Grimacco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Grimacco
comune
Grimacco – Stemma Grimacco – Bandiera
La frazione di Topolò
La frazione di Topolò
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Friuli-Venezia Giulia-Stemma.png Friuli-Venezia Giulia
Provincia Provincia di Udine-Stemma.png Udine
Amministrazione
Sindaco Eliana Fabello (Lista civica "Per Grimacco") dal 25/05/2014[1]
Territorio
Coordinate 46°09′25″N 13°35′39″E / 46.156944°N 13.594167°E46.156944; 13.594167 (Grimacco)Coordinate: 46°09′25″N 13°35′39″E / 46.156944°N 13.594167°E46.156944; 13.594167 (Grimacco)
Altitudine 248 m s.l.m.
Superficie 16,38 km²
Abitanti 363[2] (31-12-2013)
Densità 22,16 ab./km²
Frazioni vedi elenco
Comuni confinanti Canale d'Isonzo (SLO), Caporetto (SLO), Drenchia, San Leonardo, Savogna, Stregna
Altre informazioni
Cod. postale 33040
Prefisso 0432
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 030045
Cod. catastale E179
Targa UD
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona E, 2 788 GG[3]
Nome abitanti grimacesi (garmičianj o rečanji in dialetto sloveno)
Patrono san Valentino
Giorno festivo 14 febbraio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Grimacco
Posizione del comune di Grimacco nella provincia di Udine
Posizione del comune di Grimacco nella provincia di Udine
Sito istituzionale

Grimacco (Garmak in dialetto sloveno[4][5], Grimàc in friulano[6]) è un comune italiano di 363 abitanti della provincia di Udine in Friuli-Venezia Giulia. La frazione Clodig ospita la sede comunale[7].

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Valli del Natisone.
La cascata del Cosizza a Liessa/Liesa con la statua della Madonnina[8][9]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il comune, facente parte del comprensorio della Comunità Montana del Torre, Natisone e Collio, si apre sui due versanti della valle Cosizza a 33,1 chilometri dal capoluogo di provincia[10]. La sua superficie è di 16,38 km²[11] e la sua altitudine varia dai 198 m s.l.m. di Cosizza ai 987 m s.l.m. del monte San Martino[12].

Orografia[modifica | modifica wikitesto]

Le maggior parte delle alture del comune sono rappresentate dai contrafforti meridionali del monte Colovrat. Tra questi sono da segnalare lo Škarje (956 m s.l.m.) ed il Gune (767 m s.l.m.) situati a nord di Topolò, il Nad Dolino (956 m s.l.m.) ubicato sopra Grimacco, il Kuk ed il San Mattia situati nei pressi di Costne ed il Merišča ubicato nelle vicinanze di Sverinaz[12].
Il punto più elevato del territorio comunale è il Monte San Martino, alto 987 metri, che ha preso il nome dalla chiesetta ivi costruita, sacello romanico le cui origini sono già documentate nel 1299. Il monte si trova in posizione strategica a poca distanza dal passo per Luico e fu utilizzato probabilmente come luogo di vedetta e di avvistamento nel sistema difensivo locale sin da tempi remoti[13].
I monti sopra menzionati sono attraversati dai seguenti sentieri contraddistinti da segnavia:

  • Sentiero Italia nº 745 che unisce Topolò con il comune di Savogna;
  • Sentiero Italia nº 746 che collega Topolò con il comune di Drenchia e percorre le cime del Colovrat sino al passo Solarie ed all'abitato di Clabuzzaro;
  • il sentiero che dal passo Prievalo conduce alla cima del monte San Martino e prosegue verso il Sentiero Italia n° 745[12].

Due sono i passi che collegano la vallata su cui insiste il comune con quelle limitrofe, e precisamente il passo del Prievalo (663 m s.l.m.) che porta verso il comune di Savogna ed il passo di Brieza che conduce verso l'abitato di Luico (Slovenia) e la valle dell'Isonzo[12].

Idrologia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale è attraversato dal torrente Rieca che nasce dal monte Colovrat, in comune di Drenchia, e prosegue nel comune di San Leonardo con il nome di Cosizza. È bagnato inoltre dai torrentelli che scendono dai monti di San Martino, Colovrat e Santa Maria Maddalena (Codariana, Za Velin Čelan, Za Hošnjak) e dei numerosi ruscelli che prendono origine dalle sorgenti che sgorgano dai fianchi delle alture presenti (Potok Ozimjak, Biela Uoda, Za Traunim, Malnan, Kobijak, Starmarčak ecc.)[12].
Le specie ittiche presenti nelle acque sono la trota fario, il barbo comune, il cavedano ed il gambero di fiume.
In particolare, nel tratto del torrente Rieca che attraversa l'abitato di Clodig, è stata rilevata la presenza delle seguenti specie[14]:

Nome comune Nome scientifico Famiglia % presenze a Clodig
barbo barbus plebejus cyprinidae 1%
trota fario salmo trutta trutta salmonidae 99%

La pesca nei torrenti è soggetta a particolari restrizioni e divieti stabiliti dalla Regione Friuli Venezia Giulia [15][16][17].
Le acque fanno parte del bacino montano del fiume Natisone e del bacino imbrifero del fiume Isonzo[18].

