Provincia di Brindisi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Provincia di Brindisi
provincia
Provincia di Brindisi – Stemma Provincia di Brindisi – Bandiera
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione Puglia-Stemma it.png Puglia
Capoluogo Brindisi
Presidente Cesare Castelli (Commissario prefettizio) dal 24/10/2012
Data di istituzione 1927
Territorio
Coordinate
del capoluogo
40°38′18″N 17°56′45″E / 40.638333°N 17.945833°E40.638333; 17.945833 (Provincia di Brindisi)Coordinate: 40°38′18″N 17°56′45″E / 40.638333°N 17.945833°E40.638333; 17.945833 (Provincia di Brindisi)
Superficie 1 839 km²
Abitanti 399 394[1] (30-09-2013)
Densità 217,18 ab./km²
Comuni 20 comuni
Province confinanti Bari, Lecce, Taranto
Altre informazioni
Cod. postale 72100, 72010-72029
Prefisso 080, 0831
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 074
Targa BR
Localizzazione

Provincia di Brindisi – Localizzazione

Sito istituzionale

La provincia di Brindisi (provincia ti Brinnisi in brindisino) è una provincia italiana della Puglia di 399 394 abitanti[1], con capoluogo Brindisi. È stata istituita nel 1927 per scorporazione dall'antica Terra d'Otranto e comprende 20 comuni, oltre al capoluogo. Sia da un punto di vista demografico, che per quanto riguarda la superficie, rappresenta la quinta provincia della regione.

Affacciata a nord-est sul mare Adriatico, confina a nord con la Provincia di Bari, a ovest con la Provincia di Taranto e a sud-est con la Provincia di Lecce.

Negli ultimi anni[quando?] questa provincia ha conosciuto un processo di cambiamento del proprio assetto economico, con una progressiva diminuzione del peso dell'industria e una crescita del settore terziario. Significativo l'aumento del turismo, dovuto ad una buona dotazione infrastrutturale, rispetto al resto del Mezzogiorno[2], ed alla valorizzazione delle numerose risorse naturali, artistiche e culinarie presenti in tutto il territorio.

Indice

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Geografia della Puglia.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

La provincia di Brindisi, estesa per 1.839 chilometri quadrati[2], è la seconda provincia più piccola della regione, dopo la provincia di Barletta-Andria-Trani, ma al suo interno comprende vari territori: all'estremo nord, restringendosi fino a toccare il confine con la provincia di Bari, tocca il limite meridionale della Terra di Bari; al centro e a sud, invece, rientra nella subregione del Salento; al nord rientra nella subregione delle Murge, mentre, in direzione nord-ovest, al confine con la provincia di Taranto e parte della provincia di Bari, rientra nella Valle d'Itria. Ad est vi è il litorale adriatico, lungo 80,606 km in parte roccioso, ricco di piccoli approdi ed insenature che si alternano a lunghe spiagge sabbiose.

Il territorio cambia notevolmente da zona a zona: nei settori ad ovest, al centro ed a nord il paesaggio è caratterizzato da colline, lame, boschi e dai tipici trulli. A sud, invece, il paesaggio si presenta sostanzialmente piatto e in gran parte adibito alle coltivazioni (come quasi tutto il paesaggio salentino)[3].

Il territorio provinciale, secondo la Carta Geologica d'Italia, redatta dal Servizio Geologico d'Italia[4][5][6], è composto da vari tipi di terreni: nella zona centro-meridionale prevalgono calcari dolomitici[4] (presenti generalmente nella zona occupata dall'altopiano delle Murge), piccoli depositi eluviali[4], sabbie, anche argillose, talvolta ben cementate[4], limi grigi lagunari-palustri recenti[4] (presenti nei territori di Francavilla, Oria e San Donaci[4]), calcareniti e calcari tipo panchina[4], calcari bioclastici ben cementati[4] e sabbie calcaree poco cementate[4]. Nella zona centro-settentrionale, invece, prevalgono calcari di Bari e di Mola[6], risalenti al Cretacico superiore[6], e depositi calcareo-arenacei[6] o calcareo-arenacei-argillosi[6], risalenti al Pleistocene[6].

Orografia[modifica | modifica sorgente]

Vista di Torre Canne dal mare: sullo sfondo si può notare la brusca elevazione delle Murge sul versante adriatico

L'altezza massima raggiunta all'interno della provincia è di 414 m s.l.m., nei pressi di Selva di Fasano[7]. Gli altri rilievi principali sono di poco più bassi e sono collocati tutti nella zona centro-settentrionale[7]. Lungo la Soglia messapica (nella zona che va da Villa Castelli a Ceglie) e lungo il versante adriatico (nella zona che va da Ostuni a Fasano) le colline si elevano bruscamente, mentre a sud digradano dolcemente verso la Piana di Brindisi.

Idrografia[modifica | modifica sorgente]

Non ci sono fiumi significativi, a causa del terreno carsico, ma si contano numerose sorgenti che sgorgano improvvisamente dal sottosuolo e alimentano piccoli corsi d'acqua di minima portata. Tra questi corsi d'acqua, il più lungo è il Canale Reale; esso sgorga nel territorio di Villa Castelli al confine con Francavilla Fontana e sfocia nella Riserva Naturale di Torre Guaceto. Lungo il litorale, inoltre, ci sono numerosi stagni e piccoli laghi d'acqua dolce, alimentati dalle falde acquifere che, trovandosi vicino il mare, fuoriescono dal sottosuolo[8].

Clima[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica di Brindisi e Clima della Puglia.

Il clima della provincia è mediterraneo, con estati calde ed inverni non eccessivamente freddi. Lungo la costa gli sbalzi termici sono meno frequenti che nelle zone interne e l'azione mitigatrice del mare Adriatico fa lievitare leggermente le temperature medie. In collina e nelle zone pianeggianti interne la temperatura è generalmente più bassa rispetto alla costa.

Il clima della zona può essere influenzato da correnti fredde provenienti dai Balcani, che fanno abbassare di parecchi gradi le temperature (provocando in inverno estese gelate e, in alcuni casi, anche abbondanti nevicate) o da correnti calde provenienti dal Nordafrica (che d'estate rendono il clima particolarmente caldo e afoso).

La precipitazioni non sono molto abbondanti e si aggirano attorno ai 600 mm di pioggia annui[9].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia della Puglia e Storia del Salento.
Egnazia da una traversa della Via Traiana
Ceramiche risalenti al IV secolo a.C. conservate presso il museo comunale di Villa Castelli
Brindisi, colonna sulla via Appia
Stele funeraria ebraica presso la biblioteca comunale di Oria

Origini[modifica | modifica sorgente]

Dai numerosi ritrovamenti archeologici effettuati in tutta la provincia, si è potuto affermare che già dalla preistoria questo territorio era abitato da alcune popolazioni che vivevano principalmente in grotte e cacciavano nelle foreste abbondanti di selvaggina. In seguito, nel neolitico, sono sorti alcuni villaggi (ne sono state trovate tracce a Oria, Ceglie Messapica, Francavilla Fontana e Ostuni), dove si formò una primitiva organizzazione sociale[10].

Successivamente, tra VIII e VII secolo a.C., giunsero dall'Illiria i Messapi[11], che formarono diversi centri, anche di grandi dimensioni; alcuni di questi divennero le odierne città di Brindisi, Mesagne, Ostuni, Oria, Carovigno, Villa Castelli, Ceglie Messapica e San Pancrazio Salentino. Importanti i siti archeologici situati a Egnazia presso Fasano e a Muro Tenente presso Mesagne. Nel periodo messapico la terra di Brindisi disponeva di due porti principali: Egnazia, vicino all'odierna Fasano. Pezza Petrosa nel territorio di Villa Castelli costituisce invece un phrourion un villaggio, con funzione di avamposto della città di Taranto[12]

Periodo classico[modifica | modifica sorgente]

La provincia seguì la storia del resto della regione: fu conquistata dai Romani nel 276 perdendo ogni diritto politico[13], Brindisi divenne colonia latina nel 244 a.C. e poi municipio nell'89 a.C., crescendo economicamente e strategicamente per la posizione e per la ricchezza dei prodotti agricoli: l'olio, il vino e il frumento. Anche Oria, diviene municipio per la sua posizione tra Taranto e Brindisi, conservò la sua funzione di controllo del territorio lungo la via Appia. Successivamente, nel 109 d.C, l'imperatore Traiano ordinò di lastricare la via che prese appunto il nome di Via Appia-Traiana, seguendo la costa[14].

Medioevo[modifica | modifica sorgente]

I quattro comandanti della prima crociata, questi guerrieri salpavano spesso dal porto brindisino

Tra il IV e V secolo d.C. cominciarono a nascere i primi luoghi di culto cristiani e nei secoli successivi si diffusero anche degli insediamenti rupestri, come le Grotte di San Biagio, nelle vicinanze di San Vito dei Normanni[15]

Con la caduta dell'Impero romano d'Occidente nel 476 il territorio della provincia, come tutta l'Italia meridionale, fu teatro di scontri tra Goti e Bizantini, che distrussero e saccheggiarono numerose città[16]. Perciò, dal VI al IX secolo le popolazioni conobbero un periodo di migrazione dalle zone costiere verso l'entroterra, in particolare sulle Murge meridionali, che offrivano maggiore sicurezza dovuta all'altezza, e formarono i Casali, centri di piccole dimensioni[17]; intorno all'850 arrivarono i Franchi, guidati da Ludovico II, che, dopo aver liberato Bari dai Saraceni, nell'866 fecero altrettanto ad Oria e si stanziarono in alcuni casali vicini[18]. Nel IX secoloOria aveva difatti raggiunto l'apogeo del suo sviluppo economico e culturale, diventando una città nota in tutto il Mediterraneo per la sua influente comunità ebraica e per la sua ricchezza[19].

Il territorio, dopo l XI secolo, conobbe un nuovo periodo di rinascita con i Normanni che inglobarono tutto il territorio dell'attuale provincia di Brindisi nel Principato di Taranto[20], che costruirono numerosissime chiese e castelli (San Vito dei Normanni, Mesagne, Ostuni) ancora oggi esistenti. Inoltre la popolazione ritornò ad abitare le città sul mare. Anche gli Svevi, con Federico II[20], lasciarono il loro segno: costruirono il castello fortezza di Oria per controllare l'Adriatico e il mar Ionio[21], il castello "di terra" a Brindisi, nel punto in cui termina la via Appia, ampliarono il castello di Mesagne[22] e del resto della provincia.

Brindisi, durante tutto il basso Medioevo, recuperò in parte la sua importanza: da qui passava infatti la via Francigena, percorsa da moltissimi pellegrini, crociati e mercanti di tutta Europa che, imbarcandosi dal porto brindisino, raggiungevano la Terra santa. Inoltre, in città, si stanziarono i Cavalieri Ospitalieri, i Cavalieri templari e l'Ordine teutonico[23]. Nel 1089, il conte normanno Goffredo di Conversano, in occasione del sinodo di Melfi, chiese a papa Urbano II di recarsi a Brindisi per consacrare la cattedrale. In questa occasione fu elevata da sede episcopale ad arcivescovado[24].

