Arcidiocesi di Modena-Nonantola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Modena-Nonantola
Archidioecesis Mutinensis-Nonantulana
Chiesa latina
Modena01.jpg
Regione ecclesiastica Emilia-Romagna
Diocesi suffraganee
Carpi, Fidenza, Parma, Piacenza-Bobbio, Reggio Emilia-Guastalla
Arcivescovo metropolita-abate Antonio Lanfranchi
Vicario generale Giacomo Morandi
Arcivescovi emeriti Benito Cocchi
Sacerdoti 260 di cui 184 secolari e 76 regolari
1.750 battezzati per sacerdote
Religiosi 85 uomini, 538 donne
Diaconi 42 permanenti
Abitanti 462.000
Battezzati 455.000 (98,5% del totale)
Superficie 2.089 km² in Italia
Parrocchie 246
Erezione III secolo (Modena)
VIII secolo (Nonantola)
in plena unione dal 30 settembre 1986
Rito romano
Cattedrale Metropolitana di Santa Maria Assunta in Cielo e San Geminiano
Concattedrali San Silvestro I papa
Indirizzo Corso Duomo 34, 41100 Modena, Italia
Sito web www.modena.chiesacattolica.it
Dati dall'Annuario Pontificio 2005 * *
Chiesa cattolica in Italia
L'abbazia di Nonantola, concattedrale dell'arcidiocesi
Il palazzo arcivescovile
Evangeliario proveniente dall'abbazia di Nonantola e conservato nel Museo del duomo di Modena, risalente al 1106 circa

L'arcidiocesi di Modena-Nonantola (in latino: Archidioecesis Mutinensis-Nonantulana) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica appartenente alla regione ecclesiastica Emilia-Romagna. Nel 2004 contava 455.000 battezzati su 462.000 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo-abate Antonio Lanfranchi.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi comprende parte della provincia di Modena.

Sede arcivescovile è la città di Modena, dove si trova la cattedrale di Santa Maria Assunta. A Nonantola, si trova l'abbazia, con la concattedrale dedicata a papa Silvestro I.

Il territorio è suddiviso in 246 parrocchie.

Istituti religiosi[modifica | modifica wikitesto]

Istituti religiosi maschili
Istituti religiosi femminili

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sede di Modena[modifica | modifica wikitesto]

La prima menzione storica della diocesi modenese risale alla metà del IV secolo ed è legata alla figura di san Geminiano, che partecipò al sinodo di Milano del 390 presieduto da sant'Ambrogio. Dalla Vita di Geminiano si ricavano inoltre i nomi del predecessore e del successore sulla cattedra modenese, ossia Antonino e Teodoro (Teodolo).

Originariamente suffraganea dell'arcidiocesi di Milano, nel V secolo entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Ravenna.

Nel 1099 iniziarono i lavori per la costruzione della nuova cattedrale. Nel 1106 le principali strutture erano pronte e la chiesa fu inaugurata alla presenza di papa Pasquale II e della contessa Matilde di Canossa; in questa occasione furono solennemente traslate le reliquie di San Geminiano. I lavori e le decorazioni interne del duomo terminarono nel 1184, anno in cui la chiesa fu consacrata da papa Lucio III.

Nel 1148 per punizione Modena fu privata della sede episcopale da papa Eugenio III e il territorio della diocesi fu spartito tra le diocesi confinanti. Tuttavia, è incerto se il provvedimento ebbe mai applicazione; in ogni caso, ebbe breve durata, giacché nel 1156 Modena aveva già un proprio vescovo.

Nel 1276 vi furono gravi controversie nell'elezione del vescovo: il capitolo si divise in due fazioni ed elesse due vescovi, dei quali uno morì e l'altro rinunziò. Intanto la città di Modena fu colpita da scomunica e interdetto, fino al 1280, quando il Papa elesse un nuovo vescovo.

Il rito romano fu adottato a Modena nella prima metà del XV secolo, durante l'episcopato di Carlo Boiardo, per imposizione di papa Eugenio IV.

