Grado giorno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Per gradi giorno di una località s'intende la somma, estesa a tutti i giorni di un periodo annuale convenzionale di riscaldamento, delle sole differenze positive giornaliere tra la temperatura dell'ambiente e la temperatura media esterna giornaliera; l'unità di misura utilizzata è il grado giorno (GG).

Definizione[modifica | modifica sorgente]

La norma UNI EN ISO 15927-6:2008[1] è la versione ufficiale in lingua inglese della norma europea EN ISO 15927-6[2] (edizione settembre 2007). La norma specifica la definizione, il metodo di calcolo e il metodo di presentazione dei dati relativi alle differenze di temperatura cumulate (gradi giorno), utilizzate per stimare l'energia utilizzata per il riscaldamento degli edifici. Tali dati sono generalmente espressi in gradi ora o gradi giorno e sono spesso indicati semplicemente come "gradi ora di riscaldamento" o "gradi giorno di riscaldamento".

In termini matematici i gradi giorno si esprimono come:

GG=\sum_{e=1}^{n}(T_0-T_e)
dove

  • n: numero di giorni del periodo convenzionale di riscaldamento;
  • T_0: temperatura ambiente convenzionale;
  • T_e: temperatura media esterna giornaliera;

e

Normativa italiana[modifica | modifica sorgente]

Già dal 31 dicembre 1987 in Italia è in vigore una norma, la UNI 9019:1987,[4] che riguarda i sistemi di ripartizione delle spese di riscaldamento basati sulla contabilizzazione di unità di gradi giorno. Lo scopo della norma è anche quello di definire le modalità di prova degli apparecchi contabilizzatori, applicate ad impianti di utilizzazione muniti di regolazione automatica centralizzata della temperatura del fluido termovettore che deve essere in ogni istante proporzionale alla temperatura esterna. Il Decreto del Presidente della Repubblica del 26 agosto 1993, n. 412, accenna ad un periodo annuale convenzionale di riscaldamento e fissa convenzionalmente la temperatura ambiente a 20 °C;[5] quindi:

GG=\sum_{e=1}^{n}(20-T_e)

con T_e < 20 [°C], ad indicare la temperatura media esterna giornaliera del periodo convenzionale di riscaldamento di n giorni che inizia con i primi tre giorni consecutivi caratterizzati da una temperatura media giornaliera che non supera i 12 °C e termina con i primi tre giorni consecutivi caratterizzati da una temperatura media giornaliera uguale o superiore a 12 °C.[senza fonte]

Con questa unità di misura, dunque, relativa alle vigenti normative sul riscaldamento delle abitazioni si esprime il fabbisogno termico di una determinata area geografica. Un valore di gradi giorno basso indica un breve periodo di riscaldamento e temperature medie giornaliere prossime alla temperatura fissata per l'ambiente. Al contrario, valori di gradi giorno elevati, indicano periodi di riscaldamento prolungati e temperature medie giornaliere nettamente inferiori rispetto alla temperatura convenzionale di riferimento.

Fasce climatiche[modifica | modifica sorgente]

In funzione dei GG sono state definite le fasce climatiche del territorio italiano e i limiti massimi relativi al periodo annuale di esercizio dell'impianto termico nonché alla durata giornaliera di attivazione[6]:

Fascia Da [GG] A [GG] Ore giornaliere[7] Data inizio[7] Data fine[7] Numero comuni
A 0 600 6 1º dicembre 15 marzo 2
B 601 900 8 1º dicembre 31 marzo 157
C 901 1400 10 15 novembre 31 marzo 989
D 1401 2100 12 1º novembre 15 aprile 1611
E 2101 3000 14 15 ottobre 15 aprile 4271
F 3001 +∞ nessuna limitazione (tutto l'anno) 1071

Fra i comuni italiani, Sestriere, nel torinese, ha il valore di GG più alto con 5165 GG, mentre il comune insulare di Lampedusa e Linosa, nell'agrigentino, ha il valore di GG più basso con 568 GG (solo un altro comune appartiene alla fascia A ed è Porto Empedocle, anch'esso in Sicilia, nell'agrigentino).

Normativa straniera[modifica | modifica sorgente]

Nelle nazioni anglosassoni i gradi giorno sono chiamati "heating degree days" e le temperature di base sono fissate per gli Stati Uniti a 65 °F (18,3 °C) oppure 60 °F (15,5 °C), mentre in Gran Bretagna a 18,5 °C, 15,5 °C e 10 °C.[8]

In Svizzera viene considerato ogni singolo giorno di riscaldamento (GR) in cui la temperatura media giornaliera registrata all'esterno non supera i 12 °C, fissando, come in Italia, la temperatura interna a 20 °C. Per le case di riposo e gli ospedali si considerano temperature diverse; in particolare, i valori delle temperature medie esterne da valutare sono quelli inferiori a 14 °C, mentre internamente la temperatura convenzionale è fissata a 22 °C. Con la stessa logica, ma in diminuizione, sono stabiliti valori più bassi delle temperature di riferimento, interna ed esterna, nelle aree di stoccaggio, pari rispettivamente a 18 e 10 °C.[8]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ UNI EN ISO 15927-6:2008 (disponibile a pagamento)
  2. ^ EN ISO 15927-6 (disponibile a pagamento)
  3. ^ Il periodo convenzionale corrisponde a quello freddo e non deve cominciare dopo il 1º dicembre né terminare prima del 28 febbraio.[senza fonte]
  4. ^ UNI 9019:1987 (disponibile a pagamento)
  5. ^ Legge 26 agosto 1993, n. 412, articolo 1, in materia di "Regolamento recante norme per la progettazione, l'installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini del contenimento dei consumi di energia, in attuazione dell'art. 4, comma 4, della legge 9 gennaio 1991, n. 10". Si veda il comma 1, lettera z).
  6. ^ Ivi: art. 2, c. 1; art. 9, c. 2
  7. ^ a b c Ivi: art. 9, cc. 2, 4. Al di fuori di tali periodi gli impianti termici possono essere attivati solo in presenza di situazioni climatiche che ne giustifichino l'esercizio e comunque con una durata giornaliera non superiore alla metà di quella consentita a pieno regime. La durata di attivazione degli impianti non ubicati nella zona F deve essere comunque compresa tra le ore 5 e le ore 23 di ciascun giorno.
  8. ^ a b Cosa sono i gradi-giorno?, MeteoSvizzera. URL consultato l'11 novembre 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]