Nel 1450 circa il principe di Taranto, Giovanni Antonio Orsini Del Balzo, volendo difendere meglio la città, realizzò l'interramento del canale che collegava il porto interno a quello esterno; gli effetti collaterali furono disastrosi: le acque stagnanti causarono la malaria, che fece rispopolare la città. Gli insediamenti rurali, al contrario, si svilupparono con fortuna soprattutto nei territori di Francavilla Fontana, San Vito dei Normanni, Ostuni e Fasano dove, sempre negli stessi anni, erano state erette numerose fortificazioni[25].

Sotto il dominio degli Aragonesi e il nuovo pericolo degli attacchi dei Turchi, che nel 1480 avevano assediato Otranto, furono costruite numerose fortificazioni anche lungo la costa (molte di esse sono ben visibili ancora oggi).

Storia moderna[modifica | modifica sorgente]

Verso la metà del Cinquecento la provincia, come il resto del Regno di Napoli, fu invasa dai Cappelletti, che saccheggiarono diverse città[26]. Successivamente, dopo il Concilio di Trento, anche in questo territorio si diffusero nuovi ordini religiosi, come i Carmelitani ed i Cappuccini[27]. Intorno al 1575 l'arcivescovado di Brindisi ed il vescovado di Oria si separarono, dividendosi anche le città da controllare[28].

Nella prima metà del XVII secolo in molti comuni della provincia scoppiarono rivolte popolari contro le oppressioni feudali, che da secoli ormai impoverivano i ceti deboli[29]. Ben presto, però, i nobili si organizzarono per un contrattacco, riunendosi a Francavilla e stabilendo di iniziare ad attaccare Taranto, per poi spargersi in tutta la Terra d'Otranto e sedare, anche nel sangue, tutti i fermenti rivoluzionari[30].

Per tutto il corso del XVIII secolo si succedettero numerose carestie e pestilenze, che causarono numerose vittime in tutta la provincia. Successivamente, con l'arrivo della notizia della Rivoluzione francese, si ebbero violenti scontri tra Giacobini, sostenitori degli ideali francesi, e Sanfedisti, sostenitori del governo borbonico[31]. Alla fine degli scontri i Borboni ristabilirono il loro potere, seppur in modo molto precario[32].

Storia contemporanea[modifica | modifica sorgente]

L'istituzione della Provincia

La provincia fu istituita nel 1927[33] dalla scissione dell'antica regione della Terra d'Otranto[33], suddivisa nelle tre province salentine. La provincia fu realizzata con l'unione di parte dell'allora Provincia di Lecce (18 comuni) e con due comuni dell'allora Provincia di Bari (Cisternino e Fasano). Il suo stemma è quello di un cervo.

Nei primi anni dell'Ottocento si svilupparono i movimenti carbonari e la piaga del brigantaggio crebbe d'intensità, soprattutto nei comuni interni[34]. Per questo il Regno delle Due Sicilie inviò l'esercito, riducendo il fenomeno con l'arresto e la fucilazione di numerosi briganti (tra cui Ciro Annichiarico, uno dei maggiori esponenti della malavita locale[35]) ma non riuscendo a sradicarlo del tutto.

Durante tutto il XIX secolo, inoltre, furono avviate in tutta la provincia numerose opere infrastrutturali, come la costruzione della ferrovia Taranto-Brindisi (inaugurata nel 1886[36]) e l'avvio della costruzione di strade di collegamento fra i comuni. Inoltre si fecero progressi anche nel migliorare le condizioni igieniche delle città[37]. Nel 1871 (ma in realtà già da qualche anno prima) Villa Castelli presentò le prime richieste di autonomia dal comune di Francavilla Fontana, ma inizialmente non ottenne ascolto[38].

Negli stessi anni, con l'apertura della cosiddetta "Valigia delle Indie", una linea mercantile marittima che collegava rapidamente, attraverso il porto brindisino e il canale di Suez, Londra all'India, Brindisi ritrovò un nuovo slancio.

Tra il XIX e il XX secolo si è sviluppata l'industria della trasformazione dei prodotti agricoli a Brindisi, San Pietro Vernotico, Mesagne, Ostuni e Fasano; inoltre si sono diffusi stabilimenti vinicoli e oleari. Inoltre, sempre a Brindisi, sono nate fabbriche di botti per il commercio del vino.

Durante la Grande Guerra Brindisi contribuì in maniera preponderante agli eventi bellici sfruttando l'ampiezza e la sicurezza del porto, e le industrie meccaniche lavorarono a ritmi frenetici. Non mancarono i conflitti interni, durante il Biennio rosso.

Nel 1927 fu istituita la provincia di Brindisi, sul territorio del soppresso circondario di Brindisi della provincia di Lecce, più i comuni di Cellino San Marco, Cisternino, Fasano, San Pietro Vernotico e Torchiarolo[33]; dopo pochi mesi i comuni di Guagnano, Salice Salentino e Veglie tornarono alla provincia di Lecce[39].

Nei primi anni sessanta, a Brindisi, fu realizzata una grande industria petrolchimica, che si aggiungeva alle imprese meccaniche e aeronavali che hanno potuto dare lavoro a tecnici e operai provenienti del territorio provinciale, ma anche dalle province e regioni limitrofe. Il territorio provinciale invece si specializzò nell'agricoltura di tipo intensivo caratterizzata da piccole e medie imprese.

Con la crisi della grande industria chimica e la creazione di un grande polo industriale a Taranto, si è verificata una migrazione di operai specializzati verso Bari e Taranto.

Data la sua posizione geografica (porto per l'Europa orientale) Brindisi, e anche la sua provincia, negli anni ottanta e novanta, è stata un punto nevralgico del traffico di sigarette di contrabbando provenienti dai Balcani e destinate a tutto il mercato europeo[40]. Negli stessi anni la criminalità organizzata pugliese raggiunse il suo apice, favorendo maggiormente il fenomeno del contrabbando e aumentando la serie di estorsioni ai danni dei commercianti brindisini. Questo fenomeno criminale è stato quasi completamente sradicato dopo le grandi operazioni antimafia condotte nel 1995[41] e nel 2000[42] dall'Esercito Italiano. Tuttavia, ancora oggi la criminalità organizzata assume un certo rilievo a livello provinciale, specie nel traffico di droga[43] e nel settore immobiliare[44].

Oggi tutta la provincia sta conoscendo il successo del processo di terziarizzazione dell'economia che punta sullo sviluppo e la commercializzazione di prodotti locali di qualità, nonché una valorizzazione del suo patrimonio artistico e naturalistico che sono alla base di un solido turismo culturale.

Simboli[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Armoriale dei comuni della Provincia di Brindisi.
Provincia di Brindisi-Stemma.png

Descrizione araldica dello stemma[45]:

« D'azzurro, alla testa di cervo al naturale, posta in maestà, accompagnata in punta dalla parola: "BRVN". Ornamenti di Provincia »

Descrizione araldica del gonfalone[45]:

« Drappo di stoffa rettangolare, interzato in palo: d'azzurro, di bianco e d'azzurro, il bianco caricato dello stemma provinciale, con la scritta "PROVINCIA DI BRINDISI" in oro, il drappo riccamente ornato con ricami dorati attaccato all'asta per il lato corto, mediante lacci dorati posti a triangolo ed inchiodato con chiodini di ottone sopra l'asta, terminata ai due lati con pomi pure di oro. L'asta verticale sarà ricoperta di velluto azzurro, con bullette dorate poste a spirale, e sormontata da una freccia con gambo di metallo dorato con lo stemma della Provincia a traforo. Sul gambo della freccia inciso il nome della Provincia con la data della sua costituzione. Cravatte e nastri tricolorati dai colori nazionali, frangiati d'oro, con cordoni e fiocchi pure d'oro. »

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

Il duomo di Brindisi
Il duomo di Francavilla Fontana
Il Duomo di Ostuni

Tra le principali chiese della provincia, da segnalare:

Architetture religiose a Brindisi[modifica | modifica sorgente]
  • Duomo San Giovanni Battista a Brindisi: fu voluto da Papa Urbano II nel 1089 e completato nel 1143[46]. Ricostruito dopo il terremoto del 1743, in seguito è stato sottoposto a numerosi restauri. La chiesa conserva la pianta basilicale romanica a tre navate; la facciata ha una partitura decorativa con lesene addossate, sei al registro inferiore e quattro in quello superiore. Dal paramento contiguo alla facciata si innalza il campanile, ultimato nel 1795.
Architetture religiose in provincia[modifica | modifica sorgente]

Architetture militari[modifica | modifica sorgente]

Castello Ducale a Ceglie Messapica
Torre del Castello Dentice di Frasso di San Vito dei Normanni
Panorama della cittadina di Oria, è visibile anche il maniero posto a circa 170 m. slm
Palazzo ducale di Villa Castelli.

La provincia è molto ricca di castelli e architetture fortificate sparse in tutto il territorio[52].

Architetture militari a Brindisi[modifica | modifica sorgente]
Architetture militari in provincia[modifica | modifica sorgente]
  • Castello Dentice di Frasso a Carovigno: costruito tra il XV ed il XVI secolo, fu restaurato nel 1906. Ha l'impianto triangolare con torrioni ai vertici.
  • Castello di Serranova: situato nei pressi della borgata omonima, fu eretto nel 1629 dal nobile genovese Ottavio Serra.
  • Castello Ducale a Ceglie Messapica: il primo impianto risale all'età normanna, quello attuale alla fine del XV secolo. Si configura esternamente come un agglomerato di torrioni cilindrici collegati da cortine murarie; su tutte le altre parti domina un mastio quadrangolare alto 34 metri, coronato da un cornicione molto aggettante munito di merli, barbacani e piombatoi. A ridosso di questo c'è una torre quadrangolare più bassa. Internamente i vari ambienti si articolano intorno ad un cortile centrale nel quale si conserva una pregevole scala addossata alla muratura.
  • Palazzo del Balì a Fasano: restaurato nel 1589 da Balì Avogrado, nei secoli XVII e XVIII fu ingrandito con l'atrio, gli archi, le cupole e la chiesa sottostante.
  • Castello Imperiali a Francavilla Fontana: realizzato nel 1450 da Giovanni Antonio Orsini Del Balzo, inizialmente era una torre quadrata circondata da fossato. Successivamente è stato allargato e nel XVIII secolo ha assunto l'attuale conformazione a metà tra fortezza e palazzo gentilizio.
  • Palazzo Imperiali a Latiano: datato XII secolo, ma rimaneggiato più volte, sino all'attuale aspetto settecentesco. È passato in proprietà del Comune dopo la morte di Guglielmo Imperiali nel 1909, ultimo discendente della casata francavillese.
  • Castello Del Balzo Orsini a Mesagne: presumibilmente esistente già in periodo bizantino (XI secolo), anche se la costruzione di un Castrum Medianum è attestata solo nel 1062, nel 1195 donato ai Cavalieri Teutonici. Nel XVI secolo la parte più antica del castello, pericolante, venne abbattuta e sostituita dal torrione ancora esistente, dotato di un ponte levatoio.
  • Castello Carissimo a Oria: occupa il colle più alto della città ed ha forma di triangolo isoscele, con il vertice, costituito dalla torre detta dello Sperone, rivolto a Nord. Vi è poi il mastio centrale (probabilmente normanno-svevo) e due ulteriori torri cilindriche: "del salto" e "del cavaliere".
  • Castello marino di Villanova a Ostuni: ampiamente rimaneggiato e ristrutturato durante il XX secolo, ben poco è ciò che rimane visibile della primitiva struttura trecentesca.
  • Castello Dentice di Frasso a San Vito dei Normanni: all'inizio, con molta probabilità, era formato solo dalla torre, voluta, si crede, da Boemondo il Normanno, che nel XII secolo si contendeva, con il fratello Ruggero, il dominio della Puglia.
  • Castello Filo a Torre Santa Susanna: iniziato nel 1588 quasi certamente su una preesistente struttura medievale, la sua costruzione fu portata a termine nel 1595. Nel secolo successivo l'edificio passò ai nuovi feudatari della località, i conti Filo di Napoli, che vi si stabilirono e decisero di apportare modifiche al suo aspetto di dimora gentilizia, aggiungendo tra l'altro sulla sua sommità dei merli per rafforzarne le caratteristiche di fortezza[55].
  • Palazzo Ducale a Villa Castelli: la fortezza di età medioevale che fu proprietà della nobile famiglia degli Orsini era già in rovina nel XV secolo; si conserva una torre, oggi sede dell'aula consiliare, con elementi architettonici del XIV secolo. Nel XVII secolo la famiglia Imperiali acquistò la fortificazione, trasformandola in castello e vi venne impiantato un allevamento di cavalli di razza murgese. Il castello conservava ancora le merlature e alcuni cannoni, rimossi solo alla fine del XVIII secolo. Con il passaggio agli Ungaro il castello venne ulteriormente arricchito e adibito a palazzo ducale.

