Liguria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Regione Liguria)
Liguria
regione
Liguria – Stemma Liguria – Bandiera
(dettagli) (dettagli)
La Lanterna di Genova, simbolo del capoluogo
La Lanterna di Genova, simbolo del capoluogo
Localizzazione
Stato Italia Italia
Amministrazione
Capoluogo Genova-Stemma.png Genova
Presidente Claudio Burlando (PD) dal 5/04/2005
Territorio
Coordinate
del capoluogo
44°27′20″N 8°44′05″E / 44.455556°N 8.734722°E44.455556; 8.734722 (Liguria)Coordinate: 44°27′20″N 8°44′05″E / 44.455556°N 8.734722°E44.455556; 8.734722 (Liguria)
Superficie 5 420 km²
Abitanti 1 591 939[1] (31-12-2013)
Densità 293,72 ab./km²
Province Genova, Imperia, La Spezia, Savona
Comuni 235
Regioni confinanti Emilia-Romagna, Piemonte, Provenza-Alpi-Costa Azzurra (FR-U), Toscana
Altre informazioni
Lingue italiano, ligure, occitano[2]
Fuso orario UTC+1
ISO 3166-2 IT-42
Codice ISTAT 07
Nome abitanti liguri
PIL (PPA) 34.019,7 mln
PIL procapite (PPA) 25.262
Cartografia

Liguria – Localizzazione

Mappa della regione con le sue province
Mappa della regione con le sue province
Sito istituzionale
« Lenta e rosata sale su dal mare
la sera di Liguria, perdizione
di cuori amanti e di cose lontane. »
(Vincenzo Cardarelli - da Sera di Liguria, in Poesie)

La Liguria (Ligûria in ligure) è una regione italiana a statuto ordinario dell'Italia nord-occidentale di 1.583.628 abitanti, con capoluogo Genova. È bagnata a sud dal Mar Ligure, a ovest confina con la Francia (regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra), a nord con il Piemonte e con l'Emilia-Romagna e a sud-est con la Toscana. La regione fa parte dell'Euroregione Alpi-Mediterraneo.

Il suo nome deriva dall'antica popolazione dei Liguri, anche se in realtà i confini della Liguria antica erano ben più estesi di quelli dell'attuale regione ed includevano tutta la pianura piemontese a sud del Po, l'attuale Lombardia sud-occidentale dall'Oltrepò pavese fino alla confluenza del Ticino nel Po, le zone collinari e montuose del Piacentino, l'attuale Lunigiana e il Nizzardo fino al fiume Var; gli attuali confini amministrativi, definiti solo nel 1923[3], coincidono in gran parte con quelli della storica Repubblica di Genova. Fino al 1860 la circoscrizione amministrativa della Liguria, facente parte dal 1815 del Regno di Sardegna, comprendeva anche la Provincia di Nizza Marittima[4], ceduta poi alla Francia a seguito del Trattato di Torino del 24 marzo 1860 con l'eccezione del circondario di Sanremo e di quello di Porto Maurizio, entrati a far parte del Regno d'Italia.

Mappa della Liguria.

Secondo un luogo comune, la Liguria sarebbe stretta tra il mare e le catene montuose delle Alpi e dell'Appennino: di conseguenza la regione potrebbe essere ridotta a due fasce costiere, ad est e a ovest di Genova: la Riviera di Ponente e la Riviera di Levante. In realtà, la Liguria comprende anche ampie porzioni di territorio tributarie del bacino del Po a nord del crinale alpino-appenninico (circa il 28% della superficie regionale appartiene al bacino padano) e quasi tutto il retroterra marittimo, il lungo tratto di litorale compreso tra gli storici confini con la Francia (Rio San Luigi presso Grimaldi di Ventimiglia) e la bassa valle del Magra nei dintorni di Sarzana e Aulla (MS): questo confine orientale appare tuttavia meno definito, poiché coincide solo in parte con il basso corso del fiume Magra e include parte della piana litoranea di Luni.

A un criterio amministrativo (secondo cui sarebbe da considerare amministrativamente ligure almeno tutto ciò che è posto a sud del crinale alpino-appenninico nel tratto Grimaldi-Mortola/Passo del Bracco) si sottraggono alcune aree marginali del territorio della Liguria "fisica", che per ragioni storico-politiche appartengono ad altre amministrazioni regionali o statali; è il caso della media e alta Val Roia (a lungo contesa tra Repubblica di Genova, Ducato di Provenza e Ducato di Savoia e ora amministrativamente francese, dopo essere stata ligure[5] e piemontese) e delle alte valli dei torrenti Pennavaire e Neva (con i borghi di Alto, Caprauna e Cerisola che, pur rimanendo nella sfera di influenza economico-commerciale della città di Albenga, sono stati lungamente controllati dal Ducato di Savoia e poi inclusi nella Provincia di Cuneo).

Alla Liguria è legato storicamente e linguisticamente l'Oltregiogo in provincia di Alessandria con Novi Ligure, Ovada, Arquata Scrivia che comprende parte delle valli Orba, Lemme, Scrivia, Borbera e Spinti. L'Oltregiogo fu parte della Repubblica di Genova fino al 1797, poi della Repubblica Ligure fino al 1805 e dopo la restaurazione della Provincia di Novi, parte della Divisione di Genova. Venne annesso al Piemonte dopo il decreto Rattazzi del 1859. L'isola di Capraia fu parte della Liguria fino al 1925 e dell'Arcidiocesi di Genova fino al 1977.

La Liguria è una regione di grande richiamo turistico per le sue bellezze antropiche e naturali, tra le quali spiccano - a ponente - la Riviera dei Fiori e - a levante - Portofino, le Cinque Terre e Porto Venere.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Vetta del monte Saccarello, nell'imperiese, il punto più elevato della Liguria.

Aspetti generali[modifica | modifica wikitesto]

Con i suoi 5.420 km² la Liguria è una delle regioni più piccole d'Italia, dopo Valle d'Aosta e Molise, ma è una delle più densamente popolate in quanto ospita oltre 1.600.000 abitanti per una densità di 298 ab/km², molto al di sopra della media nazionale, collocandosi al quarto posto, dopo Campania, Lombardia e Lazio, nel rapporto tra numero di abitanti e superficie territoriale. Considerando l'orografia del territorio e il fatto che le foreste ne ricoprono il 62,6%[6], appare tuttavia evidente come vi siano notevoli differenze fra la densità di abitanti dell'entroterra (in cui peraltro si sono verificati fenomeni di spopolamento e di migrazione verso le città costiere) e quella del litorale, che sfiora i 1000 ab/km2.

La regione è compresa tra le Alpi Liguri e l'Appennino Ligure a nord e il Mar Ligure a sud, con una catena ininterrotta che costituisce una vera e propria dorsale che si presenta continua nel suo sviluppo (orientato secondo due assi: SW/NE e NW/SE che si incontrano alcuni chilometri ad ovest del centro di Genova), ma discontinua nella sua morfologia, con tratti in cui la dorsale alpino/appenninica si presenta estremamente compatta ed elevata allineando gruppi montuosi molto elevati (alle spalle di Ventimiglia, una serie di massicci, che dopo la seconda guerra mondiale sono diventati amministrativamente francesi, si innalza fino a quote altimetriche di 2700–3000 m) mentre in altri tratti (ad esempio nell'entroterra di Savona e di Genova) la barriera montuosa è poco elevata e profondamente incisa da brevi valli trasversali e da valichi che non arrivano ai 500 m di altitudine sul livello del mare (Colle di Cadibona, Passo dei Giovi, Crocetta d'Orero).

Il mar Ligure, di fronte alla Liguria, è un braccio di mar Mediterraneo ed il golfo di Genova ne costituisce una parte importante, mentre il secondo golfo più grande è quello della Spezia. Nella parte orientale del golfo genovese si trova il golfo del Tigullio, da Portofino a Sestri Levante.

Le coste sono in genere alte, rocciose, frastagliate, soprattutto nella Riviera di levante, mentre a ponente è presente una quasi perfetta alternanza tra rocce a picco sul mare e spiagge sabbiose. Le coste sono talvolta interrotte da estuari di piccoli fiumi, spesso a carattere torrentizio, i quali solcano il territorio perpendicolarmente alla costa sul fondo di profonde vallate.

Territori[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Geografia della Liguria e Zone Altimetriche d'Italia.

Nell'ambito della suddivisione provinciale vi sono degli ambiti territoriali di forte connotazione ambientale e paesaggistica:

Provincia di Genova Provincia di Imperia Provincia della Spezia Provincia di Savona
  • Altopiano delle Mànie
  • Val Bormida
  • Val Lerrone
  • Val Merula
  • Val Neva
  • Valle Arroscia
  • Valle Pennavaira
  • Alta valle dell'Orba

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Panorama innevato del borgo di Bajardo, nell'imperiese.

La Liguria gode di un clima mediterraneo, ma non uniformemente: essa risente infatti della morfologia accidentata del suo territorio per gran parte montuoso, aperto su un mare decisamente caldo in rapporto alla sua latitudine relativamente elevata. I fattori morfologici principali sono infatti due: la forma ad arco aperto verso mezzogiorno della regione e la dorsale montuosa che si sviluppa tra il confine francese e quello toscano e costituisce la displuviale tra il versante tributario del mar Ligure e quello padano-adriatico.

Quando d'inverno si forma un'area di bassa pressione sul golfo di Genova, la zona intorno al capoluogo genovese viene investita dalla Tramontana, apportatrice di pioggia e neve a quote basse, che a volte può scendere fino al livello del mare, specialmente in alcune aree ricomprese tra la costa genovese occidentale e il savonese orientale.

L'estate è moderatamente calda ma piuttosto afosa (a Genova Sestri le medie del mese di luglio sono comprese tra i +20,8 °C della minima e i +27,2 °C della massima). Normalmente le temperature diurne superano i 30 °C solo 3-4 volte nell'arco dell'intero mese di luglio, ma spesso l'umidità relativa atmosferica si mantiene alta anche nel pomeriggio, amplificando la sensazione di calura, che è mitigata solo dalle brezze marittime.

Nell'entroterra il clima è semi-continentale e più rigido, con valori medi invernali decisamente bassi, specie in alcune conche del versante padano della regione (media giornaliera di gennaio di 0 °C a Calizzano, +1,8 °C a Cairo Montenotte, +1,4 °C a Sassello, +1,5 a Masone, +2,2 °C a Busalla). Le minime medie di queste località sono comprese tra -2 e -5 °C, mentre i valori minimi stagionali attesi sono attorno ai -10 °C, anche se le temperature notturne possono scendere ben al di sotto di questo valore durante i periodi di gelo più intenso, in particolar modo in val Bormida e val d'Aveto: ad esempio Calizzano nell'ondata di gelo del 1985 sfiorò i -30 °C[senza fonte]. Viceversa le giornate estive sono calde, ma le medie giornaliere durante il trimestre estivo sono condizionate dalla forte escursione termica giornaliera e dalle temperature notturne piuttosto fresche (a Cairo Montenotte, 338 metri s.l.m., gli estremi minimi e massimi del mese di luglio sono compresi tra +15,0 °C della minima notturna e i +27,7 °C della massima diurna). Non è raro registrare minime di 5-6 °C nelle vallate interne anche in pieno luglio, specie nella piana di Rezzoaglio, dove possono anche verificarsi lievi brinate.

Limitandosi all'area costiera, le Cinque Terre, il golfo Paradiso fino ai quartieri più orientali di Genova (Quarto dei Mille, Quinto al Mare e Nervi), Pegli, la baia del Sole (Alassio e Laigueglia) e l'intera provincia di Imperia, riparati significativamente dagli elevati rilievi immediatamente retrostanti, risultano le zone più miti d'inverno.

La foce del fiume Magra, la città della Spezia, Genova Voltri, le due "Albissole" (Albissola Marina e Albisola Superiore), Savona e Vado Ligure, e le foci del Polcevera (Genova Sampierdarena) e del Bisagno (Genova Foce), risultano invece i territori con clima invernale meno favorevole perché collocati allo sbocco di grandi vallate che collegano il versante marittimo al bacino padano.

Il resto delle località della costa presenta temperature nel complesso similari, comunque molto miti per la latitudine ove posizionate.

