Pianura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Pianura (disambigua).

In geografia, una pianura è un'ampia area di terra con rilievi relativamente bassi, la cui altitudine non supera un massimo di 300 m.s.l.m.[1] Solitamente viene formata dai depositi alluvionali dei fiumi, nel corso di un lungo periodo di tempo. La pianura può essere più adatta degli altopiani e delle montagne per l'agricoltura.

Esistono vari tipi di pianure:

  • pianura ondulata: è una pianura che presenta inclinazioni lievi e irregolari.
  • pianura alluvionale: è una pianura formata da detriti portati dai fiumi.
  • pianura litorale: è una pianura che ha origine vicino al mare. In principio sommersa dalle acque, poi sorta quando queste si ritirarono.
  • pianura di sollevamento: una pianura che si è formata grazie al sollevamento dei fondali marini.
  • pianura vulcanica: una pianura che si è formata dal deposito della materia eruttata dal vulcano (es. lava indurita nel corso degli anni).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Glossario, sito dell'ISTAT, www3.istat.it (consultato nell'ottobre 2012)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]