Provincia di Modena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Provincia di Modena
provincia
Provincia di Modena – Stemma Provincia di Modena – Bandiera
Provincia di Modena – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Amministrazione
Capoluogo Modena
Presidente Gian Carlo Muzzarelli (PD) dal 5/10/2014
Data di istituzione 1859
Territorio
Coordinate
del capoluogo
44°38′41″N 10°55′32″E / 44.644722°N 10.925556°E44.644722; 10.925556 (Provincia di Modena)Coordinate: 44°38′41″N 10°55′32″E / 44.644722°N 10.925556°E44.644722; 10.925556 (Provincia di Modena)
Superficie 2 688,02 km²
Abitanti 701 519 (30-04-2014 (fonte ISTAT))
Densità 260,98 ab./km²
Comuni 47 comuni
Province confinanti Reggio Emilia, Lucca, Ferrara, Mantova, Bologna, Pistoia
Altre informazioni
Cod. postale 41121-41126 Modena

41010-41059 Provincia

Prefisso 059, 0535, 0536
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 036
Targa MO
Cartografia

Provincia di Modena – Localizzazione

Sito istituzionale

La provincia di Modena (pruvèinza ed Mòdna nei dialetti modenese, frignanese, carpigiano e mirandolese) è una provincia italiana della regione Emilia-Romagna, la seconda per numero di abitanti, subito dopo quella di Bologna.

Confina a nord con la Lombardia (provincia di Mantova), a est con la provincia di Ferrara e la provincia di Bologna, a sud con la Toscana (provincia di Lucca e provincia di Pistoia), a ovest con la provincia di Reggio Emilia.

Orografia[modifica | modifica wikitesto]

Come altre province emiliane la provincia di Modena è abbastanza nettamente divisa in

Idrografia[modifica | modifica wikitesto]

I fiumi più importanti della provincia sono la Secchia e il Panaro, due affluenti di destra del Po; da menzionare anche un affluente del Panaro, lo Scoltenna che dà nome ad un'ampia vallata ove si affacciano quasi tutte le località notevoli dell'Appennino e dominata dall'imponente presenza del Monte Cimone. Modena si è sempre fatta un vanto di essere l'unica città ad avere due fiumi vicini; nel centro città, la grande fontana di piazza Garibaldi (Fontana del Graziosi) è detta anche Fontana dei due fiumi, ha infatti due sbocchi in cui si dice scorra acqua dei rispettivi bacini fluviali.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

La provincia di Modena è economicamente una delle maggiori realtà europee. Infatti, qui hanno sede importanti industrie alimentari (tra cui Grandi Salumifici Italiani, Cremonini e Fini, centri di produzione del Parmigiano-Reggiano e della lavorazione del maiale a cui Castelnuovo Rangone, il cuore di questo settore, ha dedicato addirittura un monumento), metalmeccaniche (Modena può essere considerata la capitale mondiale dell'automobilismo sportivo con le sedi della Ferrari a Maranello, della Maserati in città, De Tomaso in periferia e Pagani a San Cesario), delle ceramiche (la zona di Sassuolo, nel modenese, e di Scandiano, nel reggiano, è nota come distretto della ceramica), tessili (Carpi) e biomedicale (Mirandola).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il passato della provincia è costituito dal ducato di Modena e Reggio (una realtà che precede di parecchio l'unità d'Italia) e alla cui voce si rimanda per la storia dettagliata dal XIII secolo al Regno d'Italia; basti qui ricordare che la casata nobiliare che ha segnato la storia del territorio è quella degli Estensi e che le province di Ferrara e di Lucca (la Garfagnana) sono state per molti anni consorti del Ducato Estense.

La provincia di Modena venne istituita nel 1859, con decreto dittatoriale di Carlo Farini, in previsione dell'annessione dell'Emilia al Regno di Sardegna; era suddivisa nei circondari di Modena, di Mirandola, di Pavullo e di Castelnuovo di Garfagnana[1], quest'ultimo ceduto nel 1871[senza fonte] alla provincia di Massa e Carrara.

Nel 1929 venne assegnato alla provincia di Modena il comune di Castelfranco Emilia, già in provincia di Bologna[2].

A Modena uno degli edifici più notevoli è per l'appunto il Palazzo Ducale i cui giardini sono oggi in parte pubblici e in parte Orto Botanico; a Pavullo è pure presente un Palazzo Ducale di minori dimensioni che era la residenza estiva del Duca. Per il passato più remoto si ricorda l'enorme produzione culturale ed economica determinata dalla presenza dell'abbazia di Nonantola, uno dei luoghi cardine del Monachesimo in Italia (VIII secolo).

