Nocciola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Nocciola (disambigua).
Nocciola: pericarpo e seme

La nocciola (non nocciolina perché con questo nome si identifica l'arachide) è il frutto del nocciòlo, pianta coltivata dall'uomo già nell'antichità. Dopo le mandorle sono il frutto più ricco di vitamina E e sono una fonte di fitosteroli, una sostanza ritenuta importante per la prevenzione delle malattie cardiovascolari. Le nocciole contengono, inoltre, grassi monoinsaturi in grado di abbassare il livello del colesterolo LDL e dei trigliceridi.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Maggiori produttori di nocciole (2012)[1]
(in tonnellate)
Turchia Turchia 660 000
Italia Italia 85 232
Stati Uniti Stati Uniti 30 000
Azerbaigian Azerbaigian 29 624
Georgia Georgia 24 700
Cina Cina 23 000
Iran Iran 21 440
Spagna Spagna 13 900
Francia Francia 8 358
Polonia Polonia 4 223
Mondo 914 447

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Nocciole
Valori nutrizionali per 100 g
Energia 628 kcal (2 630 kJ)
Proteine 15 g
Carboidrati
Totali
Zuccheri 4,3 g
Fibre 10 g
Grassi
Totali 61 g
Saturi 4,5 g
Monoinsaturi 46 g
Polinsaturi 8 g
Colesterolo 0
Vitamine
Vitamina A 20 IU
Vitamina B6 0,6 mg
Vitamina C 6,3 mg
Vitamina D 0 IU
Minerali
Calcio 114 mg
Ferro 4,7 mg
Magnesio 163 mg
Potassio 680 mg
Sodio 0 mg

Le nocciole italiane più pregiate sono:

  • Tonda gentile Trilobata (ex. Nocciola tonda gentile delle Langhe)
  • Tonda di Giffoni
  • Tonda gentile romana
  • Mortarella
  • Tonda tardiva

Grazie alle condizioni climatiche, questa pianta prospera nel Bacino del Mediterraneo.

I maggiori produttori sono: Turchia, Italia, USA e Spagna (in particolare in Italia per quantità Campania, Lazio, Piemonte e Sicilia).

La nocciola è comunemente annoverata fra la frutta secca, è di colore verdastro (inizialmente) e poi marroncino, con il proseguire del grado di maturazione. Il pericarpo è in parte ricoperto da un involucro fogliaceo a margine irregolare.

Il seme, posto all'interno, è commestibile ed è di consistenza croccante. Viene consumato sia allo stato fresco sia allo stato secco.

È molto ricco di lipidi (50-60% circa di grassi), di proteine (20%)e di acqua (11%). Questa composizione fa della nocciola un alimento molto calorico.

La nocciola è utilizzata principalmente nelle lavorazioni industriali, in quanto è il frutto che meglio si sposa con il cioccolato, sia al latte che fondente, in pasticceria, per la produzione di torroni, dolci e creme. Per la maggioranza degli impieghi viene sottoposta prima a tostatura. Nei paesi di lingua tedesca la nocciola è utilizzata sotto forma di farina per la preparazione di un dolce tipico (simile ad una crostata, la Torta Linzer).

Molto ricercato anche il suo olio che viene utilizzato dall'industria cosmetica.

Uso del termine in epoche e culture diverse[modifica | modifica wikitesto]

Al tempo della Roma antica si usava donare piante di Corylus avellana (volgarmente: nocciòlo) per augurare felicità. Ugualmente accadeva in Francia dove la pianta veniva donata agli sposi come simbolo di fecondità.

Nella cultura e nella lingua anglosassone il termine equivalente, Hazel (inteso come nocciolina), è talvolta utilizzato come nome proprio o vezzeggiativo. Hazel è, ad esempio, intitolata una canzone del cantante Bob Dylan contenuta nell'album discografico del 1974 Planet Waves mentre Hazel Grove (Boschetto di nocciòle) è il nome di una cittadina nelle vicinanze di Manchester, nell'Inghilterra nord-occidentale.

Negli Stati Uniti Hazel è il nome di una città del Kentucky.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Food and Agriculture Organization of The United Nations, FAOstat. URL consultato il 7 maggio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina