Lingua gallega

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Lingua galiziana)
bussola Disambiguazione – "Gallego" rimanda qui. Se stai cercando il fiume omonimo, vedi Gállego.
gallego/galego/gagliego/galiziano (galego)
Parlato in Spagna Spagna
Portogallo Portogallo
Regioni Galizia e altre parti della Spagna e del Portogallo
Persone 3-4 milioni (1/2 milione di emigranti tra Sud America ed Europa)
Classifica non nelle prime 100
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Ibero-romanze
    Iberiche occidentali
     Galego-portoghese
      Galiziano
Statuto ufficiale
Nazioni Flag of Galicia.svg Galizia (Spagna) (accettato oralmente come portoghese nell'Unione Europea).
Regolato da Real Academia Galega
Codici di classificazione
ISO 639-1 gl
ISO 639-2 (B)glg, (T)glg
ISO 639-3 glg  (EN)
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, art. 1
Tódolos seres humanos nacen libres e iguais en dignidade e dereitos e, dotados como están de razón e conciencia, deben comportarse fraternalmente uns cos outros.
Grupo galaico-potugués.png
Distribuzione geografica della lingua gallega (in blu) e del portoghese (in verde)
Il più antico documento in lingua gallega
Situazione del galiziano in Galizia oggi
Linguistic map Southwestern Europe.gif

Il gallego (anche chiamato galego, gagliego o galiziano[1], dal nome nativo galego) è una lingua romanza proveniente dal latino e dall'antico gallaico-portoghese nata nella parte ovest della provincia romana Gallaecia che comprendeva il territorio della Galizia attuale, nord del Portogallo e territori limitrofi ad est. L'altra lingua che nasce in questo territorio è la Lingua leonese, molto vicina al galiziano.

Si forma nel XII secolo come risultato dell'assimilazione del latino volgare portato nel II secolo dai conquistatori romani.

Ci fu un momento in cui il galiziano arrivò ad essere la lingua colta fuori dalla Galizia e dal Portogallo; basti infatti ricordare che scriveva in galiziano il re Alfonso X "el sabio" nelle sue "Cantigas de Santa María".

Il galego-portoghese ebbe un'esistenza ufficiale e piena per quasi 700 anni, finché tra la fine del XIV secolo e gli inizi del XV secolo salì al potere una nobiltà di origine castigliana che favorì la repressione della lingua e la perdita della funzione pubblica, ufficiale, letteraria e religiosa del galiziano fino alla fine del XIX secolo. Questi saranno gli anni denominati "Séculos Escuros" (Secoli bui). In questo stesso periodo il portoghese riuscì ugualmente a svilupparsi liberamente e a proteggersi grazie alla sua capacità di svincolarsi dalla dominazione castigliana.

Attualmente il galiziano è la lingua ufficiale della comunità autonoma galiziana, parlato da circa 3 milioni di persone insieme al castigliano.

Tutti gli anni il 17 maggio si celebra il giorno della letteratura galiziana ("Día das Letras Galegas") dedicato ad uno scrittore, eletto dalla Reale accademia della lingua galiziana, almeno a 10 anni dalla sua morte. Questa iniziativa, oltre ad avere una forte importanza culturale, serve anche agli organismi ufficiali per potenziare l'uso e la conoscenza di questa lingua.

Altre organizzazioni come la AGAL (Associazione Galiziana della Lingua), o il MDL (Movimento di Difesa della Lingua), hanno una grande importanza nella potenziazione e nel riconoscimento internazionale della lingua propria di Galizia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il Dizionario d'Ortografia e di Pronunzia della RAI dà la forma prioritaria gallego e accetta le varianti galego e gagliego; non riconosce la forma galiziano.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]