Prignano sulla Secchia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Panorama da Faeto.JPG
Prignano sulla Secchia
comune
Prignano sulla Secchia – Stemma Prignano sulla Secchia – Bandiera
Prignano sulla Secchia – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Provincia Provincia di Modena-Stemma.png Modena
Amministrazione
Sindaco Valter Canali (lista civica Patto per Prignano) dal 2014
Territorio
Coordinate 44°26′13″N 10°41′27″E / 44.436944°N 10.690833°E44.436944; 10.690833 (Prignano sulla Secchia)Coordinate: 44°26′13″N 10°41′27″E / 44.436944°N 10.690833°E44.436944; 10.690833 (Prignano sulla Secchia)
Altitudine 557 m s.l.m.
Superficie 79,67 km²
Abitanti 3 753[1] (30-11-2013)
Densità 47,11 ab./km²
Frazioni Castelvecchio, Moncerrato, Montebaranzone, Morano, Pescarola, Pigneto, Saltino, Sassomorello
Comuni confinanti Baiso (RE), Castellarano (RE), Palagano, Polinago, Sassuolo, Serramazzoni, Toano (RE)
Altre informazioni
Cod. postale 41048
Prefisso 0536
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 036033
Cod. catastale H061
Targa MO
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 975 GG[2]
Nome abitanti prignanesi
Patrono san Lorenzo
Giorno festivo 10 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Prignano sulla Secchia
Posizione del comune di Prignano sulla Secchia all'interno della provincia di Modena
Posizione del comune di Prignano sulla Secchia all'interno della provincia di Modena
Sito istituzionale
« \mathfrak{A}ppresso gli venía Mombarranzone / col suo signor Ranier, che di Pregnano / reggea la nuova gente e 'l gonfalone / che mandato gli avea Castellarano; / cinquanta con le natiche in arcione, / e quattrocento gían battendo il piano / con le scarpe sdrucite e senza suola; / la loro insegna è un bufalo che vola. »
(da "La secchia rapita"[3])

Prignano sulla Secchia (Prignân in dialetto modenese, Pèrgnan nel dialetto locale) è un comune italiano di 3.753 abitanti della provincia di Modena, in Emilia-Romagna, a sud-ovest del capoluogo. È situato nella prima fascia dell'Appennino modenese, adagiato nella vallate percorse dal fiume Secchia e da un suo affluente, il torrente Rossenna.

Prignano fa parte dell'Unione dei Comuni del Distretto Ceramico, assieme a Fiorano Modenese, Formigine, Maranello, Sassuolo, Frassinoro, Montefiorino e Palagano[4]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Veduta della Val Rossenna

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio prignanese[5] si colloca all'interno di quella che è definita fascia medioeuropea collinare, caratterizzata da boschi di querce e, nei pressi dei corsi d'acqua, da pioppi e salici. La connotazione prevalentemente argillosa del suolo ha permesso la formazione di calanchi e reso alcuni tratti del territorio particolarmente sensibili a frane e piccoli smottamenti. L'ambiente è adatto alla grossa fauna ungulata, come caprioli, cervi e cinghiali nonché ad altri mammiferi come volpi, tassi, puzzole, faine, donnole, lepri e diversi piccoli roditori ed insettivori.

Classificazione altimetrica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale di Prignano è compreso nella zona altimetrica[6] di collina interna[7]; l'altitudine oscilla tra i 168 e gli 870 m s.l.m., raggiunti in località Faeto, con un dislivello complessivo di 702 metri.

Classificazione sismica[modifica | modifica wikitesto]

A seguito dell'Ordinanza P.C.M. n. 3274 del 20 marzo 2003[8], il Comune di Prignano sulla Secchia è stato catalogato in zona 3, ovvero a sismicità bassa.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione climatica[modifica | modifica wikitesto]

Ai sensi del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412, il Comune di Prignano sulla Secchia ricade nella zona climatica E, vale a dire quella in cui presenta un numero di gradi-giorno[9] da oltre 2100 a 3000[10]: per l'accensione degli impianti termici il limite massimo consentito è di 14 ore giornaliere dal 15 ottobre al 15 aprile[11].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

« \mathfrak{A}dagiato con i suoi campi fertili e solatii e le sue sparse e minuscole borgate sulla pendice meridionale di Monte Pedrazzo alla confluenza del Rasenna col Secchia in provincia di Modena e diocesi di Reggio, Prignano si presenta alla ribalta della storia col carattere di piccolo centro agricolo, isolato e relativamente tranquillo. Siffatto carattere, comune del resto alla maggior parte dei luoghi di montagna, esso mantenne poi sempre anche in seguito »
(da "Prignano: notizie e ricerche storiche"[12])

