Provincia di Parma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Provincia di Parma
provincia
Provincia di Parma – Stemma Provincia di Parma – Bandiera
Palazzo della Provincia, attuale sede dell'amministrazione provinciale (a destra).
Palazzo della Provincia, attuale sede dell'amministrazione provinciale (a destra).
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Amministrazione
Capoluogo Parma
Presidente Filippo Fritelli (PD) dal 10-10-2014
Data di istituzione 1859
Territorio
Coordinate
del capoluogo
44°48′00″N 10°20′00″E / 44.8°N 10.333333°E44.8; 10.333333 (Provincia di Parma)Coordinate: 44°48′00″N 10°20′00″E / 44.8°N 10.333333°E44.8; 10.333333 (Provincia di Parma)
Superficie 3 447,48[2] km²
Abitanti 443 770 (30-04-2014[1])
Densità 128,72 ab./km²
Comuni 46 comuni
Province confinanti Mantova, Reggio Emilia, Cremona, Piacenza, Genova, La Spezia, Massa Carrara
Altre informazioni
Cod. postale 43121-43126 Parma, 43010-43059 Provincia
Prefisso 0521, 0524, 0525
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 034
Targa PR
Nome abitanti parmensi
Cartografia

Provincia di Parma – Localizzazione

Sito istituzionale

La provincia di Parma (provîncia ed Pärma in dialetto parmigiano, provinça de Parma in ligure) è una provincia italiana dell'Emilia-Romagna di 443.770[1] abitanti, la quarta per popolazione.

Confina a nord con la Lombardia (provincia di Cremona e provincia di Mantova), ad est con la Provincia di Reggio Emilia, a sud con la Toscana (provincia di Massa e Carrara) e la Liguria (provincia della Spezia e provincia di Genova), ad ovest con la provincia di Piacenza.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La provincia è divisa tipicamente in tre zone da nord a sud: pianura, collina e montagna. La parte più a nord, di pianura, è delimitata dal fiume Po. I centri principali delle zone collinari e montane sono situati lungo il corso dei principali fiumi, i quali discendono dall'Appennino parmense scorrendo da sud verso nord e sfociano tipicamente nel Po.

Corsi d'acqua[modifica | modifica wikitesto]

I corsi d'acqua più importanti della provincia sono il Taro, la Parma, il Ceno, il Baganza (che confluisce nel Parma in prossimità del capoluogo) e lo Stirone (che sfocia nel Taro a Fontanelle a pochi chilometri dal Po). Altri importanti corsi d'acqua che attraversano parzialmente la Provincia di Parma sono: il fiume Enza, il fiume Arda e il torrente Ongina.

Cime[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Appennino_parmense#Montagne.

Le cime più elevate della provincia sono tutte situate sul confine meridionale e tra queste troviamo: il Monte Sillara (1861 metri), il Monte Marmagna (1852 metri), il Monte Orsaro (1831 metri), il Monte Maggiorasca (1804 metri), il Monte Brusà (1796 metri), il Monte Penna (1735 metri), il Monte Gottero (1640 metri), il Monte Molinatico (1549 metri) e il Monte Zuccone (1423 metri). Completamente all'interno del territorio parmense, tra quelli al di sopra dei 1400 metri, troviamo invece: il Monte Navèrt (1654 metri), il Monte Caio (1584 metri), il Monte Cervellino (1492 metri), il Monte Pelpi (1480 metri) e il Monte Polo (1419 metri).

Laghi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Laghi dell'Appennino parmense.

Nella zona montana sono presenti anche numerosi laghi tra i quali ricordiamo:

Parchi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Appennino_parmense#Aree protette.

