Provincia di Udine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Provincia di Udine
provincia
Provincia di Udine – Stemma Provincia di Udine – Bandiera
Palazzo Antonini Belgrado, sede della Provincia.
Palazzo Antonini Belgrado, sede della Provincia.
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Friuli-Venezia Giulia-Stemma.png Friuli-Venezia Giulia
Amministrazione
Capoluogo Udine
Presidente Pietro Fontanini (Lega Nord) dal 14 aprile 2008-rieletto il 24 aprile 2013
Territorio
Coordinate
del capoluogo
46°04′00″N 13°14′00″E / 46.066667°N 13.233333°E46.066667; 13.233333 (Provincia di Udine)Coordinate: 46°04′00″N 13°14′00″E / 46.066667°N 13.233333°E46.066667; 13.233333 (Provincia di Udine)
Superficie 4 907,24 km²
Abitanti 537 796[1] (31-01-2014)
Densità 109,59 ab./km²
Comuni 135 comuni
Province confinanti Stato Federale della Carinzia (AT-2), Regione Statistica della Alta Carniola, (SLO) Regione Statistica del Goriziano, (SLO) Gorizia, Pordenone, Venezia, Belluno
Altre informazioni
Cod. postale 33100 (Udine), 33010-33011, 33013, 33015-33059
Prefisso 0427, 0428, 0431, 0432, 0433
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 030
Targa UD
Cartografia

Provincia di Udine – Localizzazione

Sito istituzionale

La provincia di Udine (provincie di Udin in friulano, pokrajina Videm in sloveno, provinz Weiden in tedesco, Vydänskä provinčjä in resiano[2]) è una provincia italiana della regione autonoma Friuli-Venezia Giulia di 537.796 abitanti con capoluogo Udine.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio della Provincia di Udine

La provincia di Udine è di gran lunga la più estesa e popolata delle quattro province della regione. Confina a nord con l'Austria (Carinzia), a est con la Slovenia (Alta Carniola e Litorale) e con la provincia di Gorizia, a ovest con la provincia di Pordenone e con il Veneto (provincia di Belluno e provincia di Venezia). Comprende 136 comuni che vanno dalle Alpi al mar Adriatico.

Geograficamente appartiene al Friuli che si suole suddividere nell'ambito del territorio della Provincia di Udine in Alto Friuli, con a nord ovest la piccola regione alpina della Carnia e a nord est il Tarvisiano-Canal del Ferro, Medio Friuli con al centro il capoluogo provinciale e la Bassa friulana a sud.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La provincia di Udine venne costituita, con il nome di provincia del Friuli, nel 1866, in seguito all'annessione del Veneto al Regno d'Italia dopo la terza guerra d'indipendenza. Succedeva alla provincia del Friuli esistita nel Regno Lombardo-Veneto.

La provincia era suddivisa nei 2 circondari di Udine e Pordenone.[E Tolmezzo? E Cividale?]

Nel 1923 i mandamenti di Tarvisio, Plezzo, Caporetto, Tolmino, Circhina, Idria, Aidussina, Vipacco, Canale, Gorizia, Cormons, Gradisca, Cervignano (esclusi il comune di Grado e la località di Isola Morosini) e Comeno (esclusa Aurisina e località vicine) furono aggregati alla provincia in seguito alla soppressione della provincia di Gorizia e Gradisca. Nel 1927 fu ricostituita la provincia di Gorizia con i territori che erano stati ceduti alla provincia del Friuli, esclusi i mandamenti di Tarvisio e Cervignano nonché il comune di Chiopris-Viscone, che rimasero sotto Udine.

Nel 1940 la provincia del Friuli venne rinominata con l'attuale denominazione, provincia di Udine. Costituitasi la Repubblica Italiana, nel 1968 dalla provincia di Udine si staccò tutta la parte della cosiddetta Destra Tagliamento, 51 comuni che formarono così la provincia di Pordenone.

Nel 1969 ricevette il comune di Forgaria nel Friuli dalla provincia di Pordenone[3].