Caratteristico è il fenomeno della macaia, che si origina soprattutto tra il tardo autunno, l'inverno e la prima parte della primavera in presenza dell'anticiclone subtropicale africano e di venti al suolo dai quadranti meridionali che fanno condensare l'umidità apportata sui vicini rilievi montuosi fino a formare un compatto strato di nuvolosità medio-bassa che può interessare senza soluzioni di continuità gran parte della riviera e dei versanti costieri della regione .

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Antica mappa del 1576 del territorio ligure

Percorso storico[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia della Liguria.

Gli antichi Liguri si sistemarono sul litorale mediterraneo dal Rodano all'Arno, ma successivamente le migrazioni celtiche, come pure le colonizzazioni di Fenici, Greci e Cartaginesi, rimpiazzarono in alcune aree i Liguri a partire dal IV secolo a.C.

La Liguria costiera è sottomessa ufficialmente dai romani soltanto durante il II secolo a.C., con varie sacche autonome che, date le caratteristiche del territorio, resisteranno al diretto controllo centrale ancora per qualche decennio. La Liguria corrispondeva alla IX regio Italiae come riporta Plinio (III, 5, 49): patet ora Liguriae inter amnes Varum et Macram XXXI Milia passuum. Haec regio ex descriptione Augusti nona est.

La parola Ligure / Liguria fu assegnata a questo popolo prima dai Greci, poi dai romani e ha il significato di luogo paludoso o acquitrino. In età classica centri importanti sono Genua, Savo, Vada Sabatia, Albium Intemelium, Albium Ingaunum, Lunae, quest'ultima nota ai giorni nostri con il nome di Luni perderà via via d'importanza sino al definitivo abbandono nel XIII secolo.

Il palazzo Ducale di Genova, antica residenza dei dogi durante l'epoca repubblica

Con la caduta dell'Impero romano dopo il V secolo si ebbe la devastazione da parte dei barbari (Eruli e Goti), tornata libera sotto i Bizantini dopo le guerre gotiche vi fu una breve ripresa che durò fino alla conquista longobarda del re Rotari del 641. Dopo i Franchi la Liguria è divisa attorno al X secolo in tre zone (marche): l'arduinica, l'aleramica e l'obertenga.

Successivamente sarà Genova ad affermarsi e via via a formare la futura Repubblica di Genova.

Il periodo storico più importante per la regione è il basso medioevo, con apice dalla metà del XIII secolo alla metà del XIV secolo (è possibile individuare l'inizio di una lunga decadenza al 1340, inquadrandola in ambito internazionale, con gli avvenimenti anatolici e la crisi delle vie commerciali asiatiche per via della fine della pax Mongolica e anche dell'arrivo dei Ming nel Catai).

La storia ligure in età medioevale va ricercata al di fuori della terraferma, piuttosto marginale per una comprensione ed uno studio d'insieme. In sintesi, la storia medioevale dei Liguri va cercata fuori dalla Liguria.

Essa si sviluppa, a partire dalla prima crociata, attorno alle attività - esplorative prima e commerciali poi - delle famiglie e degli alberghi per lo più genovesi, interessando comunque la vita degli individui di tutto il territorio regionale.

La forza economica della Repubblica marinara si manifesta con un impero coloniale ante litteram in senso fortemente e strettamente economico, con basi politiche fatte da una fitta rete di accordi politico-commerciali in tutto il Mar Mediterraneo ed il Mar Nero; dense sono le presenze mercantili liguri da Gibilterra sino all'Asia centrale, con testimonianze documentate in una miriade di porti e crocevia commerciali.

Per non citarne che i più importanti:

Cristoforo Colombo in una stampa del XVI secolo.

Come ha scritto Roberto Sabatino Lopez, gli albori delle marine reali inglese, spagnola e soprattutto francese hanno radici nella scuola ligure, con la chiamata di maestranze dalle Riviere atte a formare maestri d'ascia e arsenali indipendenti. La Liguria si è distinta anche in epoca mercantile e tardo medioevale per i suoi esploratori (come i fratelli Vivaldi, Leon Pancaldo, Lanzerotto Malocello, Antoniotto Usodimare, secondo recenti studi Giovanni Caboto, oltre ovviamente al più noto Cristoforo Colombo) e ammiragli (in primis Benedetto Zaccaria, poi Ansaldo De Mari, Oberto Doria, Oberto Spinola, sino ad Andrea Doria).

Sulla terraferma Genova prende gradualmente il controllo della maggior parte della Liguria, fino alla caduta dell'ultima città rimasta formalmente libera, Savona, nel 1528. Con la fine del mondo coloniale concomitante all'avanzata ottomana (caduta di Bisanzio nel 1453 e di Caffa nel 1475), inizia una nuova era. Il periodo che va da Carlo V / Andrea Doria sino agli inizi del XVII secolo, El siglo de los Genoeses, è caratterizzato dal potere finanziario dei banchieri genovesi e dai prestiti alla Corona di Spagna. A Seicento inoltrato inizierà una nuova e diversa lunga decadenza che si protrarrà per tutto il Settecento, sino al periodo napoleonico e alla Rivoluzione industriale, momento della rinascita.

A seguito dell'invasione francese delle truppe di Napoleone nel 1797, la Repubblica di Genova diventa Repubblica Ligure e poi viene annessa al territorio francese. La caduta del Bonaparte coinciderà con la fine dell'indipendenza della regione: dopo l'effimera Repubblica Genovese, del 1814, il Congresso di Vienna decreterà, malgrado i disperati tentativi diplomatici del Senato di salvare l'indipendenza e malgrado la ferma contrarietà popolare, l'annessione all'inviso Regno di Sardegna, da sempre in conflitto con il potere dogale.

Prima di lasciare Palazzo Ducale, i governanti genovesi emanarono il seguente Proclama:

« Informati che il Congresso di Vienna ha disposto della nostra Patria riunendola agli Stati di S.M. il Re di Sardegna, risoluti dall'una parte a non lederne i diritti imprescindibili, dall'altra a non usar mezzi inutili e funesti, Noi deponiamo una Autorità che la confidenza della Nazione e l'acquiescenza delle principali Potenze avevano comprovata.

Ciò che può fare per i diritti e la restaurazione de' suoi popoli un Governo non d'altro fornito che di giustizia e ragione, tutto, e la nostra coscienza lo attesta e le Corti più remote lo sanno, tutto fu tentato da noi senza riserva e senza esitazione. Nulla più dunque ci avanza se non raccomandare alle Autorità Municipali, Amministrative e Giudiziarie l'interino esercizio delle loro funzioni, al successivo Governo la cura delle truppe che avevamo cominciato a formare, e degl'impiegati che han lealmente servito: a tutti i Popoli del Genovesato la tranquillità, della quale non è alcun bene più necessario alle Nazioni. Riportiamo nel nostro ritiro un dolce sentimento di riconoscenza verso l'Illustre Generale che conobbe i confini della vittoria, e una intatta fiducia nella provvidenza Divina che non abbandonerà mai i Genovesi.

Dal Palazzo del Governo, li 26 dicembre 1814

Firmatari: Gerolamo Serra, Presidente del Governo e i senatori Francesco Antonio Dagnino, Ippolito Durazzo, Carlo Pico, Paolo Girolamo Pallavicini, Agostino Fieschi, Giuseppe Negrotto, Giovanni Quartara, Domenico Demarini, Luca Solari, Andrea Deferrari, Agostino Pareto, Grimaldo Oldoini. »

Termina così una storia millenaria di autonomo governo repubblicano. In età risorgimentale l'apporto dei liguri (Giuseppe Garibaldi, Giuseppe Mazzini, Goffredo Mameli, per non citarne che alcuni) sarà determinante per la formazione del Regno d'Italia.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Bandiera della Liguria.
Coat of arms of Liguria.svg
Regione-Liguria-Gonfalone.png
« Lo stemma della Regione, è costituito da una caravella stilizzata, marginata in nero e colorata in argento, con vela bianca inquartata da croce rossa con stelle d'argento nei riquadri »
(Descrizione araldica dello stemma[7])
« Il gonfalone della Regione, raffigurato nel bozzetto allegato sub B) che forma parte integrante della presente legge, è costituito da un drappo a bande verticali di eguale larghezza colorate, da sinistra verso destra, di verde, di rosso e di azzurro mare. Nel centro del gonfalone figura lo stemma della Regione con larghezza pari ai tre quinti della larghezza complessiva del drappo. All'innesto del puntale sull'asta del gonfalone è annodato un nastro con i colori della bandiera nazionale »
(Descrizione araldica del gonfalone[7])

Lo stemma è stato deliberato con la Legge Regionale n. 3 del 15 gennaio 1985[7].

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Aree naturali protette della Liguria.

La Liguria è una terra ricca di bellezze naturali in cui il connubio tra terra e mare rende particolarmente eterogenea la varietà di ecosistemi presenti nel suo territorio. Infatti sono presenti un parco nazionale[8], nove parchi regionali, tre riserve naturali e una nazionale ed infine dodici comunità montane[9] con cui la Liguria protegge pertanto il 12% del suo territorio[10], per una superficie complessiva di circa sessantamila ettari[11].

A queste istituzioni si deve aggiungere la celebre e antica Alta Via dei Monti Liguri (AVML)[12], un itinerario escursionistico lungo circa 440 km che percorre tutta la linea dorsale dell'Appennino Ligure partendo da Ventimiglia, al confine con la Francia, e arrivando a Ceparana, nella piana di Sarzana al confine con la Toscana. Nel 2007, con Legge Regionale n°34 del 15 novembre, è stato ufficialmente istituito il Parco naturale regionale delle Alpi Liguri avente una superficie di oltre 6 000 ettari e compreso tra la provincia di Imperia e il confine con la Francia. Attualmente[quando?] è in fase di istituzione il Parco naturale regionale del Finalese in provincia di Savona.

La tutela del mare è affidata a due aree marine protette e al celebre Santuario dei Cetacei, quest'ultimo a salvaguardia di un tratto di mare compreso tra il territorio francese (Costa Azzurra e Corsica) e il tratto italiano (Liguria e Toscana).

Parchi nazionali e regionali[modifica | modifica wikitesto]

Denominazione Zona geografica Comuni Ettari
Parco naturale regionale dell'Antola Provincia di Genova Busalla, Crocefieschi, Fascia, Gorreto, Montebruno, Propata, Ronco Scrivia, Rondanina, Savignone, Torriglia, Valbrevenna, Vobbia 4837
Parco naturale regionale dell'Aveto Provincia di Genova Borzonasca, Mezzanego, Ne, Rezzoaglio, Santo Stefano d'Aveto 3018
Parco naturale regionale del Beigua Provincia di Genova
Provincia di Savona
Arenzano, Campo Ligure, Cogoleto, Genova, Masone, Rossiglione, Sassello, Stella, Tiglieto, Varazze 8715
Parco naturale regionale delle Alpi Liguri Provincia di Imperia Cosio di Arroscia, Mendatica, Montegrosso Pian Latte, Pigna, Rezzo, Rocchetta Nervina, Triora 6041
Parco naturale regionale di Bric Tana Provincia di Savona Millesimo 170
Parco nazionale delle Cinque Terre Provincia della Spezia La Spezia, Levanto, Monterosso al Mare, Riomaggiore, Vernazza 3859
Parco naturale regionale di Montemarcello-Magra Provincia della Spezia 2726
Parco naturale regionale di Piana Crixia Provincia di Savona Piana Crixia 794
Parco naturale regionale di Portofino Provincia di Genova Camogli, Portofino, Santa Margherita Ligure 1056
Parco naturale regionale di Porto Venere Provincia della Spezia Porto Venere 279

Riserve naturali[modifica | modifica wikitesto]

Nel ponente ligure, soprattutto in provincia di Savona, si trovano tre riserve naturali regionali:

Nella Riviera Ligure di Levante è presente una riserva naturale in provincia di Genova. Nei confini territoriali del Parco naturale regionale dell'Aveto si trova la Riserva naturale Agoraie di sopra e Moggetto a 1.330 metri di altitudine e ubicata presso l'Appennino ligure emiliano. Estesa per 16 ettari è caratterizzata da quattro laghetti perenni del gruppo dei laghi delle Agoraie di Sopra. La vegetazione della riserva è caratterizzata da faggi e abeti, grazie al clima fresco e umido. Qui sono presenti numerose specie di anfibi come il tritone crestato e la rana temporaria.

Aree marine protette[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Immersioni nella Riserva marina di Portofino.