Nella provincia di Parma, oltre al Parco regionale delle Valli del Cedra e del Parma (chiamato anche Parco dei Cento Laghi) e al Parco nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano, sono presenti anche il Parco fluviale regionale del Taro, il Parco naturale regionale dei Boschi di Carrega e il Parco fluviale regionale dello Stirone. Altre aree protette sono l'Oasi faunistica del Monte Fuso, l'Oasi faunistica del Monte Penna, la Riserva naturale regionale dei Ghirardi, la Riserva naturale orientata Parma Morta, la Riserva naturale orientata del Monte Prinzera e l'oasi Lipu di Torrile.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La provincia di Parma venne istituita nel 1859, con decreto dittatoriale di Carlo Farini, in previsione dell'annessione dell'Emilia al Regno di Sardegna; era suddivisa nei circondari di Parma, di Borgo San Donnino e di Valditaro[3].

Gastronomia[modifica | modifica wikitesto]

La provincia di Parma, come quella di Piacenza, è conosciuta anche come food valley, ovvero valle del cibo. Tradizione vuole, infatti, che la Provincia vanti una varietà enorme di cibi. I più famosi sono sicuramente i salumi (prosciutto di Parma, salame di Felino, culatello di Zibello, spalla cotta di San Secondo Parmense, la spalla cruda di Palasone, lo strolghino, la culaccia, il fiocchetto e la cicciolata) e il formaggio Parmigiano-Reggiano. Sulla fascia collinare si produce il vino DOP Colli di Parma, mentre nella zona della montagna si possono trovare numerosi piatti a base di funghi porcini o tartufo. Tra i primi sono famosi gli gnocchi di patate, i cappelletti in brodo, i tortelli con diversi ripieni (erbetta, patate, zucca, funghi, castagne, Tortél Dóls di Colorno) e le chicche. Tra i secondi ci sono numerosi piatti legati al maiale e alla carne bovina (arrosti ed altre ricette), alla gallina e cappone e alla selvaggina come lepre e coniglio e, nelle zone montuose soprattutto, piatti a base di cinghiale. Alcune delle più grandi industrie della zona (fra le più conosciute troviamo Barilla, Parmalat, Parmacotto, Mutti) sono legate strettamente al cibo; si occupano infatti della produzione di derivati di carni suine, latte, pasta e derivati del pomodoro e di pesce.

Turismo e cultura[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Architetture di Parma.

Dal punto di vista turistico la provincia di Parma è ricca di castelli, ville e santuari legati principalmente ai vecchi stati medievali o al periodo napoleonico. In pianura si trovano: la Villa Pallavicini[4] e l'antica Rocca di Busseto oggi sede del Comune, la casa natale di Giuseppe Verdi a Roncole Verdi, il paese di Zibello (importante centro dei Pallavicino), la magnifica Rocca dei Rossi di San Secondo Parmense (con 3.000 m² di affreschi), la Rocca dei Rossi di Roccabianca, la rocca dei Terzi di Sissa, la rocca Meli Lupi di Soragna[5]], dove è presente anche un Santuario e una Sinagoga, la rocca Sanvitale di Fontanellato che conserva dipinti del Parmigianino, circondata da un fossato e da una piazza che hanno mantenuto le stesse caratteristiche dell'epoca della loro costruzione, il Santuario ancora a Fontanellato e la reggia di Colorno. Sempre in pianura, da visitare la città di Fidenza (un tempo Borgo San Donnino) che vanta un Duomo romanico, simile a quello di Parma, il Convento di Fontevivo ed il centro di Salsomaggiore Terme. Nella zona montana si trovano soprattutto castelli difensivi medievali: i più importanti sono il castello di Bardi, il castello di Compiano e il castello di Torrechiara, ma troviamo anche le rocche di Noceto, di Felino, di Sala Baganza, di Varano de' Melegari e i castelli di Tabiano Castello e Scipione Castello nelle vicinanze di Salsomaggiore Terme. Molto bello è il Duomo romanico di Berceto.

Infrastrutture[modifica | modifica wikitesto]

La provincia parmense

Autostrade[modifica | modifica wikitesto]

La Provincia è attraversata da due autostrade: in senso est-ovest dalla A1 (Autostrada del Sole) con uscite a Fidenza e Parma e in senso nord-sud dalla A15 (Autocamionale della Cisa) con uscite a Parma Ovest, Fornovo, Borgo Val di Taro e Berceto.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio della provincia è attraversato dall'importante linea ferroviaria Milano-Bologna di cui la stazione di Parma funge da nodo d'interscambio fondamentale.