Stemma e Gonfalone[modifica | modifica wikitesto]

Prignano sulla Secchia-Gonfalone.png

Lo stemma di Prignano è riconosciuto nello Statuto comunale:
“Scudo di colore argento con il bordo inferiore verde oliva, raffigurante un toro alato che si regge sulle due zampe posteriori. All'esterno, lo stemma è avvolto, in parte, da due rami di cui, uno rappresentante a destra un ramo di quercia, e l'altro a sinistra, un ramo di lauro, tenuti in fondo insieme da un nastro di colore azzurro. In alto lo stemma è rappresentata una corona formata da un cerchio aperto da quattro posterle (tre visibili), con due cordonate a muro sui margini, sostenente una cinta, aperta da sedici porte (nove visibili), ciascuna sormontata da una merlatura a coda di rondine, il tutto d'argento e murato di nero.”[13]

Nel medesimo Statuto è descritto anche il gonfalone:
“Drappo di colore bianco – verde, riccamente ornato di ricamo d'oro e caricato dello stemma comunale con l'iscrizione centrata in color oro COMUNE DI PRIGNANO SULLA SECCHIA. Le parti in metallo saranno color argento ed i cordoni color oro. Cravatta e nastri tricolorati dai colori nazionali frangiati d' oro."[14]

Le origini del nome

Il nome Prignano ha probabile origine latina. Non è possibile ricostruire la precisa forma originaria del nome stesso, riportato nelle forme diplomatiche Periniana o Piriniana (Carlo Magno, 8 giugno 781), Perinianum o Pirinianum (Berengario I, 6 novembre 898), Prinianu (Ottone I, 27 giugno 968), Pregnanum (Enrico II il Santo, 1020). Il toponimo è di evidente forma aggettivale (-ano e –ana), ma non è ben definita la struttura tematica (Perini- o Prini-, Perenni- o Prenni-). È probabile la derivazione dal nome personale Pèrennius e la costruzione Perennianus fundus: “fondo o podere di Perennio”. È altresì ipotizzabile che la forma originaria fosse il neutro Prennianum e, in considerazione della dislocazione di Prignano sul fiume o davanti al fiume, la costruzione dell'etimo sarebbe ricostruibile in Prœ – amni –anum / Prœ –mni –anum, da amnis “fiume”; Prœamnianum Castrum, fortificazione presso il fiume. Lo storico locale Giovanni Berti, in mancanza sia della documentazione lessicale di un aggettivo prœamnianus sia della documentazione storica di un castrum così denominato, favorisce l'ipotesi etimologica in Pèrennianus (fundus)[15].

La stazione preistorica del Pescale[modifica | modifica wikitesto]

I primi stanziamenti presenti nel prignanese risalgono all'età della pietra. Il sito archeologico del Pescale[16][17] è stato scoperto alla fine dell'Ottocento[18], scavi approfonditi sono stati eseguiti dal paleontologo modenese Fernando Malavolti tra il 1937 ed il 1942, portando alla luce un villaggio neolitico[19]. Il sito si trova nel territorio della frazione di Pigneto, sulla spianata "del Castellaro" alla sommità della rupe che si innalza sulla sponda destra del fiume Secchia, nel tratto in cui riceve le acque del rio Pescarolo. L'area dell'insediamento era di circa 2.600 metri quadrati: sono stati ritrovati fondi di capanne di legno ed argilla, focolari, tombe, manufatti in pietra e osso, oggetti in terracotta e vasellame in ceramica[20]. Si ritiene che il Pescale sia stato abitato dalla fine del V o dall'inizio del IV millennio a.C., fino alla prima metà del III millennio a.C.[21]

Fino alla dominazione carolingia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'età neolitica, la zona è stata abitata prima dai Liguri, Umbri, Etruschi, Galli ed infine Romani[22][23][24].

Non è possibile però precisare quali di queste popolazioni ha abitato per prime i versanti meridionali di Monte Pedrazzo, occupando la valle del Secchia alla confluenza con il torrente Rossenna. Si può ipotizzare che le zone montuose siano state occupate da popolazioni che cercavano rifugio a seguito di una invasione delle terre in cui abitavano.

Sicuramente le terre di Prignano sono state oggetto di contesa durante l'epoca romana. Il Monte Pedrazzo offriva un bastione naturale alle popolazioni Frignate alla colonizzazione romana, ed era il luogo di contatto tra la popolazione romana della pianura con le popolazioni che abitavano le zone appenniniche. Questo è sostenuto dal fatto che il torrente Rossenna costituisce il confine naturale tra dialetto di montagna (sponda sinistra) e quello di collina (sponda destra)[25].

