Provincia di Gorizia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando una fase antecedente al 1947 nella storia della provincia di Gorizia, vedi Provincia di Gorizia (disambigua).
Provincia di Gorizia
provincia
(IT) Provincia di Gorizia
(FUR) Provincie di Gurize - (SL) Pokrajina Gorica
Provincia di Gorizia – Stemma Provincia di Gorizia – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Friuli-Venezia Giulia-Stemma.png Friuli-Venezia Giulia
Amministrazione
Capoluogo Gorizia
Presidente Enrico Gherghetta (PD) dal 7-05-2006
Data di istituzione 1927
Territorio
Coordinate
del capoluogo
45°56′00″N 13°37′00″E / 45.933333°N 13.616667°E45.933333; 13.616667 (Provincia di Gorizia)Coordinate: 45°56′00″N 13°37′00″E / 45.933333°N 13.616667°E45.933333; 13.616667 (Provincia di Gorizia)
Superficie 467,14 km²
Abitanti 141 024 (31-10-2013)
Densità 301,89 ab./km²
Comuni 25 comuni
Province confinanti Goriziano (GO-SLO), Trieste, Udine
Altre informazioni
Cod. postale 34170, 34070-34079
Prefisso 0431, 0481
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 031
Targa GO
Cartografia

Provincia di Gorizia – Localizzazione

Sito istituzionale

La provincia di Gorizia (provincie di Gurize in friulano, pokrajina Gorica in sloveno), è una provincia italiana della regione autonoma Friuli-Venezia Giulia di 141.024 abitanti con capoluogo Gorizia.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Mappa del territorio provinciale attuale

Confina con la provincia di Udine a ovest, con la provincia di Trieste a sud-est, con la Slovenia (Litorale/Primorska) a nord e est, e con il mare Adriatico a sud.

Comuni[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Armoriale dei comuni della provincia di Gorizia.

Appartengono alla provincia di Gorizia i seguenti 25 comuni, tra i quali vengono evidenziati gli 8 municipi popolati da più di cinquemila persone[1]:

Stemma Comune Abitanti
Gorizia-Stemma.png
Gorizia 35.414
Monfalcone-Stemma.png
Monfalcone 27.832
Ronchi dei Legionari-Stemma.png
Ronchi dei Legionari 11.972
Grado (Italia)-Stemma.png
Grado 8.430
Cormons-Stemma.png
Cormons 7.522
Staranzano-Stemma.png
Staranzano 7.265
Gradisca d'Isonzo-Stemma.png
Gradisca d'Isonzo 6.502
San Canzian d'Isonzo-Stemma.png
San Canzian d'Isonzo 6.246

Il comune più piccolo è Dolegna del Collio con 387 abitanti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia di Gorizia.
Il gonfalone della provincia

La provincia di Gorizia venne istituita nel 1927, nell'ambito del riordino delle circoscrizioni provinciali italiane voluta dal regime fascista; il territorio della nuova provincia corrispondeva a quello degli ex circondari di Gorizia (escluso il comune di Chiopris-Viscone) e di Tolmino della provincia del Friuli[2].

La nuova provincia ebbe una superficie di 2.730 km2 e 209.700 abitanti ed articolata su 128 comuni, ridotti a 42 per effetto di 86 soppressioni avvenute nel 1927-1928. (7 comuni furono ricostituiti nel 1954-1955).

Mappa della Provincia di Gorizia nel 1941-1943 (quando aveva le stesse dimensioni del periodo 1927-1940)

Dopo la vittoria sulla Jugoslavia e la sua parziale occupazione da parte del Regno d'Italia nella primavera del 1941, la provincia di Gorizia non ebbe ampliamenti come invece quella di Zara e quella di Fiume. Divenne però confinante ad est con la nuova provincia di Lubiana, all'interno dell'Italia ingrandita nei suoi confini orientali.

Dal 1943 al 1945 il territorio fu compreso nella Zona d'operazioni del Litorale adriatico (OZAK), un protettorato militare della Germania[senza fonte]. In tale periodo si susseguirono le repressioni nazifasciste che portarono la provincia di Gorizia ad essere la prima in Italia per numero di morti nei campi di sterminio nazisti, seguita dalle province di Firenze, Genova e Fiume.[3]

Dal 1945 al 1947 fu divisa in 2 dalla linea Morgan. La zona A ad ovest, amministrata dagli anglo-americani, comprendeva fra l'altro Plezzo, Caporetto, Canale, Cormons, Gradisca, Gorizia e Comeno. La zona B ad est, amministrata dagli jugoslavi comprendeva fra l'altro Tolmino, Santa Lucia d'Isonzo, Idria, Aidussina e Vipacco.

Nel 1947 a seguito del trattato di pace di Parigi fu tracciato il nuovo confine. Dei 2.730 km2 che aveva avuto la provincia dal 1927 in poi, rimasero all'Italia solo circa 215 km2, cioè meno di 1/12, con 9[4] comuni su 42; i restanti 33 furono ceduti alla Jugoslavia[5]. Per quanto riguarda la provincia di Trieste, fu creato il Territorio libero di Trieste con questa città ed altre località della sua provincia, nonché alcuni paesi già appartenuti alla provincia di Pola, mentre rimase all'Italia il mandamento di Monfalcone (esclusa Duino) e il comune di Grado, circa 245 km2 con 9 comuni, che furono riaggregati alla provincia di Gorizia, com'era stato fino al 1923.[6] La sistemazione interna avvenne con decreto legge nº 1430 del 28 novembre 1947. I territori degli attuali comuni di Duino-Aurisina, Sgonico e Monrupino, già parte della contea e poi provincia di Gorizia e Gradisca fino al 1923, furono inseriti nella zona A del territorio libero di Trieste, ora provincia di Trieste. Tutte le altre località che nel 1923 erano passate dalla provincia di Gorizia e Gradisca a quella di Trieste furono cedute alla Jugoslavia. Nel 1975 con il trattato di Osimo furono attuate alcune lievi rettifiche del confine. In particolare sul monte Sabotino ritornò all'Italia la cresta di cima fra la vetta e i ruderi della chiesa di San Valentino: l'Italia in cambio costruì una strada internazionale per collegare il Collio sloveno a Nova Gorica sulle pendici di quel monte. Nel corso degli anni cinquanta i comuni passarono da 18 iniziali a 25 per via della ricostituzione di 7 (degli 86) comuni soppressi nel 1927-1928.

Elenco dei comuni nel 1947[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1947 a seguito del trattato di pace di Parigi rimasero all'Italia 9 comuni su 42; i restanti 33 furono ceduti alla Jugoslavia. Attualmente sono articolati su 12 comuni sloveni per via di successive aggregazioni. Ai 9 comuni rimasti, si aggiunsero gli 8 comuni della Bisicaria e il comune di Grado che nel 1947 furono riaggregati alla provincia di Gorizia, di cui avevano fatto parte fino al 1923.[7] Nel corso degli anni cinquanta i comuni passarono dai 18 iniziali a 25 per via della ricostituzione di 7 (degli 86) comuni soppressi nel 1927-1928.