Quest'ultima funge da scalo di testa per altre linee che collegano il capoluogo al Tirreno, alle Alpi e al Delta del Po:

Anche la stazione di Fidenza è nodo di interscambio per altre tre ferrovie:

Aeroporti[modifica | modifica wikitesto]

In provincia è presente un solo aeroporto: il Giuseppe Verdi, vicino alla città capoluogo.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al Merito Civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al Merito Civile
«La comunità provinciale parmense, nella sua profonda fede in un'Italia libera e democratica, sconvolta dalle feroci rappresaglie dell'occupante nazifascista, con fierissimo contegno, offrendo uomini e sostegno alle formazioni partigiane, si rese protagonista di una tenace resistenza, sopportando la perdita di un numero elevato dei suoi figli migliori e la distruzione di ingente parte del suo patrimonio monumentale ed edilizio. Con generoso spirito di solidarietà umana si adoperava nel dare ospitalità e rifugio ai militari alleati fuggiti dai campi di concentramento, ai perseguitati politici e ad intere famiglie di ebrei. Luminoso esempio di eroico coraggio, indomito spirito patriottico ed eccezionale abnegazione.»
— 13-4-2006

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Presidenti della provincia di Parma.

Nelle elezioni a suffragio ristretto del 2014 è stato nominato Presidente della Provincia di Parma Filippo Fritelli.

Comuni[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Armoriale dei comuni della provincia di Parma.

Appartengono alla provincia di Parma i seguenti 46 comuni:

Comuni più popolosi[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito sono riportati i comuni superiori ai 10.000 abitanti, ordinati per popolazione[1]:

Pos. Comune Abitanti Stemma
Parma 188.614 Parma-Stemma.png
Fidenza 26.486 Fidenza-Stemma.png
Salsomaggiore Terme 19.761 Salsomaggiore Terme-Stemma.png
Collecchio 14.235 Collecchio-Stemma.png
Noceto 13.030 Noceto-Stemma.png

Comuni ad estremità geografiche[modifica | modifica wikitesto]

Stemma Città Coordinata Geografica Estremità Geografica
Zibello-Stemma.png Zibello 45°01′00″N 10°08′00″E / 45.016667°N 10.133333°E45.016667; 10.133333 Nord
Monchio delle Corti-Stemma.png Monchio delle Corti 44°25′00″N 10°07′00″E / 44.416667°N 10.116667°E44.416667; 10.116667 Sud
Sorbolo-Stemma.png Sorbolo[6] 44°51′00″N 10°27′00″E / 44.85°N 10.45°E44.85; 10.45 Est
Tornolo-Stemma.png Tornolo 44°29′00″N 9°38′00″E / 44.483333°N 9.633333°E44.483333; 9.633333 Ovest

Unioni di Comuni[modifica | modifica wikitesto]

In Provincia di Parma sono presenti sei Unioni che raggruppano quarantadue dei quarantasei Comuni del territorio:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Bilancio demografico mensile ISTAT Dati relativi al 30-04-2014
  2. ^ Suddivisioni amministrative italiane
  3. ^ Decreto 27 dicembre 1859, n. 79
  4. ^ Sito web: Sito ufficiale di Villa Pallavicini.
  5. ^ Sito web: www.roccadisoragna.it
  6. ^ considerando la localizzazione del municipio, se si tiene conto del territorio il comune più a est è quello di Mezzani
  7. ^ Sito ufficiale Unione Bassa Est Parmense. URL consultato il 2 maggio 2012.
  8. ^ Sito ufficiale Unione Civica Terre del Po. URL consultato il 2 maggio 2012.
  9. ^ Rete civica di Collecchio, Unione Pedemontana Parmense, L'Unione fa la forza. URL consultato il 2 maggio 2012.
  10. ^ Sito ufficiale Unione Terre Verdiane, Storia dell'Unione, Da Associazione Intercomunale a Unione di Comuni. URL consultato il 2 maggio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Emilia Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Emilia