Arrivando ai nostri giorni, essendo il territorio provinciale abbastanza vasto e composito, andando da territori montani al mare Adriatico, sono forti le istanze autonomiste soprattutto da parte della Carnia, che vede in Tolmezzo il suo naturale capoluogo. Pertanto nel 2004 si giunse alla proposta della creazione di una provincia regionale, in base alla nuova legislazione sugli enti locali, da sottoporre a referendum popolare consultivo svoltosi domenica 21 marzo 2004. La nuova provincia regionale avrebbe dovuto chiamarsi provincia dell'Alto Friuli, derivando dall'unione dei territori della Carnia, del Tarvisiano e del Gemonese. Per ovviare alle diatribe campanilistiche sulla sede del capoluogo, tra Tolmezzo e Gemona del Friuli, si optò per Venzone. Il referendum ebbe esito negativo, in quanto sia il Gemonese che il Tarvisiano si opposero al distacco dalla provincia di Udine con percentuali elevate (83,3% di no), a differenza della Carnia che invece votò in favore del distacco (71,8% di sì, con l'eccezione del comune di Rigolato, 53,7% no).

Il terremoto[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Terremoto del Friuli del 1976.

Nel 1976 la provincia di Udine fu devastata dai terremoti del 6 maggio e del 15 settembre, che provocarono enormi crolli e danni, soprattutto nei comuni più vicini all'epicentro. Molti crolli furono favoriti dall'età avanzata degli edifici, che erano stati risparmiati dalle devastazioni delle guerre mondiali.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica di Udine Rivolto e Stazione meteorologica di Tarvisio.

Comuni[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Armoriale dei comuni della Provincia di Udine.
Gonfalone della provincia

Appartengono alla provincia di Udine i seguenti 135 comuni:

Comuni più popolosi[modifica | modifica wikitesto]

I primi 20 comuni della provincia per numero di abitanti (dati ISTAT al 31-01-2014)

Pos. Stemma Comune di Popolazione
(ab)
Udine-Stemma.png Udine 99.561
Codroipo-Stemma.png Codroipo 16.000
Tavagnacco-Stemma.jpg Tavagnacco 14.811
Cervignano del Friuli-Stemma.png Cervignano del Friuli 13.874
Latisana-Stemma.png Latisana 13.859
Cividale del Friuli-Stemma.png Cividale del Friuli 11.405
Gemona del Friuli-Stemma.svg Gemona del Friuli 11.120
Tolmezzo-Stemma.png Tolmezzo 10.552
Pasian di Prato-Stemma.png Pasian di Prato 9.486
10° Tarcento-Stemma.png Tarcento 9.105
11° San Daniele del Friuli-Stemma.png San Daniele del Friuli 8.114
12° Campoformido-Stemma.png Campoformido 7.900
13° Tricesimo-Stemma.png Tricesimo 7.628
14° San Giorgio di Nogaro-Stemma.png San Giorgio di Nogaro 7.624
15° Martignacco-Stemma.png Martignacco 6.927
15° Pozzuolo del Friuli-Stemma.png Pozzuolo del Friuli 6.927
17° Lignano Sabbiadoro-Stemma.png Lignano Sabbiadoro 6.801
18° Buja-Stemma.png Buja 6.623
19° Manzano-Stemma.png Manzano 6.613
20° Rivignano Teor 6.383

Il comune più piccolo è Drenchia con 113 abitanti.

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lingua friulana, Lingua slovena, Lingua tedesca e Dialetto udinese.

Oltre alla lingua italiana, nella provincia di Udine la popolazione utilizza la lingua friulana (nelle varietà friulano carnico e friulano centro-orientale) nella quasi totalità dei comuni, la lingua slovena in alcuni comuni delle zone orientali, e la lingua tedesca in alcuni comuni delle zone settentrionali.

In 125 comuni su 136, vige la legge regionale 18 dicembre 2007, n. 29 "Norme per la tutela, valorizzazione e promozione della lingua friulana"[4], con la quale la Regione Friuli Venezia Giulia stabilì le denominazioni ufficiali in friulano standard e in friulano locale dei comuni in cui effettivamente si parla il friulano.

In 18 comuni su 136 (Slavia friulana e Val Canale) è riconosciuta la lingua slovena.

