Frico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Frico
frico morbido con patate
frico morbido con patate
Origini
IPA /ˈfriːko/
Altri nomi fricco
Luogo d'origine Italia Italia
Regione Friuli-Venezia Giulia
Zona di produzione Provincia di Udine
Dettagli
Categoria antipasto
Riconoscimento P.A.T.
Settore Formaggi
Ingredienti principali formaggio
Altre informazioni Pur essendo registrato come P.A.T. della provincia di Udine è molto diffuso in tutta la regione
 

Il frico è un piatto a base di formaggio, ma anche di patate e burro, considerato la preparazione culinaria più tipica del Friuli, più precisamente della Carnia e della cucina friulana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'origine di questo piatto tipico friuliano è antichissima. È stato descritto per la prima volta, con il nome di "Caso in patellecte" dal maestro Martino da Como, cuoco del Patriarca di Aquileia Lodovico Trevisan, nella sua opera "De Arte Coquinaria" verso la metà del XV secolo.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di formaggio cotto in padella con burro o lardo. Si presenta in due versioni: friabile o morbido.

Entrambi si possono servire sia come antipasto che come secondo. Sebbene oggi il frico sia visto come un piatto festivo, in origine la sua preparazione era finalizzata al recupero di scarti di formaggio (strissulis).

Il frico friabile o croccante è molto sottile ed è fatto di solo formaggio (generalmente Montasio) che viene fritto in olio bollente. Facile da sagomare è ottimo per delle terrine di funghi o fonduta di Montasio. Può essere servito anche come snack.

Frico

Il frico morbido si prepara con del formaggio di diversa stagionatura, patate, burro o olio e sale, si presenta come una grossa frittata. Altre versioni prevedono l'uso della cipolla, o in alternativa mele, zucca, erbe aromatiche (Frico di Flaibano), può essere arricchito con dell'aggiunta di porro o dello speck. Entrambe le tipologie sono abitualmente servite con della polenta.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il frico è offerto in quasi tutte le sagre friulane, ma ha un festival dedicato a Flaibano, dove se ne prepara anche una versione tipica locale con le erbe, e una piccola sagra paesana a Carpacco di Dignano.

Tradizionalmente il frico croccante con la polenta fredda è il pasto tipico dei boscaioli, ideale per il lavoro duro nelle fredde montagne alpine.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gabriele Pressacco, L'alimentazione e la cucina, in Nuove lezioni di lingua e cultura friulana, a cura di Federico Vicario, Societat filologjiche furlane, 2006.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]