Due sono le riserve marine che tutelano i fondali della Liguria, ubicate nel levante ligure in provincia della Spezia e in provincia di Genova:

Mappa dell'Area marina protetta Cinque Terre.
  • L'Area marina protetta Cinque Terre[13], costituita da complessivi 4.591 ettari di estensione, si articola tra Punta Mesco e Riomaggiore. La costa è suddivisa in tre zone (A, B, C) diverse per grado di protezione e tutela. Caratteristiche dell'area sono le pareti di roccia a strapiombo sul mare e fondali rocciosi alternati a zone sabbiose. I fondali sono popolati da diverse praterie di gorgonie, anemoni e coralli, invece le aree più sabbiose ospitano la Posidonia oceanica.
Mappa dell'Area naturale marina protetta Portofino.

Occorre sottolineare che il Mar Ligure è anche parte del Santuario dei Cetacei.

Flora[modifica | modifica wikitesto]

La Liguria ha una superficie boschiva pari al 69% del proprio territorio, la più alta tra tutte le regioni italiane, la cui media è del 21%; l'alta percentuale causa però che questa regione subisca incendi boschivi frequentemente, appiccato con dolo nel 71% dei casi.

I più grandi patrimoni forestali sono ubicati nell'entroterra ligure. Imponenti sono le faggete che coprono i versanti appenninici più umidi, a partire dalla val di Vara, con le pregiate foreste del monte Gottero. Le foreste demaniali del monte Penna e delle Agoraie, ubicate nel Parco naturale regionale dell'Aveto, presentano l'associazione tra il faggio e l'abete bianco, tipica delle antiche foreste dell'Appennino Ligure.

La pineta del Capo presso Bordighera.

La faggeta del Colle del Melogno, vicino a Savona, è stata da alcuni anni riconverta all'alto fusto così come l'abetina di Gouta ad Imperia. Le foreste alpine nell'alta val Tanarello, Imperia, vede associare nelle quote inferiori il pino silvestre con il faggio, il larice alle pendici del monte Saccarello.

La flora ligure è di tipo mediterraneo, ma specie nel ponente ha accolto diverse associazione alpine alle quote più elevate simili ai territori provenzali o dei Pirenei. Molte specie sono state introdotte nei secoli dall'uomo come l'olivo, il castagno e il pino domestico, nella zona collinare prospiciente il mare le colture comprendono vite, olivo e alberi da frutta, nella fascia litoranea sono sporadicamente coltivati anche gli agrumi, soprattutto il limone. Nella Riviera dei Fiori sono celebri e conosciute le coltivazioni floricole all'aperto o in serra, attività che ancora oggi[quando?] alimenta l'economia della zona.

Lungo la costa, la macchia mediterranea comprende specie quali la ginestra, l'alaterno, il lentisco, il mirto, il corbezzolo e il leccio, albero che in passato formava estese foreste, in gran parte della regione, ad altitudini comprese tra il livello del mare e i 600–700 m, associazioni vegetali più rare e limitate alle zone più calde e aride delle due riviere sono quelle formate dall'olivastro, dal carrubo, cui talvolta si associa l'euforbia arborea; tra gli arbusti aromatici presenti nella regione vi sono il timo, l'alloro e il rosmarino. Nelle zone più ventose, su suoli poco evoluti è presente la gariga formata da arbusti bassi e legnosi. Nella fascia marittima e in quella collinare sono prevalenti pinete di pino marittimo e, più raramente, di pino d'Aleppo.

Dalla media collina sublitoranea fino a quote montane sono presenti vasti boschi di conifere, in gran parte di origine silvicolturale; si tratta di alberi come il pino nero (Pinus nigra) e l'abete rosso (Picea abies) che non appartengono alla flora ligure ma che sono stati introdotti in virtù della buona resa colturale e del pregio del legname e che ora, seppur naturalizzati, presentano problemi di adattamento al clima dei rilievi liguri (in genere troppo umido e soggetto a veloci e improvvisi sbalzi termici).

La passeggiata a mare di Rapallo, massiccia la presenza delle palme.

In altri casi, come avvenuto per il pinastro (Pinus pinaster) nelle aree collinari di tutta la regione e per il larice (Larix decidua) nelle zone alpine, si tratta certamente di specie appartenenti al dominio floristico ligure, ma che, favorite con tagli selettivi e forzate ben oltre il loro "climax vegetativo", crescono oggi[quando?] anche in zone che, per caratteristiche pedologiche e microclimatiche appaiono molto lontane dai loro contesti di diffusione originaria, che sarebbero la fascia collinare submediterranea delle due riviere, su substrati acidi (rari in regione) per il pinastro e il piano subalpino dei rilievi elevati delle Alpi liguri, in genere in esposizione settentrionale, nel caso del larice. Da ciò deriva quindi la marcata fragilità di molti ecosistemi forestali tipici dell'interno montuoso della regione.

Nelle località turistiche della costa - a partire dal XIX secolo - furono piantati alberi decorativi, per lo più originarie del nord Africa e delle regioni subtropicali dell'America del Nord, dell'Asia orientale e dell'Oceania, come molte specie di palme, oggi[quando?] diventate il simbolo della Riviera specie nel ponente ligure (Riviera delle Palme). Dalla regione asiatica provengono invece le piante di magnolia, anch'essa presente nei giardini della fascia costiera.

Il clima ligure ha favorito l'acclimatazione di tali specie, sostituendo a volte le piante mediterranee autoctone. Uno dei luoghi più esemplificativi sono i Giardini di Villa Hanbury vicino a Ventimiglia, creati da una famiglia originaria dell'Inghilterra nell'Ottocento. Furono introdotte quasi 5800 specie, ad oggi[quando?] ridotte a circa duemila. Tra le palme che ornano molte passeggiate a mare, la specie più comune è la Phoenix canariensis (dal fusto grande e tozzo), seguita dalla Phoenix dactylifera o Palma dei datteri dal fusto alto e sottile.

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

La fauna della regione è particolarmente interessante per la presenza di rari endemiti, specie adattate sul territorio o rimaste isolate per la frammentazione della loro area di distribuzione. Nel complesso le specie faunistiche sono quelle tipiche dell'area mediterranea risentendo molto la vicinanza con la regione francese della Provenza o della Toscana; annovera anche specie di più lontana origine, che dimostrano gli antichi e storici collegamenti con aree distanti e separate dal mare, come il Marocco, la Sardegna e la Corsica.

Il cinghiale.

Nell'estrema Riviera di Ponente sono presenti alcuni endemiti quali il colubro lacertino, il più grande serpente europeo, diffuso nell'Imperiese e nel Nizzardo, e della lucertola ocellata, un sauro dalla caratteristica livrea verde picchiettata a strie nere e con macchie rotonde azzurre sui fianchi detti ocelli. Nell'entroterra vi è la presenza del gallo forcello e vi sono popolazioni di camosci. Sul monte Saccarello tra Liguria e Francia è presente la marmotta, in seguito ad un intervento negli anni '70 da parte dei cacciatori (nonostante la specie non sia cacciabile).

Tra gli uccelli si segnalano il passero solitario, l'occhiocotto, la sterpazzolina, il picchio rosso maggiore, il torcicollo, il cuculo e il codirossone; massiccia la presenza del merlo, del fringuello, dello zigolo e del pettirosso.

Il lupo appenninico.

Folta la presenza dei rapaci notturni e diurni quali l'assiolo, la civetta, il barbagianni, l'allocco, il gufo comune e quello reale; della famiglia dei rapaci diurni si segnalano il biancone, la poiana, il gheppio, il nibbio bruno, il falco pecchiaiolo. Nelle zone tipicamente rocciose nidifica qualche rara coppia di aquila reale e del falco pellegrino (specie nelle coste del levante ligure), mentre nei fitti boschi cacciano l'astore e lo sparviero. Tra i rettili vi è possibile ammirare il biacco, la coronella girondica e la vipera. Tra gli anfibi la salamandra nera sostituisce, dopo la quota di 1800 metri, la salamandra pezzata; alcuni di questi anfibi urodeli popolano diverse grotte della regione.

Anticamente vi era una massiccia presenza del lupo, oggi specie animale quasi del tutto scomparsa. Da qualche anno vi è una ricomparsa della specie in seguito a progetti di ripopolamento. I boschi sono ora popolati da numerose famiglie di cinghiali che talvolta si spingono, per la ricerca di cibo, nei centri abitati. Recentemente alcuni abitanti del Parco naturale regionale di Portofino hanno segnalato all'ente gestore e all'autorità competente il problema che questi animali comportano alle coltivazioni. Non è raro infatti che essi riescano ad entrare in proprietà private, danneggiando orti e mangiando tutto il raccolto.

Ecologia[modifica | modifica wikitesto]

Dati sulla percentuale di raccolta differenziata:

Recycling symbol.svg 2005 2006 2007 2008 2009 2010
Regione Liguria[15] 15,7% 16,7% 19% 21,8% 24,4% 25,6%

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo "di rappresentanza" della Regione Liguria, situato in piazza De Ferrari a Genova; il Consiglio Regionale si riunisce, invece, nel palazzo di via Fieschi 15.

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1º gennaio 1948, ex art. 131 della Costituzione, la Liguria è una regione ad autonomia ordinaria della Repubblica Italiana, ma solo con la legge 281 del 1970 furono attuate le sue funzioni.

La regione è divisa in 4 province e 235 comuni:

Presidenti della Regione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Presidenti della Liguria.

A seguito delle elezioni regionali del 28-29 marzo 2010, Claudio Burlando del partito Partito Democratico è stato eletto Presidente della Regione.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al valor militare.svg
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Città decorate al valor militare per la guerra di liberazione.

In Liguria molte sono le istituzioni insignite di alte onorificenze, soprattutto in virtù dei sacrifici della popolazione locale durante la seconda guerra mondiale e soprattutto durante il periodo della Resistenza antifascista.

Le principali onorificenze sono state assegnate in epoca repubblicana alle seguenti istituzioni:

Alla Regione, conferita l'11 ottobre del 2010:

Medaglia al merito di I classe della Protezione Civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia al merito di I classe della Protezione Civile
«Per la partecipazione all'evento sismico del 6 aprile 2009 in Abruzzo, in ragione dello straordinario contributo reso con l'impiego di risorse umane e strumentali per il superamento dell'emergenza.»
— D.P.C.M. 11 ottobre 2010, ai sensi del ai sensi dell'art. 5, comma 5, del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 19 dicembre 2008.

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Vista del Biscione, quartiere di Genova, uno dei simboli dell'espansione edilizia cittadina.

La popolazione ligure è concentrata principalmente nei medi e grandi centri costieri, distribuiti su entrambe le riviere.

Una buona parte della popolazione, però, vive in medi e piccoli comuni dell'entroterra. Questa regione si caratterizza per la presenza di rilievi e l'assenza di vaste vallate che favoriscano l'insediamento. I centri si arroccano su colline e montagne e mediamente hanno poche centinaia di abitanti. Densità maggiori si hanno invece nelle due vallate che dal mare arrivano rispettivamente a Ronco Scrivia e a Cairo Montenotte (quest'ultimo il centro più popolato dell'interno). Per quanto riguarda i servizi, i comuni di queste regioni fanno ovviamente riferimento ai grandi centri costieri, ma talvolta anche alle città piemontesi.

Da diversi anni la Liguria, come noto, ha il primato nazionale dell'indice di invecchiamento. I decessi superano nettamente le nascite, causando gravi conseguenze sul piano sociale. Nemmeno il notevole flusso migratorio degli ultimi decenni (comunque più limitato rispetto alle altre regioni del nord) è riuscito a ribaltare la situazione che comunque è in miglioramento (seppur minimo) rispetto ad alcuni anni fa.

Nel 2010[16] i nati sono stati 11.983 (7,4‰), i morti 21.474 (13,3‰), con un incremento naturale di -9.491 unità rispetto al 2009 (-5,9‰). Il 31 dicembre 2010, su una popolazione di 1.616.788 abitanti, si contavano 125.320 stranieri (7,8%). Le famiglie contano in media 2,03 componenti.

