Picerno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Picerno
comune
Picerno – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Basilicata-Stemma.svg Basilicata
Provincia Provincia di Potenza-Stemma.png Potenza
Amministrazione
Sindaco Giovanni Lettieri (lista civica di centrosinistra Per Picerno) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 40°38′00″N 15°38′00″E / 40.633333°N 15.633333°E40.633333; 15.633333 (Picerno)Coordinate: 40°38′00″N 15°38′00″E / 40.633333°N 15.633333°E40.633333; 15.633333 (Picerno)
Altitudine 721 m s.l.m.
Superficie 78,51[1] km²
Abitanti 6 015[2] (novembre 2014)
Densità 76,61 ab./km²
Comuni confinanti Balvano, Baragiano, Potenza, Ruoti, Savoia di Lucania, Tito, Vietri di Potenza
Altre informazioni
Cod. postale 85055
Prefisso 0971
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 076059
Cod. catastale G590
Targa PZ
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Nome abitanti picernesi
Patrono san Nicola
Giorno festivo 9 maggio e 6 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Picerno
Posizione del comune di Picerno all'interno della provincia di Potenza
Posizione del comune di Picerno all'interno della provincia di Potenza
Sito istituzionale

Picerno è un comune italiano di 6.015 abitanti[2] della provincia di Potenza, in Basilicata.[3].

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Picerno.

Secondo i dati medi del trentennio 1961-1990, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a +3,5 °C, mentre quella del mese più caldo, agosto, è di +21,9 °C.

Le precipitazioni medie annue si aggirano sui 650 mm, distribuite mediamente in 90 giorni, con un picco tra l'autunno e l'inverno ed un minimo estivo[4].

PICERNO Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 6,4 7,6 10,3 14,3 19,0 23,4 26,9 27,1 22,7 17,3 11,8 8,3 7,4 14,5 25,8 17,3 16,3
T. min. mediaC) 0,7 1,2 3,1 6,3 9,9 13,9 16,4 16,7 13,7 9,8 5,6 2,7 1,5 6,4 15,7 9,7 8,3
Precipitazioni (mm) 78 42 58 62 40 35 20 21 37 60 93 106 226 160 76 190 652
Giorni di pioggia 10 7 9 8 6 6 3 2 5 8 12 14 31 23 11 25 90
Eliofania assoluta (ore al giorno) 2,8 3,9 4,0 5,2 7,3 8,4 9,7 9,1 6,6 5,5 3,8 3,0 3,2 5,5 9,1 5,3 5,8

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Picerno fu fondata intorno al 1000, sulle rovine dell'antica Acerrona, con il toponimo di Pizini. Inizialmente fu concepita come piccola fortezza normanna, cinta da mura difensive. Nel 1331 apparteneva alla contea di Potenza e fu ceduta a titolo di feudo alla famiglia Sanseverino di Tricarico, ai Caracciolo, ai Muscettola e ai Pignatelli di Marsico.

Durante i moti per la Repubblica Partenopea del 1799 il centro assunse un importante ruolo. Con l'imminente caduta della Repubblica, si oppose fermamente all'esercito sanfedista del cardinale Fabrizio Ruffo. Dopo avere subito una pesante sconfitta, alcuni ribelli picernesi si rifugiarono nella Chiesa Madre (ma furono raggiunti e massacrati dagli uomini del brigante Gerardo Curcio da Polla, noto come Sciarpa. Si contarono circa 70 vittime, di cui 19 donne. Dopo questa strenua resistenza, Picerno ricevette l'appellativo di Leonessa della Lucania.[5]

Fu quasi del tutto distrutta dal terremoto del 1857. In seguito ai danni, il centro abitato si sviluppò fuori dalla cinta delle mura antiche. 

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Palazzo Calenda
  • Palazzo Iacovelli
  • Palazzo Lazzari
  • Palazzo Caivano
  • Palazzo Salvia
  • Palazzo Tarulli
  • Palazzo Mancini
  • Palazzo Gaimari
  • Palazzo Marchi

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

  • Torre medievale
  • Torre San Leonardo

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • Fontana
  • Bosco Li Foj

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2011 a Picerno risultano residenti 80 cittadini stranieri. Le nazionalità principali sono:[7]

Paese di nascita Popolazione (2011)
Romania Romania 44
Albania Polonia 7
Bulgaria Albania 6
Marocco Marocco 5

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetti gallo-italici di Basilicata.

La popolazione parla un dialetto gallo-italico.

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La maggioranza della popolazione è di religione cristiana di rito cattolico[8]; il comune appartiene all'Arcidiocesi di Potenza-Muro Lucano-Marsico Nuovo, con una parrocchia.

L'altra confessione cristiana presente è quella evangelica con due comunità:[9]

  • Chiesa Pentecostale ADI,
  • Chiesa dei Fratelli

Feste religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Venerdì Santo: Processione con le statue del Gesù Morto e della Madonna Addolorata
  • 19 marzo: Festa in onore di San Giuseppe
  • 6-7-8-9 maggio: Solenni Festeggiamenti in onore di San Nicola Vescovo di Bari (Patrono e Protettore della Parrocchia e della Città di Picerno)
  • Domenica del Corpus Domini: Solenne Processione del Santissimo Sacramento (Infiorata nei quartieri della città)
  • 1ª Domenica di luglio: Festa in onore della Madonna della Pietà
  • 30-31 luglio: Festa in onore della Madonna del Monte Lifoi
  • 6-7 agosto: Festa in onore di San Donato Vescovo e Martire
  • 13-14-15 agosto: Solenni Festeggiamenti in onore della Madonna Assunta in Cielo (Protettrice di Picerno)
  • 18-19-20 agosto: Festa in onore di San Rocco
  • 1º settembre: Festa in onore di Sant'Egidio Abate
  • 8 settembre: Festa in onore della Madonna del Pantano
  • 23 settembre: Festa in onore di San Pio da Pietrelcina
  • 6 dicembre: Festa Patronale in onore di San Nicola Vescovo di Bari (Ricordo del Miracolo della Santa Manna)
  • 13 dicembre: Festa in onore di Santa Lucia Vergine e Martire

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo del costume tipico tradizionale

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 maggio di ogni anno è un giorno festivo in ricordo dell'eccidio del 1799 e tutti i cittadini picernesi che hanno sacrificato la loro vita per la libertà e la democrazia.[10]

Persone legate a Picerno[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

  • Picerno ha una stazione, all'interno del centro abitato principale, della linea ferroviaria Salerno-Potenza

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune fa parte della Comunità montana Melandro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati di riferimento alla superficie
  2. ^ a b ISTAT, Bilancio demografico (provvisorio), maggio 2014.
  3. ^ Turismo - Area Metropolitana
  4. ^ Tabella climatica
  5. ^ PICERNO “LEONESSA DELLA LUCANIA”.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ Dati Istat
  8. ^ Arcidiocesi di Potenza-Muro Lucano-Marsiconuovo
  9. ^ Evangelici.net - Indirizzi utili
  10. ^ Statuto comunale

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M. Airoldi Tuniz, Atlante turistico della Basilicata, Istituto Geografico De Agostini 2006
  • Carmine Curcio: STORIE DI SANTI DI EROI E DI EMIGRANTI"La Porta di San Nicola a Picerno" Ed. La Matrice, 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Basilicata Portale Basilicata: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Basilicata