Spagnoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Spagnoli
Spagnoli
1ª riga: Isabella di Castiglia, Ferdinando II di Aragona, Hernán Cortés, Ignazio di Loyola, Carlo I, Teresa d'Ávila

2ª riga: Cervantes, Francisco Goya, José María de Pereda, Rosalía de Castro, Benito Pérez Galdós, Leopoldo Alas
3ª riga: Antoni Gaudí, Pablo Picasso, Salvador Dalí, Juan Carlos I di Spagna, Antonio Banderas, Rafael Nadal

Luogo d'origine Spagna Spagna
Popolazione 42.534.950
Spagnoli all'estero: 1.574.123 (2010)
Cittadini di ascendenza spagnola nel mondo: 360 milioni
Lingua Spagnolo, Catalano, Basco, Galiziano e altre lingue della Spagna.
Religione Cattolicesimo (73,6%), Islam (2,3%), Ebraismo (0,1%), Ateismo (7%), Agnosticismo (13,6%)
Gruppi correlati Catalani
Aragonesi
Baschi
Galleghi

Gli spagnoli rappresentano i gruppi etnici che conformano la nazionalità della Spagna.

La nazionalità spagnola è pertanto multiculturale e riflette la lunga e complessa storia del paese.

Gli spagnoli parlano la lingua spagnola, più correttamente definibile castigliano, lingua ufficiale della Spagna, il catalano e le sue varietà (valenciano, maiorchino, ecc.), il galiziano e il basco. Parte di coloro che hanno come lingua madre un idioma diverso dal castigliano, non si considerano spagnoli.

Le origini del popolo spagnolo vanno ricercate nelle popolazioni autoctone iberiche e celtibere e, in minor misura, fenicie e greche che, a partire dal III secolo a.C. si mescolarono con i romani. Questi ultimi impressero la propria lingua e cultura, in forma indelebile, alla Spagna e al suo popolo. Fra gli apporti successivi vi furono quelli germanici (dal V secolo a.C.) durante le invasioni barbariche ed islamici, legati alla lunga dominazione musulmana sulla penisola iberica (VIII-XV secolo).

La maggior parte degli spagnoli aderisce alla chiesa cattolica, sebbene esistano minoranze storiche legate ad altre confessioni cristiane e non cristiane.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]