Andamento demografico per provincia (ISTAT, 31-12-2010)
Provincia Nati Morti Incremento naturale
Genova 7,6‰ (6.681) 13,6‰ (12.015) -6,0‰ (-5.334)
Imperia 7,3‰ (1.620) 12,7‰ (2.814) -5,4‰ (-1.194)
La Spezia 7,2‰ (1.612) 13,6‰ (3.039) -6,4‰ (-1.427)
Savona 7,2‰ (2.070) 12,5‰ (3.606) -5,3‰ (-1.536)
Rapallo
Chiavari
Ventimiglia

Dal secondo dopoguerra terra di immigrazione, prima dall'Italia meridionale, oggi dall'estero, la Liguria in passato fu una regione depressa dal punto di vista economico e nel XIX e nel XX secolo migliaia di persone si spostarono verso le Americhe dove sono ancora presenti consistenti comunità liguri (Cile e Argentina soprattutto). Probabilmente il fenomeno fu favorito dalla presenza del porto di Genova, punto d'imbarco per gli emigranti del Norditalia.

Con il boom del dopoguerra la situazione si invertì e la regione, con il porto di Genova, divenne uno dei vertici del triangolo industriale. Notevole fu allora lo sviluppo edilizio lungo la costa che spesso deturpa l'ambiente e il paesaggio. La città che forse meglio rappresenta questo grave problema è Rapallo, nel Tigullio, dove la grande espansione edilizia ha stravolto molte zone periferiche della cittadina, non prevedendo, tra l'altro, i problemi legati al traffico. Il caso porterà i media a coniare il verbo rapallizzare, ossia costruire in modo anomalo e senza controllo. Anche la stessa Genova fu coinvolta nel fenomeno negli anni sessanta e settanta. Alcuni studiosi hanno affermato che il diminuire della popolazione può essere addirittura vantaggioso per risolvere la forte pressione antropica sul territorio.

Se in passato la tendenza era quella di abbandonare il piccolo comune natio per recarsi, sempre per il problema lavorativo, ad un centro maggiore come i comuni costieri, oggi si sta verificando l'effetto contrario, cosa per altro tipica delle grandi aree metropolitane di tutto il mondo occidentale. Sono sempre più le famiglie che lasciano le grandi città, talvolta congestionate per l'intensa urbanizzazione, per trasferirsi nei comuni del circondario[17].

Aree urbane con più di 20.000 abitanti[modifica | modifica wikitesto]

Nella regione esistono 15 principali comprensori geografici che suddividono l'intero territorio[18]. Quasi tutti i comprensori geografici hanno al loro interno, o si identificano con, una principale area urbanizzata. Tuttavia in alcuni casi si presentano delle particolarità: il comprensorio del "Tigullio" include tre distinte aree urbane, così come nel comprensorio del "Finalese" si presentano due aree urbane continue ma distinte tra loro.

Tranne la Val di Magra, la Val di Vara, la Val Bormida, le altre 12 aree si trovano tutte lungo la costa e coprono l'intero litorale ligure, da ovest ad est.

Secondo le pubblicazioni ufficiali dell'istituto statistico Cityrailways, sulla distribuzione urbana della popolazione in Italia, l'urbanizzazione incontrollata ha contribuito a far parlare dell'Area Metropolitana della Liguria Centrale, che ha come perno la Città Metropolitana di Genova e comprende anche le aree del comprensorio Savonese, della Val Bormida, del Tigullio e, in una visione ancor più allargata verso un unico grande territorio con forti integrazioni logistiche-produttive, anche l'Oltregiogo, per una popolazione complessiva che conta 1.510.781 abitanti in una superficie di 4.164,60 km².

Area Urbana Stemma Città Provincia Pop. com.le (31/12/10) Pop. area urb. Caselli autostradali
1 Agglomerato Urbano di Genova[19] Genova-Stemma.png Genova Provincia di Genova 607.906 800.709[20]

AB-AS-grün.svgArenzano AB-AS-grün.svgGE A10-A26 AB-AS-grün.svgMasone AB-AS-grün.svgGE Voltri AB-AS-grün.svgGE Pegli AB-AS-grün.svgGE Aeroporto AB-AS-grün.svgGE Ovest Italian traffic signs - strada extraurbana principale.svgSopraelevata AB-AS-grün.svgGE A10-A7 AB-AS-grün.svgGE Bolzaneto AB-AS-grün.svgBusalla AB-AS-grün.svgRonco Scrivia AB-AS-grün.svgIsola del Cantone AB-AS-grün.svgGE A7-A12 AB-AS-grün.svgGE A10-12 AB-AS-grün.svgGE Est Italian traffic signs - strada extraurbana principale.svgPedemontana AB-AS-grün.svgGE Nervi AB-AS-grün.svgRecco

2 Golfo dei Poeti La Spezia-Stemma.png La Spezia Provincia della Spezia 95.378 123.678[21]

AB-AS-grün.svgLa Spezia A12-A15 AB-AS-grün.svgLAB-AS-grün.svgraccordo de La Spezia-Uscita Lerici-Porto AB-AS-grün.svgraccordo de La Spezia-Uscita La Spezia Centro

3 Agglomerato Urbano di Savona[22] Savona-Stemma.png Savona Provincia di Savona 62.553 116.960[23]

AB-AS-grün.svgSpotorno AB-AS-grün.svgSavona-Vado Italian traffic signs - strada extraurbana principale.svgRaccordo di Savona AB-AS-grün.svgSavona A10-A6 AB-AS-grün.svgAlbisola AB-AS-grün.svgCelle Ligure AB-AS-grün.svgVarazze

4 Sanremo-Argentina Sanremo-Stemma.png Sanremo Provincia di Imperia 56.962 85.177[20]

AB-AS-grün.svgSanremo Italian traffic signs - strada extraurbana principale.svgVariante Taggia-Sanremo Aurelia BisAB-AS-grün.svg Taggia Italian traffic signs - strada extraurbana principale.svgCirconvallazione Argentina

5 Val di Magra[24] Sarzana-Stemma.png Sarzana Provincia della Spezia 21.979 77.771[24]

AB-AS-grün.svgSarzana AB-AS-grün.svgTangenziale Di La Spezia-Uscita Vezzano Ligure

6 Imperia-Golfodianese Imperia-Stemma.png Imperia Provincia di Imperia 42.667 68.121[20]

AB-AS-grün.svgImperia Ovest AB-AS-grün.svgImperia Est AB-AS-grün.svgSan Bartolomeo al Mare

7 Ingauno[25] Albenga-Stemma.png Albenga Provincia di Savona 24.378 63.080[26]

AB-AS-grün.svgAndora AB-AS-grün.svgAlbenga-Aeroporto- Italian traffic signs - strada extraurbana principale.svgVariante Alassio-Aeroporto-Albenga Aurelia Bis

8 Conurbazione di Ventimiglia[27] Ventimiglia-Stemma.png Ventimiglia Provincia di Imperia 25.675 53.549[20]

Tabliczka FR A8.svgConfine di Stato AB-AS-grün.svgVentimiglia Italian traffic signs - strada extraurbana principale.svgVentimiglia Bretella SS.20 Col di Tenda Italian traffic signs - strada extraurbana principale.svgVentimiglia SS.20 Centro Città AB-AS-grün.svgBordighera

9 Medio Tigullio[Nota 1] Chiavari-Stemma.png Chiavari Provincia di Genova 27.815 52.501[28]

AB-AS-grün.svgChiavari AB-AS-grün.svgLavagna

10 Golfo del Tigullio[Nota 1] Rapallo-Stemma.png Rapallo Provincia di Genova 30.785 43.771[29]

AB-AS-grün.svgRapallo

11 Val Bormida[25] Cairo Montenotte-Stemma.png Cairo Montenotte Provincia di Savona 13.695 40.412[30]

AB-AS-grün.svgAltare-Carcare-Cairo M. AB-AS-grün.svgMillesimo

12 Conurbazione di Loano[Nota 2] Loano-Stemma.png Loano Provincia di Savona 11.638 39.166[31]

AB-AS-grün.svgBorghetto Santo Spirito AB-AS-grün.svgLoano AB-AS-grün.svgPietra Ligure

13 Basso Tigullio[Nota 1] Sestri Levante-Stemma.png Sestri Levante Provincia di Genova 18.811 32.520[32]

AB-AS-grün.svgSestri Levante

14 Val di Vara Varese Ligure-Stemma.png Varese Ligure Provincia della Spezia 2.151 30.275[33]

AB-AS-grün.svgCarrodano AB-AS-grün.svgBrugnato

15 Agglomerato Urbano di Finale Ligure[Nota 2] Finale Ligure-Stemma.png Finale Ligure Provincia di Savona 11.638 21.937[34]

AB-AS-grün.svgFinale Ligure AB-AS-grün.svgOrco Feglino

  1. ^ a b c Il comprensorio geografico del “Tigullio” si divide urbanisticamente in tre territori facenti capo a Rapallo, Chiavari e Sestri Levante
  2. ^ a b Area urbana compresa nello stesso comprensorio geografico del “Finalese”

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2011[35] i cittadini stranieri residenti in Liguria sono 111.971, pari al 7,14% della popolazione regionale.

I numeri più alti di stranieri residenti si sono registrati nei quattro capoluoghi provinciali[35] e nei comuni di Sanremo (4.272) e Rapallo (2.555)[35], rispettivamente la quarta e la sesta città della Liguria per numero di abitanti.

Il comune di Airole si conferma l'ente comunale dove la percentuale di residenti stranieri, rispetto alla popolazione italiana, è più alta in tutta la regione con il dato del 26,20%[35]. Montegrosso Pian Latte e Rondanina sono gli unici comuni dove non sono registrate presenze straniere[35].

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Il 96,1% dei liguri risulta essere battezzato come cattolico. Il 3,7% della popolazione ha scelto di donare l'8x1000 alla Comunità Valdese. La diocesi dove si riscontrano più battezzati cattolici è quella di Chiavari (99,7%), quella con minor numero di battezzati è quella di Genova (93,0%).
Sono presenti in Liguria, comunità di Evangelici, Battisti, Valdesi, Testimoni di Geova, Ortodossi, Mussulmani, Buddisti, Induisti ed Ebrei.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Dati economici[modifica | modifica wikitesto]

In linea generale l'economia della Liguria è basata su aspetti particolari dei tre settori produttivi, generalmente correlati tra loro. Il settore primario si basa sostanzialmente su un'agricoltura di qualità, con produzioni specifiche e con garanzie di controllo particolari, ma anche su attività di allevamento (nell'entroterra) e di pesca lungo le coste.

L'industria ligure è generalmente associata ai grandi poli produttivi che sorgono nelle periferie dei maggiori centri urbani come i capoluoghi di provincia. Questo aspetto ha senz'altro contribuito allo sviluppo dall'attività degli importanti porti di Genova, La Spezia e Savona, che hanno dato impulso al commercio marittimo, all'attività cantieristica navale e anche al turismo. L'importazione di materie prime attraverso i porti ha sviluppato quindi l'industria siderurgica, petrolchimica, chimica e metalmeccanica.

Di seguito la tabella che riporta il PIL ed il PIL procapite[36], prodotto nella Liguria dal 2000 al 2006:

2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006
Prodotto Interno Lordo
(Milioni di Euro)
33.669,8 35.534,7 36.053,6 37.218,6 38.644,1 39.913,5 41.004,5
PIL ai prezzi di mercato per abitante
(Euro)
21.264,2 22.568,9 22.948,0 23.633,8 24.382,7 24.927,3 25.484,5

Di seguito la tabella che riporta il PIL[36], prodotto in Liguria ai prezzi correnti di mercato nel 2006, espresso in milioni di euro, suddiviso tra le principali macro-attività economiche:

Macro-attività economica PIL prodotto % settore su PIL regionale % settore su PIL italiano
Agricoltura, silvicoltura, pesca € 611,9 1,49% 1,84%
Industria in senso stretto € 4.030,7 9,83% 18,30%
Costruzioni € 2.261,8 5,52% 5,41%
Commercio, riparazioni, alberghi e ristoranti, trasporti e comunicazioni € 10.285,0 25,08% 20,54%
Intermediazione monetaria e finanziaria; attività immobiliari ed imprenditoriali € 10.898,9 26,58% 24,17%
Altre attività di servizi € 8.512,1 20,76% 18,97%
Iva, imposte indirette nette sui prodotti e imposte sulle importazioni € 4.404,2 10,74% 10,76%
PIL Liguria ai prezzi di mercato € 41.004,5

Il confronto tra il dato regionale e il dato nazionale, espressi in termini percentuali, permette di apprezzare come l'economia ligure sia pienamente entrata in una fase post-industriale, dove l'industria pesa sul dato regionale ormai la metà del dato nazionale, essendosi spostato il peso economico sul settore dei servizi, commercio e turismo in primis.