Il tedesco è parlato in Val Canale (dove convive con il gruppo linguistico friulano e con quello sloveno) e in due piccole "isole" linguistiche: il comune di Sauris e la frazione di Timau del comune di Paluzza. Mentre in Val Canale e a Timau si parlano dialetti di tipo carinziano, il tedesco parlato a Sauris è imparentato con le parlate tirolesi. Dal 1999 il tedesco gode di un livello minimo di tutela.

Sia la lingua slovena che le parlate germanofone sono tutelate dalla legge statale 482/99 al pari della lingua friulana. La lingua slovena è ulteriormente tutelata dalla legge 38/01.

Accanto alle lingue sopra citate, vi sono isole dialettali appartenenti alla lingua veneta: si tratta del dialetto udinese e del maranese, rientranti nei dialetti riconosciuti e tutelati dalla L.R. 17 febbraio 2010 n. 5 come "patrimonio tradizionale della comunità regionale" [5] [6].

Dialetti di tipo veneto si erano anche diffusi presso la borghesia urbana di Palmanova, ma a partire dal secondo dopoguerra sono quasi del tutto scomparsi.[senza fonte]

Gli sloveni sono spesso bilingui e trilingui (sloveno/friulano/italiano) e lo stesso si può dire per i tedeschi di Sauris e Timau (tedesco/friulano/italiano). Nella Val Canale non è raro trovare persone che possono esprimersi correttamente in quattro idiomi: tedesco, italiano, friulano e sloveno.

Natura[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

principali industrie o attività economiche caratteristiche

La provincia di Udine è ai primi posti in Italia nella classifica della qualità della vita, classificandosi nel 2006 al 13º posto (Il Sole 24 Ore).

In provincia operano 49.477 attività produttive (dati 2005), il 24,5% nel settore agricolo, il 12,5% nell’industria, il 14,5% nelle costruzioni, il 28,7% nel commercio e turismo ed il 19,7% nei servizi. La forza lavoro è pari al 64,8% dei residenti, di cui il 96,7% risulta occupata ed il 3,3% in cerca di occupazione.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

descrive le principali attrazioni turistiche, capacità ricettiva, linee ferroviarie, autostrade, linee di navigazione, porti, aeroporti

Amministrazioni[modifica | modifica wikitesto]

Bandiera della provincia

La provincia di Udine è suddivisa in 136 comuni[7], sono state altresì create le seguenti unioni di comuni:

La provincia di Udine insieme al suo capoluogo, fa parte di diritto del Consiglio delle Autonomie del Friuli-Venezia Giulia, la cui sede è a Udine.

Sul territorio provinciale operano 3 comunità montane:

Comunità montana Sedi Comuni Sito web
Comunità montana della Carnia Tolmezzo 28 [1]
Comunità montana del Gemonese, Canal del Ferro e Val Canale Pontebba, Gemona del Friuli 15 [2]
Comunità montana del Torre, Natisone e Collio San Pietro al Natisone 24 [3]

Le Città della provincia di Udine[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Città_d'Italia#Friuli-Venezia_Giulia.

I comuni della provincia di Udine che sono stati insigniti del titolo di Città da parte dello Stato Italiano o istituzioni precedenti sono:

Dal 2003 il titolo di Città viene concesso da parte della Regione Friuli-Venezia Giulia con apposita legge regionale, i comuni sono:

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bilancio demografico Anno 2011. URL consultato il 27 novembre 2011.
  2. ^ Impara il Resiano
  3. ^ Legge 10 marzo 1969, n. 81, in materia di "Distacco del comune di Forgaria nel Friuli dalla provincia di Pordenone e sua inclusione in quella di Udine."
  4. ^ Denominazioni ufficiali in Lingua Friulana, Arlef. URL consultato il 26 ottobre 2011.
  5. ^ L.R. 17 febbraio 2010 n.5.
  6. ^ L.R. 17 febbraio 2010 n.5.
  7. ^ Fino al 31-12-2008 vi erano 137 comuni; a partire dal 1-1-2009 i comuni di Campolongo al Torre e di Tapogliano si sono uniti.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]