Siti archeologici[modifica | modifica sorgente]

Egnazia dall'alto. Sono ben visibili le aree ancora in fase di scavo (Giugno 2007).

La provincia è ricca di siti archeologici, anche di vaste dimensioni, disseminati in tutto il territorio; appartengono a varie epoche (preistorica, messapica, romana, medioevale) e sono molto differenti tra loro: vi sono grotte cultuali o resti di templi messapici, ma i resti sepolti di antiche città con mura, strade, abitazioni, edifici pubblici e necropoli. Tra i più grandi ed importanti siti archeologici provinciali vi sono:

Aree naturali[modifica | modifica sorgente]

Una vista di Torre Guaceto

Nel territorio provinciale ci sono inoltre varie riserve naturali:

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

La tabella seguente riporta l'evoluzione del numero dei residenti nella provincia dal 2001 al 2007[63]:

Anno Residenti
2001 402.093
2002 400.974
2003 400.569
2004 401.217
2005 403.786
2006 402.831
2007 402.985

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica sorgente]

Al 31 dicembre 2008 nel territorio provinciale risultano essere iscritti 5.905 stranieri (2.715 uomini e 3.190 donne)[64], pari all'1,46%[65] dell'intera popolazione.

Di sotto sono riportate le comunità con più di 100 individui[64]:

Lingue e dialetti[modifica | modifica sorgente]

Dove è parlato il dialetto salentino

La provincia di Brindisi è varia anche dal punto di vista linguistico. I dialetti, infatti, appartengono a diverse famiglie:

Dialetto brindisino[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Dialetto brindisino.

Il dialetto brindisino o salentino settentrionale[66] è una variante del salentino e, pur esistendo delle differenze minime tra i vari comuni, la radice resta invariata. Esso è parlato, oltre che a Brindisi, nel territorio di alcuni comuni limitrofi e, con piccole differenze, in alcuni comuni della provincia di Taranto.

Dal salentino standard si distingue, oltre che per la pronuncia di alcune parole, per la caratteristica di trasformare la "e" finale di parola in italiano in "i". Ad esempio:

  • Il mare diventa lu mare in salentino standard e lu mari in brindisino. Il melone diventa lu milune in salentino standard e lu muloni in brindisino.

Il gruppo della doppia ll in italiano, diventa dd in brindisino. Ad esempio:

  • Il Cavallo diventa lu cavaddhru in salentino leccese e lu cavaddu in brindisino.

Dialetto leccese[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Dialetto leccese.

Il dialetto leccese o salentino centrale è una variante del salentino e si differenzia dal salentino settentrionale per la presenza di cambiamenti metafonetici solo parziali. In particolare, si nota il dittongamento in /jɛ/ e /wɛ/ per i soli continuatori di Ĕ,Ŏ seguiti da -/i/, -/u/ (dente-denti vengono resi con tente-tienti; buona-buono vengono resi con bona-buenu), ma anche qualche esito metafonetico condizionato per i soli continuatori di Ē (mese-mesi vengono resi con mese-misi)[67].
Pur con lievi sfumature tra un comune e l'altro, il dialetto leccese copre la parte centro-settentrionale della provincia di Lecce e quella meridionale della provincia di Brindisi (San Pietro Vernotico, Torchiarolo, Cellino San Marco e San Donaci).

Dialetti di transizione apulo-salentini[modifica | modifica sorgente]

Sebbene la distinzione tra dialetti pugliesi settentrionali e dialetti salentini segua una linea piuttosto netta che corre al di sotto delle città di Taranto, Villa Castelli, Ceglie Messapica e Ostuni, le varietà dialettali parlate lungo questa demarcazione (indicata spesso con il termine soglia messapica) presentano nel lessico o nei costrutti caratteristiche di transizione tra il dialetto barese e il salentino; pertanto l'ipotesi di classificarli all'interno dei dialetti pugliesi settentrionali, sebbene abbastanza diffusa, non è universalmente accettata.

All'interno della provincia fanno parte di questo gruppo di transizione i seguenti dialetti:

  • il dialetto ostunese, parlato ad Ostuni. L'ostunese è un idioma nel quale si possono notare importanti contributi del dialetto salentino e tarantino ma anche alcune influenze baresi, soprattutto nella pronuncia.
  • il dialetto cegliese[68], parlato a Ceglie Messapica e, con sostanziali varianti, a San Michele Salentino e a Villa Castelli. Il dialetto parlato a Ceglie Messapica è un idioma irto e arcaico, chiuso in un'enclave, o meglio al discrimine tra diverse aree linguistiche, individuabili la salentina, l'apula e la sannitico-lucana, sicché ha goduto nel tempo di una propria insularità che l'ha preservato da contaminazioni massificanti e imbastardimenti consumistici[69].
  • I dialetti dei piccoli centri limitrofi di San Michele Salentino e Villa Castelli[70] derivano direttamente dal cegliese, per cui ne conservano moltissime assonanze e similitudini (le due cittadine furono infatti fondate da contadini e coloni cegliesi ivi trapiantatisi secoli or sono). Queste parlate restano molto vicine all'ostunese e presentano affinità e convergenze anche con il dialetto di Taranto.

Dialetto barese[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Dialetto barese.
Distribuzione geografica del dialetto barese

Il dialetto barese è la varietà linguistica italoromanza parlata nella città di Bari e in generale nell'area centrale della Puglia.

Si tratta di un idioma sviluppatosi gradualmente su di una base latino-volgare e modificatosi via via nel tempo anche grazie agli apporti linguistici ricevuti dalle popolazioni straniere che si sono avvicendate nell'area geografica interessata, dagli Arabi, agli Spagnoli, fino alle genti balcaniche, e che hanno contribuito a caratterizzarne l'inflessione per molti incomprensibile, soprattutto in relazione al livello fonologico dell'analisi linguistica[71].

Il barese viene parlato, oltre che in tutta la provincia di Bari e in quella di Barletta-Andria-Trani, anche nella provincia di Matera, quindi a sud arriva fino alla soglia messapica, raggiungendo il nord della provincia brindisina e comprendendo i comuni di Fasano e Cisternino.

Religione[modifica | modifica sorgente]

Nella provincia di Brindisi la religione maggiormente diffusa è il Cristianesimo nella confessione cattolica. Sono comunque presenti alcune minoranze, tra cui Ortodossi, Protestanti, Musulmani ed Ebrei.

Nel territorio provinciale si estendono la diocesi di Conversano-Monopoli (comprendente i comuni di Cisternino e Fasano), l'arcidiocesi di Brindisi-Ostuni (comprendente i comuni di Brindisi, Ostuni, Mesagne, Carovigno, San Michele Salentino, San Vito dei Normanni, Cellino San Marco, San Donaci e San Pancrazio Salentino), la diocesi di Oria (comprendente i comuni di Oria, Francavilla Fontana, Latiano, Ceglie Messapica, Villa Castelli, Erchie e Torre Santa Susanna) e l'arcidiocesi di Lecce (comprendente i comuni di Torchiarolo e San Pietro Vernotico). Inoltre, sempre nel territorio provinciale, si registra la presenza di 91 parrocchie[72].

Qualità della vita[modifica | modifica sorgente]

Secondo la ricerca de Il Sole 24 ORE sulla qualità della vita nelle province italiane, la provincia di Brindisi nel 2010 si è collocata all'86º posto, restando stabile rispetto all'anno precedente[73].

Anno Qualità della Vita (Sole 24 Ore)
2004 88º (+ 4)
2005 90º (- 2)
2006 90º (0)
2007 85º (+ 5)
2008 89º (- 4)
2009 86º (+ 3)
2010 86º (0)

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Biblioteche[modifica | modifica sorgente]

Provincia di Brindisi-Stemma.png Nuvola apps bookcase.png Biblioteche
Brindisi Biblioteca Provinciale
Biblioteca Arcivescovile "Annibale De Leo"
Carovigno Biblioteca Comunale "S. Morelli"
Ceglie Messapica Biblioteca Comunale "Emilio Notte"
Cisternino Biblioteca Comunale
Erchie Biblioteca Comunale
Fasano Biblioteca Comunale "Ignazio Ciaia"
Francavilla Fontana Biblioteca Comunale "G. Calò"
Latiano Biblioteca Comunale "G. De Nitto"
Mesagne Biblioteca Comunale "Ugo Granafei"
Oria Biblioteca Comunale "De Pace Lombardi"
Biblioteca Diocesana
Ostuni Biblioteca Comunale "F. Trinchera"
San Pietro Vernotico Biblioteca Comunale "G. Melli"
San Vito dei Normanni Biblioteca Comunale "Giovanni XXIII"
Biblioteca Pubblica "San Benedetto"
Villa Castelli Biblioteca Comunale

Università e istruzione[modifica | modifica sorgente]

Le principali università sono collocate a Brindisi: sono le sedi distaccate dell'Università di Bari[74] e dell'Università del Salento[75]. Inoltre, a Mesagne, a poca distanza dalla SS7 è stata istituita la Cittadella della Ricerca[76], centro di ricerche e polo universitario in cui vi prendono parte varie aziende e l'Università del Salento. Simile alla Cittadella è il CIASU[77] (Centro Internazionale Alti Studi Universitari), grande stabilimento universitario nato a Fasano con lo scopo di contribuire con le università, le imprese, i Centri di ricerca e gli enti locali allo sviluppo del territorio attraverso ricerche e sperimentazioni nei campi di grande interesse scientifico e didattico.

