Trasaghis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trasaghis
comune
Trasaghis – Stemma
La sede del municipio
La sede del municipio
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Friuli-Venezia Giulia-Stemma.png Friuli-Venezia Giulia
Provincia Provincia di Udine-Stemma.png Udine
Amministrazione
Sindaco Augusto Picco (lista civica) dall'8/06/2009
Territorio
Coordinate 46°17′00″N 13°05′00″E / 46.283333°N 13.083333°E46.283333; 13.083333 (Trasaghis)Coordinate: 46°17′00″N 13°05′00″E / 46.283333°N 13.083333°E46.283333; 13.083333 (Trasaghis)
Altitudine 217 m s.l.m.
Superficie 77,85 km²
Abitanti 2 337[1] (31-12-2010)
Densità 30,02 ab./km²
Frazioni Alesso, Avasinis, Braulins, Oncedis, Peonis
Comuni confinanti Bordano, Cavazzo Carnico, Forgaria nel Friuli, Gemona del Friuli, Osoppo, Vito d'Asio (PN)
Altre informazioni
Cod. postale 33010
Prefisso 0432
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 030124
Cod. catastale L335
Targa UD
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Cl. climatica zona E, 2 542 GG[2]
Nome abitanti trasaghesi o trasagani
Patrono SS. Ermagora e Fortunato
Giorno festivo 12 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Trasaghis
Posizione del comune di Trasaghis nella provincia di Udine
Posizione del comune di Trasaghis nella provincia di Udine
Sito istituzionale

Trasaghis (Trasàghis in friulano standard, Trasagas in friulano centro-orientale[3]) è un comune italiano di 2.327 abitanti della provincia di Udine in Friuli-Venezia Giulia.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Trasaghis sorge a 217 m s.l.m. alla destra del fiume Tagliamento, ai piedi del monte Brancot (1.015 m). Oltre al capoluogo fanno parte del comune le frazioni di Alesso, Avasinis, Braulins, Oncedis e Peonis.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il famoso ponte di Braulins
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Terremoto del Friuli del 1976.

Il terremoto del 1976 ha mortalmente ferito il patrimonio artistico, già di per sé non troppo significativo, dei paesi del Comune di Trasaghis. Perse le chiese maggiori (spesso di recente costruzione) con affreschi di importanza locale (di Domenico Fabris, secolo XIX, in S, Michele Nuovo a Braulins, di Antonio Brolio, 1925, a Trasaghis) con altari (se ne sono conservati due, settecenteschi, a Trasaghis) e suppellettile varia, si è salvata praticamente, anche se gravemente danneggiata, la Chiesetta di S. Michele dei Pagani di Braulins, sorta probabilmente in epoca longobarda e restaurata dagli abitanti del castello di Bragolino nel secolo XIII (la piccola abside semicircolare, in pietra squadrata, presenta le caratteristiche delle costruzioni duecentesche). All'interno due affreschi: quello del catino absidale (Trinità) risale alla fine del secolo XVI ed appartiene a pittore di modesta levatura della cerchia di Giulio Urbanis; quello sulla parete orientale a fianco dell'abside, di iconografia piuttosto insolita in Friuli, rappresenta l'arcangelo Michele, nimbato, dal volto giovanile che regge la bilancia del giudizio con due anime. Pittura bizantineggiante della Fine del secolo XIII. A Peonis, dove si sta ricostruendo la parrocchiale con forme alquanto ardite (arch. Sergio Zanella di Udine), affresco devozionale in via Chianet: trittico con le figure della Madonna con Bambino adorata da S. Antonio da Padova al centro, da S. Giovanni Battista a sinistra e da S. Domenico a destra. È pittura della seconda metà del Settecento attribuita a Biagio Cestari di Osoppo. In tutto il territorio risorgono case e chiese distrutte; tra i tanti edifici, spesso non privi di qualità architettoniche e comunque in grado di offrire uno spaccato interessante dell'opera di ricostruzione in Friuli, da ricordare il Municipio (arch. Arnaldo Zuccato), la Chiesa di S. Bartolomeo ad Alesso, inaugurata nel 1988 (arch. Lorenzo Pevere), degno di nota l'affresco dell'artista magiaro Mèszaros Gyorgj realizzato nel 2000 sul soffitto della Chiesa di San Nicolò di Avasinis. Quest'ultima località, piegata dall'eccidio del 2 maggio 1945 in cui vennero trucidati oltre cinquanta civili dalle tuppe naziste in ritirata, oggi è nota per la Festa del Lampone e del Mirtillo, frutti che crescono naturalmente sulle alture retrostanti al borgo friulano. La Festa di Avasinis organizzata dalla locale Pro Loco richiama nei giorni a cavallo di ferragosto migliaia di turisti provenienti da tutta l'Europa Centrale.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al Merito Civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al Merito Civile
«In occasione di un disastroso terremoto, con grande dignità, spirito di sacrificio ed impegno civile, affrontava la difficile opera di ricostruzione del tessuto abitativo, nonché della rinascita del proprio futuro sociale, morale ed economico. Splendido esempio di valore civico e d’alto senso del dovere, meritevole dell’ammirazione e della riconoscenza della Nazione tutta.»
Medaglia d'argento al Merito Civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al Merito Civile
«Centro strategicamente importante dell'Alto Friuli partecipava generosamente alla lotta partigiana, subendo la perdita di numerosi suoi cittadini, tra cui donne bambini ed anziani inermi, e la distruzione di parte del patrimonio edilizio. La popolazione con coraggio, indomito spirito patriottico ed altissima dignità morale sopportava la dura occupazione delle truppe cosacche e le feroci e barbare rappresaglie naziste. Ammirevole esempio di spirito di sacrificio ed amor patrio.»
— Trasaghis (UD), 1944-1945

Società[modifica | modifica wikitesto]

Monumento per Bottecchia al Tagliamento

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Trasaghis ed in particolare la sua ridente frazione Avasinis, sono noti per la Festa del Lampone e del Mirtillo organizzata ogni anno dalla locale Pro Loco presieduta da Giovanni Rodaro. I preziosi frutti di bosco che crescono selvatici lungo le irte e i falsopiani che circondano il paese di Avasinis vengono raccolti nelle albe d'estate dalle donne del paese che trasformano i lamponi e i mirtilli in confetture, grappe, sciroppi ed elisir conosciuti ed apprezzati già nel XIX secolo.


Ad Alesso invece, da qualche anno, l'amministrazione Comunale, organizza la sera del 14 agosto, uno spettacolare show di fuochi d'artificio sulle sponde del Lago (Lago dei Tre Comuni, detto anche Lago di Cavazzo). Uno spettacolo che con il passare degli anni, non solo è diventato un appuntamento quasi irrinunciabile per tantissima gente che arriva da ogni parte del Friuli e non solo, ma che per coreografia e durata, è forse uno dei più belli in assoluto di tutta la Regione.

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

A Trasaghis, accanto alla lingua italiana, la popolazione utilizza il friulano centro-orientale, una variante della lingua friulana. Nel territorio comunale vige la Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 29 "Norme per la tutela, valorizzazione e promozione della lingua friulana"[5], con la quale la Regione Friuli Venezia Giulia stabilì le denominazioni ufficiali in friulano standard e in friulano locale dei comuni in cui effettivamente si parla il friulano.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Toponomastica: denominazioni ufficiali in lingua friulana
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ lista ufficiale Denominazioni ufficiali in Lingua Friulana, Arlef. URL consultato il 26 ottobre 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]