N. Nome italiano Nome sloveno Codice catastale Stato attuale Comune attuale Eventi accaduti durante il periodo di appartenenza all'Italia
- Aiba Ajba A095 Slovenia Slovenia Canale d'Isonzo Comune annesso a Canale d'Isonzo nel 1928
1 Aidussina Ajdovščina A099 Slovenia Slovenia Aidussina
2 Anicova Corada Anhovo A298 / H718 Slovenia Slovenia Canale d'Isonzo Già Anhovo prima del fascismo
Ridenominato Salona d'Isonzo dopo l'annessione di Descla nel 1928[8]
- Auzza Avče A505 Slovenia Slovenia Canale d'Isonzo Comune annesso a Canale d'Isonzo nel 1928
- Battaglia della Bainsizza Bate A715 Slovenia Slovenia Nova Gorica Già Bate prima del fascismo
Comune annesso a Gargaro nel 1928
3 Bergogna Breginj A797 Slovenia Slovenia Caporetto
- Biglia Bilje A867 Slovenia Slovenia Merna-Castagnevizza Comune annesso a Ranziano nel 1928
4 Bigliana Biljana A868/C099[9] Slovenia Slovenia Collio Ridenominata Castel Dobra dopo l'annessione di Medana nel 1928
- Boriano Brje B047 Slovenia Slovenia Comeno Già Berie prima del fascismo
Comune annesso a Comeno nel 1928
- Brazzano Bračan B125 Italia Italia Cormons Comune annesso a Cormons nel 1928
- Brestovizza in Valle Brestovica B163 Slovenia Slovenia Comeno Comune annesso a Opacchiasella nel 1928
- Bretto Log pod Mangartom B164 Slovenia Slovenia Plezzo Già Loga di Plezzo prima del fascismo
Comune annesso a Plezzo nel 1928
- Budagne Budanje B245 Slovenia Slovenia Aidussina Comune annesso a Vipacco nel 1928
5 Cal di Canale Kal nad Kanalom B401 Slovenia Slovenia Canale d'Isonzo
- Camigna Kamnje B793 Slovenia Slovenia Aidussina Già Camnie prima del fascismo
Comune annesso a Cernizza Goriziana nel 1928
6 Canale d'Isonzo Kanal ob Soči B575 Slovenia Slovenia Canale d'Isonzo
7 Caporetto Kobarid B673 Slovenia Slovenia Caporetto
8 Capriva di Cormons Koprivno B712 Italia Italia Capriva del Friuli Già Capriva prima del fascismo
Ridenominato Capriva del Friuli nel 1954
- Ceconico Cecovnik C416 Slovenia Slovenia Idria Comune annesso a Idria nel 1928
9 Cernizza Goriziana Črniče C519 Slovenia Slovenia Aidussina
10 Chiapovano Čepovan C611 Slovenia Slovenia Nova Gorica
Tolmino
11 Circhina Cerkno C720 Slovenia Slovenia Circhina
- Cobbia Kobjeglava C805 Slovenia Slovenia Comeno Già Cobilaglava prima del fascismo
Comune annesso a San Daniele del Carso nel 1928
12 Comeno Komen C921 Slovenia Slovenia Comeno Già Comen prima del fascismo
13 Cormons Krmin D014 Italia Italia Cormons
- Corona D031 Italia Italia Mariano del Friuli Comune annesso a Mariano del Friuli nel 1928
- Cosbana nel Collio Kožbana D084 Slovenia Slovenia
Italia Italia
Collio
Dolegna del Collio
Già Cosbana prima del fascismo
Comune annesso a Dolegna del Collio nel 1928
- Creda Kred D138 Slovenia Slovenia Caporetto Comune annesso a Caporetto nel 1928
- Descla Deskle D282 Slovenia Slovenia Canale d'Isonzo Comune annesso a Salona d'Isonzo nel 1928
- Dole Dole D320 Slovenia Slovenia Idria Comune annesso a Idria nel 1928
14 Dolegna del Collio Dolenje D321 Italia Italia
Slovenia Slovenia
Dolegna del Collio
Collio
Già Dolegna prima del fascismo
- Dol Grande Veliki Dol D322 Slovenia Slovenia Sesana Già Valgrande prima del fascismo
Comune annesso a Comeno nel 1928
- Dol Ottelza Dol-Otlica D326 Slovenia Slovenia Aidussina Già Dol Otliza prima del fascismo
Comune annesso a Aidussina nel 1928