Gli istituti di istruzione secondaria superiore si concentrano maggiormente, oltre che nel capoluogo, nei comuni più grandi della provincia come Ceglie Messapica, Fasano, Francavilla Fontana e Ostuni.

Musei[modifica | modifica sorgente]

Tra i musei principali della provincia[78]:

Musei a Brindisi[modifica | modifica sorgente]

Musei in provincia[modifica | modifica sorgente]

Mosaico romano presente all'interno del Museo archeologico nazionale di Egnazia
Ceramica Messapica, Centro documentazione messapica Oria
  • Pinacoteca "Emilio Notte" a Ceglie Messapica: aperta nel 1977[81] a Palazzo Allegretti, conserva le opere del pittore locale Emilio Notte (1891-1982), coautore del Manifesto futurista del 1917[82].
  • Centro di documentazione archeologica di Ceglie Messapica ospita la mostra Messapica Ceglie e conserva reperti archeologici, individuati nel territorio cittadino, che spaziano dalla Preistoria all’età ellenistica corredati da documentazioni e cartografie[83].
  • Museo archeologico nazionale di Egnazia a Fasano: si sviluppa in vari padiglioni e conserva principalmente reperti databili all'età del bronzo ed al periodo greco e romano[84].
  • Museo dell'Olio di Oliva a Fasano: situato presso la Masseria di S.Angelo de' Graecis, conserva macchinari, attrezzi e oggetti che raccontano la storia della produzione dell'olio di oliva[85].
  • Museo della manovella a fasano: situato nello zoo safari Fasanolandia, è una collezione privata che raccoglie gli attrezzi usati anticamente dagli artigiani per realizzare le loro opere[86].
  • Museo del sottosuolo a Latiano: trasferito nel 1993 da Taranto a Latiano, offre una panoramica generale su come è composto il sottosuolo sotto il profilo geologico, paleontologico e biologico[87].
  • Museo delle Arti e Tradizioni a Latiano: situato nel centro storico, è stato inaugurato nel 1974 a cura della Pro Loco di Latiano. Espone vari oggetti usati anticamente dai contadini nell'ambiente casalingo, artigianale e agricolo[88].
  • Museo Archeologico "Ugo Granafei" a Mesagne: situato nel castello normanno-svevo, ospita corredi funebri, tombe, vasellame, risalenti al periodo greco, messapico e romano[89].
  • Centro di documentazione messapica a Oria: è il più importante museo nella cittadina, situato sotto il piazzale della basilica cattedrale. Accoglie reperti provenienti dalle campagne di scavo effettuate nel territorio comunale e nella città stessa. Vi sono custoditi all'interno corredi funebri, tombe, vasi aventi una datazione che oscilla tra il IV secolo a.C. fino all'età imperiale romana[90][91].
  • Collezione "Martini Carissimo" a Oria: è esposta nella sala delle civiltà pre-classiche del Castello Svevo ed ospita reperti messapici, una pinacoteca, mobili, armi, monete e resti architettonici di epoca romana e medioevale[92].
  • Museo archeologico "Francesco Milizia" a Oria: situato nel complesso del santuario di San Cosimo alla Macchia, ospita reperti del IV-II secolo a.C., in particolare arredi e corredi tombali[93].
  • Museo didattico zoologico a Oria: è un museo naturalistico, anch'esso situato nel complesso del santuario di San Cosimo, attiguo allo zoo, espone vari animali impagliati ed imbalsamati, diversi crani e pelli conciate[94].
  • Raccolta "Kalefati" a Oria: ubicata in piazza Cattedrale, espone materiale ecclesiastico ed una sezione dedicata all'archeologia classica[95].
  • Museo di civiltà preclassiche della Murgia Meridionale a Ostuni: situato in via Cattedrale, è stato aperto nel 1989. Inizialmente esponeva reperti archeologici risalenti all'età preistorica e messapica rinvenuti solo nel territorio ostunese, ma, dopo l'avvio di numerosi altri scavi tutt'attorno, ha accolto anche reperti provenienti da comuni limitrofi[96].
  • Museo della civiltà rurale a San Vito dei Normanni: aperto nel 2001 dal GAL Altosalento, raccoglie utensili utilizzati da contadini, calzolai, artigiani, fabbri, che testimoniano la quotidianità della vita rurale dal XVIII secolo alla prima metà del XX[97].
  • Museo diffuso Castello d'Alceste a San Vito dei Normanni: si tratta del secondo ecomuseo istituito in Puglia, dopo quello di Cavallino. Posto su un'altura nel territorio comunale di San Vito dei Normanni, ospita un sito archeologico (resti di un villaggio datato alla secondo metà dell'VIII secolo a.C.) e offre alcuni scorci del territorio pugliese[98].
  • Museo Archeologico Comunale di Pezza Petrosa a Villa Castelli: aperto al pubblico il 24 maggio 2009, espone i reperti ritrovati durante due campagne di scavo nel 1989 e nel 1990, che hanno portato alla luce una necropoli (Pezza Petrosa) con trentatré tombe intatte contenenti reperti databili dal periodo neolitico al 600 d.C. Nel museo si possono ammirare vasi, corredi funebri, lastroni di copertura delle tombe e utensili vari, in gran parte provenienti dalla necropoli[99].

Media[modifica | modifica sorgente]

Radio[modifica | modifica sorgente]

Le principali emittenti radiofoniche provinciali sono CiccioRiccio, ascoltata in quasi tutto il sud Italia e con sede a Brindisi[100], e 4º Canale Radio, ascoltata principalmente entro i confini provinciali e con sede a Francavilla Fontana[101].

Stampa[modifica | modifica sorgente]

Per quanto riguarda la stampa, le principali redazioni hanno tutte sede nella città capoluogo. È presente La Gazzetta del Mezzogiorno[102], con la redazione della Gazzetta di Brindisi, che tratta esclusivamente la cronaca della provincia, il Nuovo Quotidiano di Puglia, anch'esso con redazione provinciale, ed i quotidiani BrindisiSera[103] e Senza Colonne[104]. Vi sono anche altri quotidiani, settimanali e periodici, con sede nei rispettivi comuni, che trattano solo la cronaca comunale.

Cinema[modifica | modifica sorgente]

La provincia di Brindisi è stata più volte scelta come set cinematografico, in particolar modo nei film di Sergio Rubini. Tra i più noti film e serie televisive girate in questo territorio, vi sono La terra, del 2006, 2061 - Un anno eccezionale, del 2007, L'uomo nero, del 2009, e Il giudice Mastrangelo, fiction di Canale 5.

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Tra le numerose emittenti televisive con sede in provincia, spiccano per popolarità Puglia TV[105], Studio 100 Tv[106], Telerama[107], Puglia Channel[108] (canale dalla piattaforma Sky), quasi tutte con sede distaccata a Brindisi, e TRCB[109], con sede centrale a Ostuni.

Teatro[modifica | modifica sorgente]

Teatro "Giuseppe Verdi" a Brindisi

Il più importante teatro a livello provinciale è il Teatro "Giuseppe Verdi"[110], situato a Brindisi; è uno dei più grandi teatri del Mezzogiorno, e può contenere 995 spettatori (658 in platea e 337 in galleria)[111]. Al di sotto del teatro sono state scoperte costruzioni d'epoca romana, ancora oggi visibili grazie all'intervento dell'architetto Enrico Nespega, che rialzò il teatro al di sopra degli scavi archeologici (da qui è nato anche il nome di "Teatro sospeso")[111].

Nel resto della provincia vi sono altri teatri di dimensioni notevolmente inferiori.

Cucina[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cucina pugliese, Cucina salentina e Prodotti agroalimentari tradizionali pugliesi.

La cucina di tutta la provincia di Brindisi è lagata alla tradizione agricola e peschereccia, molto rinomata è la città di Ceglie Messapica che vanta un'affermata tradizione gastronomica grazie ai numerosi ristoranti, molti dei quali sono di notevole caratura e annoverati dalle migliori guide gastronomiche. Molti piatti, infatti, sono insaporiti dalle spezie e dalle erbe che crescono spontaneamente sul territorio (come il rosmarino, il timo, ecc.)[112].

Paste fresche, prodotti della panetteria, pasticceria, confetteria[modifica | modifica sorgente]

Orecchiette

In tutta la provincia la pasta per eccellenza sono le orecchiette. Inoltre ci sono anche altri tipi di pasta anch'essi usati nelle ricette locali tipo i cavatelli con le cime di rape o i ravioli con ripieno di ricotta. Nelle panetterie, oltre al pane di grano duro, ogni giorno si sfornano i tipici taralli pugliesi, i panini con olive dentro e le frise[112].

Tra i dolci troviamo le cartellate, nastri di sottile pasta sfoglia, tipiche del periodo natalizio; ci sono inoltre le zeppole, fritte o al forno, la pasta di mandorla e i biscotti cegliesi tipici di Ceglie Messapica a base di pasta di mandorle e marmellata di ciliege o uva, con fragranza di limone e caffè, ricoperti di una glassa a base di zucchero e/o cacao. Infine, prodotte solo nel territorio di Francavilla Fontana, troviamo le mandorle ricce, prodotto tradizionale pugliese: si tratta di mandorle dure incamiciate di zucchero, arricciate grazie ad un continuo movimento oscillatorio ed infine glassate[112].

Prodotti vegetali, allo stato naturale o trasformati[modifica | modifica sorgente]

Tra i prodotti vegetali troviamo i fichi secchi, fatti essiccare al sole e poi scottati in acqua bollente e cosparsi di zucchero. Altre specialità sono i lampascioni, le melanzane ed i carciofi sott'olio, i pomodori secchi al sole, la salsa di pomodoro e il rinomato olio Collina di Brindisi DOP[112]. Viene prodotto soprattutto nei territori di Carovigno, Ceglie Messapica, Cisternino, Fasano, Ostuni, San Michele Salentino, San Vito dei Normanni e Villa Castelli. In questi territori passa la strada dell'olio, percorso enogastronomico che porta alla riscoperta del vero gusto dell'olio.

Vino[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Appia dei vini.
I comuni membri dell'Appia dei vini

Nella provincia di Brindisi è possibile produrre Aleatico di Puglia Doc, Ostuni Doc, Brindisi Rosso DOC, Brindisi Rosato DOC e Puglia Igt[112].

Anche per il vino è stata ideata la Strada Appia dei vini, che passa attraverso i territori di Ostuni, San Vito dei Normanni, Latiano, Mesagne e Brindisi, in cui è possibile vedere vitigni indigeni come la Malvasia nera di Brindisi, il Sangiovese, il Negroamaro, l'Ottavianello di Ostuni ed il Susumaniello.

Eventi[modifica | modifica sorgente]

La Scamiciata[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi La Scamiciata.

