Childeberto II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Childeberto II
Childeberto II
Childeberto II
Re dei Franchi d'Austrasia
In carica 575596
Predecessore Sigeberto I
Successore Teodeberto II e
Teodorico II
Altri titoli Re dei Franchi di Burgundia e d'Aquitania
Nascita 570 circa
Morte marzo 596
Dinastia Merovingi
Padre Sigeberto I
Madre Brunechilde
Coniuge Faileuba
Figli Teodeberto
Teodorico
Teodila e
un maschio

Childeberto II (570marzo 595) fu un re franco della dinastia dei merovingi che, dal 575 alla morte, regnò sull'Austrasia e, dal 592, anche sulla Borgogna e sull'Aquitania.

Il regno dei Franchi, nel 577, dopo la morte di Sigeberto I.
Immagine rappresentante Gontrano e Childeberto II.
Il regno dei Franchi, nel 587.
Ritratto di Childeberto II su medaglia bronzea, del 1720 circa di Jean Dassier (1676-1763).

Origine[modifica | modifica sorgente]

Era l'unico figlio maschio del re dei Franchi dell'Austrasia, Sigeberto I [il figlio quintogenito (il vescovo Gregorio di Tours (536597) lo elenca come quarto figlio[1]), del re dei Franchi Sali della dinastia merovingia, Clotario I e, sempre secondo Gregorio di Tours, della sua terza moglie, Ingonda, di cui non si conoscono gli ascendenti[2]] e di Brunechilde, la figlia secondogenita del re dei visigoti Atanagildo e di Gosvinta dei Balti (?-589), molto probabilmente, figlia del re Amalarico, ultimo sovrano della dinastia dei Balti[3]. I re di Neustria, Chilperico I, e di Borgogna, Gontrano, erano suoi zii.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Quando, nel 575, suo padre venne assassinato dai sicari di Fredegonda[2]e la madre, fatta prigioniera da Chilperico I, fu portata come ostaggio a Rouen, Childeberto si trovava a Parigi; sempre secondo Gregorio di Tours e confermato anche dalle cronache del vescovo, Mario di Avenches[4]fu portato in salvo dal fedele duca Gondobaldo che, portatolo a Metz, la capitale del regno di Austrasia, lo fece proclamare re e lo tenne sotto la sua tutela, proteggendolo[5].

La reggenza di Brunechilde[modifica | modifica sorgente]

Brunechilde, che, secondo Paolo Diacono, era reggente del regno di Austrasia per conto del figlioletto Childeberto II[6] si ricongiunse al figlio ed esercitò la reggenza in suo nome. Con la sua politica accentratrice, tesa a limitare i poteri, i privilegi e le esenzioni degli aristocratici e del clero, Brunechilde si alienò il sostegno dei notabili austrasiani, che, forse sollecitati da Chilperico I e Fredegonda, cominciarono a chiedere di poter esercitare il potere per conto di Chidelberto II, arrivando a minacciare Brunechilde e a combattere contro le truppe lealiste. La loro rivolta venne domata solo grazie all’intervento di Gontrano, che, non avendo eredi, essendogli premorti tutti i figli, nel 577, a Pompierre, adottò suo nipote Childeberto II[7] e, col successivo trattato di Andelot, del 28 novembre 587, dispose che alla sua morte gli succedesse come re di Burgundia[8], come conferma anche Fredegario[9] che dice che Childeberto giunse ad Andelot con la madre la sorella e la moglie.

Il suo regno[modifica | modifica sorgente]

Il primo trattato di Pompierre aveva causato l’ira della reggente di Neustria Fredegonda, la vedova di Chilperico I, che sperava che venisse adottato suo figlio, Clotario II. Allora Fredegonda tentò di destabilizzare l'Austrasia, appoggiando il tentativo di elevare a re d'Aquitania, Gundovaldo (figlio illegittimo del re dei Franchi Sali del nord dell'Austrasia e della Guascogna, della dinastia merovingia, Clotario I e di una sua concubina di cui non si conoscono né il nome né gli ascendenti), che richiamato da Costantinopoli, fu riconosciuto re da tutti i duchi della zona[10]; ma Gontrano e Childeberto II reagirono intervenendo coi propri eserciti[11] e dopo varie vicissitudini Gundovaldo fu assediato in un paesino di una valle dei Pirenei, Cominges, catturato e giustiziato[12][13].