L'Alto Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

« \mathfrak{P}oi (la linea di confine n.d.r.) prosegue lungo il Secchia fino al Dolo e quindi sale a Carciola (Cassuolo n.d.r.) passando per Dignatica e poi scende per Serra di Morano e giunge nel fiume Rasenna e poi sale a Prignano e quindi al Monte sopra le valli fino ad Antico; poi scendendo a Pescarola viene nel fiume Secchia, quindi scorrendo per Chiozza attraverso Moncerato fin dove viene sotto il monte di Merello. »
(Carlo Magno ammette sotto la sua protezione la chiesa reggiana. Pavia, 8 giugno 781"[26])

L'epoca comunale[modifica | modifica wikitesto]

La Signoria dei Da Rodeglia[modifica | modifica wikitesto]

Primo dominio Estense[modifica | modifica wikitesto]

Il governo feudale dei Trotti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo dominio Estense[modifica | modifica wikitesto]

Il governo feudale dei Montecuccoli[modifica | modifica wikitesto]

La dominazione francese[modifica | modifica wikitesto]

La dominazione austro-estense[modifica | modifica wikitesto]

Il nuovo comune e il XX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Le elezioni politiche del 1919 e del 1921 sancirono la netta affermazione del Partito Popolare nel comune, dove raggiunse le più alti percentuali dell'intera provincia modenese, oltre la soglia del 60%. Il P.P.I. distaccò abbondantemente sia i socialisti, sia le forze che si riunirono nei Blocchi Nazionali proprio in funzione anti-socialista[27].

Partiti 1919 1921
Partito del Blocco 16% 16%
Partito Socialista 21% 17%
Partito Popolare 63% 66%


Alle elezioni politiche del 1924 i fascisti raccolsero il 52,4% dei voti[28], in provincia la media fu del 63%. Al plebiscito fascista del 24 marzo 1929 i "votanti" a Prignano furono 1.421, i "No" solamente 2. Al plebiscito successivo, il 25 marzo 1934, l'adesione fu totale[29].

Le elezioni amministrative del 1946 videro, nella provincia di Modena, il successo delle liste di sinistra: solo il comune di Prignano, assieme a quello di Polinago, fu caratterizzato dal governo di una maggioranza democristiana[30]. A Prignano si votò il 31 marzo 1946, ecco i risultati e la composizione della prima giunta (eletta il 4 aprile)[31]:

Lista Voti  % Seggi
Social-comunisti 1.199 40,11% 4
Democristiani 1.790 59,89% 16
Votanti: 3.343
Totale voti validi 2.989 100% 20
Carica Nominativo Partito
Sindaco Giuseppe Castagnetti D.C.
Assessori effettivi Francesco Berti D.C.
Tommaso Dignatici D.C.
Giuseppe Manelli D.C.
Savino Manelli D.C.
Assessori supplenti Isidoro Candeli D.C.
Sante Ternelli D.C.

Il 2 giugno 1946[modifica | modifica wikitesto]

Referendum istituzionale del 2 giugno 1946[31][modifica | modifica wikitesto]
Dati
Elettori 3.926
Votanti 3.468
 % Votanti 88,33
Voti validi 3.120
Schede non valide (incl. bianche) 348
Schede bianche 300
Voti  %
REPUBBLICA Emblem of Italy.svg 1.540 49,36%
Monarchia Lesser coat of arms of the Kingdom of Italy (1890).svg 1.580 50,64%
bianche/nulle 348
Totale voti validi 3.468 100%
Elezioni dell'Assemblea Costituente del 2 giugno 1946[32][modifica | modifica wikitesto]

Il Comune di Prignano sulla Secchia faceva parte della Circoscrizione Parma - Modena - Piacenza - Reggio Emilia.

Dati
Elettori 3.926
Votanti 3.468
 % Votanti 88,33
Voti validi 3.182
Schede non valide (incl. bianche) 286
Schede bianche 155
Partiti Voti Voti (%)
Democrazia Cristiana (DC) 1.722 54,12
Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria (PSIUP) 784 24,64
Partito Comunista Italiano (PCI) 563 17,69
Partito Repubblicano Italiano (PRI) 41 1,29
Concentrazione Democratica Repubblicana (CDR) 33 1,04
Unione Democratica Nazionale (UDN) (liberali) 28 0,88
Fronte dell'Uomo Qualunque (UQ) 11 0,35