Durante il XVI secolo Modena fu uno dei centri del protestantesimo italiano, che trovò un gruppo di cultori appassionati con a capo il letterato Lodovico Castelvetro. Il vescovo Giovanni Gerolamo Morone, ritenuto troppo debole nei confronti degli eretici, fu deposto, arrestato ed imprigionato a Castel Sant'Angelo a Roma con l'accusa di essere favorevole all'eresia protestante. Solo dopo la morte di papa Paolo IV fu liberato, riabilitato e poté ritornare sulla sede modenese. Fu in seguito protagonista al concilio di Trento fondatore del seminario diocesano.

Tra le figure di maggior spicco del clero e della diocesi modenese emerge il sacerdote e cultore di cose ecclesiastiche Ludovico Antonio Muratori autore della monumentale collezione delle Rerum Italicarum Scriptores e a cui papa Pio XII dedicò un mirabile ricordo nel secondo centenario della morte.[1]

Il 22 agosto 1855 la diocesi, che precedentemente era stata suffraganea di Ravenna (V-XVI secolo) e poi di Bologna, fu elevata ad arcidiocesi metropolitana con la bolla Vel ab antiquis di papa Pio IX. In origine la provincia ecclesiastica coincideva con i territorio del ducato di Modena e comprendeva le diocesi di Reggio Emilia, Guastalla, Carpi e Massa Carrara. Nel 1926 Massa Carrara tornò all'arcidiocesi di Pisa. Nel dicembre 1976 la provincia ecclesiastica modenese si allargò con le diocesi di Fidenza, di Piacenza e di Parma.

Sede di Nonantola[modifica | modifica wikitesto]

L'abbazia di Nonantola fu fondata dal longobardo Anselmo, cognato del re Astolfo, nell'VIII secolo. Con l'arrivo a Nonantola delle spoglie di papa San Silvestro e di papa Adriano III, l'abbazia aumenta di importanza sotto il profilo religioso richiamando numerosi pellegrini, tanto che intorno all'anno 1000 l'abbazia accoglie 1000 monaci.

A partire dal 1449 ebbe fine la serie degli abati monaci e l'abbazia fu affidata ad abati commendatari, per lo più cardinali. Tra gli abati commendatari ci furono anche Giuliano della Rovere, eletto poi papa Giulio II, e san Carlo Borromeo.

Nel gennaio del 1514 i Benedettini lasciarono il monastero, che venne affidato ai Cistercensi. Le condizioni pattuite era che ai monaci spettava il compito di eleggere il loro priore e di gestire il possesso della chiesa e del monastero, mentre il palazzo abbaziale era di proprietà dell'abate commendatario.

Nel 1567 il cardinale Borromeo fondò il seminario abbaziale dotandolo personalmente di 6.000 scudi e scrivendone le regole; istituì inoltre per primo l'obbligo della visita pastorale del territorio dipendente dall'abbazia. Su istanza dello stesso cardinale fu celebrato il primo sinodo diocesano nella cattedrale di Nonantola il 4 dicembre 1565.

Dal sinodo celebrato dall'abate commendatario Jacopo De Angelis nel 1688 si evince che il territorio dipendente dall'abbazia era molto vasto. Esso comprendeva più di 300 chiese sparse, oltre che nel territorio proprio di Nonantola, in molte diocesi italiane (tra cui Parma, Piacenza, Cremona, Pavia, Mantova, Verona, Vicenza, Treviso, Bologna, Pistoia, Firenze, Perugia, Assisi) compresa una chiesa a Costantinopoli, senza contare terreni e castella nel ravennate, nel milanese, in Piemonte e presso il lago di Garda, su cui l'abate esercitava la giurisdizione temporale, nonché diritti vari, come mulini e diritti di pesca e di navigazione presso il Panaro.

Nel 1783 anche i Cistercensi lasciarono l'abbazia. Francesco Maria d'Este, vescovo di Reggio Emilia e abate commendatario, istituì allora nella cattedrale un capitolo di canonici in sostituzione di quello monastico. Per le cure dello stesso vescovo fu ingrandito il seminario fino a contenere quasi 80 seminaristi.