Andando ancora più indietro in epoca pre-romana si ricordano i Galli Boi e i Liguri Friniati come le prime popolazioni storiche del territorio.

Durante la seconda guerra mondiale in provincia di Modena il campo di Fossoli fu tristemente noto per essere stato un campo di smistamento di deportati per ragioni politiche o razziali. Il campo fu poi utilizzato da don Zeno Saltini per le sue iniziative a favore degli orfani e dei diseredati da cui nacque l'esperienza di Nomadelfia[3]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Terremoti dell'Emilia del 2012.

Nel maggio e giugno 2012 la provincia di Modena è stata soggetta a una serie di violente scosse di terremoto con epicentri nella zona della bassa modenese, che hanno causato alcune vittime e grossi danni al patrimonio storico, agricolo ed industriale.

In base al riordino istituzionale attuato dal governo Renzi con la legge Delrio le province cessano di esistere e vengono sostituite da "enti territoriali di area vasta" caratterizzati da elezione di secondo livello. Partecipano alla loro elezione i sindaci e consiglieri comunale dei comuni parte della vecchia provincia e, di conseguenza, parte anche del nuovo ente. Le prime elezioni si sono tenute il 4 ottobre 2014 e la cerimonia ufficiale di proclamazione avverrà il 6 ottobre 2014.

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La provincia ha una rete di trasporto pubblico su gomma esercitata dalla SETA, ed una linea ferroviaria tra la Stazione di Modena piazza Dante (stazione centrale) e Sassuolo, dal 2 gennaio 2008 gestita da Ferrovie Emilia Romagna.

Di grande utilità è anche la ferrovia Verona-Mantova-Modena, che collega Modena con Carpi, e la Milano-Bologna, che la unisce a Castelfranco e Rubiera. L'intensità media è di 20 corse al giorno. La provincia è attraversata anche dalla linea Bologna–Verona, che passa per Mirandola, San Felice sul Panaro e Camposanto, nonché dalla linea Bologna - Vignola, con le stazioni in territorio modenese di Vignola, Savignano sul Panaro e Mulino.

In passato la provincia di Modena era il gestore di un fitto sistema di trasporti su rotaia che la collegavano vari centri della provincia, con tre linee ferroviarie e due tranvie a vapore. Altre due linee ferroviarie vennero progettate ma mai realizzate completamente.

Gastronomia[modifica | modifica wikitesto]

La provincia è al centro di una fortunatissima porzione della Pianura padana in cui si estendono le aree di produzione tipica del formaggio Parmigiano-Reggiano e del prosciutto di Parma. Queste due glorie della gastronomia nazionale illustrano alla perfezione i caratteri della cucina modenese, basata sul formaggio e soprattutto sul maiale, l'animale d'allevamento più diffuso nella zona. Oltre al prosciutto (da segnalare la presenza anche di quello tipico di Modena, che è più sapido del parmense), tanti sono gli insaccati di suino che meritano di essere assaggiati: citiamo i salami, la mortadella e i ciccioli. Un piatto tipico delle feste invernali è lo zampone, ottenuto con carne macinata di maiale insaccata nella cotica della zampa anteriore. Ma dal maiale si ottiene anche lo strutto indispensabile per il tipico gnocco fritto: una focaccia quadrata che si accompagna molto bene ai salumi. Originaria dell'Appennino è invece la crescentina, detta anche tigella, cotta sulla pietra nella caratteristica forma rotonda. Anche in questo caso formaggio e salumi sono l'ideale complemento. Tipico delle zone montane in particolare di Guiglia, Zocca, Marano sul Panaro, Serramazzoni è anche il borlengo sottilissima sfoglia ottenuta cuocendo in apposite piastre "rola" un impasto di uovo latte acqua e sale, condito, una volta cotto, con la "cunza" ovvero lardo macinato, aglio e rosmarino.

Ma la provincia di Modena è giustamente famosa per altri due prodotti tipici della tradizione: l'aceto balsamico e il vino lambrusco. Il primo si ottiene con l'uva bianca della zona collinare intorno a Spilamberto, e una sapiente lavorazione che prevede una complicata serie di passaggi tra botti di legni diversi (comunemente cinque). Di aceto balsamico esistono due tipi denominati il primo "Aceto balsamico tradizionale di Modena" il più costoso invecchiato anche più di venticinque anni prodotto con i metodi tradizionali e "Aceto balsamico di Modena" prodotto industrialmente e meno costoso. Quanto al lambrusco, è forse il più celebre dei vini rossi frizzanti. Gli intenditori sanno distinguere al primo sorso le differenti varietà: il Lambrusco di Sorbara (prodotto nella pianura) ha un aroma più delicato e un profumo di violetta; il Lambrusco Grasparossa di Castelvetro (prodotto sulla collina) ha una gradazione più alta e una caratteristica schiuma rossa. Si tratta in entrambi i casi di un vivace vino da pasto che va bevuto rapidamente, prima che svapori: non è un vino d'annata, anzi, esso dà il meglio di sé a un anno dall'imbottigliamento, mentre il novello è un vino ideale per i brindisi e i festeggiamenti. Si dice che il lambrusco "soffra" particolarmente i trasporti: perciò esso dovrebbe essere gustato appieno soltanto nel territorio modenese. Il che non gli ha impedito di essere commercializzato con successo un po' in tutto il mondo (anche se questa grande diffusione ha significato forse un abbassamento della qualità).