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architettura religiosa[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Bartolomeo Apostolo (fraz. Sassomorello);
  • Chiesa di San Carlo Borromeo (fraz. Pescarola);
  • Chiesa di San Lorenzo martire e San Michele Arcangelo (Prignano);
  • Chiesa di Santa Maria Assunta (fraz. Castelvecchio - costruzione intero bene: anno 1650);
  • Chiesa di Santa Maria Ausiliatrice (fraz. Moncerrato - costruzione intero bene, anno 1962);
  • Chiesa di San Michele Arcangelo (fraz. Montebaranzone);
  • Chiesa dei Santi Nazario e Celso martiri (fraz. Pigneto - prime notizie di carattere generale: 1318, 1543);
  • Chiesa di San Pietro Apostolo (fraz. Morano);
  • Chiesa di San Tommaso Apostolo (fraz. Saltino);
  • Oratorio della Madonna d′Avato (fraz. Castelvecchio - restauro intero bene: anno 2003);
  • Oratorio di San Giuseppe al Poggio (Prignano - ricostruzione intero bene: anno 1999);
  • Oratorio della Madonna del Bosco (fraz. Saltino).

Architettura civile[modifica | modifica wikitesto]

  • Cippo commemorativo a Mario Allegretti (fraz. Saltino);
  • Lapide a Giuseppe Castagnetti (Municipio, Prignano);
  • Lapide a tutti gli Alpini d'Italia (Piazza degli Alpini, Prignano).
  • Monumento a Mario Allegretti e ai caduti di Saltino (fraz. Saltino);
  • Targa in ricordo delle famiglie Sinti internate nel campo di concentramento (Municipio, Prignano).

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[33]

La popolazione di Prignano ha conosciuto il proprio apice nel 1951, con 6702 residenti; il dato minimo è riscontrabile nel censimento del 1991 con 3109 residenti. I maggiori incrementi demografici si sono avuti nei decenni 1921-1931 (+18,6%) e 1991-2001 (+14,2%); i maggiori decrementi si sono avuti nel trentennio 1951-1981: 1951-1961 (-22,3%), 1961-1971 (-30,2%), 1971-1981 (-13,5%). Il fattore che ha contribuito a questo trend negativo, che ha caratterizzato tutta l'area montana appenninica, è stato la migrazione preminentemente giovanile verso la pianura, in primis nell'adiacente Distretto della Ceramica sassolese.

Dal censimento del 2001 la popolazione residente a Prignano sta continuando a crescere, tanto che all'ultima rilevazione statistica annuale (riferita al 31 dicembre 2010) il Comune conta 3813 abitanti (+ 252 rispetto al 2001)[34].

Al 1º gennaio 2007 si constatava un sostanziale equilibrio di genere tra gli allora 3647 residenti: 1822 maschi e 1825 femmine[35]. Sempre alla stessa data, l'analisi dell'Indice di vecchiaia[36], che stima sostanzialmente il grado di invecchiamento di una popolazione, veniva calcolato a Prignano al 164%. La fascia degli ultra-sessantenni raggruppava il 25,6% del totale e si contavano ben 42 cittadini ultra-novantenni[37]. Un esame dei residenti per stato civile evidenziava, complessivamente, il 38,9% di celibi/nubili, il 50,7% di coniugati/e, l'1,8% di divorziati/e e l'8,6% di vedovi/e (prevalentemente donne)[38]. Il quadro statistico del comune era completato dal dato sul Reddito dichiarato medio: 19.443 Euro[39][40].

Al 31 dicembre 2010 Prignano contava 269 cittadini stranieri residenti, di cui 44 dell'Unione Europea e 225 extra-Unione Europea, con un'incidenza sul totale della popolazione del 7%[41].

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Gli stranieri residenti nel comune sono 169. Di seguito sono riportati i gruppi più consistenti[42]:

  1. Marocco Marocco: 133
  2. Tunisia Tunisia: 23
  3. Romania Romania: 17
  4. Ghana Ghana: 16
  5. India India: 12

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteca[modifica | modifica wikitesto]

La biblioteca comunale di Prignano si trova in Via de Gasperi, presso il polo scolastico. Essa fa parte del Sistema bibliotecario intercomunale di Sassuolo[43], assieme a quelle di Fiorano, Formigine, Frassinoro e Maranello[44].

Scuole[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio di Prignano sono presenti 8 scuole[45]:

  • un micronido statale, nel capoluogo, destinato ai bambini di età compresa tra i 12 ed i 36 mesi;
  • quattro scuole dell'infanzia statali (ex ‘'scuole materne), a Montebaranzone, Pigneto, Saltino e nel capoluogo, per bambini fino a 5 anni;
  • due scuole primarie statali (ex ‘'scuole elementari), una a Pigneto ed una nel capoluogo, per bambini fino agli 11 anni;
  • una scuola secondaria di I statale (ex ‘'scuola media) intitolata ad Alessandro Manzoni, nel capoluogo, per ragazzi da 11 a 14 anni.