Geodesia e sismologia storica[modifica | modifica wikitesto]

Le mappe geologiche delle Prealpi Giulie fanno risalire le asperità del comune all'epoca dell'eocene[13].
Il complesso sedimentario del territorio comunale è identificato come "Flysch di Clodig"[19][20] (Maastrichtiano inferiore)[21].
Le grotte e le cavità presenti non sono così numerose ed estese come quelle delle vicine vallate del Natisone e dell'Alberone.
Il catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia indica la presenza di 24 grotte e pozzi[22][23]:

Nr. catasto regionale Nr. catasto locale Nome principale
1473 606/FR Caverna di Seuza [24]
1474 607/FR Antro di Topolò [25]
1595 618/FR Risorgiva di Grimacco [26]
2026 873/FR Grotta della roncola [27]
2544 1205/FR Pozzo Giulietta [28]
2821 1383/FR Pozzo a W di Trusgne [29]
3002 1492/FR Grotta 2° di Trusgne [30]
3003 1493/FR Grotta 3° di Trusgne [31]
3441 1829/FR Grotta a W di Monte S. Martino [32]
3443 1831/FR Pozzo dell'acqua [33]
3446 1834/FR Passo a W del Nagunag [34]
3447 1835/FR Grotta a N di Topolò [35]
4021 2243/FR Grotta di Brida [36]
4540 2542/FR Pozzo 1° ad E di Topolò [37]
4592 2593/FR Grotta BR1 [38]
4593 2594/FR Grotta BR2 [39]
4594 2595/FR Grotta BR3 [40]
4595 2596/FR Grotta BR4 [41]
4596 2597/FR Pozzo BR5 [42]
4598 2599/FR Grotta GR1 [43]
5120 2849/FR Grotta Top2 [44]
5330 2967/FR Grotta ad E di Grimacco Superiore [45]
6563 3825/FR Risorgiva Crasso [46]
7641 4627/FR Foiba del monte San Martino [47]

Secondo la classificazione sismica, il comune appartiene alla zona 2 (sismicità medio-alta)[48][49][50].

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione climatica del comune: E, 2.788 gradi giorno[51]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini del nome

L'origine del toponimo Grimacco si può far risalire al vocabolo sloveno grm (cespuglio) che, con il suffisso ak assume il significato di "cespuglieto" e fa riferimento al gran numero di macchie di avellana che ricoprono le pendici del monte su cui il paese è arroccato. Venne nominato nell'anno 1379 (homines de Gremach) e nel 1445 (per la villa de Grimaç)[52]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia del Friuli.

Nel territorio non si hanno chiare evidenze di insediamenti abitativi stabili di epoca preistorica. Non essendo state eseguite campagne di scavi archeologici nella zona, i pochi reperti rinvenuti sono dovuti a ritrovamenti occasionali[53]. Tra questi è da ricordare un'ascia ad alette della tarda età del bronzo rinvenuta presso l'abitato di Clodig[54].
Sul monte San Martino è stato scoperto, nel 1998, un ripostiglio di nove attrezzi di ferro di epoca tardoantica, acquisiti dal Museo Archeologico Nazionale di Cividale del Friuli[53].
Reperti di epoca romana sono stati ritrovati presso la chiesetta di san Mattia e precisamente un bronzetto di Ercole del III/II secolo a.C.[55], un denario della gens Antestia (174 a.C.) e tre monete di epoca tardoromana[56]. Presso l'abitato di Costne è stata inoltre rinvenuta una moneta celtica d'argento databile la metà del I secolo a.C.[57].
Nel secolo VII popolazioni slave entrarono in Italia, al seguito degli Avari, ed occuparono e colonizzarono le Valli del Natisone[58]. Ebbero diversi scontri, con alterne fortune contro i Longobardi, che dopo il 568 avevano occupato quasi tutta la penisola. Presso Broxa, che alcuni identificano con Brischis ed altri con Ponte San Quirino (Broxas dicitur, non longe a Foroiuli....ad ponte Natisonis fluminis), avvenne, nel 670, la battaglia tra il duca Vettari e le milizie slave narrata dallo storico Paolo Diacono nella sua Historia Langobardorum[13][59]. Le azioni bellicose terminarono dopo la stipula di un trattato che definiva i confini tra le due comunità e lasciava le terre della zona collinosa alle popolazioni slave[13].
Successivamente l'area del Comune di Grimacco, dal Patriarcato di Aquileia sino alla caduta della Repubblica di Venezia, fece parte (con le contrade di Grimacco e Costne) della Banca di Merso che, con la corrispondente Banca di Antro, costituiva l'organizzazione che gestiva in modo autonomo l'amministrazione e la giustizia nell'area della Slavia veneta. Tali privilegi vennero concessi come riconoscenza dell'azione di controllo e difesa dei confini nord-orientali del Friuli svolta dalle milizie locali all'uopo costituite.[60]. La banca di Merso riuniva i propri eletti, per il disbrigo degli affari amministrativi e giudiziari di prima istanza della popolazione delle valli del Cosizza e dell'Erbezzo intorno alla lastra di pietra posta sotto i tigli che crescevano nei pressi della chiesa di san Antonio Abate di Merso di Sopra. Le due banche di Antro e di Merso formavano, insieme, il Grande Arengo che si riuniva, ordinariamente, una volta all'anno nei pressi della chiesetta di San Quirino e trattava gli interessi generali di tutta la Slavia veneta.
In seguito, l'arrivo delle truppe di Napoleone e la conseguente imposizione del sistema amministrativo francese, portò alla soppressione di ogni forma di autonomia locale ed alla suddivisione del territorio in "Comuni" previa abolizione delle 36 "Vicinie" esistenti. In particolare, nelle Valli del Natisone furono istituiti gli otto comuni di San Pietro, San Leonardo, Savogna, Stregna, Drenchia, Grimacco, Rodda e Tarcetta. Questi ultimi due nel 1928 si fusero per formare il comune di Pulfero. Nel 1797, con il Trattato di Campoformio, la Slavia veneta venne assegnata in amministrazione all'Austria; successivamente, dopo la pace di Presburgo passò, per un breve periodo, al Regno d'Italia napoleonico. Nel 1815, dopo la stipula della convenzione di Schiarino Rizzino tornò all'Austria come parte integrante del Regno Lombardo Veneto. Nel 1848, sulla scia delle sollevazioni popolari che stavano scuotendo l'Europa, anche nella Slavia Veneta si formarono dei gruppi di resistenza che cercarono di ostacolare l'esercito austriaco[13]. Un cippo a ricordo dell'opera di resistenza avvenuta in quel periodo è visibile presso la cima del monte San Martino. Infine nel 1866, a seguito della terza guerra d'indipendenza, dopo la pace di Vienna ed un referendum popolare, si staccò dai domini absburgici per passare sotto il Regno d'Italia sabaudo.
Il territorio del Comune di Grimacco tornò ad interessare la storia per le vicende legate alla prima guerra mondiale. Sulle cime delle montagne della zona passavano infatti le linee arretrate dello schieramento difensivo approntato dalla 2ª Armata a protezione della pianura friulana in caso di ripiegamento delle linee combattenti. Nelle vicinanze del paese di Sverinaz era ubicato l'accampamento della 470ª Compagnia Mitragliatrici dove prestò servizio lo scrittore Carlo Emilio Gadda, allora tenente di complemento dell'Arma di Fanteria.[61] Il 24 ottobre 1917 i paesi del Comune furono sconvolti dai tragici avvenimenti della battaglia di Caporetto che tanti lutti e danni provocarono in tutto il territorio delle Valli del Natisone ad opera dell'esercito austro-ungarico[62].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architettura sacra[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di Santa Maria del Buon Consiglio a Liessa