- Dresenza Drežnika D368 Slovenia Slovenia Caporetto Comune annesso a Caporetto nel 1928
- Ersel in Monte Erzelj D427 Slovenia Slovenia Vipacco Comune annesso a Vipacco nel 1928
15 Farra d'Isonzo Fara D504 Italia Italia Farra d'Isonzo Già Farra prima del fascismo
- Gabria Gabrje D837 Slovenia Slovenia Comeno Già Gaberie prima del fascismo
Comune annesso a San Daniele del Carso nel 1928
- Gabrovizza Gabrovica D838 Slovenia Slovenia Comeno Comune annesso a Comeno nel 1928
16 Gargaro Grgar D922 Slovenia Slovenia Nova Gorica
- Godovici Godovic E073 Slovenia Slovenia Idria Comune annesso a Montenero d'Idria nel 1928
- Goiaci Goiace E042 Slovenia Slovenia Aidussina Già Goiaze prima del fascismo
Comune annesso a Cernizza Goriziana nel 1928
- Goriano Gorjansko E095 Slovenia Slovenia Comeno Già Goriasco prima del fascismo
Comune annesso a Comeno nel 1928
17 Gorizia Gorica E098 Italia Italia
Slovenia Slovenia
Gorizia
Nova Gorica
- Gozza Goče E119 Slovenia Slovenia Vipacco Comune annesso a Vipacco nel 1928
18 Gracova Serravalle Grahovo Ob Bači E121 Slovenia Slovenia Tolmino
19 Gradisca d'Isonzo Gradišče ob Soči E124 Italia Italia Gradisca d'Isonzo Già Gradisca prima del fascismo
- Idresca d'Isonzo Idrsko E277 Slovenia Slovenia Caporetto Comune annesso a Caporetto nel 1928
20 Idria Idrija E278 Slovenia Slovenia Idria
- Idria di Sotto Spodnja Idrija E279 Slovenia Slovenia Idria Comune annesso a Idria nel 1928
- Ledine Ledine E508 Slovenia Slovenia Idria
Žiri
Comune staccato da Idria di Sotto, istituito il 31 dicembre 1921
Comune annesso a Idria nel 1928
- Libussina Libušnje E572 Slovenia Slovenia Caporetto Comune annesso a Caporetto nel 1928
- Locavizza di Aidussina Lokavec E641 Slovenia Slovenia Aidussina Comune annesso a Aidussina nel 1928
- Locavizza di Canale Lokovec E642 Slovenia Slovenia Nova Gorica Comune annesso a Chiapovano nel 1928
- Lose Lože E696 Slovenia Slovenia Vipacco Comune annesso a Vipacco nel 1928
- Lucinico Ločnik E720 Italia Italia Gorizia Comune annesso a Gorizia nel 1927
- Luico Livek E732 Slovenia Slovenia Caporetto Comune annesso a Caporetto nel 1928
21 Mariano del Friuli E952 Italia Italia Mariano del Friuli Già Mariano prima del fascismo
- Medana Medana F079 Slovenia Slovenia
Italia Italia
Collio
Cormons
Comune annesso a Castel Dobra nel 1928
- Medea F081 Italia Italia Medea Comune annesso a Cormons dal 1928 al 1955
22 Merna Miren F150 Slovenia Slovenia
Italia Italia
Merna-Castagnevizza
Savogna d'Isonzo
- Monte San Vito Šentviška Gora F635 Slovenia Slovenia Tolmino Già San Vito al Monte prima del fascismo
Comune annesso a Santa Lucia d'Isonzo nel 1928
- Monte Urabice Vrabče F652 Slovenia Slovenia Sesana Già Vrabice prima del fascismo
Comune annesso a San Vito di Vipacco nel 1928
23 Montenero d'Idria Črni Vrh F577 Slovenia Slovenia Idria
Longatico
24 Montespino Dornberk F649 Slovenia Slovenia Nova Gorica Già Dornberg prima del fascismo
- Moraro Morar F710 Italia Italia Moraro Comune annesso a Capriva del Friuli dal 1928 al 1955
- Mossa Mos F767 Italia Italia Mossa Comune annesso a Capriva del Friuli dal 1928 al 1955
- Oltresonzia Čezsoča G053 Slovenia Slovenia Plezzo Comune annesso a Plezzo nel 1928
25 Opacchiasella Opatje Selo G077 Slovenia Slovenia
Italia Italia
Merna-Castagnevizza
Doberdò del Lago
Savogna d'Isonzo
