Elba (fiume)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elba
Elba
L'Elba presso Königstein
Stati Rep. Ceca Rep. Ceca
Germania Germania
Lunghezza 1 091 km
Portata media 870 m³/s
Bacino idrografico 148268 km²
Altitudine sorgente 1386 m s.l.m.
Nasce Monti Sudeti
50°46′32.59″N 15°32′10.14″E / 50.77572°N 15.53615°E50.77572; 15.53615
Affluenti Moldava, Saale, Havel
Sfocia Cuxhaven, Mare del Nord
53°55′19.99″N 8°43′19.99″E / 53.92222°N 8.72222°E53.92222; 8.72222Coordinate: 53°55′19.99″N 8°43′19.99″E / 53.92222°N 8.72222°E53.92222; 8.72222
Mappa del fiume
I fiumi affluenti dell'Elba

L'Elba (in ceco Labe, in tedesco Elbe) è uno dei fiumi più lunghi dell'Europa centrale
(1 091 km).

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Nasce nel nord della Repubblica Ceca, nella catena montuosa dei Monti Sudeti, a circa 1 400 m di altezza. Attraversa quindi la Germania per sfociare poi nel Mare del Nord. La sua lunghezza totale è di 1 091 km.

I suoi affluenti principali sono:

Navigazione[modifica | modifica sorgente]

Da due secoli un'importante rotta commerciale, l'Elba è stato collegato tramite un sistema di canali navigabili col Reno, il Weser e l'Oder. Il fiume stesso è navigabile con battelli commerciali fino all'interno del continente europeo, addirittura a Praga, mentre altri sistemi di canali artificiali lo collegano alle aree industriali della Germania e alla capitale Berlino. Il canale Elba-Lubecca collega il fiume al mar Baltico, come anche il canale di Kiel, il cui accesso occidentale è nei pressi della foce dell'Elba.

Città e municipi sul fiume Elba[modifica | modifica sorgente]

Špindlerův Mlýn, Vrchlabí, Dvůr Králové nad Labem, Jaroměř, Hradec Králové, Pardubice, Kolín, Poděbrady, Nymburk, Lysá nad Labem, Čelákovice, Brandýs nad Labem-Stará Boleslav, Neratovice, Mělník, Roudnice nad Labem, Litoměřice, Lovosice, Ústí nad Labem, Děčín, Bad Schandau, Königstein, Pirna, Heidenau, Dresda, Radebeul, Meißen, Riesa, Strehla, Torgau, Lutherstadt Wittenberg, Dessau, Magdeburgo, Tangermünde, Wittenberge, Hitzacker, Boizenburg, Lauenburg, Geesthacht, Amburgo, Wedel, Glückstadt, Brunsbüttel, Otterndorf, Cuxhaven.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'Elba è stato un importante delimitatore della geografia europea. I Romani lo conoscevano come Albis, anche se il solo tentativo di spostare i confini della propria colonizzazione dal Reno all'Elba stesso fallì nell'anno 9 con la battaglia della foresta di Teutoburgo, dopo la quale non riprovarono seriamente. Nel medioevo rappresentava il limite orientale dell'impero di Carlo Magno. Le sezioni navigabili del fiume furono essenziali allo sviluppo e al successo della Lega Anseatica e numerosi furono i commerci svolti grazie alle sue acque.

Nel 1945, mentre la seconda guerra mondiale stava per concludersi, la Germania Nazista si trovò accerchiata dagli eserciti degli alleati sbarcati in Normandia e della Francia, che giungevano dall'ovest, e le armate dell'Unione Sovietica, che avanzavano da est. Il 25 aprile queste armate si unirono nelle vicinanze di Torgau, sull'Elba e quindi questo giorno viene anche ricordato come Elba Day.

Al termine della guerra, l'Elba divenne parte del confine tra la Germania Est e quella ovest. Nel 2004 la valle dell'Elba, un tratto di 20 chilometri che attraversa la città di Dresda, è stato dichiarato Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.

Pare che nel 1970 il direttore del KGB Jurij Andropov abbia gettato i resti della cremazione di Adolf Hitler nel fiume.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Spiritus-temporis.com

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]