Calzolaio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un calzolaio lavora una suola di una calzatura a Capri in Campania, Italia.
San Crispino e Crispiniano, protettori dei calzolai.

Il calzolaio, anche detto ciabattino, è un artigiano che realizza o ripara scarpe, ciabatte e ogni altro tipo di calzatura. Questa professione è una di quelle messe più a rischio dall'industria, in quanto la produzione di scarpe è ormai quasi un'esclusiva delle macchine. Il lavoro dei calzolai si è ridotto perlopiù alla riparazione o alla produzione di alcune parti di esse. I materiali che essi utilizzano di più sono il cuoio, il legno, la gomma, la plastica e la iuta, solitamente per sistemare le suole.

La maggior parte dei calzolai utilizza una forma in legno o oramai meno frequentemente in metallo per dare alla scarpa la giusta sagoma. Alcune forme sono dritte, mentre quelle curve sono differenziate per la scarpa destra e quella sinistra.

Al momento esiste anche una Università dei calzolai, sita in Novara, città celebre per la tradizione centenaria di questo mestiere e per aver dato asilo a uno dei maggiori artigiani di tutti i tempi, il bulgaro Stephen Zitzov.

I patroni dei calzolai sono i santi Crispino e Crispiniano.

Personaggi famosi che hanno lavorato come calzolai[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Paolo Casini (a cura di), Enciclopedia o dizionario ragionato delle scienze, delle arti e dei mestieri ordinato da Diderot e D'Alembert, Bari-Roma, Laterza, 2003, ISBN 88-420-7078-5.
  • Amedeo Benedetti, Bibliografia Artigianato. La manualistica artigiana del Novecento: pubblicazioni su arti e mestieri in Italia dall'Unità ad oggi, Genova, Erga Edizioni, 2004, ISBN 88-8163-358-2.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]