L'Istituto Comprensivo “F. Berti”, nel capoluogo, raggruppa tutte le scuole statali (dell'infanzia, primarie e secondarie di I grado) del prignanese e la scuola primaria di Varana, frazione del Comune di Serramazzoni.

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Numerose sono le associazioni di volontariato operanti sul territorio, quelle con un maggior numero di aderenti sono:

  • Comitato Locale Croce Rossa Italiana di Prignano sulla Secchia;
  • Ass. Culturale Pro Loco di Prignano sulla Secchia;
  • A.v.i.s. - Sezione di Prignano sulla Secchia;
  • Gruppo Alpini di Prignano sulla Secchia;
  • Ass. Caccia e Pesca.

Personalità locali[modifica | modifica wikitesto]

(LA)

« Callimachum et facili qui vincit Pindaron ore
cognitus et plene cui situs Orbis erat
Bartholomeus in hac Prignanus clauditur urna
qui tamen invita morte superstes erit.
 »

(IT)

« Quegli che con facile vena supera Callimaco e Pindaro
ed a cui era un luogo pienamente noto il mondo intero,
Bartolomeo Prignani sta racchiuso in quest'urna
ma a dispetto della morte sopravviverà.
 »

(Epigrafe sulla tomba di Bartolomeo Paganelli Prignani nel Chiostro delle Canoniche del Duomo di Modena)

Persone legate al territorio[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Fiera della Gastronomia Montana;
  • Corri Prignano (corsa campestre);
  • Rifiutinarte(simposio internazionale di scultura con materiali di riciclo);
  • Torneo delle Frazioni - Memorial Sergio Abbati (Calcio a 7); squadre vincitrici:
    • 2009 - Morano;
    • 2010 - Pescarola;
    • 2011 - Morano;
    • 2012 - Pescarola;
    • 2013 - Asd Pescarola Pigneto;
    • 2014 - Asd Pescarola Pigneto.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1936 il 91% della popolazione attiva era impegnata in agricoltura, il dato più alto dell'intera provincia[51].

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Industria[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1936 solo il 5% della popolazione attiva era impegnata in industria e trasporti, il dato più basso dell'intera provincia (media: 21,1%)[52].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

  • Strada Provinciale 19 Italia.svg Strada provinciale 19 di Castelvecchio[53]
  • Strada Provinciale 20 Italia.svg Strada provinciale 20 di S. Pellegrinetto[54]
  • Strada Provinciale 21 Italia.svg Strada provinciale 21 di Serramazzoni[55]
  • Strada Provinciale 23 Italia.svg Strada provinciale 23 di Valle Rossenna[56]
  • Strada Provinciale 24 Italia.svg Strada provinciale 24 di Monchio[57]
  • Strada provinciale 486 di Montefiorino[58].

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Sul territorio prignanese sono presenti molteplici impianti sportivi[45], comunali e parrocchiali.
Impiani comunali:

  • Campo sportivo, nel capoluogo[59][60];
  • Campi da tennis, nel capoluogo;
  • Palestra comunale, nel capoluogo[61];
  • Campo sportivo comunale, in località La Volta di Saltino[59];
  • Campo sportivo polivalente, in frazione Montebaranzone[62].

Impianti parrocchiali:

  • Campo sportivo, in frazione Pigneto[63];
  • Campi da tennis, in frazione Morano;
  • Campo sportivo, in frazione Saltino[59];
  • Campo sportivo Polivalente, in frazione Morano;
  • Campo sportivo, in frazione Castelvecchio.

Società sportive attualmente operanti sul territorio:

  • Polisportiva Prignanese (calcio, pallavolo): prima squadra militante nel campionato di 3ª Categoria Gir. A Modenese (F.I.G.C.); squadra amatori militante nel campionato Amatori C.S.I., squadre del settore giovanile.
  • Montebaranzone 2000 (calcio): squadra amatori militante nel campionato Amatori C.S.I.
  • U.S. Pigneto (calcio): squadra amatori militante nel campionato Amatori U.I.S.P.