Con l'invasione francese del 1797 iniziò la crisi dell'abbazia e della diocesi, che fu spogliata di tutti i suoi beni. Nel concordato italiano tra il governo francese e papa Pio VII del 1803 l'abbazia territoriale fu soppressa ed il suo territorio unito a quello di Modena. Tuttavia Francesco Maria d'Este continuò a governare la sede nonantolana come amministratore apostolico.

Passata la bufera francese, il duca di Modena Francesco IV chiese ed ottenne il ripristino dell'abbazia territoriale, decisione che Pio VII prese il 15 dicembre 1820; l'abbazia nullius, ridotta territorialmente alla sola Nonantola, fu affidata in commenda ai vescovi pro tempore di Modena.

Sedi unite[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 ottobre 1902 l'abbazia nullius di Nonantola divenne suffraganea dell'arcidiocesi di Modena, a cui fu unita il 1º maggio 1906 con il decreto Ex decreto della Sacra Congregazione Concistoriale.

Il 30 settembre 1986, in forza del decreto Instantibus votis della Congregazione per i vescovi, fu stabilita la plena unione delle due sedi e la nuova circoscrizione ecclesiastica ha assunto il nome attuale.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Abati di Nonantola[modifica | modifica wikitesto]

Vescovi e arcivescovi di Modena[modifica | modifica wikitesto]

