Angelo Solerti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Angelo Solerti (Savona, 1865Massa, 1907) è stato un critico letterario e bibliotecario italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Angelo Solerti studiò all'Università di Torino, dove fu allievo di Rodolfo Renier[1]. Dopo la laurea fu professore d'italiano nei licei[2] prima che i suoi problemi di salute non lo costringessero a rinunciare alla carriera di docente[1]. Così, dopo un breve periodo alla Biblioteca Marciana[1], fu nominato Provveditore agli studi, dapprima (dal 1900) per la provincia dell'Aquila. Ma « il clima dell'Aquila si rivelò poco salutare per lo storico savonese »[3], e quindi, dal 1902, si trasferì col medesimo incarico a Massa, città in cui visse i suoi ultimi anni con la famiglia[1]. Sua moglie era Lina Saggini, con cui aveva contratto matrimonio il 24 aprile 1889[4][5].

Contributi[modifica | modifica wikitesto]

Fu autore di varie opere critiche sulla letteratura italiana e sul melodramma. Una delle sue opere maggiori è senz'altro Le vite di Dante, Petrarca e Boccaccio scritte fino al secolo decimosesto, in cui sono raccolte tutte le biografie di Dante Alighieri, Francesco Petrarca e Giovanni Boccaccio, dal Trecento al Cinquecento. Da ricordare sono soprattutto i suoi lavori sul Tasso, con un'importante opera biografica (Vita di Torquato Tasso, 1895) e la sua cura per un'edizione critica della Gerusalemme liberata, pubblicata nel 1896[6].

Importante è anche il suo contributo nel campo della storia della musica e in particolare sul melodramma, su cui produsse i vari volumi di tre sue opere, su cui aveva lavorato in parallelo nei primissimi anni del 1900: Le origini del melodramma. Testimonianze dei contemporanei (Torino, 1903), Gli albori del melodramma (3 volumi, Milano-Palermo-Napoli, 1904-1905) e Musica, ballo e drammatica alla Corte Medicea dal 1600 al 1637 (Firenze, 1905)[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Una bibliografia completa di Angelo Solerti si rinviene in Rime disperse di Francesco Petrarca o a lui attribuite, per la prima volta raccolte a cura di Angelo Solerti, ed. postuma con prefazione introduzione e bibliografia a cura di Vittorio Cian (Firenze, Sansoni, 1909)[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Anne-Marie Meyer, Concerning Warburg’s ‘Costumi teatrali’ and Angelo Solerti, in Journal of the Warburg and Courtauld Institutes, L, 1987, pp. 171 e segg.
  2. ^ Lo ritroviamo al Regio Liceo Galvani nel 1897, l'anno in cui Aby Warburg fu a Bologna in visita al Liceo musicale bolognese (cfr. Anne-Marie Meyer, Concerning Warburg’s ‘Costumi teatrali’ and Angelo Solerti, cit.)
  3. ^ Amedeo Benedetti, Contributo alla biografia di Angelo Solerti, in "Otto/Novecento", anno XXXVII, n. 1, gennaio/aprile 2013, p.161.
  4. ^ Dedica in Lettere inedite di Gabriello Chiabrera di Achille Neri, Genova, Tipografia del Regio Istituto Sordo-Muti, 1990
  5. ^ Giovanni Marradi, Poesie : per nozze Solerti-Saggini, Modena : Soc. Tipogr. Modenese, 1889
  6. ^ «Solèrti, Angelo», in Dizionario Biografico degli Italiani, Istituto dell'Enciclopedia italiana Treccani, Roma (on-line)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]