La Scamiciata è una rievocazione storica che si tiene a Fasano in ricordo della vittoria contro i Turchi nel 1678. Dopo essere stata abbandonata nel XIX secolo, nel 1978 la tradizione è stata ripresa da un gruppo di cittadini che hanno costituito il "Comitato per il Giugno Fasanese", e che hanno organizzato un Corteo Storico. Il corteo è composto da numerosi figuranti (che indossano rigorosamente i vestiti dell'epoca) e si apre con un gruppo di sbandieratori seguiti da trombe, tamburi e bandiere. Seguono i gruppi che rappresentano le famiglie nobili dell'epoca (ognuna con il proprio stendardo) e, dopo, le autorità civili, religiose e militari del tempo nelle loro uniformi, a bordo di carrozze d'epoca, tirate da cavalli. Vengono dietro gli armati, gli alabardieri, tra cui avanzano i Turchi, e infine il popolo nel suo tipico costume tradizionale che esegue canti e danze intorno alla barca del trionfo.

Il Corteo si conclude con la consegna delle chiavi della Città alla Madonna da parte del giovane che impersona il General Sindaco, presso la sacra immagine esposta in piazza Ciaia[113][114].

Fasano Jazz[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Fasano Jazz.

Fasano Jazz è una manifestazione musicale, inaugurata nel 1998, che si tiene solitamente in concomitanza con La Scamiciata. Questa manifestazione ha lo scopo principale di valorizzare il talento di giovani musicisti emergenti della Musica Jazz[115].

Cavalcata di Sant'Oronzo ad Ostuni[modifica | modifica sorgente]

La cavalcata di Sant'Oronzo è un evento tipico, che avviene nel 26 agosto di ogni anno. La festa attira turisti da tutta Italia, famosa per la cavalcata, ed i fuochi. I cavalli sono decorati con tessuti pregiati e vengono cavalcati dai capostipiti delle più antiche famiglie ostunesi. I fuochi di Sant'Oronzo sono particolarmente seguiti, per la loro bellezza. Vengono sparati dal campo foro boario e la gente per contemplarli si riversa sul Viale Oronzo Quaranta. Ostuni nel periodo di sant'Oronzo si riempie di fiere, bancarelle con prodotti tipici e servizi di catering. La cavalcata parte dalla Cattedrale, ove viene portata in processione la famosa Statua di Sant'Oronzo, sin in centro città. Alla fine la statua verrà rimessa al suo posto e verrà ripresa solo nella prossima cavalcata.

Un'emozione chiamata LIBRO[modifica | modifica sorgente]

Un'emozione chiamata libro è la punta di diamante della ricca programmazione culturale dell'estate di Ostuni. Nel 2013 si terrà la XVII edizione. Si tratta di una conferenza, che si tiene ogni anno nel cortile del Municipio della città bianca, dove vengono invitati autori di rilievo di vari libri, che vengono commentati e presentati. Personalità come Roberto Saviano o Serena Dandini sono spesso ospiti di questa manifestazione culturale di rilevazione nazionale.

Settimana Santa di Francavilla Fontana[modifica | modifica sorgente]

Crociferi
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Settimana Santa di Francavilla Fontana.

I riti che si susseguono durante la Settimana Santa a Francavilla Fontana vantano origini antiche, risalenti alla dominazione spagnola in Italia meridionale. Tradizioni molto sentite anche da parte della popolazione, questi riti si aprono il venerdì che precede la Domenica delle Palme con la processione della Madonna Addolorata. Il mercoledì è la volta dei "piatti", cestini addobbati con germogli di grano che vengono portati in giro per la città dai bambini: anticamente era un segno di riappacificazione tra famiglie o amici. Dal Giovedì Santo alla mattina del Venerdì i Pappamusci, caratteristiche figure incappucciate (in modo da non farsi riconoscere), con un cappello in testa e con il tipico bordone, volendo espiare i peccati commessi, girano in coppia per le chiese della città scalzi. La sera del venerdì Santo e per tutta la notte sfila per le vie della città la processione dei Misteri, che ripercorre tutte le tappe della Via Crucis. La processione avviene in modo lento ed il silenzio è interrotto solo dal rumore della "troccola". Una della caratteristiche di questa processione sono i "Crociferi": penitenti, anch'essi scalzi ed incappucciati, che, seguendo l'esempio di Gesù, portano per tutta la durata della processione una grande croce di legno sulle spalle. A chiudere i riti della Settimana Santa è la processione del Cristo Risorto, che esce la domenica di Pasqua. Quasi tutte le statue che sono portate in spalla durante le processioni sono realizzate in cartapesta policroma e sono databili all'Ottocento[116].

Fiera Nazionale dell'Ascensione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Fiera Nazionale dell'Ascensione.

La Fiera Nazionale dell'Ascensione, terzo polo fieristico regionale dopo Bari e Foggia[117], è un'esposizione campionaria che si svolge a Francavilla Fontana, nel quartiere fieristico. Ideata già nel 1700 come esposizione di prodotti agricoli da Michele Imperiali, fu via via abbandonata per poi essere ripresa nel 1926 dal podestà Pompeo Pisciotta. Oggi la fiera si sviluppa in vari settori (gastronomia, artigianato, industria, ecc.) e attrae aziende da molte parti d'Italia.

Torneo dei Rioni di Oria[modifica | modifica sorgente]

Il palio del 2006 portato in trionfo dai contradaioli del rione Giudea
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Torneo dei Rioni di Oria.

Il Torneo dei Rioni di Oria è una competizione che si svolge dal 1969 (durante la seconda domenica di agosto) tra i vari rioni della città di Oria. La tradizione vuole che il Torneo dei Rioni sia stato ideato da Federico II nel 1225 in attesa della moglie Jolanda di Brienne[118], perciò oggi la competizione si basa su diverse gare in stile medioevale (l'ariete, il ponte, la pertica, la botte ed il forziere) ed i partecipanti indossano anch'essi abiti medioevali. Il rione che ottiene più punti vince il palio, consegnato direttamente dall'imperatore (impersonato da personaggi famosi).

Barocco Festival di San Vito dei Normanni[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Barocco Festival.

Il Barocco Festival è una manifestazione musicale che si tiene a San Vito dei Normanni solitamente tra agosto e settembre. È nata nel 1997 per ricordare il musicista sanvitese Leonardo Leo e attrae musicisti e appassionati di musica barocca[119].

Salento Finibus Terrae Festival[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Salento finibus terrae (festival cortometraggio).

Il Salento Finibus Terrae Festival è una rassegna cinematografica e di cortometraggi organizzata in estate nei comuni di San Vito dei Normanni, Ostuni e Fasano; ha lo scopo di promuovere gli attori ed i registi emergenti dedicando varie sezioni (Diritti Umani, Animazione, Bullismo, ecc.). Il Festival è patrocinato dall'Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia, dalla Provincia di Brindisi, dall'Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di San Vito dei Normanni e dal I Circolo Didattico "Don Tonino Bello", dalla Commissione Italiana dell'UNESCO e dal Comitato Italiano UNICEF[120].

Altri eventi[modifica | modifica sorgente]

In provincia si svolgono numerose altre manifestazioni durante tutto l'anno:

Provincia di Brindisi-Stemma.png Manifestazioni
Brindisi Expocomics, Torneo della Civetta, Festival regionale del Talento
Carovigno Battitura della 'Nzegna, Madonna di Belvedere , Boccon Divino
Ceglie Messapica Ceglie Food Festival, CegliJazz Open Festival, Festa di Sant'Antonio da Padova, Festa di San Rocco, Festa Sant'Anna, Festa San Lorenzo
Fasano Cronoscalata "Fasano-Selva", Presepe Vivente di Pezze di Greco, La notte bianca, Mostra dell'Artigianato, Stella sulla grotta, Fasanomusica, Fasanfestival
Francavilla Fontana Notte degli Imperiali (notte bianca), Corteo Storico, Notte di San Giovanni, Festa della Madonna della Fontana
Latiano Sagra ti li Stacchioddi, Fiera di ottobre
Mesagne Mesagne in Moda & show, Fashion Mesagne, Children's World, Grande Salento in vetrina
Oria Campionato degli Sbandieratori Categoria A1, Cena Medievale
Ostuni La cavalcata di Sant'Oronzo, Moda a 5 stelle a Rosamarina, Sagra dei vecchi tempi, La notte bianca, Pellegrinaggio Santuario San Biagio, Notte di San Giovanni, Festival internazionale degli Artisti di Strada, Un Emozione chiamata Libro , Giro-Gola, Mercatini Natalizi
San Michele Salentino Sagra del Fico Mandorlato
San Vito dei Normanni La Desolata, Palio, Ballo di San Vito, Focara dell'Epifania
Villa Castelli Fiera Autunnale, Misteri, Presepe Vivente della gravina, Maggio della Madonna Odigitria, Giornata degli Studenti, Estate Castellana

Economia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Economia della Puglia.

Agricoltura, pesca e allevamento[modifica | modifica sorgente]

Tipico ulivo della campagna brindisina
Il carciofo, un tipico prodotto della campagna brindisina

Tutta la provincia rappresenta un territorio storicamente vocato al settore agricolo, con una superficie adibita a produzione agricola di 131.481 ettari, che riesce a raggiungere mediamente una Produzione Lorda Vendibile di 339 milioni di euro, contribuendo in maniera determinante all'economia dell'intera regione[121]. Tra le coltivazioni dominano l'olivo, circa 60 000 ettari di oliveti con piante secolari che assumono forme uniche e particolari, un patrimonio di assoluto valore paesaggistico, e i vigneti (25 000 ettari) con le uve tipiche come il Negroamaro o la Malvasia, dal quale si producono vini a Denominazione di Origine Controllata. Sulle colline della Valle d'Itria, non mancano i mandorleti, mentre in pianura i pescheti si alternano agli altri frutteti. Numerose e differenti coltivazioni ortive di qualità, come il pomodoro, il carciofo, i cereali, e le angurie. Da questi nascono gli originali piatti della gastronomia locale, genuina e profumata.

Le aziende agricole iscritte nel registro della Camera di Commercio di Brindisi sono 13.768, mentre 1.861 sono le aziende di coltivatori diretti iscritte all'INPS[121].

Anche il patrimonio zootecnico è consistente con 400 imprese che allevano 15 000 capi bovini e 34 000 ovi-caprini[121].

La pesca, data la mancanza di comuni che si affacciano direttamente sul mare (a parte Brindisi), non ha avuto un grande sviluppo come l'agricoltura.

Industria[modifica | modifica sorgente]

Il piano regolatore dell'Area di Sviluppo Industriale di Brindisi, la prima ad essere istituita in Puglia insieme a quella di Taranto, prevede un agglomerato industriale principale a Brindisi, e tre agglomerati satelliti a Fasano, Ostuni e Francavilla Fontana[122].

Fino a poco tempo fa in provincia risultavano disponibili oltre 1.000 ettari per nuovi insediamenti industriali[122]. La buona dotazione infrastrutturale, inoltre, rende Brindisi e tutto il territorio provinciale adatto ad accogliere nuovi insediamenti industriali e commerciali[122].

Nel capoluogo si concentrano numerosi grossi impianti industriali attivi nei settori del chimico, del petrolchimico, dell'energia e dell'aeronautica (con gli impianti industriali dell'Alenia Aeronautica, Avio e Agusta). Negli agglomerati industriali satelliti, invece, si sono sviluppate piccole e medie imprese attive nei settori del tessile, della meccanica leggera, dell'abbigliamento e altro, che offrono lavoro anche agli abitanti dei centri più piccoli, dove le aziende sono per la maggior parte di trasformazione agricola.