Nel Comune di Grimacco sono presenti due chiese: una ubicata nel fondovalle a Liessa e l'altra eretta in altura presso il paese di Topolò[63].
La più importante è quella di Liessa, che è dedicata a santa Maria del Buon Consiglio; fu costruita nel 1830 al posto di una preesitente, di minori dimensioni, edificata nel 1687[64]. Ha, sulla facciata, un pregevole mosaico raffigurante santa Barbara (dono degli emigranti del Comune) ed un possente portale in bronzo realizzato nel 1995 dallo scultore Giorgio Benedetti. All'interno sono visibili le vetrate colorate realizzate dal maestro Kregar ed un organo a 27 canne costruito nel 1841 da Valentino Zanini [65]; il soffitto della navata è occupato da un affresco, del fine ottocento, raffigurante la Madonna contornata da una schiera di angeli.
La seconda, dedicata a san Michele, fu costruita sulla cima del paese di Topolò nel 1847 dalla popolazione locale, utilizzando materiale reperito sul posto e senza alcun contributo civile o ecclesiastico[66]. La facciata è adornata da un mosaico raffigurante san Cristoforo[67]. All'interno della chiesa sono stati costruiti tre altari: il maggiore è consacrato a san Michele mentre i due laterali sono dedicati, rispettivamente, a san Giuseppe ed alla santa Vergine. Sempre all'interno dell'edificio, sulla parete di sinistra, è stata realizzata nel 2006, dallo scultore Isidoro Dal Col, una grande pala in terracotta raffigurante la Natività.
Sul territorio esistono anche due chiesette votive, costruite sulla sommità di due alture, presso le quali si svolgono le caratteristiche sagre paesane della Slavia veneta.
La prima, dedicata a san Martino, è ubicata sulla cima dell'omonimo monte e fu costruita, in stile romanico, nel XIII secolo; venne citata per la prima volta in un documento del 1299 e fu consacrata nel 1485[13][68]. La seconda, dedicata a san Mattia apostolo, fu costruita nei pressi del paese di Costne nel XIV secolo e venne ristrutturata dopo i terremoti che colpirono la regione negli anni 1511 e 1513. L'attuale trifora campanaria è stata realizzata in tempi più recenti.[69][70].

Architettura rurale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Essiccatoio per foraggio.

Nei pressi dei paesi di Topolò, Seuza, Brida Superiore ed Inferiore, Canalaz e Plataz si possono ammirare numerosi esempi di vecchie costruzioni localmente chiamate kozolec. Sono strutture in pietra e legno tipiche dell'architettura rurale dell'area etnica slovena, adibite ad essiccatoi dei prodotti agricoli come funzione principale, ed a deposito delle attrezzature agricole come mansione secondaria[71][72].
Tra la fine del XIX secolo e la prima metà del XX, sul territorio comunale erano in funzione undici mulini costruiti in prossimità dei numerosi corsi d'acqua esistenti. Oggigiorno di tutti questi impianti rimangono visibili solo parti delle murature e tracce dei sistemi di convogliamento delle acque. Fa eccezione il mulino di Seuza che, edificato verso la metà del XVIII secolo e rimasto in attività fino agli anni 60 del XX, è stato recentemente ristrutturato nelle parti in muratura e nei manufatti per la canalizzazione delle acque [73].

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Museo etnografico[modifica | modifica wikitesto]

Nel capoluogo di Clodig è operante il museo etnografico Mario Ruttar che espone una raccolta di attrezzi e manufatti utilizzati, nei secoli scorsi, dalla popolazione locale per le attività rurali e domestiche quotidiane[74][75] [76].

Museo caseario[modifica | modifica wikitesto]

Il museo caseario trova sede nel fabbricato dell'ex latteria sociale della frazione di Plataz. È stato allestito utilizzando i materiali e gli attrezzi impiegati negli ultimi anni di funzionamento dell'opificio, affiancati dalla documentazione che ne spiega il funzionamento[77].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[78]

Nel secondo dopoguerra la popolazione si è ridotta di oltre tre quarti, particolarmente in quelle frazioni poste al di sopra dei 400 metri di altitudine. Gli attuali residenti sono circa il 23 % di quelli rilevati nel 1961.

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Diffusione dello sloveno in Italia.
Segnalazione stradale bilingue a Grimacco - I nomi sloveni sono scritti nel dialetto locale.

Il censimento del 1971 riscontrava che il 77,2% della popolazione del comune si dichiarava appartenente alla minoranza linguistica slovena.
Nel comune, accanto alla lingua italiana, è ufficialmente tutelata la lingua slovena[4]. In armonia a quanto stabilito dalle legge 38/2011 Norme a tutela della minoranza linguistica slovena della regione Friuli Venezia Giulia[79], nelle insegne pubbliche e nella toponomastica viene utilizzata la formulazione bilingue [80].
Il comune invece non rientra fra quelli in cui vige la Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 29 "Norme per la tutela, valorizzazione e promozione della lingua friulana"[81], con la quale la Regione Friuli Venezia Giulia stabilì le denominazioni ufficiali in friulano standard e in friulano locale dei comuni in cui effettivamente si parla il friulano.

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Arcidiocesi di Udine.

La maggior parte della popolazione comunale, come per il resto dell'Italia, appartiene alla chiesa cattolica.
Nel comune ha sede la parrocchia di Santa Maria del Buon Consiglio di Liessa, afferente alla forania di San Pietro al Natisone dell'arcidiocesi di Udine. Il parroco esercita le sue funzioni anche presso le chiese di san Michele a Topolò e di sant'Egidio a Cosizza.[82].

Associazioni[modifica | modifica wikitesto]

Sul territorio comunale sono presenti le seguenti associazioni[83]:

  • Pro Loco Grimacco: dedita all'organizzazione di manifestazioni sportive e incontri a carattere culturale;
  • Pro Loco Grmak: si occupa di allestire manifestazioni sportive e organizzare le locali sagre paesane (san Giacomo e san Martino);
  • Circolo Culturale Rečan: dedito all'attività culturale quale organizzazione di concerti, manifestazioni poetiche ed eventi per il mantenimento delle tradizioni locali; organizza inoltre il festival della canzone slovena delle Valli del Natisone chiamato Senjam beneške piesmi [84];
  • Circolo Culturale Jacopo Stellini, organizza attività culturali e cura la conservazione del museo antropologico Mario Ruttar;
  • Associazione Topolò-Topoluave, associazione socio-culturale che, tra l'altro, cura l'allestimento della manifestazione Stazione di Topolò-Postaja Topolove;
  • squadra Volontari della Protezione civile;
  • Associazione Nazionale Alpini.

Eventi, tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

  • febbraio, giorno delle ceneri, a Clodig festa con il funerale del carnevale[85].
  • giugno, a cura del Circolo Culturale Rečan: U nebu luna plava (Nuota la luna nel cielo), serata di poesie recitate nella propria lingua (dialetto sloveno, friulano, sloveno letterario)[86].
  • 23 giugno, Kries Svetega Ivana a Costne, in località Luze, festa del solstizio d'estate con accensione del falò di San Giovanni[87][88].
  • luglio, Stazione di Topolò-Postaja Topolove - a Topolò due settimane di incontri tra manifestazioni e mostre di opere d'arte di artisti internazionali[89][88].
  • luglio/agosto, Al di là della linea immaginaria, passeggiata tranfrontaliera tra Topolò e Luico (Slovenia)[88].
  • settembre, nella terza settimana, sagra di San Martino Kvatarinca, festa presso la chiesetta sulla cima dell'omonimo monte con funzione religiosa e pic-nic sui prati circostanti[88].
  • settembre, nell'ultima settimana, a Costne, sagra di San Matteo, festa campestre presso la chiesetta di San Mattia con canti e intrattenimenti[88].
  • ottobre, Kulturna jesen (Autunno culturale), rappresentazioni teatrali, concerti, passeggiate nei boschi per vecchi sentieri con castagnata finale[90].
  • novembre, a Liessa a cura del Circolo Culturale Rečan, Senjam beneške piesmi (Festival della canzone slovena nelle Valli del Natisone), manifestazione con canzoni inedite di autori della Benečija (Slavia veneta) con testo in dialetto sloveno locale[88].
  • 15-23 dicembre, Devetica Božinčna (Novena di Natale), rito tradizionale sloveno con preghiere nelle case dei paesi, canti e processioni notturne con l'immagine della Madonna[91][88].

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la chiusura delle tre scuole elementari e dell'asilo che operavano sul territorio verso gli anni '50 del secolo scorso, attualmente nessuna scuola risulta presente nel comune[92].
Gli istituti di istruzione più vicini alla sede municipale sono:

  • a San Leonardo la scuola dell'infanzia (scuola materna), la scuola primaria (scuola elementare) e la scuola secondaria di primo grado (scuola media)[93][94];
  • a San Pietro al Natisone, oltre alla tipologia di scuole sopra indicata, anche l'Istituto regionale sloveno per l'istruzione professionale (IRSIP), il liceo psicopedagogico e linguistico, e l'Istituto comprensivo bilingue (Italiano - Sloveno) con scuola dell'infanzia, scuola primaria e scuola secondaria di 1º grado[95][96][97].

Persone nate a Grimacco[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Clodig (Clodig 1828 - Udine 1898) presidente dell'Accademia di Udine, consigliere provinciale, membro del consiglio sanitario provinciale ed autore di diverse pubblicazioni a carattere scientifico e meteorologico[98][99];
  • Anton Klodič Sabladoski (Clodig 1836 - Trieste 1914) letterato, docente in diverse località dell'Impero austroungarico, ispettore regionale scolastico, gli fu conferito il titolo di Consigliere di corte e l'insegna dell'ordine della corona di ferro di III classe[100][101][102];
  • Rinaldo Luszach (Costne 1910 - Cividale 1978) musicista e poeta dialettale, autore della raccolta poetica Narava an ljudje - moja ljubezan[103][104].
  • Pietro Fanna (Clodig 1958) calciatore che ha giocato nella Nazionale italiana ed ha militato nelle squadre di serie A di Atalanta, Juventus, Hellas Verona ed Inter[105].

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cucina friulana e Prodotti agroalimentari tradizionali friulani e giuliani.
Frico con le patate

Nel capoluogo di Clodig sono ubicati due ristoranti, che propongono piatti tipici locali, uno dei quali è apprezzato anche fuori dall'ambito regionale[106][107][108].
Fra i piatti caratteristici di Grimacco vi sono:

  • la Gubana: un tipico dolce delle valli del Natisone, a base di pasta dolce lievitata con un ripieno di noci, uvetta, pinoli, zucchero, liquore, scorza grattugiata di limone, dalla forma a chiocciola e cotto al forno[109];
  • gli Strucchi: dolci fatti con sfoglia di farina ripiena di un composto di uvetta, pinoli, noci, zucchero e burro. Si presentano nella versione fritta o lessa[110][111];
  • il Frico: un piatto a base di formaggio, considerato la preparazione culinaria più tipica del Friuli. Si presenta in due versioni: friabile o morbido[112];
  • la Brovada: un piatto a base di rape usato per accompagnare arrosti o carni bollite[113];
  • il Musetto: insaccato di carne mista di suino, cucinato soprattutto nella stagione invernale, e servito con il contorno di brovada[114];
  • il salame friulano: insaccato di un trito di carne scelta di suino, lardo e spezie[115];
  • il formaggio Montasio[116];
  • il formaggio Latteria del Friuli[117][118][119]
  • le štakanjie, passato di patate e tegoline condito con un soffritto di olio, aglio e pancetta di maiale e con aceto[120];
  • le šnite, un dolce povero fatto da fette di pane raffermo bagnate nel latte e nell'uovo, fritte nell'olio o strutto e ricoperte di zucchero[121].

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Il capoluogo del comune è l'abitato di Clodig che ospita, nell'edificio comunale, una sala polifunzionale utilizzata per le attività pubbliche e per gli eventi di natura culturale.
Su un alto costone è abbarbicata la frazione di Topolò un tempo il centro più popoloso del comune (264 abitanti nel 1961, oggi soltanto 33) che dal 1994 è sede della rassegna d'arte Stazione di Topolò.
L'abitato di Liessa ospita la ottocentesca chiesa parrocchiale di S. Maria del Buon Consiglio ed è sede del Senjam beneške piesmi, festival della canzone popolare slovena, che ha luogo durante il mese di novembre.

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Arbida/Arbida, Brida Inferiore/Dolenje Bardo, Brida Superiore/Gorenje Bardo, Canalaz/Kanalac, Clodig/Hlodič, Costne/Hostne, Dolina/Vodopivac, Grimacco Inferiore/Mali Garmak, Grimacco Superiore/Veliki Garmak, Liessa/Liesa, Lombai/Lombaj, Plataz/Platac, Podlach/Podlak, Rucchin/Zaločilo, Scale/Skale, Seuza/Seucè, Slapovicco/Slapovik, Sverinaz/Zverinac, Topolò/Topolove, Ville di Mezzo (o Case Fanfani).
La frazione di Scale è ubicata sul territorio del comune di Drenchia ma, amministrativamente, dipende dal comune di Grimacco; analogamente la frazione di Malinsche/Malinske, situata sul comune di Grimacco, è amministrata dal comune di Drenchia[122].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il fondovalle del comune è percorso dalla Strada Provinciale 45 Italia.svg strada provinciale nº45 "della Val Cosizza"[123] che collega Azzida, nel comune di San Pietro al Natisone, con Cras, nel comune di Drenchia.
Il resto del territorio è attraversato dalle strade comunali che uniscono la varie frazioni con la provinciale[12]:

  • strada Clodig-Costne-Podlach;
  • strada Coldig-Seuza-Topolò;
  • strada Liessa-Grimacco Inferiore-Grimacco Superiore;
  • strada Clodig-Sverinaz-Cras;
  • strada Clodig-Brida-Plataz-Canalaz;
  • strada per Arbida.

Il mezzo di trasporto più usato è l'automobile, grazie anche al prezzo scontato della benzina per gli abitanti locali.
Il servizio di trasporto pubblico è svolto dagli autobus della società SAF Autoservizi F.V.G. S.p.A. che collegano Cividale con Cras con sei corse giornaliere[124]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ferrovia Udine-Cividale.

La ferrovia più vicina al Comune è quella che collega Cividale del Friuli con il capoluogo di Udine, gestita dalla società, a capitale interamente regionale, Ferrovie Udine Cividale s.r.l.[125].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Elenco degli amministratori succedutisi dal 1871 ad oggi: [126]

Regno d'Italia e Ventennio[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1871 1872 Giuseppe Craghil - - -
1873 1879 Stefano Chiabai - - -
1879 1885 Giuseppe Craghil - - -
1885 1887 Antonio Marinig - - -
1888 1892 Stefano Chiabai - - -
1893 1895 Giuseppe Gus - - -
1896 1902 Stefano Chiabai - - -
1903 1905 Pietro Primosig fu Giovanni - - -
1906 1911 Matteo Trusgnach - - -
1912 1913 Antonio Sdraulig di Giovanni - - -
1914 1920 Giovanni Vogrig fu Giovanni - - -
1921 1925 Giovanni Gariup fa Matteo - - -
1925 1928 Matteo Trusgnach fu Giuseppe - - -
1929 1933 Giovanni Vogrig - - -
1934 1935 Antonio Crucil - - -
1935 1940 Giovanni Rucchin - - -
1941 1945 Filippo Canalaz - - -

Repubblica Italiana (1945 - oggi)[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1945 1960 Antonio Pauletig - Sindaco -
1960 1965 Giuseppe Clodig - Sindaco -
1965 1975 Lucio Zufferli - Sindaco -
1975 1990 Fabio Bonini Partito Comunista Italiano Sindaco -
1990 1994 Elio Chiabai Democrazia Cristiana Sindaco -
1994 2009 Lucio Paolo Canalaz Lista civica Sindaco -
2009 in carica Eliana Fabello Lista civica Sindaco -

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Cartoline d'annata (fine Ottocento-inizi Novecento)[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ELEZIONI COMUNALI - Comune di Grimacco.
  2. ^ [1] - Popolazione residente al 31 dicembre 2013.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ a b DPR 12/09/2007 - Comuni slovenofoni del Friuli-Venezia.
  5. ^ AA. VV. Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, 1996, GARZANTI, Milano, ISBN 88-02-04384-1
  6. ^ Dizionario toponomastico fiul.net. URL consultato il 30 novembre 2011.
  7. ^ Grimacco. URL consultato il 15 ottobre 2012.
  8. ^ La madonnina di Liessa (da www.lintver.it). URL consultato il 24 gennaio 2012.
  9. ^ La madonnina di Liessa. URL consultato il 15 ottobre 2012.
  10. ^ Google Earth - Itinerari
  11. ^ Grimacco. URL consultato il 17 marzo 2012.
  12. ^ a b c d e f Carta topografica per escursionisti 1:25.000 "Valli del Natisone - Cividale del Friuli" foglio 041, Tabacco editore
  13. ^ a b c d e f Olinto Marinelli, Guida delle Prealpi Giulie, Società Alpina Friulana, Udine, 1912
  14. ^ Bacino del fiume Isonzo - Clodig. URL consultato il 19 dicembre 2012.
  15. ^ Calendari pesca sportiva nelle acque interne del Friuli Venezia Giulia. URL consultato il 29 aprile 2012.
  16. ^ Regolamenti della pesca nelle Valli del Natisone. URL consultato il 29 aprile 2012.
  17. ^ Ente Tutela Pesca del Friuli Venezia Giulia - Fiume Cosizza. URL consultato il 29 aprile 2012.
  18. ^ Ente Tutela Pesca del Friuli Venezia Giulia - Clodig. URL consultato il 6 maggio 2012.
  19. ^ Geositi del Friuli Venezia Giulia. URL consultato il 6 aprile 2012.
  20. ^ Società Geologica Italiana, Alpi e Prealpi Carniche e Giulie - Friuli Venezia Giulia - Guide geologiche regionali, BE-MA editrice, Milano
  21. ^ > AA. VV., Valli del Natisone Nediške Doline - Ambiente, Cultura popolare, Arte, Tradizioni popolari, Lingua, Storia, San Pietro al Natisone, Cooperativa Lipa editrice, 2000, p. 28.
  22. ^ Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia. URL consultato l'11 marzo 2012.
  23. ^ Catasto delle grotte della Commissione E. Beogan - Società Alpina delle Giulie CAI Trieste. URL consultato l'11 marzo 2012.
  24. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione della Caverna di Seuza. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  25. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione dell'Antro do Topolò. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  26. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione della Risorgiva di Grimacco. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  27. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione della Grotta della Roncola. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  28. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione del Pozzo Giulietta. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  29. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione del Pozzo a W di Trusgne. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  30. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione della Grotta 2° di Trusgne. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  31. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione della Grotta 3° di Trusgne. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  32. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione della Grotta a W di Monte S. Martino. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  33. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione del Pozzo dell'acqua. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  34. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione delPozzo a W del Nagunag. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  35. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione della Grotta a N di Topolò. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  36. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione della Grotta di Brida. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  37. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione del Pozzo 1° ad E di Topolò. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  38. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione della Grotta BR1. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  39. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione della Grotta BR2. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  40. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione della Grotta BR3. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  41. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione della Grotta BR4. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  42. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione del Pozzo BR5. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  43. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione della Grotta GR1. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  44. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione della Grotta Top2. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  45. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione della Grotta ad E di Grimacco Superiore. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  46. ^ Catasto delle grotte della Commissione E: Beogan - Descrizione della Risorgiva Crasso. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  47. ^ Foiba del monte San Martino. URL consultato il 1º giugno 2013.
  48. ^ Tuttitalia-Zona sismica Grimacco. URL consultato l'11 marzo 2012.
  49. ^ Classificazione sismica indicata nell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri nº3274/03, aggiornata con la Deliberazione della Giunta Regionale del Friuli Venezia Giulia n. 845 del 6 maggio 2010 (BUR n. 20 del 19 maggio 2010)
  50. ^ Evoluzione cenozoica della pianura friulana e delle Prealpi carniche e giulie - Cap.6: Sismicità storica e strumentale della Regione friulana. URL consultato il 23 dicembre 2012.
  51. ^ Grimacco - classificazionesismica e climatica. URL consultato il 10 marzo 2014.
  52. ^ AA. VV., Dizionario di toponimastica-Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET editore, 1990, p. 457.
  53. ^ a b AA.VV., Nediške Doline - Valli del Natisone, Cooperativa Lipa Editrice, San Pietro al Natisone, 2000
  54. ^ Franco Anelli, Bronzi romani del cividalese, Atti Accademia Scienza Letteratura Arti Udine, 1954-1957
  55. ^ Vanna Vedaldi Iasbez, La Venetia orientale e l'Histria, Studi e ricerche sulla Gallia Cisalpina, Roma, 1994
  56. ^ Mario Brozzi, La Valle del Natisone e le convalli, Memorie storiche Forogiuliesi, 1982
  57. ^ Silvia Pettarin, Rinvenimenti di monete celtiche a Moggio Udinese, Aquileia nostra, 1991
  58. ^ Guida d'Italia del Touring Club Italiano (collana "Guide rosse"), Friuli Venezia Giulia, editrice Touring, Milano 1982
  59. ^ Paolo Diacono, Historia Langobardorum, libro V capitolo 23
  60. ^ Carlo Podrecca, La Slavia italiana, Fulvio Giovanni editore in Cividale, 1884
  61. ^ Carlo Emilio Gadda, Giornale di guerra e di prigionia, Garzanti editore, Cernusco sul Naviglio, 2002
  62. ^ Giovanni Zulian, Il mio quinquennio 1914-1918, I.T.E. editrice, Venezia, 1970 (Google libri)
  63. ^ Grimacco-Le chiese. URL consultato il 12 agosto 2012.
  64. ^ Bollettino quadrimestrale "Dal San Martino" Anno XLVI N. 1, tipografia Tomadini Udine - marzo 2008. URL consultato il 24 gennaio 2012.
  65. ^ Brochure disponibile sul sito istituzionale. URL consultato il 20 luglio 2012.
  66. ^ Chiesa di San Michele - Topolò. URL consultato il 17 marzo 1012.
  67. ^ Brochure informativa Comune di Grimacco - Cosa venire a vedere. URL consultato il 15 giugno 2014.
  68. ^ Grimacco-Chiesa di San Martino-sec XIII. URL consultato il 13 marzo 2012.
  69. ^ Hosne-Cerkev posvečena Svetemu Matij. URL consultato il 15 marzo 2012.
  70. ^ Le chiesette votive delle Valli del Natisone. URL consultato il 13 marzo 2012.
  71. ^ Renzo Rucli, Kozolec - Soria e caratteristiche costruttive dell'edificio rurale chiamato kozolec, Cooperativa Lipa Editrice, San Pietro al Natisone
  72. ^ AA. VV., Mi smo tu - La comunità linguistica slovena della provincia di Udine passato, presente, futuro, Paisan di Prato, LithoStampa, p. 48.
  73. ^ Michela Gus, La soria dei mulini di Drenchia e Grimacco, Juliagraf, Premariacco (UD), 2013
  74. ^ Sistema Informativo Regionale del Patrimonio Culturale della Regione Friuli-Venezia Giulia - Museo etnografico Mario Ruttar. URL consultato il 24 gennaio 2012.
  75. ^ Sistema Informativo Regionale del Patrimonio Culturale della Regione Friuli-Venezia Giulia - Museo etnografico Mario Ruttar - collezione fotografica. URL consultato il 24 gennaio 2012.
  76. ^ Museo etnografico Ruttar Mario. URL consultato il 19 gennaio 2014.
  77. ^ Brochure informativa Comune di Grimacco - Il museo caseario della latteria sociale di Plataz. URL consultato il 15 giugno 2014.
  78. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  79. ^ Legge 23 febbraio 2001, n. 38 - Norme a tutela della minoranza linguistica slovena della Regione Friuli-Venezia Giulia. URL consultato il 26 gennaio 2014.
  80. ^ Minoranza slovena in FVG-cartelli stradali bilingui. URL consultato il 25 gennaio 2014.
  81. ^ Toponomastica: denominazioni ufficiali in lingua friulana.
  82. ^ Forania di San Pietro al Natisone. URL consultato il 5 gennaio 2012.
  83. ^ Comune di Grimacco-Associazioni. URL consultato il 12 agosto 2012.
  84. ^ Rečan - Kulturno Društvo Rečan / Circolo Culturale Rečan. URL consultato il 19 gennaio 2014.
  85. ^ Le maschere tradizionali delle Valli del Natisone. URL consultato il 10 marzo 2012.
  86. ^ AA. VV., Valli del Natisone Nediške Doline - Ambiente, Cultura popolare, Arte, Tradizioni popolari, Lingua, Storia, San Pietro al Natisone, Cooperativa Lipa editrice, 2000, p. 215.
  87. ^ AA. VV., Mi smo tu - La comunità linguistica slovena della provincia di Udine passato, presente, futuro, Paisan di Prato, LithoStampa, p. 43.
  88. ^ a b c d e f g Comune di Grimacco - Sagre e manifestazioni-Brochure informativa. URL consultato il 12 agosto 2012.
  89. ^ Sito ufficiale della manifestazione "Stazione di Topolò-Postaja Topolove". URL consultato il 24 gennaio 2012.
  90. ^ Circolo culturale Rečan. URL consultato il 14 marzo 2012.
  91. ^ Devetica Božinčna. URL consultato il 12 marzo 2012.
  92. ^ Scuole a grimacco. URL consultato il 10 marzo 2012.
  93. ^ Scuole a San Leonardo. URL consultato l'11 marzo 2012.
  94. ^ Scuole di San Leonardo. URL consultato l'11 marzo 2012.
  95. ^ Comune di San Pietro al Natisone-Scuola e istruzione. URL consultato il 10 marzo 1012.
  96. ^ Scuole a San Pietro al Natisone. URL consultato il 10 marzo 2012.
  97. ^ Scuole di San Pietro al Natisone. URL consultato l'11 marzo 2012.
  98. ^ AA. VV., Valli del Natisone Nediške Doline - Ambiente, Cultura popolare, Arte, Tradizioni popolari, Lingua, Storia, San Pietro al Natisone, Cooperativa Lipa editrice, 2000, p. 457.
  99. ^ Clodig Giovanni. URL consultato il 26 marzo 2013.
  100. ^ AA. VV., Valli del Natisone Nediške Doline - Ambiente, Cultura popolare, Arte, Tradizioni popolari, Lingua, Storia, San Pietro al Natisone, Cooperativa Lipa editrice, 2000, p. 458.
  101. ^ Clodig Antonio. URL consultato il 26 marzo 2013.
  102. ^ Autori Vari, Österreichische Biographisches Lexikon 1815 - 1950, ÖBL Print Edition, Bd III, pag. 417
  103. ^ Autori Vari, Valli del Natisone Nediške Doline - Ambiente, Cultura popolare, Arte, Tradizioni popolari, Lingua, Storia, San Pietro al Natisone, Cooperativa Lipa editrice, 2000, p. 214.
  104. ^ Fabio Bonini, Imena v Garmiškem kamune-Nomi in comune di Grimacco, Cooperativa Lipa editrice, San Pietro al Natisone, 2001, p. 118
  105. ^ Fanna Pierino. URL consultato il 19 maggio 2013.
  106. ^ Le guide di Alice, La gola in viaggio 2010, SITCOM Editore, 2009, ISBN 978-88-6107-076-9
  107. ^ Osterie d'Italia 2011, Slow Food editore, 2010, ISBN 978-88-8499-213-0
  108. ^ Carlo Cambi, Il mangiarozzo 2010, Newton Compton editori, 2009, ISBN 978-88-541-1558-3
  109. ^ Gubana. URL consultato il 17 marzo 2012.
  110. ^ Strucchi. URL consultato il 17 marzo 2012.
  111. ^ Strucchi lessi. URL consultato il 17 marzo 2012.
  112. ^ Frico. URL consultato il 17 marzo 2012.
  113. ^ Brovada. URL consultato il 17 marzo 2012.
  114. ^ Musetto. URL consultato l'11 maggio 2012.
  115. ^ Il salame friulano. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  116. ^ AA. VV., La cucina regionale italiana-Vol.12 Friuli Venezia Giulia, Milano, Mondadori editore, 2012, p. 351.
  117. ^ AA. VV., La cucina regionale italiana-Vol.12 Friuli Venezia Giulia, Milano, Mondadori editore, 2012, p. 340.
  118. ^ Latteria sociale Cividale/Valli del Natisone. URL consultato il 18 febbraio 2012.
  119. ^ Formaggio latteria. URL consultato il 19 febbraio 2012.
  120. ^ Stakanjie. URL consultato il 12 novembre 2012.
  121. ^ Snite. URL consultato il 12 novembre 2012.
  122. ^ Statuto del comune di Grimacco[2]
  123. ^ Strade provinciali Friuli centrale. URL consultato il 21 luglio 2013.
  124. ^ SAF-Ricerca orari. URL consultato l'11 marzo 2012.
  125. ^ Sito della società Ferrovia Udine-Cividale s.r.l. URL consultato il 15 marzo 2012.
  126. ^ Elementi forniti dal Comune di Grimacco

