Forni di Sopra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Forni di Sopra
comune
Forni di Sopra – Stemma Forni di Sopra – Bandiera
Forni di Sopra – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Friuli-Venezia Giulia-Stemma.png Friuli-Venezia Giulia
Provincia Provincia di Udine-Stemma.png Udine
Sindaco Fabio Colombo (lista civica) dall'8/06/2009
Territorio
Coordinate 46°25′00″N 12°35′00″E / 46.416667°N 12.583333°E46.416667; 12.583333 (Forni di Sopra)Coordinate: 46°25′00″N 12°35′00″E / 46.416667°N 12.583333°E46.416667; 12.583333 (Forni di Sopra)
Altitudine 907 m s.l.m.
Superficie 81,18 km²
Abitanti 1 071[1] (31-12-2010)
Densità 13,19 ab./km²
Frazioni Andrazza, Cella, Vico
Comuni confinanti Cimolais (PN), Claut (PN), Domegge di Cadore (BL), Lorenzago di Cadore (BL), Forni di Sotto, Sauris, Vigo di Cadore (BL)
Altre informazioni
Cod. postale 33024
Prefisso 0433
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 030041
Cod. catastale D719
Targa UD
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona F, 3 798 GG[2]
Nome abitanti fornesi
Patrono Madonna della salute
Giorno festivo 21 novembre
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Forni di Sopra
Posizione del comune di Forni di Sopra nella provincia di Udine
Posizione del comune di Forni di Sopra nella provincia di Udine
Sito istituzionale

Forni di Sopra (For Disore in friulano standard, For Disora in friulano carnico[3]) è un comune italiano di 1.070 abitanti della provincia di Udine in Friuli-Venezia Giulia. La sede comunale è nella frazione di Vico, fa parte del club dei borghi autentici d'Italia[4].

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Le dolomiti friulane di Forni di Sopra

Il paese dominato dalle Dolomiti friulane sorge a 907 m s.l.m. nell'alta Val Tagliamento, nella regione alpina della Carnia, sulla riva sinistra del fiume, è il comune più occidentale della provincia di Udine.

Gli abitati sono dominati dalle splendide vette dolomitiche dei monti Cridola (2.581 m) e Monfalconi a ovest, Pramaggiore (2.478 m) a sud-ovest e dalle cime dei monti Bivera (2.473 m), Clap Savon (2.462 m) e Clap Varmost (2.073 m) a nord-est. Parte del territorio comunale è incluso nel Parco naturale delle Dolomiti Friulane.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica di Forni di Sopra.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Di origini celtiche, il primo documento che attesta l'esistenza di Forni di Sopra è del 778 d.C. È stata per lungo tempo considerata distinta dal resto della Carnia, per la sua dipendenza dalla famiglia Savorgnan, che la ricevette, così come la vicina Forni di Sotto dai patriarchi di Aquileia. Da qui viene il nome di Forni Savorgnani usato per denominare questa parte della valle.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[5]

Lingue e dialetti[modifica | modifica sorgente]

A Forni di Sopra la popolazione utilizza il friulano carnico, una variante della lingua friulana. Nel territorio comunale vige la Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 29 "Norme per la tutela, valorizzazione e promozione della lingua friulana"[6], con la quale la Regione Friuli Venezia Giulia stabilì le denominazioni ufficiali in friulano standard e in friulano locale dei comuni in cui effettivamente si parla il friulano.

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Il comune è formato da tre frazioni:

  • Andrazza (Dondrassa), 885 m
  • Cella (Siela), 876 m
  • Vico (Vîc) 907 m, sede comunale

Economia[modifica | modifica sorgente]

L'economia del paese è basata principalmente sul turismo: oggi è una nota meta di turismo estivo ed invernale, uno dei principali poli turistici montani del Friuli-Venezia Giulia, grazie al paesaggio di rara bellezza e alle ottime piste di sci alpino (in particolare quelle situate sul versante meridionale del Varmost) e di fondo.

Forni di Sopra per la sua particolare attenzione a favorire un turismo sostenibile a mobilità dolce è inserito nel consorzio delle Perle delle Alpi.[7]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Toponomastica: denominazioni ufficiali in lingua friulana.
  4. ^ Sito borghi autentici d'Italia
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ lista ufficiale Denominazioni ufficiali in Lingua Friulana, Arlef. URL consultato il 26 ottobre 2011.
  7. ^ Sito ufficiale Perle delle Alpi

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]