Historia Langobardorum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Historia Langobardorum
HistoriaLangobardorum.jpg
Testo dell'XI secolo conservato nella biblioteca dell'Università di Salisburgo
Autore Paolo Diacono
1ª ed. originale 789
Genere Cronaca
Lingua originale latino

La Historia Langobardorum è l'opera più importante scritta da Paolo Diacono. È suddivisa in sei libri e tratta della storia del popolo Longobardo dalle origini al suo apice: la morte del re Liutprando nel 744.

L'opera[modifica | modifica sorgente]

La Historia è scritta in un latino di tipo monastico, si basa su opere precedenti di vari scrittori ed è un misto di prosa e poesia. Le fonti principali furono l'anonima Origo gentis Langobardorum, la perduta ed omonima Historia di Secondo di Non, i perduti Annali di Benevento ed un uso libero degli scritti di Beda il Venerabile, Gregorio di Tours e Isidoro di Siviglia.

Il libro fu scritto nella Abbazia di Montecassino nei due anni successivi al ritorno dalla Francia dopo aver ricoperto il ruolo di grammatico presso la corte di Carlo Magno. La storia è narrata dal punto di vista di un patriota longobardo, e descrive anche l'intreccio delle relazioni fra i Longobardi, i Franchi, i Bizantini ed il Papato. La narrazione della storia si può suddividere in due fasi: la prima, lineare, descrive le vicende del popolo prima dell'entrata in Italia, un unico indistinto popolo che si muove per i territori quasi si preparasse all'arrivo in una Terra Promessa. La seconda fase descrive invece le gesta di tanti attori che si radicano in territori ben identificati e si fondono con i luoghi e le genti del posto. Tutto l'insieme è legato ad un filo narrante scandito dalla successione dei Re. Una particolare attenzione viene rivolta alla chiesa italiana di quel periodo, e si concentra anche su personaggi che non si intrecciarono con la storia dei Longobardi in Italia.

Primo libro[modifica | modifica sorgente]

Il libro descrive le cause delle migrazioni dei Longobardi con leggende legate alle origini del popolo, le gesta dei primi re fino alla vittoria di Alboino sui Gepidi e la partenza per l'Italia. Narra anche di San Benedetto.

Secondo libro[modifica | modifica sorgente]

Provenienti dalla Pannonia, i Longobardi iniziano a penetrare in Italia e prendono il posto dei Goti, al tempo alleati dei Bizantini. L'ascesa al Monte Nanos ed il congedo dalla Pannonia, una descrizione dell'Italia, la conquista di Pavia da parte di Alboino e il suo assassinio organizzato dalla moglie Rosmunda. Il breve regno di Clefi e il decennale Periodo dei Duchi o "dell'anarchia".

Terzo libro[modifica | modifica sorgente]

Morte dell'Imperatore bizantino Giustino II. Gli succede Tiberio II, «50º Imperatore dei Romani». Carità e virtù di Tiberio II, che aiuta i bisognosi e perdona i congiurati. Alla morte di Tiberio II, sale al potere Maurizio, il primo imperatore greco secondo Paolo Diacono. Maurizio si allea con Childeberto II, Re dei Franchi, e gli dà dei soldi per indurlo ad attaccare i Longobardi. I Longobardi eleggono re, ponendo fine al periodo dei Duchi, Flavio Autari, che da dei soldi a Childeberto per indurlo a ritirarsi in Francia e lasciare in pace il Regno dei Longobardi. Ulteriori tre invasioni franche della Longobardia, nell'ultima i Franchi, dopo aver devastato Lombardia e Veneto, si ammalano di dissenteria e tornano indietro. Tradimento di Droctulfo. Matrimonio tra Autari e Teodolinda. La forte presenza del Papa Gregorio Magno. Conquiste e morte di Autari e nomina di Agilulfo, che si sposa con Teodolinda. L'Esarca Romano conquista delle città, Agilulfo le riconquista.

Quarto libro[modifica | modifica sorgente]

Da Agilulfo a Grimoaldo: ottant'anni di storia longobarda passando attraverso il regno di Rotari.

Quinto libro[modifica | modifica sorgente]

Da Grimoaldo a Cuniperto.

Sesto libro[modifica | modifica sorgente]

Da Cuniperto alla morte di Liutprando. Qui si ferma la storia, cristallizzata al momento in cui la decadenza non era iniziata. Fra l'altro è il periodo vissuto in prima persona da Paolo Diacono nella prima parte della sua vita.

Il Sesto Libro s'interrompe durante il regno di Re Liutprando. Il motivo di tale interruzione è rappresentato dalla decisione che Paolo Diacono abbia tralasciato volontariamente la parte di storia successiva al regno di Liutprando in modo tale da non dover descrivere il periodo della decadenza e la vittoria dei Franchi ai danni del suo popolo.

Errori[modifica | modifica sorgente]

Seppur importantissima fonte primaria, l'opera contiene alcuni errori cronologici e presenta in alcuni punti anche alcune incongruenze: per esempio nel libro V, quando si parla della campagna in Italia dell'Imperatore bizantino Costante II, Paolo Diacono inserisce due avvenimenti contraddittori tra di loro: la pace firmata tra Costante II e il Duca di Benevento Romualdo I e il tentativo di Costante II di far credere a Romualdo che suo padre Grimoaldo non sarebbe arrivato con i rinforzi (fallito perché Romualdo venne informato da Sessualdo dell'arrivo del padre).

« Non si sa ben intendere come seguisse questo fatto. Perché se prima di conchiuder la pace, Sessualdo parlò con Romoaldo, questi non avea bisogno di far capitolazioni, né di comperare con sì grave pagamento e con l'ostaggio della sorella la liberazion della città. Se poi dappoiché era seguita la pace, non v'era più bisogno di far credere a Romoaldo che egli non dovea sperare soccorso. »
(Muratori, Annali d'Italia, p. 615)

In alcuni casi vi sono anche errori cronologici, per esempio la rivolta dell'esarca bizantino Eleuterio (615-616) viene datata dallo storico longobardo sotto il regno di Foca (602-610) e non sotto il regno di Eraclio I (610-641).

In altri casi, seguendo la tradizione popolare o utilizzando fonti tarde, l'autore narra fatti storici ritenuti inattendibili dagli storici successivi: ad esempio, secondo Paolo Diacono, i Longobardi avrebbero invaso l'Italia perché invitati da Narsete furente con l'Imperatore per averlo destituito. Questa vicenda viene ritenuta una leggenda dagli storici moderni, che attribuiscono la calata dei Longobardi alla pressione esercitata dagli Avari verso la Pannonia e non a un improbabile tradimento del generale bizantino. Nel Libro III Paolo narra che Autari, giunto nel sud Italia, arrivò fino allo stretto di Messina, toccando una colonna e affermando che fin lì si sarebbero estesi i confini dei Longobardi. Anche ciò viene ritenuto una leggenda.

Comunque errori di questo tipo non sono rari nelle cronache di quell'epoca, e considerando l'epoca in cui fu scritta, la Storia dei Longobardi di Paolo Diacono è sicuramente una fonte attendibile. Anzi dal punto di vista storico, è un'opera importantissima e molto studiata, dato che è una delle pochissime fonti in cui si affronta (peraltro spesso in maniera quasi sbrigativa) il passaggio traumatico in Italia dalla civiltà romana classica a quella medievale germanica.

Traduzioni in italiano[modifica | modifica sorgente]

  • A. Viviani, Dell'origine e de' fatti de' Longobardi, 2 vol., Udine, 1826‑28;
  • G. S. Uberti, De' fatti de' Longobardi, Cividale, 1899, ristampata da Sonzogno - Biblioteca Popolare, Milano, 1915;
  • Massimo Felisatti, Storia dei Longobardi, Milano, Rizzoli, 1967;
  • F. Roncoroni, Storia dei Longobardi, Milano, 1971;
  • E. Bartolini, Historia Langobardorum, con testo latino e traduzione di A. Giacomini, Udine, nd;
  • A. Zanella, Storia dei Longobardi, Milano, 1991.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • C. Cipolla, Note bibliografiche circa l'odierna condizione degli studi critici sul testo delle opere di Paolo Diacono (Venezia, 1901)
  • Atti e memorie del congresso storico tenuto in Cividale (Udine, 1900)
  • F Dahn, Langobardische Studien, Bd. i. (Leipzig, 1876)
  • W Wattenbach, Deutschlands Geschichtsquellen, Bd. i. (Berlino, 1904)
  • A Hauck, Kirchengeschichte Deutschlands, Bd. ii. (Leipzig, 1898)
  • P del Giudice, Studi di storia e diritto (Milano, 1889)
  • U Balzani, Le Cronache italiane nel medio evo (Milano, 1884)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Longobardi Portale Longobardi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Longobardi