  • Cleto †
  • Dionisio †[4]
  • Antonino † (menzionato nel 343 ?)
  • San Geminiano I † (seconda metà del IV secolo)[5]
  • Teodoro o Teodolo † (circa 395/396 - prima del 423)
  • Geminiano II? † (menzionato nel 458)[6]
  • Gregorio † (482 - ?)
  • Bassiano (Basso, Cassiano) † (prima del 501 - dopo il 503)
  • Pietro † (menzionato nel 680)
  • Giovanni I † (menzionato nel 744)
  • Lupicino o Lopicino † (menzionato nel 749)
  • Geminiano † (menzionato nel 782)
  • Gisio † (prima del 796 - dopo novembre 811)
  • Martino o Marino † (circa 812)[7]
  • Deodato (Deusdedit) † (prima di agosto 813 - dopo l'828)
  • Giona † (prima dell'840 - dopo l'856)
  • Ernido † (prima dell'861 - dopo settembre 863)
  • Walperto † (prima di novembre 865 - dopo settembre 869)
  • Leodoino † (prima di agosto 871 - dopo novembre 892)
    • Giovanni II † (menzionato nell'898) (antivescovo)
  • Gamenolfo † (prima del 30 settembre 898 - ?)
  • Gotifredo † (prima di agosto 902 - dopo settembre 933)
  • Ardingo † (? - 943 deceduto)
  • Guido † (circa 944 - 968)
  • Ildebrando † (969 - dopo maggio 993)
  • Giovanni † (prima di giugno 994 - dopo febbraio 1001)
  • Varino † (prima di aprile 1003 - dopo ottobre 1020)
  • Ingone † (circa 1023 - dopo marzo 1038)
  • Uberto (Guiberto, Viberto) † (prima di febbraio 1039 - dopo maggio 1054)
  • Eriberto (Umberto, Erberto, Ariberto) † (circa 1054 - 1085 deposto)
  • Benedetto † (prima di marzo 1086 - dopo maggio 1096)
  • Egidio † (1097 - dopo giugno 1099)
  • Dodone † (1100 - circa 1136 deceduto)
  • Ribaldo † (1136 - 1148)
    • Ildebrando Grassi, Can.Reg. † (1148 - 1156 dimesso) (amministratore apostolico)
  • Enrico † (1156 - circa 1173 deceduto)
  • Ugo † (1174 - 1179)
  • Ardizio † (1179 - 3 dicembre 1194 deceduto)
  • Egidio Garzoni † (1194 - 1207 nominato arcivescovo di Ravenna)
  • Martino † (1207 - 18 settembre 1221 deceduto)
  • Guglielmo di Savoia, O.Cart. † (maggio 1222 - 21 settembre 1233 dimesso)
  • Alberto Boschetti † (3 aprile 1234 - 29 febbraio 1264 deceduto)
  • Matteo de' Pii † (1264 - 7 novembre 1276 deceduto)
    • Sede vacante
  • Ardizio Conti † (23 dicembre 1281 - 1287 deceduto)
  • Filippo Boschetti, O.F.M. † (1287 - 1290 deceduto)
  • Jacopo † (1290 - 26 maggio 1311 deceduto)
  • Bonadamo Boschetti † (3 giugno 1311 - 24 gennaio 1313 deceduto)
  • Bonincontro da Fiorano † (4 febbraio 1313 - 19 gennaio 1318 deceduto)
  • Guido de Guisis † (1º marzo 1318 - 16 settembre 1334 nominato vescovo di Concordia)
    • Rolando (Orlando) † (1329 - 1330 deposto) (scismatico)
  • Bonifazio † (10 maggio 1336 - 6 novembre 1340 nominato vescovo di Como)
  • Alamanno Donati, O.F.M. † (18 luglio 1342 - 4 giugno 1352 deceduto)
  • Beato Aldobrandino d'Este † (18 gennaio 1353 - 1380 deceduto)
  • Guido de Baisio † (10 ottobre 1380 - 1382 o 1383 nominato vescovo di Ferrara)
  • Dionisio Restani, O.S.A. † (1383 - 1400 deceduto)
  • Pietro Boiardo † (1400 - 24 gennaio 1401 nominato arcivescovo di Ferrara)
  • Nicolò Boiardo † (24 gennaio 1401 - 1414 deceduto)
  • Carlo Boiardo † (30 aprile 1414 - 1436 dimesso)
  • Scipione Manenti † (17 ottobre 1436 - 1444 deceduto)
  • Jacopo Antonio della Torre † (19 ottobre 1444 - 24 settembre 1463 nominato vescovo di Parma)
  • Delfino della Pergola † (24 settembre 1463 - 1465 deceduto)
  • Nicolò Sandonnini † (7 giugno 1465 - 15 novembre 1479 nominato vescovo di Lucca)
  • Gian Andrea Bocciazzi † (15 novembre 1479 - 1495 deceduto)
  • Giambattista Ferrari † (11 settembre 1495 - 27 luglio 1502 deceduto)
  • Francesco Ferrari † (20 luglio 1502 - 1507 deceduto)
  • Ercole Rangoni † (12 settembre 1520 - 25 agosto 1527 deceduto)
  • Pirro Gonzaga † (5 settembre 1527 - 28 gennaio 1529 deceduto)
  • Giovanni Gerolamo Morone † (7 aprile 1529 - 23 maggio 1550 dimesso)
  • Egidio Foscherari, O.P. † (23 maggio 1550 - 23 febbraio 1564 deceduto)
  • Giovanni Gerolamo Morone † (23 febbraio 1564 - 16 novembre 1571 dimesso) (per la seconda volta)
  • Sisto Vicedomini, O.P. † (16 novembre 1571 - 27 settembre 1590 deceduto)
  • Giulio Canani † (8 febbraio 1591 - 27 novembre 1592 deceduto)
  • Gaspare Silingardi † (19 febbraio 1593 - 13 luglio 1607 deceduto)
  • Lazaro Pellizzari, O.P. † (1º ottobre 1607 - 1610 deceduto)
  • Pellegrino Bertacchi † (22 marzo 1610 - 22 agosto 1627 deceduto)
  • Alessandro Rangoni † (28 febbraio 1628 - aprile 1640 deceduto)
  • Opizzone d'Este † (19 novembre 1640 - agosto 1644 deceduto)
  • Roberto Fontana † (12 giugno 1645 - 16 agosto 1654 deceduto)
  • Ettore Molza † (2 agosto 1655 - 2 maggio 1679 deceduto)
  • Carlo Molza † (27 novembre 1679 - 24 dicembre 1690 deceduto)
  • Ludovico Masdoni † (12 novembre 1691 - giugno 1716 deceduto)
  • Stefano Fogliani † (12 aprile 1717 - 26 giugno 1742 deceduto)
  • Ettore Molza, Sch.P. † (20 maggio 1743 - 1º gennaio 1745 deceduto)
  • Giuliano Sabbatini † (8 marzo 1745 - 3 giugno 1757 deceduto)
  • Giuseppe Maria Fogliano † (19 dicembre 1757 - 18 ottobre 1785 deceduto)
  • Tiburzio Cortese † (3 aprile 1786 - 30 dicembre 1823 deceduto)
  • Giuseppe Emilio Sommariva † (12 luglio 1824 - 7 marzo 1829 deceduto)
  • Adeodato Caleffi, O.S.B. † (5 luglio 1830 - 5 agosto 1837 deceduto)
  • Luigi Reggianini † (12 febbraio 1838 - 9 gennaio 1847 deceduto)
  • Luigi Ferrari † (3 luglio 1848 - 19 aprile 1851 deceduto)
  • Francesco Emilio Cugini † (18 marzo 1852 - 22 gennaio 1872 deceduto)
  • Giuseppe Maria Guidelli dei conti Guidi † (6 maggio 1872 - 24 maggio 1889 dimesso)
  • Carlo Maria Borgognini † (24 maggio 1889 - 20 agosto 1900 deceduto)
  • Natale Bruni † (17 dicembre 1900 - 14 aprile 1926 deceduto)
  • Giuseppe Antonio Ferdinando Bussolari, O.F.M.Cap. † (7 maggio 1926 - 12 dicembre 1939 deceduto)
  • Cesare Boccoleri † (28 marzo 1940 - 31 ottobre 1956 deceduto)
  • Giuseppe Amici † (23 dicembre 1956 - 7 febbraio 1976 ritirato)
  • Bruno Foresti (2 aprile 1976 - 7 aprile 1983 nominato arcivescovo, titolo personale, di Brescia)
  • Bartolomeo Santo Quadri † (31 maggio 1983 - 30 settembre 1986 nominato arcivescovo di Modena-Nonantola)