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

« \mathfrak{B}runo di Cervarola avea il domíno / di quella terra e del vicin / di Moran, del Pigneto e di Saltino; / uom vago di litigi e di contese. / Con ducento suoi sgherri entrò in cammino / subito che de l'armi il suono intese; / e perch'era un cervel fatto a capriccio, / portava per impresa un pagliariccio. »
(da "La secchia rapita"[64])
  • Castelvecchio
  • Montebaranzone
  • Morano
  • Pescarola
  • Pigneto
  • Saltino
  • Sassomorello

Localitá e borghi[modifica | modifica wikitesto]

  • Allegara
  • Antico
  • Barighelli di Sopra
  • Biola
  • Ca' d'Alberto
  • Ca' del Duca
  • Ca' di Viano
  • Ca' Righetta
  • Ca' Oceta
  • Calvanella
  • Casa Azzoni
  • Casa Gherardi
  • Casa Mussi
  • Casa Nuova
  • Casa Pozzi
  • Casa Righi
  • Casalcicogno
  • Casalpennato
  • Casone
  • Cassuolo
  • Dignatica
  • I Boschi
  • Il Brandone
  • Il Monte
  • Il Poggio di Montebaranzone
  • La Fredda
  • La Nera
  • La Palazzina
  • La Pioppa
  • La Volta di Saltino
  • Le Are
  • Le Borre
  • Le Braide
  • La Madonna
  • Malacoda
  • Montechiaratore
  • Oceta
  • Pedrocchio
  • Perdachieto
  • Poggio
  • Poggiolbianco
  • Poggiolrosso
  • Pugnago
  • Remagna
  • San Pellegrinetto
  • Sassofosco
  • Serra di Morano
  • Vezzano
  • Volta di Pigneto.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

"Monumento in onore dei sindaci prignanesi dal dopoguerra ad oggi". Acrilico su terracotta, 70x110 cm, bassorilievo. Opera dell´artista Chiara Bonini.
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1930 1935 Roberto Berti Podestà [65]
1944 1944 Arturo Pellesi Sindaco
1944 1946 Gino Macchioni Sindaco
1946 1959 Giuseppe Castagnetti Sindaco
1959 1970 Peppino Casolari Sindaco
1970 1970 Filippo Manelli Sindaco
1970 1975 Ugo Giberti Sindaco
1975 1979 Cesare Fantini Sindaco
1979 1995 Candeli Bortolomeo Lista Civica di Centro-Destra Sindaco
1995 2004 Ennio Bonilauri Lista Civica di Centro-Destra Sindaco [66]
2004 2014 Mauro Fantini Lista Civica "Patto per Prignano" Sindaco [67][68]
2014 - Valter Canali Lista Civica "Patto per Prignano" Sindaco [69]