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

Viticoltura sui terrazzamenti delle Cinque Terre.

La morfologia territoriale ligure condiziona pesantemente la natura delle produzioni agricole e quindi l'utilizzo stesso della terra, limitato alla costa e poche regioni dell'entroterra.

Un caso tipico è quello delle Cinque Terre, dove si è sviluppata l'arte di costruzione dei muri a secco, grazie ai quali si è costituito il tipico terrazzamento ligure, base delle coltivazioni rivierasche.

Si producono frutta, olive, e soprattutto fiori. La coltivazione floreale (più sviluppata nella Riviera di Ponente) corrisponde a circa metà dell'intera produzione nazionale; a questo si deve il fatto che l'A10 sia stata battezzata "Autostrada dei fiori".

L'agricoltura prevede per la maggior parte una produzione ortofrutticola (tradizionale), olivicoltura (specie nelle zone di Leivi, Lavagna e Sestri Levante) e alberi da frutta (limoni, pesche, albicocche) e viticoltura (Moscato bianco, il Ciliegiolo, la Bianchetta Genovese e Vermentino). La maggior parte di produzione vinicola si concentra nella provincia spezzina dove i principali vitigni sono sangiovese, ciliegiolo e canaiolo per le uve nere, bosco, albarola, trebbiano e vermentino per le uve bianche.

Significativo è l'esempio che fornisce il distretto della Val di Vara, in cui si è potenziata la pratica di agricoltura biologica, fino a divenire la quasi totalità della produzione locale, tanto da conferire l'appellativo di "Valle del Biologico". Qui è molto fiorente la zootecnica, allevamento bovino al pascolo sia da carne che da latte.

Unica in tutta la Liguria per espansione è la piana di Albenga, diventata il punto di maggiore produzione agricola. Famosa nei secoli passati per la produzione della canapa, oggi[quando?] troviamo come maggiori e più tipiche produzioni il basilico, il cuor di bue, l'asparago violetto, il carciofo e la zucca trombetta. Oltre a questi la piana di Albenga produce molte aromatiche in vaso, insieme a coltivazioni floreali quali ciclamini, stella di Natale e Margherita.

Industria ed energia[modifica | modifica wikitesto]

I cantieri navali Fincantieri di Riva Trigoso.

In Liguria hanno sede alcuni tra i più importanti centri produttivi industriali nazionali soprattutto nel settore della meccanica e della cantieristica. Tra i principali vi sono:

Naturalmente alla presenza di tali centri produttivi consegue una miriade di attività imprenditoriali ed artigianali dell'indotto cantieristico e meccanico.

Tuttavia le criticità economiche liguri sono da addebitarsi principalmente al fatto che il comparto industriale, tradizionalmente a partecipazione pubblica, che aveva dominato l'economia ligure fino agli anni settanta, è entrato in crisi, lasciando al contempo una significativa eredità negativa in termini di impatto ambientale. Gli spazi ristretti rendono inoltre difficile l'espansione dei porti. La scarsità numerica della popolazione contribuisce alle difficoltà legate alla ripresa. Infine, sebbene la regione possa vantare una ricchezza diffusa abbastanza importante, molti capitali sono oggi[quando?] dirottati su rendite o trasferiti nel vicino Principato di Monaco.

I settori industriali ad alta tecnologia sono una delle poche realtà emergenti dell'economia della regione. In tal senso è stato costituito alla Spezia il distretto nautico, una realtà settoriale in espansione, che ha visto la necessità di aggregare in un unico distretto le realtà produttive in materia di nautica da diporto.

Nei comuni montani, maggiormente in Val Fontanabuona, è molto fiorente e redditizia l'estrazione e la lavorazione dell'ardesia, chiamata la pietra nera, esportando prodotti (tra i più richiesti i biliardi) in tutta Italia ed in Europa conquistando quasi interamente il settore ardesiaco. Altre attività presenti nelle vallate genovesi sono dedite alle lavorazioni della plastica, del legno e della carta. Ad Albissola Marina e Albisola Superiore, caratteristica e tipica è la lavorazione della ceramica, dove piccole e medie attività locali adempiono alla produzione e alla vendita diretta di tali oggetti della pregiata e antica materia.

Tra le regioni la Liguria è al 19º posto in Italia per produzione lorda di energia idroelettrica (187,2 GWh), all'11º posto per la produzione di energia termoelettrica (11.227,5 GWh), al 9º per l'energia eolica (8,4 GWh) ed al 17º posto da biomasse (45,4 GWh)[37].

Le centrali termoelettriche presenti nel territorio sono:

  • A Genova sorge un impianto di produzione termoelettrica[38], situato all'interno del porto della città, tra il molo San Giorgio ed il molo ex Idroscalo ed attualmente[quando?] in concessione all'ENEL, capace di produrre circa 300 MegaWatt di potenza con combustione ad olio/carbone[39].
  • Alla Spezia è presente la centrale termoelettrica ENEL "Eugenio Montale"[40], un impianto con in esercizio un solo gruppo termoelettrico tradizionale policombustibile, per una potenza complessiva di circa 1300 MegaWatt.
  • A Vado Ligure è presente una centrale termoelettrica Tirreno Power S.p.a. in cui sono operative due unità con combustione ad olio/carbone per una produzione di circa 660 MegaWatt[41].
Il rigassificatore di Panigaglia.

In Liguria c'è una continua ricerca di produzione di energia attraverso fonti rinnovabili[42]:

  • A Varese Ligure (SP) è presente la più potente centrale elettrica eolica in Italia, un impianto che genera una potenza di circa 6,5 GigaWatt l'anno[43].
  • A Bergeggi (SV) sono state realizzate alcune centrali fotovoltaiche connesse con un parco mezzi (auto, moto, pulmini e biciclette) a propulsione elettrica;
  • A Mendatica (IM) è presente una piccola centrale idroelettrica che soddisfa il territorio comunale e rappresenta il principale introito delle casse comunali.[senza fonte]
  • A Sesta Godano (SP) è attiva la centrale idroelettrica in località Ponte Margherita.attualmente attivo[quando?]

Sul Golfo di La Spezia si affaccia il primo impianto di rigassificazione del gas naturale liquefatto (GNL) realizzato in Italia, il rigassificatore di Panigaglia. L'impianto spezzino, di proprietà di GNL Italia del gruppo Snam, ha capacità di 2 Gm³/anno ed è situato in una baia sulla costa ponentina del golfo, nel territorio comunale di Porto Venere.

La proprietà, nel giugno 2007, ha presentato un progetto di rammodernamento dell'impianto che prevede, tra l'altro, di aumentare la capacità produttiva dell'impianto stesso più del doppio della capacità attuale, sollevando enormi polemiche sul territorio e manifestazioni degli abitanti. Al settembre 2007, tutti i comuni del golfo spezzino (Lerici, La Spezia e Porto Venere) si sono dichiarati contrari a qualsiasi ipotesi di ampliamento dell'impianto.

Principali aziende operanti in regione[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Genova e Tigullio Provincia della Spezia Provincia di Savona Provincia di Imperia
Porti industriali Porto di Genova Porto della Spezia Porto di Savona-Vado -
Metalmeccanica, metallurgia, siderurgia, petrolchimica Cantieri Navali Assonave Fincantieri
Cantieri Navali Ancanap Fincantieri
Ansaldo Energia
Whitehead Alenia Sistemi Subacquei
Orizzonte Sistemi Navali
Techint
SO.GE.PA
Fisia
Paul Wurth
Piaggio Aero Industries
Erg
Raffinerie Iplom di Busalla
Cantieri Navali Assonave Fincantieri
Cantieri Navali Ancanap Fincantieri
OTO Melara
Termomeccanica
Intermarine
Cantieri Navali Baglietto
San Giorgio
Cantieri Navali Ancanap Fincantieri
Cantieri Navali Baglietto
Azimut Yachts
Piaggio Aero Industries
Ferrania
Erg Petroli
Sarpom
Depositi Costieri S.p.a.
Esso Italiana S.r.l.
Bombardier Transportation Italy
Bitron Savona
Metallurgica ValRoya
Produzione elettrica Centrale Termoelettrica ENEL "Molo San Giorgio" Centrale termoelettrica Eugenio Montale
Rigassificatore di Panigaglia
Centrale Elettrica Eolica di Varese Ligure
Centrale Idroelettrica di Sesta Godano
Centrale Termoelettrica Tirreno Power
Parco Eolico Cinque Stelle
Parco Eolico La Rocca
Parco Eolico Valbormida
Parco Eolico Pian dei Corsi
Impianto ad energia eolica di Osiglia
Centrale Idroelettrica di Osiglia
Diga Idroelettrica dell'Antenna
Centrale a Biogas Ecosavona
Edison S.p.a.
Centrale a Biomasse di Ventimiglia
Manifatturiera Saponificio Valobra Lavorazione marmi di Levanto Ceramiche di Albissola
Saponifici Gavarry
Sapone di Savona
Mercato dei Fiori di Bussana
Lavorazione prodotti tipici
Alimentare Saiwa
Elah-Dufour
Ceres Beer
Cellini Caffè (Ekaf)
Salame di Sant'Olcese
Lavorazione pesto e altri prodotti tipici
Focaccia di Recco al Formaggio
Panarello
Grondona
Latte Tigullio
Caffè Crastan
Baldassini
Isnardi sottolii
Chinotto di Savona
Orsero
Del Monte
Minuto Caffè
Nordiconad
Novi
Salumificio Albino Chiesa
Olio Sommariva
Dolciaria (Besio 1860, Amaretti Virginia, Amaretti Giacobbe, Amaretti Isaia, Amaretti Vittoria)
Latte Frascheri
Latte Mu
Centro Latte Savona
Acqua Fonte Vallechiara
Fruttital Distribuzione
Fassi
Olio Carli
Olio Sasso
Olio Ardoino
Olio Isnardi
Olio San Lorenzo
Pasta Agnesi
Latte Alberti
Noberasco
Tessile Cressi Sub
Zena Abbigliamento
Technosub
Mares
- - -
Editoriale De Ferrari Editori
ERGA editoria /> Fratelli Frilli Editori
Sagep
- Sabatelli Editore Petrilli International Print
Produzioni giornalistiche e televisive Il Secolo XIX
Il Corriere Mercantile
Primocanale / Radio Babboleo / Telenord
Tele Liguria Sud Radio Onda Ligure 101 -
Trasporti e intrattenimento Acquario di Genova
Costa Crociere
Festival Crociere
Grandi Navi Veloci
Battellieri del Golfo Costa Crociere
Parco Acquatico Le Caravelle
Casinò Municipale di Sanremo
Sanremo Promotion
Terme di Pigna
Servizi bancari e assicurativi Gruppo Banca Carige
Banco di San Giorgio
Banca Passadore
Banco di Chiavari e della Riviera Ligure
Carige Assicurazioni
Casalegno Assicurazioni
Queirolo & Associati Assicurazioni
Banca Carispe / Banca di Credito Cooperativo di Sarzana e Versilia Banca Carisa Banca di Caraglio, del Cuneese e della Riviera dei Fiori
Alta tecnologia Alenia Marconi Systems S.p.A.
Elsag Datamat
Selex Communications
Esaote S.p.A.
Siemens - Centro di Ricerca
Microsoft - Centro di Ricerca /> Istituto Italiano Tecnologie / Centro Biotecnologie Avanzate / Istituto Nazionale di Fisica della Materia
ENEA /> Distretto delle Tecnologie Marine Siemens - Centro di Produzione
Ferrania Solis
Demont
-

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

La baia di Portofino.

Il turismo è una delle attività economicamente più rilevanti per la Liguria[44]. Il clima mite, i paesaggi rinomati come Portofino, le Cinque Terre o Porto Venere, la diversificazione delle offerte e la qualità dei servizi attirano turisti sia dall'Italia che dall'estero. Gli arrivi turistici nel 2007 sono stati di 2.412.238 italiani e 1.203.730 stranieri[45].

La maggior parte dei flussi turistici avvengono nella stagione estiva, in cui è possibile usufruire e godere degli innumerevoli chilometri di spiagge e di servizi balneari[46]. Il turismo di massa (che fa sì che in estate la regione arrivi a triplicare la propria popolazione) ha causato notevoli danni ambientali, come la cementificazione delle coste (fenomeno noto in Liguria come rapallizzazione, da Rapallo, uno dei luoghi turistici tradizionali).