Arcivescovi di Modena-Nonantola[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2004 su una popolazione di 462.000 persone contava 455.000 battezzati, corrispondenti al 98,5% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 383.519 383.769 99,9 438 352 86 875 105 935 225
1970 404.500 405.000 99,9 419 320 99 965 132 700 238
1980 405.000 420.000 96,4 384 271 113 1.054 131 770 244
1990 420.000 430.000 97,7 333 245 88 1.261 16 100 610 246
1999 443.200 444.500 99,7 301 220 81 1.472 37 94 556 245
2000 442.500 443.800 99,7 293 219 74 1.510 38 87 561 244
2001 443.520 445.000 99,7 284 212 72 1.561 38 87 553 244
2002 455.000 458.000 99,3 275 197 78 1.654 37 91 548 243
2003 446.300 448.500 99,5 262 189 73 1.703 39 82 538 243
2004 455.000 462.000 98,5 260 184 76 1.750 42 85 538 246

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AAS 42 (1950), pp. 296-299.
  2. ^ Vescovo di Modena.
  3. ^ Vescovo di Parma.
  4. ^ Autori recenti, tra cui Lanzoni e Ricci, negano l'autenticità di questi primi due vescovi della sede modenese.
  5. ^ Un Geminiano, presente al sinodo milanese del 390, è identificato dagli autori più recenti con il patrono di Modena.
  6. ^ Menzionato da Gams e Ricci, ma escluso da Lanzoni.
  7. ^ Menzionato da Gams, con l'indicazione cronologica tempore incerto, e da Cappelletti dopo il vescovo Pietro, è posto in questa posizione da Ricci.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Per la sede di Modena[modifica | modifica wikitesto]

Per la sede di Nonantola[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi