Italia Centrale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Italia centrale)
Italia Centrale
Italia Centrale – Veduta
Stati Italia Italia
Territorio Lazio, Marche, Toscana e Umbria
Superficie 58 052 km²
Abitanti 12 080 663[1] (31-08-2014)
Densità 208,10 ab./km²
Italia Centrale – Mappa
La definizione socio-culturale non è altrettanto netta, ma generalmente esclude le regioni storicamente parte del Regno delle Due Sicilie.

L’Italia Centrale, Centritalia, Centro Italia o più semplicemente Centro, è quella parte del territorio italiano che, nella definizione dell'Istat adottata anche dall'Eurostat[2], comprende le regioni Lazio, Marche, Toscana e Umbria.

I confini[modifica | modifica wikitesto]

Da un punto di vista strettamente geografico il termine include anche l'Abruzzo; tuttavia, questa regione è comunemente considerata meridionale, in quanto fino al 1860 era parte del Regno delle Due Sicilie ed è legata da tradizione, storia, dialetto, cultura ed economia all'Italia Meridionale[3].

Dal punto di vista storico, anche la Romagna dovrebbe essere considerata parte del Centro, poiché fu terra pontificia come il Lazio, l'Umbria e le Marche. A tal proposito si tenga presente che sono legate linguisticamente alla Romagna la Romagna toscana, territorio appartenente al Granducato di Toscana prima e ora alla regione Toscana, e l'Umbria settentrionale (da Città di Castello a Umbertide).

Analoga situazione si presenta per due territori laziali i quali, pur considerati appartenenti all'Italia centrale, dal punto di vista storico dovrebbero ancora essere considerati parte dell'Italia Meridionale, poiché prima del 1860 appartenevano al Regno delle Due Sicilie:

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

È attraversata dagli Appennini settentrionali e centrali ed è bagnata ad est dal mare Adriatico e ad ovest dal mar Tirreno e dal mar Ligure. I principali fiumi di questa porzione di territorio sono l'Arno ed il Tevere. I laghi più importanti sono il Trasimeno ed il lago di Bolsena. Da un punto di vista altimetrico l'Italia centrale ha un territorio prevalentemente collinare (68,9%). Le zone montuose e quelle pianeggianti equivalgono rispettivamente al 26,9% ed al 4,2% della ripartizione territoriale.

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

La popolazione residente nell'Italia Centrale ammonta a 12.080.663 abitanti[1].[5]

Regioni[modifica | modifica wikitesto]

Regione Capoluogo Abitanti
Lazio Lazio Roma-Stemma.png Roma 5 883 002
Marche Marche Ancona-Stemma.png Ancona 1 550 536
Toscana Toscana Firenze-Stemma.png Firenze 3 751 475
Umbria Umbria Perugia-Stemma.png Perugia 895 830

Comuni più popolosi[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito si riporta l'elenco della popolazione residente nei comuni con più di 50.000 abitanti[6].

# Comune Regione Provincia Abitanti
1 Roma-Stemma.png Roma Lazio Lazio Roma Roma 2.866.733
2 FlorenceCoA.svg Firenze Toscana Toscana Firenze Firenze 379.102
3 Prato-Stemma.png Prato Toscana Toscana Prato Prato 190.698
4 Logocomuneperugia.png Perugia Umbria Umbria Perugia Perugia 166.169
5 Livorno-Stemma.png Livorno Toscana Toscana Livorno Livorno 160.520
6 Latina-Stemma.png Latina Lazio Lazio Latina Latina 125.185
7 Terni-Stemma.png Terni Umbria Umbria Terni Terni 112.184
8 Ancona-Stemma.png Ancona Marche Marche Ancona Ancona 101.484
9 Arezzo-Stemma.png Arezzo Toscana Toscana Arezzo Arezzo 99.533
10 Pesaro-Stemma.png Pesaro Marche Marche Pesaro e Urbino Pesaro e Urbino 94.622
11 Pistoia-Stemma.png Pistoia Toscana Toscana Pistoia Pistoia 90.427
12 Pisa-Stemma.png Pisa Toscana Toscana Pisa Pisa 89.659
13 Lucca-Stemma.png Lucca Toscana Toscana Lucca Lucca 88.860
14 Guidonia Montecelio-Stemma.png Guidonia Montecelio Lazio Lazio Roma Roma 88.311
15 Grosseto-Stemma.png Grosseto Toscana Toscana Grosseto Grosseto 81.735
16 Fiumicino-Stemma.png Fiumicino Lazio Lazio Roma Roma 75.847
17 Aprilia-Stemma.png Aprilia Lazio Lazio Latina Latina 72.114
18 Massa (Italia)-Stemma.png Massa Toscana Toscana Massa e Carrara Massa e Carrara 69.913
19 Viterbo-Stemma.png Viterbo Lazio Lazio Viterbo Viterbo 66.904
20 Carrara-Stemma.png Carrara Toscana Toscana Massa e Carrara Massa e Carrara 63.996
21 Viareggio-Stemma.png Viareggio Toscana Toscana Lucca Lucca 63.189
22 Fano-Stemma.png Fano Marche Marche Pesaro e Urbino Pesaro e Urbino 61.293
23 Pomezia-Stemma.png Pomezia Lazio Lazio Roma Roma 60.903
24 Foligno-Stemma.png Foligno Umbria Umbria Perugia Perugia 57.207
25 Tivoli-Stemma.png Tivoli Lazio Lazio Roma Roma 56.628
26 Siena-Stemma.png Siena Toscana Toscana Siena Siena 53.962
27 Anzio-Stemma.png Anzio Lazio Lazio Roma Roma 53.836
28 Velletri-Stemma.png Velletri Lazio Lazio Roma Roma 53.096
29 Civitavecchia-Stemma.png Civitavecchia Lazio Lazio Roma Roma 53.029
30 Scandicci-Stemma.png Scandicci Toscana Toscana Firenze Firenze 50.514

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Utilizzando la distinzione in tre Italie industriali di Arnaldo Bagnasco, gran parte dell'Italia centrale farebbe parte della "Terza Italia", quella caratterizzata da un'industria, tranne alcune grandi multinazionali, espressa da piccole e medie aziende scarsamente legate agli aiuti di Stato. Il turismo (naturale, artistico, commerciale e sportivo) è assai sviluppato ovunque.

Terni è leader nel settore siderurgico e nella fattiscpecie in quello dell'acciaio inossidabile. Il suo polo industriale è secondo per grandezza e primo per produttività in Italia.

Fabriano (AN) è famosa per la produzione di carta (Cartiere Miliani, Museo della carta e della filigrana) e per le fabbriche della famiglia Merloni: Indesit Company, Ariston Thermo Group e Antonio Merloni. È quindi un importante polo industriale, grazie alla produzione di elettrodomestici e di cappe aspiranti, settore in cui la città è prima in Italia, grazie a industrie quali Elica, Best e Faber.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat al 31/08/2014
  2. ^ Classificazione ufficiale NUTS Nomenclature of Territorial Units for Statistics, Eurostat. URL consultato il 5 febbraio 2011.
  3. ^ Paradosso evidenziato da Ignazio Silone, citato in Costantino Felice, Le trappole dell'identità: l'Abruzzo, le catastrofi, l'Italia di oggi, ed. Donzelli, 2010, p. 41.
  4. ^ Ad eccezione di una limitata porzione di territorio del Circondario di Gaeta che non venne annesso al Lazio nel 1927
  5. ^ Dato Istat al 31/08/2014
  6. ^ Dato Istat al 31/08/2014

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]