Tuttavia in Liguria è possibile trovare, oltre al classico turismo stagionale, proposte tra le più disparate, come il pescaturismo o l'agriturismo, ovvero forme di soggiorno in cui è possibile contribuire all'attività di pesca o agricola insieme a gente del mestiere. Il turismo in Liguria offre molte possibilità culturali, sia estemporanee (mostre, convegni, festival e feste), sia la visita dei borghi e dei luoghi storici della regione.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade ed autostrade[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sistema viario di Genova#Nodo autostradale.
Viadotto autostradale dell'Autostrada A12 nei pressi di Nervi.

Le arterie autostradali che attraversano, o collegano la Liguria ai territori limitrofi, sono:

Esse sono collegate alle tangenziali e alle circonvallazioni dei principali centri urbani della regione, costituite da delimitate tratte autostradali, da superstrade, o da alcuni segmenti di strade statali o provinciali.

Le principali strade statali sono:

Linee ferroviarie[modifica | modifica wikitesto]

La linea ferroviaria Genova-Casella.

La rete infrastrutturale ferroviari ligure è indubbiamente condizionata dalla morfologia territoriale della regione; infatti le linee ferroviarie si adattano all'asperità del terreno, formando una dorsale che percorre tutta la costa (ad eccezione delle connessioni con le regioni limitrofe). Le linee ferroviarie liguri sono:

Porti e aeroporti[modifica | modifica wikitesto]

La Liguria presenta nelle due riviere di ponente e levante numerosi porti turistici. Alcuni di questi presentano un buon livello di posti barca e ormeggi, premiati ogni anno con la Bandiera Blu.

Il porto turistico di Lavagna, il maggiore della Liguria.

Tra i principali scali[47] della Riviera di Ponente si trovano in provincia di Imperia i porti turistici di Ventimiglia (in costruzione), Bordighera (250 posti), Sanremo (903 posti), Arma di Taggia (204 posti), Riva Ligure (120 posti), Santo Stefano al Mare (Marina degli Aregai 974 posti), San Lorenzo al Mare (100 posti), Imperia (651 posti), Diano Marina (270 posti) e San Bartolomeo al Mare (170 posti).

In provincia di Savona sono i maggiori quelli di Andora (Marina di Andora 800 posti), Alassio (400 posti), Loano (1057 posti[48]), Finale Ligure (550 posti), Vado Ligure, Celle Ligure (80 posti) e Varazze (800 posti).

Nella provincia genovese quelli di Arenzano (186 posti), Camogli, Portofino (270 posti), Santa Margherita Ligure (350 posti), Rapallo (401 posti), Chiavari (459 posti), Lavagna (1600 posti) e Sestri Levante (20 posti). Il porto di Lavagna si conferma il maggiore porto turistico della Liguria e d'Italia, e nuovi lavori di ampliamento completati nel 2007 hanno permesso che il porto sia classificato come uno dei maggiori del mar Mediterraneo per posti barca.

Ad est della regione, in provincia della Spezia, i maggiori sono quelli di Levanto (80 posti), Monterosso al Mare (53 posti), Vernazza, Porto Venere (Marina del Fezzano 263 posti), Bocca di Magra (230 posti) e Sarzana (150 posti).

Porto di Genova[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Porto di Genova.
Il porto di Genova.

Il più importante d'Italia e uno dei maggiori in Europa è quello di Genova, forte motore dell'attività economica e commerciale del capoluogo ligure. Il porto è situato in un'ansa protetta del mar Ligure, occupando all'incirca cinquecento ettari di superficie a terra e altrettanti nello specchio mare antistante.

Si estende per un totale di oltre venticinque chilometri lungo una fascia costiera che partendo dalla delegazione genovese di Pra', arriva nel cuore del Porto Antico. Nella zona portuale è situata la celebre Lanterna di Genova, costituita da un'alta torre quadrangolare a due piani, con terrazzi di colore grigio; l'altro è a Punta Vagno, posizionato su una torre cilindrica bianca.

Lo scalo portuale permette di ospitare oltre duecento navi, favorendo i traffici e gli scambi commerciali, tanto da essere classificato come uno dei maggiori scali marittimi del mar Mediterraneo e al vertice per volumi di traffico merci. Poco oltre il bacino petrolifero di Pegli è ubicato sul mare il moderno aeroporto Cristoforo Colombo. Ai terminal destinati esclusivamente al trasporto delle merci, bisogna aggiungere all'immensa area portuale il rinnovato terminal crociere - presso lo storico e celebre Ponte dei Mille - e il terminal traghetti di recente costruzione.

Porto di Savona[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Porto di Savona.
Una foto del porto di Savona risalente al 2002

Il porto comprende nel complesso due bacini, uno a Savona e l'altro nella vicina Vado Ligure distanziati tra loro circa quattro chilometri. Insieme formano un punto di snodo per i mercati del Sud Europa, al 2011 occupano, per volume di traffico, la tredicesima posizione fra gli scali portuali italiani (Lista dei porti italiani per flusso di merci).

In passato fu un importante scalo marittimo per il Piemonte e per il Ducato di Savoia, alleanza che porterà la Repubblica di Genova ad interrarne il porto più volte, ha una lunga tradizione nel settore dell'acciaio e dei prodotti forestali - molte infatti nel territorio provinciale le industrie e le vaste aree boschive - nonché un'importante scalo per i traffici di autovetture.

L'inaugurazione nel 2003 del nuovo Palacrociere ha permesso di aumentare il numero di passeggeri in transito,dai 200 000 del 2003 fino ai circa 750 000 del 2008 (di cui circa 500 000 tra partenze e arrivi)[49]. L'effetto di questo aumento di traffico a Savona è stato principalmente avvertito a Genova, che ha registrato un aumento di prenotazioni per la visita guidata[49]. A Savona, invece, rimangono i problemi ambientali e di viabilità connessi all'avere un porto passeggeri a poche centinaia di metri dai "carruggi" del centro storico. Il vicino porto di Vado Ligure, oramai inglobato assieme a quello savonese, è un punto di riferimento nel mar Mediterraneo per i traffici ortofrutticoli. Situato nell'angolo nord-est del golfo, il porto mercantile ha una superficie acque complessiva di circa 400.000 metri quadrati.

Porto della Spezia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Porto della Spezia.
Il porto della Spezia.

Grazie alla sua particolare posizione, all'estremità di un profondo golfo, ricco di insenature minori e orientato a nord-ovest/sud-est, il capoluogo provinciale della Spezia ha un vero e proprio porto naturale.

Al centro dell'arco costiero che va da Genova a Livorno, il porto è protetto da una catena di monti e riparato dai venti di libeccio grazie al promontorio di Porto Venere e alle isole Palmaria e Tino.

La diga foranea di circa 2.200 metri rende tranquilla la rada, facilitando pertanto le manovre di ancoraggio, di accosto alle banchine, di ormeggio della navi praticamente in tutte le stagioni.

Porto di Imperia[modifica | modifica wikitesto]

La città è dotata di 2 aree portuali:

  • un porto turistico a Porto Maurizio che, specie nella stagione estiva, agisce da fulcro per il turismo marino, importante risorsa economica della città
  • quello di Oneglia invece ospita principalmente pescherecci e navi mercantili[50]

Il porto commerciale di Imperia (Oneglia) è un grande patrimonio storico e risorsa imperiese e, specie in passato, ferveva di traffici mercantili (commercio dell'olio e della pasta, del legname e, per un certo periodo, persino componenti per la FIAT). Esso fu per diversi anni l'unico sbocco sul Mediterraneo del Ducato di Savoia (Principato di Piemonte) e, per questo, luogo strategico più volte insidiato e cannoneggiato dai nemici dei Savoia del momento (Regno di Francia, spagnoli ecc.).

Antico e caratteristico con i suoi portici tinti di un bel rosa, ospita una famosa asta del pesce ed un flotta locale di pescherecci medio-piccoli.

Per il futuro è previsto il potenziamento della filiera del pesce onegliese ed inoltre anche dell'area commerciale, grazie ai lavori di una nuova banchina mercantile in via di ultimazione, a supplemento e supporto della banchina oceanica esistente ed attrezzata con bighi di forza e gru, del settore mercantile con traffici compatibili agli spazi a disposizione.

La Compagnia Lavoratori Portuali "Lodovico Maresca" gestisce dal 1933 le operazioni di sbarco e imbarco del Porto commerciale di Imperia.

Alla città è stata conferita nel 2006 la Bandiera Blu per la qualità dei servizi del porto turistico (Imperia Mare). Ha acquistato rilevanza internazionale per i raduni biennali di Vele d'epoca, che vedono centinaia di yacht, grandi e piccoli, riunirsi nel porto.

Sempre nell'ambito dei raduni navali ad Imperia è degno di nota e conosciuto a livello internazionale il raduno di motoryacht d'epoca, che si tiene ogni due anni (alternandosi alle Vele d'epoca) in calata Cuneo, nel porto di Oneglia.

Il porto di Imperia

Il fronte mare di Imperia sta per cambiare aspetto con il progetto di un nuovo porto: il "Porto di Imperia", con 1400 posti barca ed un'ampia serie di servizi ed esercizi commerciali a terra. Sta sorgendo tra Porto Maurizio e Oneglia, ma le opere più consistenti saranno nella zona di Porto Maurizio, dove già è collocato l'attuale porto turistico.[quando?]

I lavori per il nuovo porto hanno preso il via con la posa della prima pietra a marzo del 2006. Nel 2009 sono state completate le prime opere, mentre per vederlo terminato totalmente bisognerà probabilmente aspettare ancora molto tempo.

I lavori consistono sia nella riqualificazione di aree che precedentemente ospitavano insediamenti industriali, sia nella costruzione di nuovi moli in aree precedentemente occupate dal mare e che sono state interrate nel secondo dopoguerra.[51]

Aeroporti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Aeroporto di Genova e Aeroporto di Albenga.

L'aeroporto principale della regione è indubbiamente l'internazionale "Cristoforo Colombo" di Sestri Ponente. Si tratta di uno scalo situato a circa 9 km ad ovest dal centro di Genova (a cui è collegato con l'autostrada dei Fiori), e sviluppato su una penisola artificiale realizzata con il riempimento di un tratto di mare.

Inaugurato nel 1962, inizialmente era dotato di una pista di 2285 metri che attualmente[quando?] è lunga 3065 metri e di un'aerostazione provvisoria costituita da alcuni prefabbricati. Invece di essere temporanei, i prefabbricati sopravvissero a lungo e la nuova, definitiva aerostazione vide la luce solamente nel 1986.

Lo scalo viene talvolta utilizzato come scalo di supporto per gli aeroporti del nord Italia quando questi sono chiusi per nebbia. L'aeroporto genovese riveste un ruolo importante per il supporto fornito alle strutture e al personale del porto mercantile, che costituisce il principale bacino d'utenza, insieme alle industrie manifatturiere e alle strutture fieristiche.

Aeroporti minori si trovano ad Albenga (Aeroporto internazionale Clemente Panero), Luni (Aeroporto Bartolomeo Arrigoni, scalo militare e aeroclub) e La Spezia (Aeroporto militare Luigi Conti).

servono la regione anche altri tre scali raggiungibili dal territorio ligure in circa mezz'ora di percorso stradale:

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Siti interessanti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Architetture della Liguria, Architetture militari della Liguria, Musei della Liguria e Chiese in Liguria.

Patrimoni dell'umanità UNESCO[modifica | modifica wikitesto]

Siti di Interesse Comunitario (SIC)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Siti di interesse comunitario della Liguria.

Zone a Protezione Speciale (ZPS)[modifica | modifica wikitesto]

Elenco delle Zone di Protezione Speciale (ZPS) della Liguria, classificate ai sensi della direttiva 79/409/CEE e definite dal Decreto 25 marzo 2005 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana della Repubblica Italiana n. 168 del 21 luglio 2005)[52].

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Università degli studi di Genova.

Nel capoluogo esistono diversi istituti di studi superiori (sia pubblici che privati), tra i quali spiccano per eccellenza l'Università degli Studi di Genova e l'Istituto Italiano di Tecnologia. Oltre all'Università che raccoglie undici facoltà, gli altri istituti sono perlopiù monofacoltà, e rispettivamente sono: gastronomico, architettonico, astronomico, tecnologico, idrografico, linguistico, medico, della Marina Mercantile, artistico, musicale, danza accademica. A questi si affiancano numerose accademie, sparse in tutta la regione.