Tra i liquori il più tipico è certo il nocino, un infuso in alcool dei malli verdi delle noci, che si raccomanda per il sapore intenso e le proprietà digestive; tra i dolci va ricordato il bensone, una sorta di pane dolce, cotto al forno e decorato con grani di zucchero: si mangia tagliato a fette e intinto nel vino.

Sempre in provincia di Modena vengono prodotte le famose ciliegie di Vignola, rinomate per l'ottima qualità.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Presidente Partito Carica Note
1995 2004 Graziano Pattuzzi Centrosinistra Presidente
2004 2014 Emilio Sabattini Centrosinistra Presidente
2014 2018 Gian Carlo Muzzarelli Centrosinistra Presidente

Comuni[modifica | modifica wikitesto]

Appartengono alla provincia di Modena i seguenti 47 comuni:

Comuni più popolosi[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è riportata la lista dei primi 15 comuni della provincia di Modena (dati: Istat 30/04/2014):

Posizione Stemma Città Popolazione
(ab)
Superficie
(km²)
1 Modena-Stemma it.png Modena 184.915 182,74
2 Carpi-Stemma.png Carpi 69.791 131,56
3 Sassuolo-Stemma.png Sassuolo 41.139 38,69
4 Formigine-Stemma.png Formigine 34.286 46,98
5 Castelfranco Emilia-Stemma.png Castelfranco Emilia 32.664 102,47
6 Vignola-Stemma.png Vignola 25.060 22,90
7 Mirandola-Stemma.png Mirandola 24.075 137,13
8 Pavullo nel Frignano-Stemma.png Pavullo nel Frignano 17.500 144,07
9 Maranello-Stemma.png Maranello 17.203 32,74
10 Fiorano Modenese-Stemma.png Fiorano Modenese 17.095 26,37
11 Nonantola-Stemma.png Nonantola 15.789 55,40
12 Finale Emilia-Stemma.png Finale Emilia 15.749 104,72
13 Soliera-Stemma.png Soliera 15.354 51,08
14 Castelnuovo Rangone-Stemma.png Castelnuovo Rangone 14.754 22,61
15 Spilamberto-Stemma.png Spilamberto 12.538 29,52

Comuni ad estremità geografiche[modifica | modifica wikitesto]

Stemma Città Coordinata Geografica Estremità Geografica
Concordia sulla Secchia-Stemma.png Concordia sulla Secchia 44°55′00″N 10°59′00″E / 44.916667°N 10.983333°E44.916667; 10.983333 Nord
Fiumalbo-Stemma.png Fiumalbo 44°10′48.72″N 10°38′53.52″E / 44.1802°N 10.6482°E44.1802; 10.6482 Sud
Finale Emilia-Stemma.png Finale Emilia 44°50′34″N 11°22′07″E / 44.842778°N 11.368611°E44.842778; 11.368611 Est
Frassinoro-Stemma.png Frassinoro 44°13′34″N 10°28′13″E / 44.226111°N 10.470278°E44.226111; 10.470278 Ovest

Unioni di comuni[modifica | modifica wikitesto]

Le sei unioni di comuni sono:

Comunità montane[modifica | modifica wikitesto]

Comunità montane soppresse[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Decreto 27 dicembre 1859, n. 79
  2. ^ Regio Decreto Legge 24 gennaio 1929, n. 106, art. 1
  3. ^ *Antonio Saltini, Don Zeno, il sovversivo di Dio, Il Fiorino, Modena (2003)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Saltini Antonio, Salomoni M. Teresa, Rossi Cescati Stefano, Via Emilia. Percorsi inconsueti fra i comuni dell'antica strada consolare, Edagricole, Bologna 2003, ISBN 88-506-4958-4
  • Antonio Saltini, Dove l'uomo separò la terra dalle acque, Storia delle bonifiche in Emilia-Romagna, Diabasis Reggio Emilia 2005 ISBN 88-8103-433-6

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Emilia Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Emilia