Amedeo Benedetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Amedeo Benedetti (Fivizzano, 22 settembre 1954) è uno scrittore italiano.

Laureato in Lettere, in Storia, ed in Filosofia,[1] è autore poliedrico, e di vasti interessi, principalmente attivo nel settore della storia della letteratura italiana dell’Ottocento e dei linguaggi settoriali.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo l’infanzia trascorsa a Fivizzano,[2] si sposta a Genova, dove frequenta il liceo Arecco, dei padri gesuiti. Presta poi servizio militare come ufficiale nella Brigata alpina Julia[3].

Il suo esordio come scrittore avviene nel 1987, con una serie di racconti pubblicati dalla rivista letteraria "Indizi" di Genova. Inizia poi la pubblicazione di una lunga serie di opere di saggistica, relative alla bibliografia, all’intelligence, alla linguistica[1].

Docente di lettere in scuole statali, tiene corsi di comunicazione presso enti ed istituzioni.[4]

Dal 1989 fa parte del Comitato radiotelevisivo della regione Liguria, di cui diviene vicepresidente[5]. In tale veste organizza nel 1997 il premio Telequalità[6] e pubblica manuali di comportamento radiofonico e televisivo[7]. Nel 2002 inizia ad occuparsi di perizie scrittorie in ambito criminologico[8].

La notorietà gli arriva dai libri sulle tecniche di comunicazione delle Brigate Rosse[9], di Silvio Berlusconi[10], di Henry Kissinger, di Joseph Ratzinger[11], testi che hanno avuto discreta diffusione in Italia[12] ed all'estero[13].

In ambito letterario si è dedicato principalmente alla pubblicazione di studi su alcune delle figure maggiormente rappresentative della cosiddetta "Scuola storica": Adolfo Bartoli, Giosuè Carducci, Tommaso Casini, Vincenzo Crescini, Francesco D'Ovidio, Egidio Gorra, Arturo Graf, Vittorio Imbriani, Guido Mazzoni, Ernesto Monaci, Salomone Morpurgo, Francesco Novati, Ernesto Giacomo Parodi, Giuseppe Pitré, Rodolfo Renier, Angelo Solerti, Francesco Torraca, Albino Zenatti.[14]

Negli ultimi anni si è inoltre più volte interessato nei suoi scritti della storia della Lunigiana, sua terra d'origine.

Collabora con articoli di storia letteraria e recensioni alle riviste Biblioteche Oggi[15], Culture del testo e del documento, Esperienze Letterarie, Il Veltro, Intersezioni, L'Alighieri, Lettere italiane, Otto/Novecento, Rivista di studi politici internazionali, Sapere, Atti e memorie di varie Deputazioni di storia patria, ed altre[16].

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Il comportamento televisivo, Genova, Regione Liguria, 1996.
  • Il comportamento radiofonico, Genova, Regione Liguria, 1996.
  • Comunicazione e osservazione per musicoterapeuti, Genova, Associazione italiana studi di musicoterapia, 1997.
  • Il programma dell’Accesso, Genova, Erga, 1999.
  • Storia dei programmi televisivi di maggior audience, Genova, Erga, 1999.
  • Gli archivi delle immagini. Fototeche, cineteche e videoteche in Italia, Genova, Erga, 2000.
  • Gli archivi sonori. Fonoteche, nastroteche e biblioteche musicali in Italia, Genova, Erga, 2002.
  • Il linguaggio delle nuove Brigate Rosse, Genova, Erga, 2002.
  • Il cinema documentato. Cineteche, musei del cinema e biblioteche cinematografiche in Italia, Genova, Cineteca Griffith, 2002.
  • Gli archivi della scienza. Musei e biblioteche della scienza e della tecnologia in Italia (con Bruno Benedetti), Genova, Erga, 2003.
  • L’osservazione per l'intelligence e l'indagine, Genova, Erga, 2003.
  • Decisione e persuasione per l'intelligence (e la politica), Genova, Erga, 2004.
  • Bibliografia artigianato. La manualistica artigiana del Novecento: pubblicazioni su arti e mestieri in Italia dall'Unità ad oggi, Genova, Erga, 2004.
  • Il linguaggio e la retorica della nuova politica italiana: Silvio Berlusconi e Forza Italia, Genova, Erga, 2004.
  • Lezioni di politica di Henry Kissinger. Linguaggio, pensiero ed aforismi del più abile politico di fine Novecento, Genova, Erga, 2005.
  • Bibliografia ragionata sulla cultura delle immagini, Genova, Erga, 2005.
  • Il libro. Storia, tecnica, strutture, Arma di Taggia, Atene, 2006.
  • Manuale di sburocrazia. Analisi, note e proposte di correzione del linguaggio burocratico italiano, Genova, Aba Libri, 2008.
  • Bancarese addio! Proposte di correzione del linguaggio bancario italiano, Genova, Aba Libri, 2008.
  • Il linguaggio di Benedetto XVI, al secolo Joseph Ratzinger, Genova, Erga, 2012.
  • Dica trentatré. Analisi, note e proposte di correzione del “medichese”, Genova, Erga, 2012.
  • Mi rimetto alla clemenza della corte. Analisi, note e proposte di correzione del linguaggio giuridico italiano, Genova, Erga, 2012.
  • Vita di Giovanni Gargiolli, fondatore del Gabinetto Fotografico Nazionale, Pisa, Il Campano, 2012.
  • Vita di Adolfo Bartoli, storico della letteratura, Pisa, Il Campano, 2013.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b voce “Amedeo Benedetti” dell’Archivio del Novecento
  2. ^ Sito dello scrittore
  3. ^ Amedeo Benedetti, Il comportamento televisivo, Regione Liguria, 1996, p. 41.
  4. ^ voce “Amedeo Benedetti” dell’Agenda della Comunicazione
  5. ^ AA.VV., Indici & Media. Il rilevamento dell’ascolto radiotelevisivo, Genova, Regione Liguria,1999, p. 99.
  6. ^ Idem, p. 102.
  7. ^ Alberto Rosselli, “Tre anni di attività del Corerat ligure”, ne I media in Liguria 1998, Genova, Regione Liguria, 1998, p. 115.
  8. ^ Giacomo Amadori, Nuova eversione - analogie tra BR di ieri e di oggi, "Panorama", Milano, 27.03.2003.
  9. ^ [1]
  10. ^ [2]
  11. ^ Il linguaggio di Joseph Ratzinger, papa Benedetto XVI, in "Rivista di studi politici internazionali", vol. 77, n. 1, gennaio-marzo 2010, pp. 93-109.
  12. ^ Vedi le sue opere segnalate dal «Sistema Bibliotecario Nazionale»
  13. ^ UB Karlsruhe : Catalogo Virtuale di Karlsruhe KVK : Lista dei Risultati
  14. ^ Italinemo - Riviste d'italianistica nel mondo
  15. ^ [3]
  16. ^ [4]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]