L'Università di Genova, con sedi didattiche anche a Imperia, Pietra Ligure, Savona, Chiavari e La Spezia, conta undici facoltà, per un totale di 125 corsi di studi di primo livello e oltre 90 di laurea specialistica. Nell'anno accademico 2002/2003 vi risultavano 40mila iscritti.

Istituti Universitari e di Livello Superiore[modifica | modifica wikitesto]

Nella regione sono collocati 36 istituti e 18 scuole private di lingue.

Plurisettoriali[modifica | modifica wikitesto]
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Università di Genova.
Lo stemma dell'Università di Genova
Monosettorali[modifica | modifica wikitesto]
  • Accademia della Marina Mercantile Italiana (GE) - Scienze della Marina
  • Accademia del Mare (SP, GE-Bogliasco) - Scienze della Navigazione
  • Università Popolare Sestrese O.A.G.[53] (GE) - Cultura e Astronomia
  • Clemson University[54] (GE) - Architettura
  • (Futuro) Polo Genovese dell'Università di Scienze Gastronomiche[55] (GE) - Enogastronomia
  • Accademia Lunigianese di Scienze "G. Capellini" (SP) - Naturalismo
Scientifici[modifica | modifica wikitesto]
Linguistici[modifica | modifica wikitesto]
  • The International Language Center[57] (GE)
  • Wall Street Institute[58] (GE)
  • Scuola Superiore per Stranieri "Il mondo"[59] (GE)
  • The Kensington School Of English[60] (GE)
  • Associazione Italo Britannica[61] (GE)
  • Scuola Di Lingue Millennium Language School (GE)
  • Alliance Francaise De Genes (GE)
  • Living Language[62] (GE)
  • American Culture & Language Association (GE)
  • A Door To Italy (GE)
  • Languages International (GE)
  • Goethe Institut (GE)
  • American Culture Language Association ACLA (GE)
  • Lexico School (GE)
  • Benedict School (GE, SV, SP)
  • The Old Bag Theatre Workshop (SV)
  • Ellea (SV, Cairo Montenotte)
  • International House & C. (SP, Sarzana)
  • British School Of La Spezia (SP)
Artistici[modifica | modifica wikitesto]
  • Accademia Ligustica di Belle Arti (GE)
  • Accademia Riviera dei Fiori "G.Balbo" (Bordighera)
  • Accademia di Belle Arti di Sanremo (Sanremo)
  • Accademia del Fumetto (Rapallo)
  • Scuola Chiavarese del Fumetto (Sestri Levante)
Musicali[modifica | modifica wikitesto]
  • Conservatorio Statale di Musica Niccolò Paganini (GE)
  • Conservatorio Statale di Musica Giacomo Puccini (SP)
  • Accademia Artistica Genovese Sinafé (GE)
  • Accademia Musicale Teresiana (GE-Arenzano)
  • Accademia della Canzone Italiana (Sanremo)
  • Accademia Musicale el Finale (Finale Ligure)
  • Accademia Ricerche Musicali Lyra (SV-Vado)
  • Accademia di Musica di Savona (SV)
  • Accademia Musicale di Chiavari (Chiavari)
  • Rock Child School (SP)
  • Accademia Musicale "Andrea Bianchi" (Sarzana)
Danza[modifica | modifica wikitesto]
  • International Dance Accademy di Genova(GE)
  • Accademia delle Arti SCENART (Diano Marina)
Culturali[modifica | modifica wikitesto]
Cure estetiche[modifica | modifica wikitesto]
  • Accademia Genova SAS (GE)
  • Accademia Internazionale di Immagine (Sanremo)

Eventi e manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

I tradizionali Cristi nella festa di santa Caterina di Varazze.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Cultura in Liguria.

La Liguria ha mantenuto nei secoli molte manifestazioni folcloristiche della cultura locale [63] , dalle ricorrenze religiose - talvolta ereditate da antiche tradizioni pagane - alle feste profane.

La vigilia di Natale nei comuni di Genova, Savona e Pietra Ligure si celebra la tradizionale cerimonia medievale del Confuoco - detto in lingua ligure O Confeugo - nel corso della quale le autorità locali vengono omaggiate con un tronco d'alloro, bruciato nella pubblica piazza per trarre, come vuole la leggenda locale, gli auspici per il nuovo anno. Nello Spezzino, alla veglia del ceppo natalizio segue la conservazione dei resti del pasto, quale rimedio per le malattie degli animali durante il periodo invernale.

La notte di Natale nei borghi storici di Pigna, Carpasio e Montalto Ligure sopravvive ancora oggi[quando?] la tradizionale offerta dell'agnello da parte dei pastori locali. Tipici e famosi sono i presepi (celebre il Presepe genovese) con i classici costumi liguri allestiti a Genova, Bargone (Casarza Ligure), Lavagna, Rapallo e Zoagli. La domenica più vicina al 20 gennaio - ricorrenza di san Sebastiano - a Dolceacqua e a Camporosso in val Nervia, la processione viene aperta da un grande albero di alloro - dove secondo la tradizione il santo fu legato - decorato con ostie colorate, i cui rami vengono in seguiti tagliati e distribuiti ai presenti.

A Taggia la notte precedente la festa di san Benedetto - prima metà di febbraio - viene celebrata con un gran falò derivante il lancio di piccoli razzi, detti i fùrgari; in tale ricorrenza si celebra inoltre il ricordo dello scampato pericolo nel 1625 durante la guerra tra la Repubblica di Genova e il Ducato di Savoia.

Il periodo pasquale, specie il Venerdì santo, viene ricordato solennemente con le tradizionali processioni delle confraternite - dette anche Casacce - dai ricchi abiti e dagli enormi crocifissi ricoperti di finissime decorazioni floreali in argento. I crocifissi, ricordanti appunto la Crocifissione di Gesù, possono arrivare ad un peso complessivo fino a 150 chilogrammi e vengono portati in processione da un uomo solo (esiste un'apposita tecnica per sopportare meglio il peso) con la figura di Gesù rivolta all'indietro verso il corteo. Secondo alcune fonti storiche codesta tradizione è risalente dopo la battaglia di Lepanto del 1571, quando i crocifissi furono rivolti a poppa nella navi dei Genovesi, evitando così l'oltraggio degli infedeli

La Torta dei Fieschi di Lavagna.

Curioso il venerdì santo che si celebra a Ceriana dove le quattro confraternite locali animano con le loro processioni la notte e il giorno seguente, cantando durante la lunga cerimonia antichi miserere. A Savona, invece, tale ricorrenza pasquale si tiene durante gli anni pari nella quale le confraternite, in abiti caratteristici, portano in processione preziose casse di legno scolpite dal celebre scultore Anton Maria Maragliano e conservate nelle chiese cittadine, oltre alla reliquia della croce di Gesù.

A Bajardo nel giorno di Pentecoste si celebra la storica Festa della Barca, per ricordare la tragica fine della figlia del conte locale, mandata a morte dal padre insieme all'amato, un capitano della flotta navale di Pisa giunto nel comune per tagliare un albero per la propria nave. Ogni anno nella piazza principale viene innalzato un grande albero, attorno al quale la popolazione danza in circolo tenendosi per mano e cantando una celebre ballata rievocando così la storia della giovane.

A Sassello nelle manifestazione de il Cantu de ove alcune uova dal guscio dipinto vengono scambiate con un ramoscello fiorito di pesco o di mandorlo; stessa tradizione si svolge nell'alta val Bormida dove la ricorrenza prevede una schermaglia fra il gruppo dei cantori locali e gli ospiti.

A Varazze il 30 aprile si festeggia Santa Caterina da Siena, in onore dell'omonima Santa che si fermò a Varazze e la guarì dalla peste. Durante la festa è possibile ammirare la processione di Cristi tra le più famose in Italia. Assieme alla processione viene figurato un corteo storico che ripercorre la vita della Santa (il corteo negli ultimi viene fatto la domenica precedente alla festa).

Nel borgo marinaro di Camogli la seconda domenica di maggio si festeggia san Fortunato, patrono dei pescatori. La processione avviene il sabato sera dove la cassa con la statua del santo, pesante circa quattro quintali, viene portata a braccia da otto volontari lungo le vie cittadine. Al rientro del santo nella Basilica di Santa Maria Assunta inizia lo spettacolo pirotecnico culminate con l'incendio del campanile. Il giorno seguente viene allestita la celebre Sagra del pesce dove un grosso padellone permette la cottura nell'olio di quintali di pesce, serviti poi ai partecipanti alla sagra.

Il Corpus Domini viene celebrato a Diano Marina, Civezza, Sassello e a Brugnato con spettacolari infiorate, ossia grandi decorazioni delle principali strade cittadine con petali di fiori che raffigurano personaggi e scene sacre.

Nella notte del 24 giugno, solennità di san Giovanni Battista, a Triora si accendono falò sulle alture per segnalare la salita all'alpeggio delle greggi transumanti. Il 22 luglio si svolge a Taggia la Festa della Maddalena, festività culminante con l'originale Danza della morte, eseguita da due uomini travestiti accompagnati dalla banda musicale cittadina che alterna una tarantella a una danza funebre.

Il Palio del Golfo alla Spezia.

A Dolceacqua, durante la Festa della Michetta, la mattina del 15 agosto un semplice dolce locale viene offerto dai giovani alle ragazze del borgo; la ricorrenza trae ricordo dalla ribellione popolare del 1364 contro il jus primae noctis. In luglio e agosto si svolgono palii e rievocazioni storiche. A Giustenice, in luglio, si assiste alla rievocazione dell'assalto al castello, episodio che fa riferimento ad un fatto realmente accaduto tra il 1448 e il 1452 tra il Marchesato di Finale e la Repubblica di Genova; la domenica successiva ricorre il Palio dei Carri.

A Camogli, la prima domenica d'agosto, si svolge la processione di barche della Stella Maris; a Ventimiglia, la domenica precedente il Ferragosto, si organizza un corteo storico in costume e una gara di tiro alla balestra. A Lavagna, il 14 agosto, vi si celebra la Torta dei Fieschi, una festa in costume che rievoca il fastoso matrimonio del conte Opizzo Fieschi con Bianca dei Bianchi nel 1230; per l'occasione viene preparata una gigantesca torta. Verso settembre celebre è la Sagra del Fuoco di Recco, festa patronale della cittadina recchese in onore alla sua santa patrona.

Tra le maggiori manifestazioni si ricordano: il Salone Nautico Internazionale di Genova, il Festival della canzone italiana di Sanremo, il VideoFestival Città di Imperia Festival Internazionale d'Arte Cinematografica Digitale, la Battaglia di Fiori di Ventimiglia, le Vele d'epoca di Imperia, l'esposizione floreale dell'Euroflora di Genova, e sempre a Genova il Salone ittico di Slow Food, l'Expo di Savona, il Festival teatrale di Borgio Verezzi, il Festival di poesia di Genova, il Festival della Mente, La Mostra Nazionale dell'Antiguariato e la contemporanea "soffitta nella strada" a Sarzana, la Festa dell'inquietudine e il Salone dell'Agroalimentare Ligure a Finale Ligure, il Palio del Golfo alla Spezia ed il Mondomare Festival, una rassegna legata al mare organizzata in quattro località del territorio regionale in rappresentanza delle quattro province.

Enogastronomia[modifica | modifica wikitesto]

Gastronomia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cucina ligure e Prodotti agroalimentari tradizionali liguri.

La cucina ligure prende spunto per la maggior parte delle sue ricette dalla dieta mediterranea, unione culinaria tra i piatti di mare con i prodotti della terra, tuttavia piatti apparentemente semplici sono esaltati nei loro sapori dall'uso delle numerose erbe aromatiche come rosmarino, timo, ecc., che crescono spontaneamente su tutto il territorio, tipiche della macchia mediterranea.

