Pasta di mandorla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dolci di pasta di mandorle (pasta reale)
Biscotti di pasta di mandorle
Biscotti di pasta di mandorle
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Regioni Puglia
Sardegna
Sicilia
Zona di produzione Puglia, Sardegna, Sicilia
Dettagli
Categoria dolce
Riconoscimento P.A.T.
Settore Paste fresche e prodotti della panetteria, pasticceria, confetteria
 
Pesce di pasta di mandorla
Pesce di pasta di mandorle - tipico dolce natalizio salentino
Pesce di pasta di mandorle - tipico dolce natalizio salentino
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Regione Puglia
Zona di produzione La Provincia di Lecce
Dettagli
Categoria dolce
Riconoscimento P.A.T.
Settore Paste fresche e prodotti della panetteria, pasticceria, confetteria
 

In Italia la pasta reale o pasta di mandorle (Pàsta riàli in siciliano, Pasta te mennule o Pasta ti mennuli in pugliese e salentino) è un preparato dolciario utilizzato nella preparazione di diversi dolci della cucina siciliana, cucina pugliese, cucina salentina e cucina sarda. Con il nome di pasta di mandorle è stata ufficialmente riconosciuta come prodotto agroalimentare tradizionale siciliano e inserita nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (P.A.T) del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (Mipaaf).[1] La pasta di mandorle è usata in tantissime ricette in giro per il mondo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le origini di questo dolce sono molto lontane, infatti pare sia nato alla fine del 1100, nel convento palermitano della Martorana, annesso alla chiesa di Santa Maria dell'Ammiraglio, che deve il suo nome a Giorgio d'Antiochia, ammiraglio del re Ruggero II. Il nome "reale" attribuito alla pasta dolciaria si può ricondurre al fatto che essa fosse "degna di un re" per la bontà e le caratteristiche del dolce.

Preparati[modifica | modifica sorgente]

Alcuni prodotti che si realizzano con la pasta reale sono la cassata, cassatelle, cassatine, frutta di martorana (o frutta di pasta reale) la quale si regala in occasione della festa di Ognissanti.

Costituisce uno dei dolci più rappresentativi della Sicilia, dove i maestri pasticcieri lavorano la mandorla in maniera artigianale con il miele, fino ad ottenere una pura pasta di mandorla, che può inoltre essere aromatizzata al limone o all'arancia oltre che essere ricoperta di zucchero a velo.

Una delle più note applicazioni dolciarie della pasta di mandorle è la cosiddetta frutta martorana o pasta reale, ossia i "finti frutti": vero capolavoro dell'artigianato dolciario siciliano.

Altre specialità siciliane sono le paste alla nocciola dell'Etna e al pistacchio di Bronte e di Adrano, e l'Agnello Pasquale di Favara preparato con pasta di mandorle e ripieno di crema di pistacchi.

Anche le regioni Calabria e Lazio hanno registrato la pasta di mandorle come prodotto tradizionale.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vedi elenco prodotti agroalimentari tradizionali sul sito del Mipaaf

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]