Provincia di Potenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Provincia di Potenza
provincia
Provincia di Potenza – Stemma Provincia di Potenza – Bandiera
Palazzo della Provincia, attuale sede dell'amministrazione provinciale.
Palazzo della Provincia, attuale sede dell'amministrazione provinciale.
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Basilicata-Stemma.svg Basilicata
Capoluogo Potenza
Presidente Piero Lacorazza (PD) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate
del capoluogo
40°38′19″N 15°48′08″E / 40.638611°N 15.802222°E40.638611; 15.802222 (Provincia di Potenza)Coordinate: 40°38′19″N 15°48′08″E / 40.638611°N 15.802222°E40.638611; 15.802222 (Provincia di Potenza)
Superficie 6 546 km²
Abitanti 376 166[1] (settembre 2012)
Densità 57,47 ab./km²
Comuni 100 comuni
Province confinanti Avellino, Bari, Barletta-Andria-Trani, Cosenza, Foggia, Matera, Salerno
Altre informazioni
Cod. postale 85100, 85010-85059
Prefisso 0971, 0972, 0973, 0975, 0976
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 076
Targa PZ
Localizzazione

Provincia di Potenza – Localizzazione

Sito istituzionale

La provincia di Potenza (provìngë dë Pùtenzë in dialetto potentino) è una provincia italiana della Basilicata, di 376 166 abitanti[1]. Affacciata ad ovest per un breve tratto sul mar Tirreno, confina ad ovest con la Campania (provincia di Salerno e provincia di Avellino), a nord con la Puglia (provincia di Foggia, provincia di Barletta-Andria-Trani e provincia di Bari), ad est con la provincia di Matera, a sud con la Calabria (provincia di Cosenza).

Comuni[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Armoriale dei comuni della provincia di Potenza.

Appartengono alla provincia di Potenza i seguenti 100 comuni:

Comuni più popolosi[modifica | modifica sorgente]

Le statistiche sono quelle ufficiali elaborate dall'ISTAT. Di seguito vengono elencati i comuni con più di diecimila abitanti:[2]

Stemma Comune Popolazione
(dicembre 2011)
Potenza (Italia)-Stemma.png Potenza 66 377
Melfi-Stemma.png Melfi 17 445
Lavello-Stemma.png Lavello 13 615
Rionero in Vulture-Stemma.png Rionero in Vulture 13 395
Lauria-Stemma.png Lauria 13 177
Venosa-Stemma.png Venosa 12 107
Avigliano-Stemma.png Avigliano 11 747

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Potenza mappa.png
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Appennino lucano.

Più estesa della provincia lucana di Matera, quella di Potenza si caratterizza per la molteplicità degli ambienti che la compongono. Difatti al suo interno sono presenti vari poli industriali, come quello di San Nicola di Melfi, ma anche ambienti prettamente naturali come i laghi di Monticchio, la costa di Maratea (unico sbocco sul mare della provincia), la zona centrale della foresta lucana, il massiccio del Monte Sirino ed il vasto Parco nazionale del Pollino, condiviso con la Calabria e con sede a Rotonda, nella parte meridionale della provincia.

La città principale è Potenza, in cui è concentrata la maggior parte dei servizi della Pubblica Amministrazione. Seconda città della provincia, per numero di abitanti, è Melfi. Lo sviluppo economico e demografico, di quella che fu la città di Federico II di Svevia, è dovuto principalmente alla presenza del polo industriale di San Nicola, dentro il quale sono collocate attività legate al settore automobilistico della FIAT. Fanno parte del territorio provinciale i laghi di Monticchio, il lago Sirino ed i laghi artificiali di Monte Cotugno, del Pertusillo, di Acerenza e del Rendina.

Un forte sisma di magnitudo 6,9 della scala Richter, si verificò il 23 novembre 1980 con epicentro nel comune di Conza della Campania, al confine con la provincia di Potenza. La scossa fu violenta, durò circa 1 minuto e mezzo e provocò grandissimi danni in tre regioni differenti. La ricostruzione è stata lenta. Ancora oggi trent'anni dopo molte persone vivono nei container.

È attraversata dall'autostrada A3, alla quale si ha accesso attraverso quattro svincoli presenti nei comuni di Lagonegro (Nord e Sud) e Lauria (Nord e Sud).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b ISTAT, Bilancio demografico (provvisorio), settembre 2012.
  2. ^ ISTAT, Bilancio demografico (provvisorio): vista territoriale, settembre 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]