Val Canale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la valle del Veneto, vedi Val Canale (Pasubio).
bussola Disambiguazione – "Valcanale" rimanda qui. Se stai cercando la frazione di Ardesio, vedi Valcanale (Ardesio).
Val Canale
Val Canale Camporosso Monte Lussari 31052008 51.jpg
Vista di Camporosso dal Monte Lussari
Stati Italia Italia
Regioni Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia
Province Udine Udine
Località principali Malborghetto-Valbruna, Pontebba, Tarvisio
Fiume Fella, Slizza

La Val Canale (Val Cjanâl in friulano, Kanalska dolina in sloveno, Kanaltal in tedesco) è un solco vallivo delle Alpi Orientali, che si estende tra Pontebba ed il valico di Coccau con direzione ovest-est.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

È percorsa nel tratto iniziale dal fiume Fella, affluente del Tagliamento, e dal torrente Slizza che s'incontra dopo la sella di Camporosso che divide i due bacini idrografici.

La Val Canale separa le Alpi Carniche, a ovest, dalle Alpi Giulie a est. I centri principali della valle sono:

Storia[modifica | modifica sorgente]

La Val Canale fu annessa all'Italia con il trattato di Saint-Germain del 1919: prima di questa data, la maggior parte della valle aveva fatto parte per centinaia di anni del Ducato di Carinzia, mentre la sua parte orientale era appartenuta, fin dal XI secolo, al Ducato di Carniola. Con il trattato sugli "optanti", stipulato tra Mussolini e Hitler nel 1939, l'80% dei tedeschi, circa 5.600 e circa 100 sloveni lasciarono il territorio italiano verso la Germania nazionalsocialista. Solo il 20% vi fece ritorno dopo la guerra, la maggior parte rimase nell´attuale Austria. Nel 2000 vi era ancora circa il 20% di popolazione autoctona di lingua tedesca e slovena nella Val Canale.

Lingue[modifica | modifica sorgente]

Linguisticamente la valle rappresenta un caso unico nel panorama culturale europeo, poiché al suo interno coesistono parlanti neo-latini (friulani ed italiani), slavi (sloveni) e germanici (Carinziani germanofoni). In particolare per slavi e germanici, rappresenta una penisola linguistica, perché confina sia con l'Austria, sia con la Slovenia.

Sia la minoranza linguistica friulana che quella slovena e tedesca, sono tutelate dalla legge dello Stato italiano 482/99 (in materia di minoranze linguistiche).

  • Toponimi nelle 4 lingue:
Italiano Friulano Sloveno Tedesco
Bagni di Lusnizza Lusniz Lužnica Lusnitz
Camporosso Cjamparòs Žabnice Saifnitz
Cucco Cuc Kuk Kuk
Malborghetto-Valbruna Malborghet e Valbrune Naborjet-Ovčja vas Malburgeth-Wolfsbach
Pontebba Ponteibe Tablja Pontafel
Santa Caterina Sante Catarine Šenkatríja Sankt Kathrein
San Leopoldo La Glesie Lipalja vas Leopoldskirchen
Tarvisio Tarvis Trbiž Tarvis
Ugovizza Ugovize Ukve Uggowitz
Cave del Predil Gjavis Rabelj Raibl

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]