Per quanto riguarda l'industria alimentare, dal 1991 è cresciuta particolarmente la dimensione media in addetti, con un incremento del 19,5% nella lavorazione e conservazione di frutta e ortaggi e del 6,2% nel comparto vitivinicolo[121].

Energia[modifica | modifica sorgente]

La provincia di Brindisi è una delle maggiori produttrici di energia elettrica in Italia, grazie alla presenza di tre grandi centrali elettriche, tutte collocate a Brindisi:

Nel campo delle energie rinnovabili, la provincia detiene uno dei più alti tassi di densità di parchi fotovoltaici d'Europa, con una produzione di oltre 700 MW[124]; inoltre sono in progetto, nel territorio comunale di Brindisi, la costruzione di un parco fotovoltaico grande 84.343 metri quadrati che produrrà un'energia annuale di 15,12 GW orari, diventando di fatto il più grande parco fotovoltaico in Europa[125] e di un rigassificatore[126] che, però, stenta a partire poiché sono in corso indagini sulla valutazione di impatto ambientale ed anche perché, nel 2007, un'operazione giudiziaria ha fatto scattare diversi arresti, avvisi di garanzia e perquisizioni per un'ipotesi di corruzione continuata e aggravata.

Commercio e servizi[modifica | modifica sorgente]

Il commercio è molto sviluppato a Brindisi e nei centri maggiori. In queste aree, infatti, sono sorti numerosi centri commerciali, per la maggior parte succursali di grandi catene commerciali internazionali, anche di grandi dimensioni.

Durante il decennio 1991-2001, in provincia sono aumentati del 38,1% (da 16.784 a 23.186) gli addetti nel settore dei servizi, sia tradizionali che sofisticati (escluso solo il commercio) che comprendono tutte le numerose attività che vanno dai trasporti e dalle comunicazioni al turismo, dal credito e dalle assicurazioni alle libere professioni[122].

Turismo[modifica | modifica sorgente]

Una caletta di Specchiolla

La costa è sicuramente uno dei punti di forza del turismo della provincia e presenta importanti ed avviati insediamenti turistici, specie a nord del capoluogo. Una caratteristica è, però, il fatto che la domanda è in gran parte italiana (74%, contro il 26% di quella straniera) e molto stagionale[127]. Bisogna considerare, però, che da questo punto di vista, negli ultimi anni, sono stati fatti molti passi in avanti, registrando performance migliori rispetto al resto della Puglia[127].

La spiaggia di Rosa Marina

Non mancano importanti zone naturalistiche protette: di particolare pregio ambientale sono da segnalare Torre Guaceto ed il Parco delle Dune costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo.

La città che fa da modello e traina sin dagli anni novanta il turismo brindisino è certamente Ostuni, corteggiata sia da personalità di alto calibro che dal turismo di massa, grazie alla qualità delle sue acque,riceve infatti da circa 10 anni la Bandiera Blu FEE, e da circa 5 anni le Cinque Vele di Legambiente (unica in Puglia con Otranto), ed alle bellezze del suo centro storico, definita "città bianca". Negli ultimi anni anche Cisternino e Ceglie Messapica, con varie manifestazioni culturali, stanno crescendo in questo settore. Il capoluogo Brindisi svolge il ruolo di tramite che, con il suo porto e il suo aeroporto, rende possibile l'economia turistica, di vitale importanza per questo territorio.

Lungo tutto questo percorso sono stati individuati i resti di ben 431 fortificazioni[2], tra torri e altri sistemi di avvistamento e difesa della costa.

Testimonianze storiche di grande interesse sono i numerosi castelli, presenti quasi in ogni paese, da quelli importanti nati come poderosi sistemi di fortificazione a quelli realizzati come residenze di alcuni sovrani, ad altri trasformati nel tempo in abitazioni fortificate o palazzi baronali.

Trullo costruito con la calce bianca

Alle zone coltivate seguono le aree boschive e la macchia mediterranea. La campagna è divenuta nel tempo ideale sede di vacanze agrituristiche nelle tante Masserie, alcune fortificate, o in abitazioni signorili e nei tipici e bianchi trulli, dove è facile incontrare importanti insediamenti rupestri, con cripte e tempietti originari del VI secolo ad opera dei monaci basiliani (Grotte di San Biagio a San Vito dei Normanni). Alti cumuli di pietre, che rappresentano le misteriose specchie, installazioni megalitiche nate in epoca remota come torri di avvistamento o come luoghi di sepoltura, spiccano all'improvviso nelle zone tra Francavilla, Villa Castelli e Ceglie.

Aree archeologiche di epoca messapica e romana sono presenti in tutta l'area provinciale, con necropoli, terme, strade, cinte murarie e domus, hanno fornito numerosi reperti (monete, ceramiche, statue) oggi custoditi nei musei.

In città come Francavilla Fontana, San Vito dei Normanni, Ceglie Messapica, Cisternino ed Ostuni ci sono importanti esempi di architetture risalenti al periodo romanico e barocco.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

La società STP BRINDISI effettua collegamenti urbani nelle maggiori città della provincia: Brindisi, Ostuni, Francavilla Fontana, Mesagne. Collegamenti extraurbani in tutti i comuni della provincia.

Strade[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Strade provinciali della provincia di Brindisi.

La provincia di Brindisi è attraversata da numerose strade provinciali e statali. Il capoluogo è il punto di incrocio tra le tre maggiori arterie stradali della provincia: la Strada statale 7 Via Appia, che collega Brindisi a Taranto, la Strada statale 16 Adriatica, che collega i maggiori capoluoghi della costa Adriatica, tra cui Brindisi, e la Strada statale 613 Brindisi-Lecce, che collega Brindisi a Lecce.

Ferrovie[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ferrovia Adriatica e Ferrovia Taranto-Brindisi.
Panoramica delle linee ferroviarie che attraversano la provincia: in rosso la linea Martina Franca-Lecce (delle Ferrovie del Sud Est), in nero (fino a Lecce) le Ferrovie dello Stato

Le principali ferrovie della provincia sono due:

Entrambe le linee sono gestite dalla RFI e si congiungono a Brindisi. Vi è inoltre un raccordo ferroviario con la zona industriale di Brindisi e il porto mercantile, che facilita le operazioni di carico e scarico della merce. In alcuni comuni dell'entroterra il servizio ferroviario è garantito dalle Ferrovie del Sud Est, con la linea Martina Franca-Lecce.

La stazione ferroviaria principale della provincia è quella di Brindisi collegamento e baricentro delle due principali direttrici ferroviarie della provincia, quella adriatica e quella che collega il capoluogo con Taranto. La stazione di Francavilla Fontana, invece, è l'unica all'interno della provincia in cui si può effettuare un interscambio tra le Ferrovie del Sud Est e le Ferrovie dello Stato.

Porti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Porto di Brindisi.
Il porticciolo di Specchiolla

Il porto principale della provincia è quello di Brindisi[128], mercantile, peschereccio e turistico. Effettua collegamenti principalmente con l'Albania, la Grecia e la Turchia. Per gli scambi commerciali è considerato la Porta d'Oriente.

Altri porti pescherecci e turistici di rilievo si trovano nei territori di Fasano (Torre Canne e Savelletri), Ostuni (Villanova, RosaMarina, Diana Marina, Costa Merlata), Carovigno (Torre Santa Sabina e Specchiolla) e San Pietro Vernotico (Campo di Mare).

Aeroporti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Aeroporto di Brindisi-Casale.
L'interno dell'aeroporto di Brindisi

L'aeroporto di Brindisi (Papola-Casale)[129] ha collegamenti giornalieri con le maggiori città italiane ed europee. Lo scalo, distante 6 km dal centro cittadino, serve l'intera provincia di Brindisi, quella di Lecce e parte della provincia di Taranto. Nel 2004 sono transitati complessivamente 754.289 passeggeri, sono state imbarcate e sbarcate merci per 805.108 t, vi hanno fatto scalo 9.418 aeromobili[130]. Collegato con le città della provincia attraverso la linea della Pugliairbus, progetto della società Aeroporti Pugliesi.

L'aeroporto è dotato di due piste, una in direzione NW-SE lunga 2.628 m, l'altra in direzione NE-SW lunga 1.970 m[131].

Attivo già prima della seconda guerra mondiale, l'aeroporto di Brindisi ebbe dal 1928 regolari collegamenti aerei con Valona in Albania cui seguirono quelli, dal 1933, sulla linea Brindisi - Atene - Rodi e Brindisi- Atene - Istanbul. Interrotta nel 1943 per gli eventi bellici, l'attività civile riprese regolarmente nel 1947. Tra il 1960 e il 1970 la seconda pista viene allungata fino ai 2.628 metri attuali. Negli anni ottanta le strutture vengono sostanzialmente modificate con l'edificazione di una serie di edifici, tra cui una caserma dei Vigili del Fuoco ed una struttura per il traffico merci[130].

Attualmente, la struttura è gestita dalla S.E.A.P. - Aeroporti di Puglia[132], ed è parte del sistema aeroportuale pugliese con gli scali "Karol Wojtyla" di Bari, "Gino Lisa" di Foggia e "Marcello Arlotta" di Taranto-Grottaglie.

Mobilità provinciale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi STP (Brindisi).

Oltre al trasporto ferroviario, la mobilità all'interno della provincia è garantita da varie linee di autobus, gestite in gran parte dalla STP Brindisi, che collegano tutti i comuni all'interno del territorio provinciale e le varie località turistiche[133].

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Prefetti della provincia di Brindisi.

Giunta provinciale[modifica | modifica sorgente]

Dopo i ballottaggi del 21 e 22 giugno 2009 il presidente della provincia è Massimo Ferrarese, che ha ricevuto i voti di Partito Democratico, Unione di Centro,lista civica Ferrarese Presidente, movimento Io Sud e Partito Socialista. Dopo le dimissioni presentate da Massimo Ferrarese il 2 ottobre 2012, divenute irrevocabili il 22 ottobre, il 24 ottobre 2012 è stato nominato come Commissario Straordinario il dott. Cesare Castelli.

Periodo Presidente Partito Carica Note
23 aprile 1995 27 giugno 2004 Nicola Frugis centro-destra Presidente
28 giugno 2004 22 giugno 2009 Michele Errico centro-sinistra Presidente
23 giugno 2009 23 ottobre 2012 Massimo Ferrarese centro-sinistra Presidente
24 ottobre 2012 in carica Cesare Castelli Commissario prefettizio

Comuni[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Armoriale dei comuni della provincia di Brindisi.