- Ossecca Vittuglia Osek Vitovlje G175 Slovenia Slovenia Nova Gorica Già Ossech-Vittuglie prima del fascismo
Comune annesso a Sambasso nel 1928
- Ossegliano San Michele Ozeljan G176 Slovenia Slovenia Nova Gorica Comune annesso a Sambasso nel 1928
- Paniqua Ponikve G310 Slovenia Slovenia Tolmino Comune annesso a Santa Lucia d'Isonzo nel 1928
- Piedimonte del Calvario Podgora G599 Italia Italia Gorizia Già Podgora prima del fascismo
Comune annesso a Gorizia nel 1927
- Planina Planina G731 Slovenia Slovenia Aidussina Comune annesso a Aidussina nel 1928
26 Plezzo Bovec G738 Slovenia Slovenia Plezzo
- Pliscovizza della Madonna Pliskovica G739 Slovenia Slovenia Sesana Comune annesso a Comeno nel 1928
- Podicrai del Piro Podkraj G744 Slovenia Slovenia Aidussina Già Pocrai prima del fascismo
Comune annesso a Zolla nel 1928
- Podraga Podraga In Vrabče G748 Slovenia Slovenia Vipacco Comune annesso a San Vito di Vipacco nel 1928
- Prevacina Prvačina H054 Slovenia Slovenia Nova Gorica Già Pervacina prima del fascismo
Comune annesso a Montespino nel 1928
27 Ranziano Rence H178 Slovenia Slovenia Ranziano-Voghersca
28 Rifembergo Branik H283 Slovenia Slovenia Nova Gorica
29 Romans H513 / H514 Italia Italia Romans d'Isonzo Ridenominato Romans d'Isonzo nel 1928[10]
- Ronzina Ročinj H550 Slovenia Slovenia Canale d'Isonzo Comune annesso a Canale d'Isonzo nel 1928
- Sable Grande Velike Žablje H653 Slovenia Slovenia Aidussina Già Veliche-Zablie prima del fascismo
Comune annesso a Santa Croce di Aidussina nel 1928
- Saga Žaga H660 Slovenia Slovenia Plezzo Comune annesso a Plezzo nel 1928
30 Sagrado Zagraj H665 Italia Italia
- Salcano Solkan H692 Slovenia Slovenia
Italia Italia
Nova Gorica
Gorizia
Comune annesso a Gorizia nel 1927
- Samaria Smarje H737 Slovenia Slovenia Aidussina Comune annesso a Rifembergo nel 1928
31 Sambasso Šempas H740 Slovenia Slovenia Nova Gorica Già Sempas prima del fascismo
32 San Daniele del Carso Štanjel H817 Slovenia Slovenia Comeno
- San Floriano del Collio Šterverjan H845 Italia Italia
Slovenia Slovenia
San Floriano del Collio
Collio
Già San Floriano prima del fascismo
Comune annesso a San Martino Quisca dal 1927 al 1947 e a Capriva del Friuli dal 1947 al 1951
- San Lorenzo di Mossa H964 Italia Italia San Lorenzo Isontino Comune annesso a Capriva del Friuli dal 1928 al 1955
Ridenominato San Lorenzo Isontino nel 1968
33 San Martino Quisca Šmartno Kojsko I013 Slovenia Slovenia
Italia Italia
Collio
Capriva del Friuli
- San Pietro di Gorizia Šempeter Pri Gorici I091 Slovenia Slovenia
Italia Italia
San Pietro-Vertoiba
Gorizia
Già San Pietro prima del fascismo
Comune annesso a Gorizia nel 1927
- Santo Spirito della Bainsizza Banjšice B930 Slovenia Slovenia Nova Gorica Comune annesso a Gargaro nel 1928
34 San Vito di Vipacco Podnanos I406 Slovenia Slovenia Vipacco
35 Santa Croce di Aidussina Vipavski Križ I180 Slovenia Slovenia Aidussina
36 Santa Lucia di Tolmino Most Na Soči I222 Slovenia Slovenia Tolmino Ridenominata Santa Lucia d'Isonzo nel 1935
- Sant'Andrea di Gorizia I269 Italia Italia
Slovenia Slovenia
Gorizia
Nova Gorica
Già Sant'Andrea prima del fascismo
Comune annesso a Gorizia nel 1927
- Santo Spirito della Bainsizza Banjšice I355 Slovenia Slovenia Nova Gorica Già Bainsizza Santo Spirito prima del fascismo
Comune annesso a Gargaro nel 1928