}

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2013.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Tassoni, Canto III, strofa 53
  4. ^ Delibere del Consiglio Comunale di Prignano sulla Secchia n. 12 del 24/03/2011 e n. 14 del 26/04/2011.
  5. ^ Fonte: Sito istituzionale del Comune di Prignano sulla Secchia.
  6. ^ "Ripartizione del territorio nazionale in zone omogenee derivanti dall'aggregazione di comuni contigui costruite di norma sulla base di valori soglia altimetrici; si distinguono zone altimetriche di montagna, di collina e di pianura."; fonte: Istat.
  7. ^ "Zona altimetrica di collina: il territorio caratterizzato dalla presenza di diffuse masse rilevate aventi altitudini, di regola, inferiori a 600 metri nell'Italia settentrionale e 700 metri nell'Italia centro-meridionale ed insulare. Eventuali aree di limitata estensione aventi differenti caratteristiche, intercluse, si considerano comprese nella zona di collina. Le zone altimetriche di montagna e di collina sono state divise, per tener conto dell'azione moderatrice del mare sul clima, rispettivamente, in zone altimetriche di montagna interna e collina interna e di montagna litoranea e collina litoranea, comprendendo in queste ultime i territori, esclusi dalla zona di pianura, bagnati dal mare o in prossimità di esso."; fonte: Istat.
  8. ^ "Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione del territorio nazionale e di normative tecniche (G.U. n.105 del 08/05/2003)"
  9. ^ I gradi-giorno consistono nella somma, estesa a tutti i giorni di un periodo annuale convenzionale di riscaldamento, delle sole differenze positive giornaliere tra la temperatura dell'ambiente, convenzionalmente fissata a 20 °C, e la temperatura media esterna giornaliera; art. 1, lett. z) del D.P.R. 26 agosto 1993.
  10. ^ Per Prignano i gradi-giorno sono 2.975; fonte: ENEA.
  11. ^ Al di fuori di tali periodi gli impianti termici possono essere attivati solo in presenza di situazioni climatiche che ne giustifichino l'esercizio e comunque con una durata giornaliera non superiore alla metà di quella consentita a pieno regime; fonte: ENEA.
  12. ^ Berti, pp. 9-10
  13. ^ Fonte: Statuto Comune di Prignano sulla Secchia, art. 6 comma 1; approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n.35 del 30/06/2005.
  14. ^ Fonte: Statuto Comune di Prignano sulla Secchia, art. 6 comma 2; approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n.35 del 30/06/2005.
  15. ^ Berti, pp. 9-11
  16. ^ Nel 1984 il sito è stato dichiarato di rilevante interesse dal Ministero dei Beni Culturali. Fonte: Sito Istituzionale della Provincia di Modena.
  17. ^ Nel 2006 il proprietario ha donato l'intera area del sito alla Provincia di Modena. Fonte: Sito Istituzionale della Provincia di Modena.
  18. ^ Crespellani
  19. ^ Malavolti
  20. ^ Questi reperti sono tuttora custoditi nel Museo Civico Archeologico ed Etnologico di Modena.
  21. ^ Baroni, p. 135
  22. ^ Pais
  23. ^ Sergi
  24. ^ Bardetti
  25. ^ Pullé
  26. ^ Chiessi, Fascicolo n. 71
  27. ^ Muzzioli, p. 299
  28. ^ Muzzioli, p. 301
  29. ^ Muzzioli, p. 310
  30. ^ AA.VV, ISRSC - p. 102
  31. ^ a b AA.VV, ISRSC - p. 138
  32. ^ Fonte: Archivio storico delle elezioni del Ministero dell'Interno.
  33. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  34. ^ Informazioni sulla popolazione residente nel Comune di Prignano sulla Secchia, censimenti dal 1861 al 2001 e dati indagine anagrafica del 2010 al 31 dicembre; fonte: Istat.
  35. ^ Informazioni sulla distribuzione della popolazione per genere nel Comune di Prignano sulla Secchia al 1º gennaio 2007; fonte: Istat.
  36. ^ Rapporto tra la popolazione anziana (65 anni e oltre) e quella più giovane (0-14 anni).
  37. ^ Informazioni sulla distribuzione popolazione per età nel Comune di Prignano sulla Secchia al 1º gennaio 2007; indice di vecchiaia e ultracentenari nel comune; fonte: Istat.
  38. ^ Residenti per stato civile: coniugati, celibi, divorziati e vedovi nel comune di Prignano sulla Secchia al 1º gennaio 2007; fonte: Istat.
  39. ^ Elaborazione su dati dei redditi IRPEF relativi all'anno d'imposta 2005, importi in Euro; fonte: Ministero dell'Economia e delle Finanze.
  40. ^ Tutti i dati citati in questo paragrafo sono debitamente riportati, sintetizzati e consultabili al sito "Comuni-Italiani".
  41. ^ Informazioni sulla popolazione residente nel Comune di Prignano sulla Secchia, dati indagine anagrafica del 2010 al 31 dicembre; fonte: Ufficio Anagrafe del Comune di Prignano sulla Secchia.
  42. ^ Bilancio Demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2010 per sesso e cittadinanza, ISTAT. URL consultato il 5 aprile 2014.
  43. ^ Deliberazione consiliare del Comune di Prignano sulla Secchia n. 12 del 13/04/2004.
  44. ^ Fonte: Centro di Documentazione della Provincia di Modena.