Appartengono alla provincia di Brindisi i seguenti 20 comuni[134]:

Comuni provincia di Brindisi
Stemma Comune Residenti Superficie (km²) Densità (ab/km²)
Brindisi-Stemma.png Brindisi 89.695 328,46 273
Carovigno-Stemma.png Carovigno 16.061 105,43 152
Ceglie Messapica-Stemma.png Ceglie Messapica 20.657 130,32 159
Cellino San Marco-Stemma.png Cellino San Marco 6.752 37,46 181
Cisternino-Stemma.png Cisternino 11.903 54,01 220
Erchie-Stemma.png Erchie 9.033 44,06 204
Fasano-Stemma.png Fasano 38.457 129,03 298
Francavilla Fontana-Stemma.png Francavilla Fontana 36.607 175,25 209
Latiano-Stemma.png Latiano 15.057 55,07 273
Mesagne-Stemma.png Mesagne 27.805 122,58 227
Oria-Stemma.png Oria 15.341 83,47 184
Ostuni-Stemma.png Ostuni 32.458 223,69 145
San Donaci-Stemma.png San Donaci 7.101 34,20 207
San Michele Salentino-Stemma.png San Michele Salentino 6.367 26,19 243
San Pancrazio Salentino-Stemma.png San Pancrazio Salentino 10.370 56,04 185
San Pietro Vernotico-Stemma.png San Pietro Vernotico 14.449 46,08 315
San Vito dei Normanni-Stemma.png San Vito dei Normanni 19.868 66,36 300
Torchiarolo-Stemma.png Torchiarolo 5.153 32,20 159
Torre Santa Susanna-Stemma.png Torre Santa Susanna 10.566 54,70 193
Villa Castelli-Stemma.png Villa Castelli 9.170 34,81 261
TOTALE 402.829 1.839,53 219

Area Vasta Brindisina[modifica | modifica sorgente]

Il 12 settembre 2007, nella sede del comune di Brindisi (comune capofila) i sindaci di 19 comuni della provincia (escluso Cisternino, che fa parte dell'Area Vasta della Valle d'Itria) più la Provincia di Brindisi, hanno firmato un piano strategico al fine di condividere un nuovo metodo, suggerito dalla Regione Puglia, per la spesa dei Fondi Comunitari 2007-2013. Sono previsti numerosi interventi nel campo dell'economia e dello sviluppo, in quello della cultura e del welfare, dell'ambiente e del territorio e nel campo della mobilità e dei trasporti. Questi interventi saranno coordinati tra le varie amministrazioni comunali ed anche tra gli Enti Locali[135].

Sport[modifica | modifica sorgente]

Calcio[modifica | modifica sorgente]

Football Brindisi 1912 Società Dilettantistica[136] è la principale società calcistica della provincia. Al termine della stagione 2008/2009, dopo un campionato condotto al vertice della classifica, il Brindisi ha ottenuto la promozione nel campionato di Lega Pro Seconda Divisione, ritornando nel calcio professionistico dopo cinque anni trascorsi nelle serie dilettantistiche.

Un'altra squadra importante è l'A.S. Calcio Fasano[137], anch'essa militante nella Serie D.

Pallacanestro[modifica | modifica sorgente]

La principale società di pallacanestro della provincia e di tutta la Puglia è la New Basket Brindisi[138], che milita nella massima serie di A1 ed ha disputato diversi campionati in Legadue.

Alcune delle altre squadra presenti sul territorio provinciale sono:

  • la Assi Basket Ostuni[139] che nella stagione 2009/10 ha disputato il campionato di Serie A Dilettanti;
  • la Basket Ceglie Messapica[140] che nella stagione 2009/10 ha disputato il campionato di serie C Dilettanti risultando al termine promossa in serie B Dilettanti;
  • la Basket Francavilla[141], seconda squadra più vecchia della regione dopo la Ferrini Brindisi: dopo varie stagioni nel campionato di Serie C2, nella stagione 2007/08 è stata promossa in Serie C1, divisione che dalla stagione 2008/09 assume la denominazione di Serie C Dilettanti. Al termine della stagione 2009/10 la squadra è stata promossa in Serie B Dilettanti[142].

Impianti sportivi[modifica | modifica sorgente]

L'impianto sportivo più capiente della provincia è lo Stadio Franco Fanuzzi di Brindisi, che può contenere fino a 7.152 persone[143]. Altro stadio Di notevole importanza è il "Vito Curlo" di Fasano con capienza pari a 4.900 persone. Tra i palazzetti dello sport, il più grande della provincia è il PalaPentassuglia a Brindisi, con una capienza massima 3.523 spettatori[144].

Personalità sportive legate alla provincia[modifica | modifica sorgente]