- Savogna d'Isonzo Savodnje Ob Soči I479 Italia Italia Savogna d'Isonzo Già Savogna prima del fascismo
Comune annesso a Merna dal 1927 al 1947 e a Sagrado dal 1947 al 1951
- Scherbina Škrbina I524 Slovenia Slovenia Comeno Comune annesso a Comeno nel 1928
- Scrilla Skrilici I552 Slovenia Slovenia Aidussina Già Scrilie prima del fascismo
Comune soppresso e annesso a Santa Croce di Aidussina nel 1928
- Sebreglie Sebrelje I557 Slovenia Slovenia Circhina Comune annesso a Circhina nel 1928
- Sedula Sedlo I568 Slovenia Slovenia Caporetto Comune annesso a Bergogna nel 1928
- Sella delle Trincee Selo Na Krasu I584 Slovenia Slovenia Merna-Castagnevizza Già Sello prima del fascismo
Comune annesso a Opacchiasella nel 1928
- Serpenizza Srpenica I638 Slovenia Slovenia Plezzo Comune annesso a Plezzo nel 1928
- Slappe Zorzi Slap I768 Slovenia Slovenia Vipacco Già Salto di Vipacco prima del fascismo
Comune annesso a Vipacco nel 1928
37 Sonzia Soča I833 Slovenia Slovenia Plezzo
- Sturie delle Fusine Šturje I989 Slovenia Slovenia Aidussina Già Sturia prima del fascismo
Comune annesso a Aidussina nel 1928
38 Tarnova della Selva Trnovo L053 Slovenia Slovenia Nova Gorica Già Ternova prima del fascismo
39 Temenizza Temnica L092 Slovenia Slovenia Merna-Castagnevizza Già Temnizza prima del fascismo
- Ternova d'Isonzo Trnovo Ob Soči L119 Slovenia Slovenia Caporetto Comune annesso a Caporetto nel 1928
40 Tolmino Tolmin L196 Slovenia Slovenia Tolmino
- Trenta d'Isonzo Trenta L376 Slovenia Slovenia Plezzo Comune annesso a Sonzia nel 1928
- Tribussa Trebusa L417 Slovenia Slovenia Tolmino Comune annesso a Chiapovano nel 1928
- Ustie Ustje L520 Slovenia Slovenia Aidussina Comune annesso a Aidussina nel 1928
- Verpogliano Vrhpolje L782 Slovenia Slovenia Vipacco Comune annesso a Vipacco nel 1928
- Versa L789 Italia Italia Romans d'Isonzo Comune annesso a Romans d'Isonzo nel 1928
- Vertoiba in Campi Santi Vrtojba L794 Slovenia Slovenia
Italia Italia
San Pietro-Vertoiba
Gorizia
Già Vertoiba prima del fascismo
Comune annesso a Gorizia nel 1928
- Vertovino Vrtovin L796 Slovenia Slovenia Aidussina Comune annesso a Cernizza Goriziana nel 1928
- Ville Montevecchio Vogrsko M038 Slovenia Slovenia Ranziano-Voghersca Già Voghersca prima del fascismo
Comune annesso a Montespino nel 1928
- Villesse M043 Italia Italia Villesse Comune annesso a Romans d'Isonzo dal 1928 al 1954
41 Vipacco Vipava M066 Slovenia Slovenia Vipacco
- Voissizza di Comeno Vojščica M112 Slovenia Slovenia Merna-Castagnevizza Già Voischizza prima del fascismo
Comune annesso a Temenizza nel 1928
- Volzana Volče M134 Slovenia Slovenia Tolmino Comune annesso a Tolmino nel 1928
- Voschia Vojsko M135 Slovenia Slovenia Idria Comune annesso a Idria nel 1928
42 Zolla Col M186 Slovenia Slovenia Aidussina
TS1 Doberdò del Lago Doberdob D312 Italia Italia Doberdò del Lago Comuni facenti parte della Provincia di Trieste dal 1923 al 1947
TS2 Fogliano Redipuglia D645 Italia Italia Fogliano Redipuglia
TS3 Grado E125 Italia Italia Grado
TS4 Monfalcone Tržič F356 Italia Italia Monfalcone
TS5 Ronchi dei Legionari Ronke H531 Italia Italia Ronchi dei Legionari
TS6 San Canzian d'Isonzo H787 Italia Italia San Canzian d'Isonzo
TS7 San Pier d'Isonzo I082 Italia Italia San Pier d'Isonzo
TS8 Staranzano I939 Italia Italia Staranzano
TS9 Turriaco L474 Italia Italia Turriaco