Childeberto II intrattenne anche relazioni diplomatiche con l’Impero bizantino e, nel 584, discese in Italia e combatté per l’imperatore Maurizio contro i Longobardi (585).
Pochi anni dopo, tornò in Italia e proprio in quel periodo, per migliorare i rapporti tra i due regni, il re dei Longobardi, Autari, propose il fidanzamento con sua sorella, Clodesinde. Childeberto accettò, ma poi considerando che I Visigoti si erano convertiti al cattolicesimo, preferì fidanzare Clodesinde con il loro re, Recaredo I[14].
In quello stesso periodo, Childeberto dovette difendersi dalle pretese della nobiltà ed eliminò tutti i suoi avversari più pericolosi, tra cui il duca Magnovaldo, invitato nel palazzo reale, mentre assisteva a scene di caccia da una finestra, fu decapitato e defenestrato[15]

Alla morte di Gontrano (592), la Burgundia e la regione di Orléans passarono a Childeberto II[16], senza incontrare alcuna opposizione, e così i regni di Austrasia e Borgogna vennero unificati sotto la corona di Childeberto II.

Nell'ultimo periodo del suo regno, Childeberto entrò in rapporto con papa Gregorio Magno che gli chiese di intervenire per porre un limite alla simonia, molto diffusa nella chiesa francese e di ridurre l'interferenza della casa reale nell'elezione dei vescovi.

Childeberto, nel 595, morì, all'età di venticinque anni, insieme alla moglie, Faileuba, a quanto si dice, per avvelenamento[17] ed, essendo i figli ancora minorenni, la reggenza di entrambi i regni venne affidata alla regina madre, Brunechilde, che divise i regni tra i due nipoti: a Teodorico II, affidò la Borgogna, e a Teodeberto II, l’Austrasia.

Subito dopo la morte di Childeberto, Fredegonda occupò Parigi e i territori che questi aveva ricevuto alla morte del fratello Cariberto[16].

Matrimoni e discendenza[modifica | modifica sorgente]

Childeberto era stato fidanzato con la figlia del duca di Baviera Garibaldo, Teodolinda[18], che poi sposò Autari.

Childeberto sposò Faileuba, che è citata sia da Greorio di Tours, che da Fredegario, senza precisarne le ascendenze[8][9], da cui ebbe quattro figli:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Gregorio di Tours, Historia Francorum, IV, 3
  2. ^ a b Gregorio di Tours, Historia Francorum, IV, 51
  3. ^ Gregorio di Tours, Historia Francorum, IV, 27
  4. ^ Marii Episcopi Aventicensis Chronica
  5. ^ Gregorio di Tours, Historia Francorum, V, 1
  6. ^ Paolo Diacono, Historia Langobardorum, III, 10
  7. ^ Gregorio di Tours, Historia Francorum, V, 17
  8. ^ a b Gregorio di Tours, Historia Francorum, IX, 20
  9. ^ a b Fredegario, Fredegarii scholastici chronicum, Pars quarta, VII
  10. ^ Gregorio di Tours, Historiarum Francorum, VI, 26
  11. ^ Gregorio di Tours, Historiarum Francorum, VII, 36
  12. ^ Gregorio di Tours, Historiarum Francorum, VII, 38
  13. ^ Fredegario, Fredegarii scholastici chronicum, Pars quarta, II
  14. ^ Paolo Diacono, Historia Langobardorum, III, 28
  15. ^ a b Gregorio di Tours, Historiarum Francorum, VIII, 36
  16. ^ a b Fredegario, Fredegarii scholastici chronicum, Pars quarta, XV
  17. ^ Paolo Diacono, Historia Langobardorum, IV, 11
  18. ^ Fredegario, Fredegarii scholastici chronicum, Pars quarta, XXXIV
  19. ^ Secondo l'anonimo autore (VIII secolo) del Liber Historiæ Francorum che scrisse ricalcando le cronache di Gregorio di Tours, era il figlio di una concubina.
  20. ^ Fredegario, Fredegarii scholastici chronicum, Pars quarta, XXXXII

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie[modifica | modifica sorgente]

Letteratura storiografica[modifica | modifica sorgente]

  • Christian Pfister, La Gallia sotto i Franchi merovingi. Vicende storiche in Storia del mondo medievale, Cambridge, Cambridge University Press, 1999, pp. 688-711.
  • Christian Pfister, La Gallia sotto i Franchi merovingi, istituzioni in Storia del mondo medievale, Cambridge, Cambridge University Press, 1999, pp. 712-742.
  • Rafael Altamira, La Spagna sotto i visigoti in Storia del mondo medievale, Cambridge, Cambridge University Press, 1999, pp. 743-779.
  • L.M. Hartmann, L'Italia sotto i Longobardi in Storia del mondo medievale, Cambridge, Cambridge University Press, 1999, pp. 780-809.
  • L.M. Hartmann e W.H. Hutton, L'Italia e l'Africa imperiali: amministrazione. Gregorio Magno in Storia del mondo medievale, Cambridge, Cambridge University Press, 1999, pp. 810-853.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Re di Austrasia Successore
Sigeberto I 575-595 Teodeberto II
Predecessore Re di Borgogna Successore
Gontrano 592-595 Teodorico II