  45. ^ a b Fonte: Sito Istituzionale del Comune di Prignano sulla Secchia.
  46. ^ Una breve biografia è presente sul Sito Ufficiale della Polizia di Stato a questo link.
  47. ^ Noto anche come: Bartolomeo da Prignano, Bartolomeo Prignani, Bartolomeo Paganelli da Prignano, Bartolomeo Paganelli Prignani.
  48. ^ Berti, pp. 144-148
  49. ^ Tiraboschi, (Storia della Letteratura Italiana) pp. 1370-1373
  50. ^ Montecchi
  51. ^ Elaborazione su dati del censimento del 1936, fonte: Istat. Muzzioli, p. 314
  52. ^ Elaborazione su dati del censimento del 1936, fonte: Istat. Muzzioli, p. 271
  53. ^ Provincia di Modena: elenco strade provinciali ed ex Anas, aggiornato al 27 gennaio 2014.
  54. ^ Provincia di Modena: elenco strade provinciali ed ex Anas, aggiornato al 27 gennaio 2014.
  55. ^ Provincia di Modena: elenco strade provinciali ed ex Anas, aggiornato al 27 gennaio 2014.
  56. ^ Provincia di Modena: elenco strade provinciali ed ex Anas, aggiornato al 27 gennaio 2014.
  57. ^ Provincia di Modena: elenco strade provinciali ed ex Anas, aggiornato al 27 gennaio 2014.
  58. ^ Provincia di Modena: elenco strade provinciali ed ex Anas, aggiornato al 27 gennaio 2014.
  59. ^ a b c Attività: Calcio dilettanti maschile e femminile; Fonte: Osservatorio del Sistema Sportivo Regionale dell'Emilia-Romagna: impiantistica sportiva nei territori comunali.
  60. ^ Il 17 agosto 2008 l'impianto ha ospitato il concerto di Piero Pelù, evento culmine della rassegna Estate Prignanese 2008.
  61. ^ Attività: Calcetto, pallavolo, pallacanestro, altro; Fonte: Osservatorio del Sistema Sportivo Regionale dell'Emilia-Romagna: impiantistica sportiva nei territori comunali.
  62. ^ Attività: Calcetto, pallavolo, altro; Fonte: Osservatorio del Sistema Sportivo Regionale dell'Emilia-Romagna: impiantistica sportiva nei territori comunali.
  63. ^ Attività: Calcio dilettanti maschile e femminile; Fonte: Osservatorio del Sistema sportivo Regionale dell'Emilia-Romagna: impiantistica sportiva nei territori comunali.
  64. ^ Tassoni, Canto III, strofa 51
  65. ^ Berti Dott. Roberto, data nomina: 18 luglio 1930; scadenza: 18 luglio 1935. Muzzioli, p. 309
  66. ^ Eletto con il 58,55% dei voti il 13 giugno 1999; sfidanti: Ezechiele Ciocci (Lista Civica di Centro-Sinistra-31,95%) e Maria Franca Ternelli (Lega Nord-9,5%). Fonte: Archivio storico delle elezioni del Ministero dell'Interno.
  67. ^ Eletto con il 55,40% dei voti il 14 giugno 2004; sfidante: Alessandro Lei (Lista Civica di Centro-Destra "Prignano Insieme"-44,60 %). Fonte: Archivio storico delle elezioni del Ministero dell'Interno.
  68. ^ Eletto con il 65,30% dei voti l'8 giugno 2009; sfidante: Bortolomeo Candeli (Lista Civica di Centro-Destra "Uniti per Prignano"-34,70 %). Fonte: Archivio storico delle elezioni del Ministero dell'Interno.
  69. ^ Eletto con il 61.76% dei voti il 26 maggio 2014; sfidanti: Ennio Bonilauri (Lista Civica "Popolo di Prignano Insieme"-27.32 %)e Walter Telleri(Lista Civica ".Prignano"-10.91 %). Fonte: Archivio storico delle elezioni del Ministero dell'Interno.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., La costruzione della Libertà: Modena nel dopoguerra 1945-1948, a cura di ISRSC-Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea di Modena, Carpi (MO), Nuovagrafica, 1996.
  • Stanislao Bardetti, De' primi abitatori dell'Italia, Modena, 1769.
  • Eliseo Baroni (a cura di), L'Appennino Modenese di Ponente, Fiorano Modenese, 1996.
  • Giovanni Berti, Prignano: notizie e ricerche storiche, Modena, 1953.
  • Eugenio Chiessi, Le località che delimitano i confini del diocesi di Reggio Emilia citate nei documenti attribuiti a Carlo Magno, Ottone I ed Enrico II. Bollettino storico reggiano., Reggio Emilia, marzo 1990.
  • Arsenio Crespellani, Strada Claudia alle radici dei colli Modenesi, Modena, 1869.
  • Giuseppe Fantini, Storia di un campanile, Modena, 2008.
  • Fernando Malavolti, La stazione del Pescale, Modena, 1937-39.
  • Giorgio Montecchi, Il Libro del Rinascimento (2° Volume), Milano, Viella, 2005.
  • Giuliano Muzzioli, L'economia e la società modenese fra le due guerre (1919-1939), Modena, S.T.E.M.-Mucchi, 1979.
  • Ettore Pais, Storia dell'Italia antica, Torino, 1938.
  • Francesco Lorenzo Pullé, Dialetti in L'Appennino Modenese, Torino, 1895.
  • Giuseppe Sergi, Europa, Torino, 1908.
  • Alessandro Tassoni, La secchia rapita, Parigi, 1621.
  • Girolamo Tiraboschi, Memorie storiche modenesi col Codice Diplomatico illustrato con note, Modena, 1793-1795.
  • Girolamo Tiraboschi, Tomo VI: Dall'anno MCCCC fino all'anno MD - Parte Terza in Storia della Letteratura Italiana, Milano, Società Tipografica de' Classici Italiani, 1824.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Prignano sulla Secchia in Open Directory Project, Netscape Communications. (Segnala su DMoz un collegamento pertinente all'argomento "Prignano sulla Secchia")