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Podrecca, La Slavia italiana, Fulvio Giovanni editore in Cividale, 1884;
  • Olinto Marinelli, Guida delle Prealpi Giulie, Società Alpina Friulana, Udine, 1912 (Riedizione a cura della sottosezione "Val Natisone" del Club Alpino Italiano, Atesa Editrice, San Pietro al Natisone, 1977);
  • Roberto Dapit, La Slavia Friulana, Cooperatia Lipa editrice, San Pietro al Natisone, 1995;
  • Clara Gorjan, Cenni sulla vita e l'opera di Anton Klodič, La Panarie editrice, 1981;
  • Mario Gariup, Renzo Gariup e Renzo Rucli, Topolò - Topolove, Cooperativa Lipa Editrice, San Pietro al Natisone, Racconto sulle origini del paese a cura del Circolo culturale Rečan;
  • Renzo Rucli, Kozolec - Soria e caratteristiche costruttive dell'edificio rurale chiamato kozolec, Cooperativa Lipa Editrice, San Pietro al Natisone;
  • AA.VV., Valli del Natisone - Nediške Doline, Ambiente, cultura materiale, arte, tradizioni popolari, lingua, storia, Cooperativa Lipa Editrice, San Pietro al Natisone, 2002, a cura dei Comuni di Drenchia, Grimacco, Pulfero, San Leonardo, San Pietro al Natisone, Stregna e Savogna;
  • Fabio Bonini, Imena v Garmiškem kamune-Nomi in comune di Grimacco, Cooperativa Lipa editrice, San Pietro al Natisone, 2001;
  • Aldo Clodig, Giuseppe Floreancig, Natalino Zuanella e AA. VV., Hostne, med zgodovino in legendo, Racconto sulle origini del paese a cura del Circolo culturale/Kulturno društvo Rečan;
  • Franco Cernotta, Antonio Fant, Rinaldo Luszach, Faustino Nazzi, Antonio Qualizza, Antonio Sdraulig e Antonio Specogna, Pjejmo vsi kupe, Canti di chiesa tratti dal terzo Senjam Beneške Piesmi a cura del Circolo culturale/Kulturno društvo Rečan;
  • Aldo Clodig e Margherita Trusgnach, Devetica božična po vaseh Lieške fare, a cura del Circolo culturale Rečan, editrice Juliagraf, Premariacco (UD), 2012;
  • Michela Gus, La storia dei mulini di Drenchia e Grimacco, editrice Juliagraf, Premariacco (UD), 2013, (pubblicazione della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia curata dal Circolo culturale J. Stellini di Grimacco).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Friuli-Venezia Giulia Portale Friuli-Venezia Giulia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Friuli-Venezia Giulia