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti; in verde la popolazione residente entro i vecchi confini provinciali

Natura[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

La popolazione è in maggioranza di madrelingua italiana tuttavia si trova una minoranza slovena al confine ed in molte scuole vengono insegnate entrambe le lingue. una minoranza della popolazione (circa il 20%) è di madrelingua friulana.

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lingua friulana, Lingua slovena e Lingua veneta.

Oltre alla lingua italiana, nella provincia di Gorizia la popolazione utilizza la lingua friulana (nella variante friulano orientale), e la lingua slovena.

In 15 comuni su 25, vige la legge regionale 18 dicembre 2007, n. 29 "Norme per la tutela, valorizzazione e promozione della lingua friulana"[11], con la quale la Regione Friuli Venezia Giulia stabilì le denominazioni ufficiali in friulano standard e in friulano locale dei comuni in cui effettivamente si parla il friulano.

In 8 comuni su 25 la lingua slovena è riconosciuta e tutelata al pari della lingua friulana dalla legge statale 482/99 e dalla legge 38/01.

Accanto alle lingue riconosciute ufficialmente, a Gorizia si parla una variante della lingua veneta, così come nella Bisiacaria viene parlato il dialetto bisiaco e, in maniera molto ridotta, il triestino. Di matrice veneta è anche il dialetto graisan parlato a Grado.

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Le città della provincia di Gorizia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Città d'Italia - Friuli-Venezia Giulia.

I comuni della provincia di Gorizia che sono stati insigniti del titolo di città da parte dello Stato Italiano o istituzioni precedenti sono:

Dal 2003 il titolo di città viene concesso da parte della Regione Friuli-Venezia Giulia con apposita legge regionale.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati al 31-10-2013 Bilancio demografico mensile ISTAT
  2. ^ Regio Decreto Legge 2 gennaio 1927, n. 1, art. 1
  3. ^ I dati si riferiscono all'insieme dei detenuti politici ed ebrei. Brunello Mantelli e Nicola Tranfaglia, Il libro dei deportati, vol 1, tomo 3, p. 2533. ISBN 978-88-425-4228-5
  4. ^ 2 dei quali (Dolegna del Collio e Gorizia) perdite territoriali.
  5. ^ 29 furono ceduti per intero e 4 (Castel Dobra, Merna, Opacchiasella e San Martino Quisca) parzialmente. Attualmente sono articolati su 12 comuni sloveni per via di successive aggregazioni
  6. ^ La Provincia di Gorizia nelle sue vicissitudini. A cura dell'Amministrazione Provinciale di Gorizia - Ufficio Studi, 1966.
  7. ^ La sistemazione interna avvenne con decreto legge nº 1430 del 28 novembre 1947.
  8. ^ Al comune di Salona d'Isonzo è insolitamente attribuito un codice catastale (H718) diverso da quello attribuito al comune di Anicova Corada (A298)
  9. ^ Al vecchio comune di Bigliana è attribuito un diverso codice catastale rispetto al successivo comune di Castel Dobra (Dobrovo)
  10. ^ Al comune di Romans d'Isonzo è insolitamente attribuito un codice catastale (H514) diverso da quello attribuito al comune di Romans (H513)
  11. ^ Denominazioni ufficiali in Lingua Friulana, Arlef. URL consultato il 26 ottobre 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Barbara Sturmar, GORIZIA NASCOSTA raccolta illustrata di curiosità di Gorizia e della sua provincia, Trieste, Lint Editoriale, ISBN 978-88-8190-266-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]