Fondazione 4 novembre 1869
Sede Crinan Street, 4, Londra
Editore Nature Publishing Group
ISSN 0028-0836
Sito web http://www.nature.com/nature/index.html
 

Nature è una delle più antiche ed importanti riviste scientifiche esistenti, forse in assoluto quella considerata di maggior prestigio nell'ambito della comunità scientifica internazionale (insieme a Science). Viene pubblicata fin dal 4 novembre 1869.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Nonostante la maggior parte delle riviste del campo siano oggi altamente specializzate, Nature è uno dei pochi giornali, insieme ad altri mensili quali Science e Proceedings of the National Academy of Sciences, che pubblica ancora articoli originali su svariati campi scientifici.

Molti sono gli avanzamenti e le scoperte, provenienti da molti campi della ricerca scientifica, che sono stati pubblicati su Nature, come articoli o lettere: ad esempio, la scoperta dei raggi X, la natura ondulatoria delle particelle, la scoperta dei neutroni, le scoperte sulla fissione nucleare, la struttura a doppia elica del DNA, la prima struttura molecolare di una proteina (la mioglobina), la tettonica a zolle, il buco dell'ozono, la prima clonazione di un mammifero (la pecora Dolly), il sequenziamento del genoma umano.

Il fattore di impatto (impact factor) di questa rivista supera nel 2012 l'enorme valore di 38,6.

La copertina del primo numero: 4 novembre 1869

La famiglia di Nature[modifica | modifica sorgente]

Oltre a Nature stesso, ci sono tre famiglie di riviste scientifiche legate a Nature, edite dal Nature Publishing Group:

Nature Research Journals:
Nature Reviews Journals:
  • Nature Reviews Cancer
  • Nature Reviews Drug Discovery
  • Nature Reviews Genetics
  • Nature Reviews Immunology
  • Nature Reviews Microbiology
  • Nature Reviews Molecular Cell Biology
  • Nature Reviews Neuroscience
Nature Clinical Practice Journals:
  • Nature Clinical Practice Cardiovascular Medicine
  • Nature Clinical Practice Endocrinology and Metabolism
  • Nature Clinical Practice Gastroenterology and Hepatology
  • Nature Clinical Practice Neurology
  • Nature Clinical Practice Nephrology
  • Nature Clinical Practice Oncology
  • Nature Clinical Practice Rheumatology
  • Nature Clinical Practice Urology
Nature Online Publications:
  • Nature China (da gennaio 2007)

Controversie[modifica | modifica sorgente]

In un'intervista al famoso giornale britannico The Guardian, Randy Schekman rilascia delle dichiarazioni riguardanti le grandi riviste scientifiche (facendo il nome di Nature, Science o Cell), additandole come colpevoli di danneggiare l'attività di ricerca scientifica.

Secondo Randy Schekman l'incentivo più forte nella ricerca scientifica è quello di vedere pubblicate le proprie ricerche nelle prestigiose riviste scientifiche, poiché a questo viene fatto coincidere il più alto riconoscimento del proprio lavoro; tale ragionamento è razionale, ma non porta sempre a servire gli interessi della propria professione, né quelli dell'umanità o della società. Questo perché le grandi riviste scientifiche tendono a «curare in modo aggressivo i loro brand mettendo al primo posto la vendita di abbonamenti, più che la pubblicazione di tutte le ricerche più significative [...] mentre pubblicano molte ricerche rilevanti, tendono tuttavia a non pubblicare tutte le ricerche rilevanti, né sono gli unici a pubblicarle».

Nell'articolo Randy Schekman critica sia la selezione assai restrittiva delle ricerche pubblicate da parte delle riviste scientifiche famose, sia l'impact factor, considerandolo come un trucco di marketing dietro il quale le grandi riviste acquistano notorietà; infatti l'impact factor misura solamente il numero delle volte che una determinata rivista scientifica risulta citata nelle ricerche scientifiche successive, senza considerare la qualità o l'importanza della ricerca stessa «una rivista scientifica può venire citata perché pubblica ricerche significative, o anche perché pubblica qualcosa di accattivante, provocativo o addiritura sbagliato». Questo influenza l'attività di ricerca, in quanto la indirizza in quella direzione dove è possibile tirare fuori le conclusioni che vogliono queste riviste, scoraggiando invece una direzione che potrebbe essere più importante, ma magari meno accattivante ai lettori.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ How journals like Nature, Cell and Science are damaging science

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]