Tra i prodotti locali di grande pregio c'è sicuramente l'olio di oliva, base e condimento dei principali piatti della gastronomia ligure. Nella tabella successiva sono elencati alcuni tra i piatti tipici:

Antipasti Primi piatti Secondi piatti Prodotti da forno Dolci
Focaccette al formaggio Corzetti Coniglio alla genovese con le olive Farinata Pandolce
Panissa Pansoti conditi con la Salsa di noci Stoccafisso in umido con patate Farinata di zucca Biscotti del Lagaccio
Acciughe sotto sale Ravioli Sgombro con piselli Focaccia alla genovese Canestrello o canestrelletto
Pomodori secchi Minestrone alla genovese Acciughe al forno con patate Focaccia col formaggio Gobeletti o Cobeletti
Funghi e verdure sott'olio Trenette al pesto o Linguine al pesto Polpo con patate Polpettone di melanzane Pinolata della Val d'Aveto
Pasta d'acciughe Troffiette o Troffie al pesto Cappon magro Baciocca Pattona
Mescciüa Ciuppìn Torta pasqualina Spongata
Pastasciutta di muscoli Capponadda Torte
(bietole o di riso)
Testaroli bolliti frittura di gianchetti Micotti
Buridda (zuppa di stoccafisso) Bagnùn d'acciughe Torte salate (verdura e riso):
Scherpada di Ponzano superiore
Stirpada di Calice al Cornoviglio
Scarpazza di Sarzana
Tourcett (ciambelline)
Lazarene (lasagna con farina bianca o di castagna) Cima alla genovese Amaretti di Sassello
Zembi d'arzillo (ravioli di pesce) Trippa alla genovese con patate e fagioli Focaccia con le cipolle
Lattughe ripiene

Tra i prodotti tipici locali della Regione vi sono:

Un piatto di Trenette al pesto.

Carne e salumi

Formaggi

Frutta e ortaggi

Vini[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Vini della Liguria.

In provincia di Genova la tradizione vinicola è confermata soprattutto nella zona di Sestri Levante e nel Tigullio, con principali produzioni vinicole di Bianchetta Genovese, di Moscato bianco, di Vermentino e di Ciliegiolo. Maggiormente diffusi tra il confine della Riviera di Ponente con la Riviera di Levante sono il Pigato e il Rossese.

Nella provincia savonese hanno ottenuto il riconoscimento D.O.C. (Denominazione di Origine Controllata) il Pigato di Ortovero, il Vermentino e il Rossese di Campochiesa. Altri vini, che hanno diritto alla dicitura I.G.T. (Indicazione Geografica Tipica) sono il Lumassina, il Buzzetto, la Granaccia di Quiliano, il Bianco di Calice Ligure, il Mataosso e il Dolcetto delle Langhe Liguri.

Nello spezzino le principali produzioni vinicole della provincia sono il Cinque Terre (DOC), lo Sciachetrà, eccellente e famoso vino liquoroso prodotto anch'esso nelle Cinque Terre, il Levanto e la Vernaccia, provenienti dalla Riviera dei Promontori e il Vermentino delle colline di Luni e di Arcola.

La lingua ligure[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lingua ligure.

Caratteristica di questa regione è la lingua ligure, parlata anche nelle regioni confinanti (Piemonte, Emilia-Romagna) e nell'Isola di San Pietro (Carloforte e Calasetta) in Sardegna e Corsica (Bonifacio). La lingua ligure, seppur sia parlata sempre meno a causa delle continue discriminazioni a favore della lingua italiana, è ancora molto utilizzata, sia per le opere letterarie di cui è stata protagonista, sia per la "ridiffusione" degli ultimi anni, attuata ad esempio da Gilberto Govi o da gruppi musicali come i Buio Pesto, oltre che, come è noto, da Fabrizio De André.
Curiosamente, il termine ligure (così come la parola Liguria) non sono presenti in lingua ligure, questo perché, fino a tempi recenti, si è sempre parlato di lingua genovese, anche nelle aree più distanti dal capoluogo ligure, non tanto a causa della forte influenza dell'ex-Repubblica di Genova quanto per il significato più lato del termine "genovese" (non in quanto "della città di Genova" quanto "appartenente alla cultura del Dominio genovese"; per comprendere meglio questo concetto, si può fare un paragone con il termine "Romano", che in epoca classica non indica tanto un abitante, o un concetto, relativo alla città di Roma quanto qualcosa di correlato alla cultura della Roma classica; il medesimo concetto è applicabile, per comprendere, alla cultura genovese del Medioevo, più nello specifico dal secolo XII a tutto il secolo XVI).

Persone legate alla Liguria[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genovesi, Imperiesi, Spezzini e Savonesi.

La Liguria ha dato i natali a personalità di grande rilievo in vari campi: attori come Paolo Villaggio, Vittorio Gassman, Gilberto Govi, Alberto Lupo, Lina Volonghi, Nando Gazzolo e Giancarlo Giannini, registi come Pietro Germi e Giuliano Montaldo, musicisti come Niccolò Paganini, Luciano Berio e Flavio Emilio Scogna, cantautori come Fabrizio De André, Ivano Fossati, Max Manfredi, i Buio Pesto, Perseo Miranda e Umberto Bindi, scienziati come Giulio Natta e Renato Dulbecco, letterati come Edmondo De Amicis, Eugenio Montale e Edoardo Sanguineti, critici come Carlo Bo, politici come Palmiro Togliatti, Giuseppe Dossetti, Alessandro Natta e Sandro Pertini, il soprano Renata Scotto, l'architetto Renzo Piano e il comico-attivista politico Beppe Grillo.

Non sono nati in Liguria ma vi si sono trasferiti in giovane età, tanto da considerarsi liguri a tutti gli effetti, Bruno Lauzi, Gino Paoli e Luigi Tenco. Legati fra loro anche da amicizia personale (Lauzi e Tenco furono compagni di banco al ginnasio), costituirono con De André la cosiddetta Scuola genovese dei cantautori, protagonista di una stagione di profondo rinnovamento della canzone italiana. Stessa cosa dicasi per Italo Calvino, nato a Cuba ma cresciuto a Sanremo, in un ambiente che si riconosce in molte delle sue opere.

Non mancano personalità liguri che hanno segnato la storia dell'Italia e non solo, come Cristoforo Colombo, Andrea Doria, Giuseppe Garibaldi, Goffredo Mameli e Giuseppe Mazzini.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Sport in Liguria.

In Liguria vengono praticati molti sport, grazie ad un discreto numero di impianti sportivi polivalenti.

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Le due principali squadre calcistiche liguri sono il Genoa e la Sampdoria, militanti entrambe in Serie A e protagoniste dello storico "Derby della Lanterna".

In Serie B militano lo Spezia e la Virtus Entella, mentre in Lega Pro è presente il Savona (Prima Divisione).

Cinque le compagini iscritte alla Serie D (stagione 2013-2014): Chiavari Caperana, Lavagnese, RapalloBogliasco, Sestri Levante e Vado

Tra le squadre dilettantistiche relegate in serie minori meritano inoltre menzione il Rapallo, la Sarzanese, l'Imperia e la Sanremese per i loro trascorsi nei campionati nazionali.

Altri sport[modifica | modifica wikitesto]

Un altro sport di squadra molto seguito e praticato ad altissimi livelli è senz'altro la pallanuoto, con società del calibro del Pro Recco, Rari Nantes Savona, Rari Nantes Camogli, Rari Nantes Bogliasco e Rari Nantes Sori.

Nella pallacanestro spicca il nome del Basket Spezia Club, società cestistica femminile che milita in A2.

Nella storia sportiva della regione trova spazio anche il nuoto in acque libere, dove già ad inizio del Novecento si registrano le prime gare con il Miglio Marino (Sturla) ed i Cimenti Invernali o "nuotate in acque fredde", organizzati durante il periodo autunnale ed invernale.

In Liguria viene costituita ad inizio Novecento la Confederazione delle Rari Nantes, oggi[quando?] Federnuoto (FIN)[senza fonte] con sede a Roma e, sempre in regione, nasce il moviemento Master Nuoto nella seconda metà degli anni settanta, riconosciuto solo in seguito dalla Federazione Italiana Nuoto[senza fonte].

Sportivi liguri[modifica | modifica wikitesto]

I quattro capoluoghi di provincia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]
  2. ^ La lingua occitana in Liguria
  3. ^ I confini amministrativi della regione si definirono definitivamente con l'istituzione della provincia della Spezia il 28 novembre del 1923[senza fonte]
  4. ^ Ermanno Amicucci, Nizza e l'Italia, Mondadori, Milano 1939.
  5. ^ G. Gentile, L. Ronga e A. Rossi, Vedere la Storia, Editrice La Scuola.
  6. ^ Superficie forestale e tipi forestali
  7. ^ a b c Fonte dal sito Araldica Civica.it. URL consultato il 10 giugno 2014.
  8. ^ Parco Nazionale delle Cinque Terre - Visit Riviera
  9. ^ Disciplina di riordino delle comunità montane - Regione Liguria
  10. ^ parks.it Mappa interattiva delle aree protette liguri
  11. ^ regione.liguria.it Dati Aree Protette
  12. ^ Alta Via dei Monti Liguri - Visit Riviera
  13. ^ Istituzione dell'area naturale marina protetta denominata "Cinque Terre"
  14. ^ Istituzione dell'area naturale marina protetta denominata Portofino
  15. ^ Dati ISPRA
  16. ^ Fonte dal sito: demo.istat.it
  17. ^ Liguria in L'Enciclopedia Geografica - vol. 1, Milano, Corriere della Sera, p. 280, ISSN 1824-9280..
  18. ^ Approfondimenti sul sito della Regione Liguria
  19. ^ http://www.areeurbane.apat.it/site/_files/INU/Genova.pdf
  20. ^ a b c d Powered by Google Documenti
  21. ^ Il Golfo dei Poeti: golfo della Luna
  22. ^ Fonte e approfondimenti sul sito della Provincia di Savona
  23. ^ Powered by Google Documenti
  24. ^ a b www.valdimagra.com - territorio
  25. ^ a b Aree Tematiche | Provincia di Savona
  26. ^ Entroterra Savonese - Entroterra Savonese
  27. ^ Piano Territoriale Regionale - Regione Liguria. (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2010).
  28. ^ Powered by Google Documenti
  29. ^ Powered by Google Documenti
  30. ^ InsiemeFacile
  31. ^ Piano Territoriale Regionale - Regione Liguria
  32. ^ Powered by Google Documenti
  33. ^ Dintorni
  34. ^ Descrizione Impianti
  35. ^ a b c d e ISTAT, cittadini stranieri al 31 dicembre 2011. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  36. ^ a b Dati Istat - Tavole regionali
  37. ^ Dati "Terna" 2006 Dati di produzione (pdf)
  38. ^ Descrizione della centrale termoelettrica di Genova
  39. ^ Dichiarazione EPER CENTRALE TERMOELETTRICA DI GENOVA relativa all'anno 2001
  40. ^ www.enel.it
  41. ^ www.tirrenopower.com
  42. ^ Perché l'elettricità da fonti rinnovabili?
  43. ^ Scheda della centrale eolica
  44. ^ Sito ufficiale del Turismo della Regione Liguria
  45. ^ Dati Istat 2007
  46. ^ ARPAL: Dati sulla balneazione in Liguria
  47. ^ Tratto dal sito 6mare.it
  48. ^ Home
  49. ^ a b Unioncamere.
  50. ^ Compagnia Lavoratori Portuali "L. Maresca" - Imperia
  51. ^ Elaborazioni grafiche della nuova area sul sito Acqua Pia Antica Marcia
  52. ^ Fonte: Minambiente.it (.doc)
  53. ^ http://www.oagenova.it/index_file/Universit%C3%A0PopolareSestrese.htm
  54. ^ http://www.virtual.clemson.edu/caah/architecture/1.2.5.php
  55. ^ Burlando: I Magazzini Dellíabbondanza, Sede Genovese Dellíuniversitaí Di Scienze Gastronomiche | Regione Liguria
  56. ^ Accademia Nazionale di Medicina
  57. ^ The International Language Centre - Scuola e corsi di lingue a Genova e in Liguria - CHI SIAMO
  58. ^ Corsi Inglese Genova, Wall Street Institute Genova
  59. ^ IlMondo Web Site
  60. ^ Corsi Inglese Individuali Genova, Corsi di Lingue Individuali Genova, Corso Inglese legale Genova
  61. ^ Home | ItaloBritannica
  62. ^ Home
  63. ^ [2] Calendario Eventi in Liguria.
  64. ^ Agricoltura, floricoltura, orticoltura di Albenga e il suo territorio | L'Ortofrutticola d'Albenga

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Bibliografia sulla Liguria.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Liguria Portale Liguria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Liguria