Pietragalla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pietragalla
comune
Pietragalla – Stemma Pietragalla – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Basilicata-Stemma.svg Basilicata
Provincia Provincia di Potenza-Stemma.png Potenza
Amministrazione
Sindaco Nicola Sabina (Lista civica "Uniti per Pietragalla") dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 40°45′00″N 15°53′00″E / 40.75°N 15.883333°E40.75; 15.883333 (Pietragalla)Coordinate: 40°45′00″N 15°53′00″E / 40.75°N 15.883333°E40.75; 15.883333 (Pietragalla)
Altitudine 834 m s.l.m.
Superficie 66,1 km²
Abitanti 4 210[1] (novembre 2014)
Densità 63,69 ab./km²
Comuni confinanti Acerenza, Avigliano, Cancellara, Forenza, Potenza, Vaglio Basilicata
Altre informazioni
Cod. postale 85016
Prefisso 0971
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 076060
Cod. catastale G616
Targa PZ
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti pietragallesi
Patrono san Teodosio
Giorno festivo 10 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pietragalla
Posizione del comune di Pietragalla all'interno della provincia di Potenza
Posizione del comune di Pietragalla all'interno della provincia di Potenza
Sito istituzionale

Pietragalla è un comune italiano di 4.210 abitanti[1] della provincia di Potenza, in Basilicata, il cui centro è costruito su un breve ripiano terrazzato, a 834 m s.l.m., sul versante sinistro del torrente Cancellara[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del paese sembra aver avuto origine dal termine medioevale, intorno al X secolo d.C. Lo stemma di Pietragalla è un gallo su tre monti e nei monti tre torri incluse (Racioppi). I tre monti rappresentano "Terra", "Serra" e "S. Michele". Le tre torri indicano i tre principali accessi al centro storico: "Arco Melazzi", "Arco Settanni", "Arco Via fratelli Bandiera".

1861 - Brigantaggio. La lunga scorreria iniziata nei primi giorni del novembre 1861 da parte delle grosse formazioni capitanate da Carmine Crocco, e da José Borjès,, interessò il 16 novembre anche il paese di Pietragalla che fu in parte saccheggiato. Popolazione e guardie nazionali opposero una resistenza accanita arrecando numerose perdite agli assalitori.[3] Giunti soccorsi i “briganti” furono costretti a ritirarsi. il Consiglio Provinciale della Basilicata dell’11 gennaio 1862, nel considerare eroica la resistenza di Pietragalla dichiarò: “ Benemeriti della Patria…anche i cittadini di Pietragalla.…che con tanto coraggio e tanto patriottismo seppero difendere le mura dei padri loro.”[4] Raccolto il bottino le formazioni brigantesche, inseguite da reparti di truppa e da contingenti di guardie nazionali, si ritirarono su Lagopesole dove cercarono di riordinarsi.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Tradizioni e folklore[modifica | modifica wikitesto]

  • Festa di San Teodosio martire, santo patrono: sebbene la festa del santo sia in ottobre, la festa è stata spostata al 10 maggio. Tutte le mattine a partire dalla settimana precedente alla festa, si tengono spettacoli di fuochi pirotecnici e tra l'8 e il 10 maggio la banda musicale passa per le strade; sia nel pomeriggio del giorno precedente, sia nel pomeriggio della festa la statua del santo viene portata in processione. La festa termina con uno spettacolo musicale e un ultimo spettacolo pirotecnico verso la mezzanotte.

Persone legate a Pietragalla[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale sindaco è Nicola Sabina (Lista Civica - Uniti per Pietragalla), eletto il 25 maggio 2014 con il 64,23% delle preferenze.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è la S.C. Pietragalla, nata nel 1999. Milita nell'Eccellenza Basilicata.


NASCE L' INVICTA PIETRAGALLA

“Invicta Pietragalla” è la nuova società sportiva nata il 20 agosto a Pietragalla. È opera di un nutrito gruppo di giovani che, a loro dire, hanno voluto creare un punto di aggregazione e riferimento per i tanti ragazzi che da anni non riuscivano ad essere partecipi di stagioni agonistiche in campo sportivo, ed in particolare, in campo calcistico. Presidente della neonata società è stato, all’unanimità, eletto Donato Di Capua, un giovanissimo studente universitario di appena 21 anni; coadiuvato da altri 2 ragazzi, Davide Masotti alla carica di segretario e Antonio Iacovera quale tesoriere; la carica di vicepresidente è stata affidata a Monetta Domenico che, con la sua quarantennale esperienza in campo sportivo, garantisce ai giovani la sicurezza necessaria alla gestione della società. Il presidente Di Capua nella prima occasione di incontro avvenuto con i ragazzi di Pietragalla, ha voluto sottolineare che la nuova associazione è una polisportiva e come tale opererà non soltanto in campo calcistico, ma in ogni settore sportivo che sia ritenuto degno di interesse da parte di ragazzi locali. La nuova società è retta da 15 soci fondatori che hanno espresso il vivo desiderio di non rimanere tali di numero, ma di incrementarlo quanto più possibile.

Pesca sportiva[modifica | modifica wikitesto]

La società APS Altrobradano raccoglie numerosi amatori di questo sport grazie al torrente rosso che offre spazio per le gare di pesca alla trota.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b ISTAT, Bilancio demografico (provvisorio), maggio 2014.
  2. ^ Turismo - Area Metropolitana
  3. ^ Da Frà Diavolo a Borjès – Con il diario del generale spagnolo - supplemento a “La Sicilia” – Capone Editore/Edizioni del Grifo. Pag. 212
  4. ^ Basilide del Zio “Il Brigante Crocco e la sua autobiografia” – Ristampa dell’edizione di Melfi del 1903 – Arnaldo Forni Editore. Pag. 31
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Basilicata Portale Basilicata: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Basilicata