Tra le personalità sportive più famose nate in provincia, figurano:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Dato Istat al 30 aprile 2011
  2. ^ a b c The near est - Progetto per l'internazionalizzazione della logistica dell'area di Brindisi. URL consultato il 16 ottobre 2009.
  3. ^ Rete ecologica della Provincia di Brindisi. URL consultato il 12 agosto 2009.
  4. ^ a b c d e f g h i Carta geologica d'Italia, Brindisi, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, 1976, p. 203. URL consultato il 17 ottobre 2009.
  5. ^ Carta geologica d'Italia, Ostuni, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, 1976, p. 191. URL consultato il 17 ottobre 2009.
  6. ^ a b c d e f Carta geologica d'Italia, Monopoli, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, 1976, p. 190. URL consultato il 17 ottobre 2009.
  7. ^ a b Superficie e altitudine dei comuni della provincia. URL consultato il 4 settembre 2010.
  8. ^ Analisi di contesto: Tavolo ambiente e territorio - Area Vasta Brindisina. URL consultato il 1º settembre 2010.
  9. ^ Dati della stazione meteorologica di Brindisi a cura dell'Aeronautica Militare. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  10. ^ Francesco Ribezzo, La città neolitica di Francavilla (PDF), 1952. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  11. ^ Clavica, Jurlaro, op. cit., p.16.
  12. ^ G.-J. L. M. BURGERS, Constructing Messapian landscapes: settlements dynamics, social organization and culture contact in the margins of Graeco- Roman italy, J. C. Gieben, Amsterdam 1998, p.214; P. Scialpi, Il parco archeologico di Pezza Petrosa a Villa Castelli, ed. Pugliesi, Martina Franca 2011; G. A. Maruggi (a cura di), Pezza Petrosa. Archeologia a Villa Castelli tra curiosita e ricerca, Artigrafiche Pugliesi, Martina Franca 1992; F. G. LO PORTO, Testimonianze archeologiche della espansione tarantina in età arcaica, in: Taras X, 1, 1990, p. 93. Cfr: C. CAFFORIO, Preistoria di Rudiae Tarantina, Taranto 1938; Sul concetto di phrourion cfr: T. H. NIELSEN, Phrourion. A note on the term in classical sources and in Diodorus Siculus, in: T. H. NIELSEN (a cura di), Even more studies in the ancient Greek polis, Steiner ed., Stuttgart 2002, p. 62.
  13. ^ Del Sordo, op. cit., p.13.
  14. ^ Carriero, Fallucca, op. cit., p.12.
  15. ^ Clavica, Jurlaro, op. cit., p.19.
  16. ^ Cenni storici sulla provincia di Brindisi. URL consultato il 4 settembre 2010.
  17. ^ Palumbo, op. cit., p.3.
  18. ^ Clavica, Jurlaro, op. cit., p.13.
  19. ^ C. Colafemmina (a cura di), Ahimaaz ben Paltiel, Sefer Yuhasin, Cassano Murge 2001; B. Ligorio, Sapere e Denaro, da Shabbatai Donnolo a Federico II, presentazione di S. Bernardi, Taranto 2010; N. Ferorelli, Gli ebrei nell'Italia Meridionale, Il Vessillo Israelitico, Torino 1915; Umberto Eco, Il Medioevo. Barbari, cristiani, musulmani, Encyclomedia Publishers, Milano 2010, p. 251; I. Fasiori, La scuola poetica ebraica di Oria nel secolo IX: gli inni per lo shabbat di Amittai ben Shefatia, prefazione di C. Colafemmina, Messaggi ed., Cassano Murge 2012
  20. ^ a b Del Sordo, op. cit., p.15.
  21. ^ Castello di Oria - Mondimedievali.it. URL consultato il 1º ottobre 2009.
  22. ^ Castello di Mesagne - Mondimedievali.it. URL consultato il 1º ottobre 2009.
  23. ^ Brindisi, modelli urbanistici e manifesti ideologici nella prima età normanna. URL consultato il 29 ottobre 2009.
  24. ^ Storia dell'arte medievale- Mondimedievali. URL consultato il 29 ottobre 2009.
  25. ^ Palumbo, op. cit., p.59.
  26. ^ Palumbo, op. cit., p.82.
  27. ^ Palumbo, op. cit., p.122.
  28. ^ Palumbo, op. cit., p.133.
  29. ^ Palumbo, op. cit., p.146.
  30. ^ Palumbo, op. cit., p.149.
  31. ^ Palumbo, op. cit., p.317.
  32. ^ Palumbo, op. cit., p.6.
  33. ^ a b c Regio Decreto Legge 2 gennaio 1927, n. 1
  34. ^ Palumbo, op. cit., p.29.
  35. ^ Palumbo, op. cit., p.34.
  36. ^ Palumbo, op. cit., p.189.
  37. ^ Palumbo, op. cit., p.180.
  38. ^ Palumbo, op. cit., p.163.
  39. ^ R.D.L. 31 marzo 1927, n. 468, art. 1
  40. ^ Il contrabbando di tabacchi lavorati: un'analisi economica e istituzionale. URL consultato il 28-2-2009.
  41. ^ Operazione "Salento" sul sito dell'Esercito italiano. URL consultato il 28-2-2009.
  42. ^ Operazione primavera, un successo in La Repubblica.it. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  43. ^ Traffico di droga, smantellati gruppi della Sacra corona unita in Corriere del Mezzogiorno. URL consultato il 21 ottobre 2009.
  44. ^ Sacra Corona Unita, questa sconosciuta. URL consultato il 3 settembre 2010.
  45. ^ a b Descrizione dello stemma da Comuni Italiani.it. URL consultato il 14 luglio 2009.
  46. ^ Sito sul Duomo di Brindisi. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  47. ^ Sito della chiesa matrice di Fasano. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  48. ^ Clavica, Jurlaro, op. cit., p.82.
  49. ^ Clavica, Jurlaro, op. cit., p.117.
  50. ^ Informazioni sulla concattedrale di Ostuni. URL consultato il 1º novembre 2009.
  51. ^ Sito della Basilica di Santa Maria della Vittoria. URL consultato il 1º novembre 2009.
  52. ^ Tutte le strutture fortificate della Provincia di Brindisi- Mondimedievali.it. URL consultato il 15 luglio 2009.
  53. ^ Informazioni sul Castello Svevo - Brindisi Virtual Tour. URL consultato il 23 dicembre 2010.
  54. ^ Informazioni sul Castello Aragonese - Brindisi Virtual Tour. URL consultato il 23 dicembre 2010.
  55. ^ Castello Filo su Mondimedievali.it. URL consultato il 16 luglio 2009.
  56. ^ Informazioni sulla Riserva naturale regionale orientata Bosco di Santa Teresa e dei Lucci. URL consultato il 13 luglio 2009.
  57. ^ Assessorato all'ecologia Regione Puglia
  58. ^ Saline di Punta della Contessa - Portale turistico Regione Puglia. URL consultato il 4 settembre 2010.
  59. ^ Sito della riserva naturale statale di Torre Guaceto. URL consultato il 14 luglio 2009.
  60. ^ Informazioni sul Bosco di Cerano. URL consultato il 14 luglio 2009.
  61. ^ Informazioni sul Parco naturale regionale Dune costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo. URL consultato il 14 luglio 2009.
  62. ^ Informazioni sulla gravina di Villa Castelli sul sito del Comune. URL consultato il 14 luglio 2009.
  63. ^ Elaborazione su dati Istat. URL consultato il 29 settembre 2009.
  64. ^ a b Cittadini stranieri secondo Demo Istat 2008. URL consultato il 15 febbraio 2010.
  65. ^ Percentuale approssimata
  66. ^ (EN) A. Calabrese, The sentential complementation of salentino: a study of a language without infinitival clauses, Torino, Rosenberg & Sellier, 1993.
  67. ^ Vocalismo tonico del dialetto di Lecce. URL consultato l'8 dicembre 2010.
  68. ^ Glossario del dialetto cegliese. URL consultato il 14 luglio 2009.
  69. ^ Citazione da Albarosa Macrí Tronci.
  70. ^ Angelo Giuseppe Chirulli, Vocabolario del dialetto di Villa Castelli, Martina Franca, 2005.
  71. ^ Centro studi baresi. URL consultato l'8 dicembre 2010.
  72. ^ CCI - Dati Istituto Sostentamento per il clero 2006. URL consultato il 25 settembre 2009.
  73. ^ Qualità della vita 2010 - Il Sole 24 ORE. URL consultato il 17 gennaio 2010.
  74. ^ Sito della sede distaccata di Brindisi dell'Università di Bari. URL consultato il 15 luglio 2009.
  75. ^ Sito dell'Università del Salento. URL consultato il 15 luglio 2009.
  76. ^ Sito della Cittadella della Ricerca. URL consultato il 15 luglio 2009.
  77. ^ Sito del CIASU. URL consultato il 15 luglio 2009.
  78. ^ Elenco dei musei sul sito della Provincia di Brindisi. URL consultato il 15 luglio 2009.
  79. ^ Nascita del museo archeologico provinciale. URL consultato il 4 settembre 2010.
  80. ^ La quadreria del museo diocesano. URL consultato il 15 luglio 2009.
  81. ^ Pinacoteca Emilio Notte- Touring Club Italiano. URL consultato il 2 agosto 2009.
  82. ^ Informazioni generali sulla Pinacoteca Emilio Notte. URL consultato il 15 luglio 2009.
  83. ^ sito Centro Documentazione Archeologica - Comune di Ceglie Messapica. URL consultato il 3 marzo 2013.
  84. ^ Informazioni sul museo di Egnazia. URL consultato il 16 luglio 2009.
  85. ^ Informazioni del Museo dell'olio di oliva sul sito del comune di Fasano. URL consultato il 2 agosto 2009.
  86. ^ Informazioni sul Museo della manovella sul sito dello Zoo Safari Fasanolandia. URL consultato il 2 agosto 2009.
  87. ^ Il Museo del sottosuolo sul sito istituzionale del Comune di Latiano. URL consultato il 16 luglio 2009.
  88. ^ Il Museo delle arti e tradizioni sul sito istituzionale del Comune di Latiano. URL consultato il 16 luglio 2009.
  89. ^ Informazioni sul Museo "U. Granafei" sul sito turistico della Regione Puglia. URL consultato il 17 luglio 2009.
  90. ^ Informazioni sul Centro di Documentazione messapica sul sito del Comune di Oria. URL consultato il 17 luglio 2009.
  91. ^ Reperti rinvenuti durente le campagne di scavo effettuate nel territorio oritano. URL consultato il 2 agosto 2009.
  92. ^ Informazioni sulla Collezione "Martini Carissimo". URL consultato il 16 luglio 2009.
  93. ^ Informazioni sul Museo Archeologico "F. Milizia" sul sito turistico della Regione Puglia. URL consultato il 17 luglio 2009.
  94. ^ Informazioni sul Museo didattico zoologico. URL consultato il 17 luglio 2009.
  95. ^ Informazioni sulla Raccolta "Kalefati" sul sito turistico della Regione Puglia. URL consultato il 17 luglio 2009.
  96. ^ Sistema museale Ostuni-Fasano. URL consultato il 15 luglio 2009.
  97. ^ Museo della Civiltà Rurale. URL consultato il 4 settembre 2010.
  98. ^ Sito del Museo diffuso Castello d'Alceste. URL consultato il 23 ottobre 2009.
  99. ^ Museo archeologico comunale di Pezza Petrosa. URL consultato il 3 agosto 2009.
  100. ^ Il sito dell'emittente Ciccio Riccio. URL consultato il 30 settembre 2009.
  101. ^ Il sito dell'emittente Quarto Canale Radio. URL consultato il 17 ottobre 2009.
  102. ^ Sito de La Gazzetta del Mezzogiorno. URL consultato il 30 settembre 2009.
  103. ^ Il sito di BrindisiSera. URL consultato il 7-7-2009.
  104. ^ Il sito di Senza Colonne. URL consultato il 7-7-2009.
  105. ^ Sito di Puglia TV. URL consultato il 30 settembre 2009.
  106. ^ Il sito di Studio 100 TV. URL consultato il 30-9-2009.
  107. ^ Sito di Telerama. URL consultato il 30 settembre 2009.
  108. ^ Sito di Puglia Channel. URL consultato il 30 settembre 2009.
  109. ^ Sito di TRCB. URL consultato il 30 settembre 2009.
  110. ^ Teatro Comunale di Brindisi. URL consultato il 15 luglio 2009.
  111. ^ a b Fondazione Nuovo Teatro Verdi. URL consultato il 31 dicembre 2010.
  112. ^ a b c d e Il sito che elenca i prodotti tipici della Puglia. URL consultato il 15 luglio 2009.
  113. ^ Foto della Scamiciata. URL consultato il 3 agosto 2009.
  114. ^ La Scamiciata sul sito della Provincia di Brindisi. URL consultato il 4 settembre 2010.
  115. ^ Sito di Fasano Jazz. URL consultato il 4 agosto 2009.
  116. ^ Sito dedicato alla Settimana Santa di Francavilla Fontana. URL consultato il 1º luglio 2009.
  117. ^ Sito della Fiera Nazionale dell'Ascensione. URL consultato il 3 agosto 2009.
  118. ^ Informazioni sul Torneo dei Rioni sul sito del Comune di Oria. URL consultato il 4 agosto 2009.
  119. ^ Sito del Barocco Festival. URL consultato il 4 agosto 2009.
  120. ^ Sito del Salento Finibus Terrae Festival. URL consultato il 4 agosto 2009.
  121. ^ a b c d I dati dell'agricoltura brindisina, Federazione Provinciale Coldiretti Brindisi. URL consultato il 14 ottobre 2009.
  122. ^ a b c d La Provincia di Brindisi: un territorio il cui sviluppo passa attraverso la valorizzazione della chimica - Relazione a cura dell'Osservatorio per il settore chimico e del Ministero delle attività produttive. URL consultato il 18 luglio 2009.
  123. ^ a b c Interrogazione a risposta in commissione 5/01546- Banca dati online della Camera dei Deputati. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  124. ^ Sul territorio di Brindisi la più grande estensione di fotovoltaico d'Europa in La Gazzetta del Mezzogiorno. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  125. ^ Maxi centrali solare in costruzione a Brindisi. URL consultato il 14 luglio 2009.
  126. ^ Richiesta di VIA dal sito del Ministero dell'Ambiente. URL consultato il 4 settembre 2010.
  127. ^ a b Analisi Congiunturale della provincia di Brindisi - Camera di Commercio di Brindisi. URL consultato il 18-6-2009.
  128. ^ Sito del Porto di Brindisi. URL consultato il 16 luglio 2009.
  129. ^ Sito dell'Aeroporto di Brindisi. URL consultato il 15 luglio 2009.
  130. ^ a b Informazioni su Brindisi- Sito ufficiale del Comune di Brindisi. URL consultato il 19 luglio 2009.
  131. ^ L'aeroporto di Brindisi sul sito ufficiale del Comune, Comune di Brindisi. URL consultato il 31 ottobre 2009.
  132. ^ Sito della S.E.A.P.. URL consultato il 15 luglio 2009.
  133. ^ Sito delle STP Brindisi. URL consultato il 2 gennaio 2011.
  134. ^ Dati istat al 30/8/2009. URL consultato il 15 febbraio 2010.
  135. ^ Sito dell'Area Vasta Brindisina. URL consultato il 4 agosto 2009.
  136. ^ Sito del Football Brindisi 1912. URL consultato il 18 luglio 2009.
  137. ^ Sito dell'AS Calcio Fasano. URL consultato il 10 luglio 2009.
  138. ^ Il sito del New Basket Brindisi. URL consultato il 7-1-2009.
  139. ^ Il sito del Basket Ostuni. URL consultato il 2 gennaio 2011.
  140. ^ Il sito del Basket Ceglie Messapica. URL consultato il 2 gennaio 2011.
  141. ^ Il sito del Basket Francavilla. URL consultato il 2 gennaio 2011.
  142. ^ Il Francavilla è in serie B, in città esplode la gioia in Senzacolonne.it. URL consultato il 1º giugno 2010.
  143. ^ Informazioni sullo stadio Franco Fanuzzi sul sito del Football Brindisi 1912. URL consultato il 1º novembre 2009.
  144. ^ Grand Prix - Freddy Cup, il "Brindisi" di fine anno della ginnastica in Ecowebnews.it. URL consultato il 4 settembre 2010.
  145. ^ Profilo di Giacomo Leone. URL consultato il 21 settembre 2009.
  146. ^ Profilo di Cosimo Caliandro. URL consultato il 21 settembre 2009.
  147. ^ Profilo di Flavia Pennetta. URL consultato il 21 settembre 2009.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Angela Marinazzo, Brindisi. Una provincia fra la terra e il mare, Adda, 2007. ISBN 88-8082-704-9
  • Vito Buono e Angela Delle Foglie, A tavola in provincia di Brindisi, Levante, 2007. ISBN 88-7949-498-8
  • Giuseppe Roma e Antonio Chionna, Brindisi e la sua provincia. Ediz. multilingue, Adda, 2007. ISBN 88-8082-083-4
  • Giacomo Carito, Terra senza tempo. Provincia di Brindisi, Italia Turistica. ISBN 88-88212-07-8
  • Vito Buono e Angela Delle Foglie, Percorsi turistici in provincia di Brindisi, Levante. ISBN 88-7949-236-5
  • Fulgenzio Clavica e Rosario Jurlaro (a cura di), Francavilla Fontana, Milano, Mondadori Electa, 2007. ISBN 978-88-370-4736-8.
  • Pietro Palumbo, Storia di Francavilla Fontana, Arnaldo Forni, 1901. (ISBN non esistente)
  • Antonia Carriero e Giuseppe Fallucca, Masseria Ottava Grande fra viabilità antica e insediamenti rupestri, Schena, 1999. ISBN 88-8229-106-5
  • Alberto Del Sordo, Ritratti brindisini, Bari, Adda, 1983. ISBN 88-8082-044-3

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Questa è una voce in vetrina. Clicca qui per maggiori informazioni
Wikimedaglia
Questa è una voce in vetrina, identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 7 novembre 2009 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Archivio  ·  Voci in vetrina in altre lingue   ·  Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki