Mar Ligure

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mar Ligure
Parte di Mar Mediterraneo
Stati Italia Italia
Francia Francia
Monaco Monaco
Coordinate 43°29′54″N 9°02′30″E / 43.498333°N 9.041667°E43.498333; 9.041667Coordinate: 43°29′54″N 9°02′30″E / 43.498333°N 9.041667°E43.498333; 9.041667
Dimensioni
Profondità massima 2 850 m
Idrografia
Isole Corsica
Insenature Golfo di Genova
Mar Ligure.svg
Il mar Ligure: in rosso i confini secondo l'Organizzazione idrografica internazionale, in blu i confini secondo l'Istituto Idrografico della Marina Militare Italiana

Il mar Ligure (mâ Ligure in ligure, mer Ligurienne in francese, mari Licuru in corso) è la parte più settentrionale del mar Mediterraneo occidentale.

I confini[modifica | modifica sorgente]

Il confine sud-occidentale è delimitato da una linea immaginaria che collega Punta di Revellata, a ovest di Calvi, nella Corsica settentrionale, con Capo Ferrato ad est di Nizza, mentre il confine sud-orientale, che lo delimita dal mar Tirreno, corre tra Capo Corso e il promontorio di Piombino, passando attraverso il canale di Corsica, l'Isola d'Elba e il canale di Piombino.[1]

Tuttavia, l'Organizzazione idrografica internazionale, in un documento del 1953 tuttora in vigore,[2] stabilisce che il confine sud-occidentale è delimitato da una linea immaginaria che congiunge Capo Corso con il confine tra Italia e Francia (Ponte San Luigi), mentre il confine sud-orientale è delimitato da una linea che va da Capo Corso all'isola del Tinetto, quindi da una linea che congiunge l'isola del Tino e la Palmaria fino a Punta San Pietro, nei pressi del golfo della Spezia. Questo confine è in via di ridefinizione: infatti la stessa Organizzazione ha pubblicato una bozza del documento definitivo sui limiti dei mari che fa coincidere il confine sud-occidentale del mar Ligure con una linea che unisce la costa toscana lungo il 43º parallelo al Capo Corso e quindi fino a Capo Grosso.[3]

La definizione tuttora in vigore presso l'Organizzazione idrografica internazionale corrisponde grosso modo a quella tradizionale,[4] la quale attribuisce l'intera costa toscana (fino alla foce della Magra) al mar Tirreno (con l'eccezione del golfo della Spezia e del promontorio del monte Marcello da Lerici ad Ameglia, che secondo l'Organizzazione sarebbe parte del Tirreno). Questa versione tradizionale dei confini ha portato a varie conseguenze: vicino Pisa negli anni trenta è stata fondata una località balneare denominata Tirrenia; il quotidiano di Livorno si chiama Il Tirreno e Viareggio come pure Castiglioncello sono popolarmente definite le Perle del Tirreno. Occorre tuttavia considerare che nelle carte dell'Ottocento il mare che bagnava la Toscana era talvolta chiamato semplicemente Mare Toscano.[5]

L'Istituto Idrografico della Marina Militare Italiana usa perlopiù "Mar Ligure" (ma anche, in alcuni casi, "Mar Tirreno") nel portolano relativo alla costa toscana settentrionale.[6]

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica sorgente]

Il mar Ligure bagna le coste della Liguria (la Riviera ligure), parte di quelle della Toscana (la Riviera apuana, la Versilia, il litorale pisano e la costa degli Etruschi, ovvero il litorale tra Livorno e Piombino), quelle dei dipartimenti francesi dell'Alta Corsica e delle Alpi Marittime (Costa Azzurra) e quelle del principato di Monaco, nonché le secche della Meloria, le isole di Capraia e Gorgona e la costa settentrionale dell'Isola d'Elba, aree rinomate per le bellezze paesaggistiche e il clima mite. Nella parte più settentrionale si trova il golfo di Genova che ne è interamente compreso.

Il mare riceve da est le acque dell'Arno e di molti altri fiumi di origine appenninica come il Serchio e la Magra.
Lungo le sue coste si trovano importanti scali portuali commerciali dei quali il maggiore è il porto di Genova. Altri porti di rilievo sono quelli di Mentone, Savona, della Spezia, di Carrara, di Piombino e di Livorno.

Il mar Ligure raggiunge a nord-ovest della Corsica una profondità massima di più di 2 850 m.

Storia[modifica | modifica sorgente]

In antichità il mar Ligure si chiamava, in latino, Mare Ligusticum, il mare che bagnava le terre abitate dagli antichi Liguri. Nel V secolo a.C. il territorio abitato da questa popolazione si estendeva ben oltre i confini dell'attuale Liguria e la stessa Repubblica di Genova, comprendendo parte dell'attuale costa francese e di quella toscana fino all'altezza di Livorno.[7]

Il mar Tirreno (Mare Tyrrhenum) prende invece il nome dal popolo dei Tirreni (Tyrsenoi o Tyrrhenoi), meglio conosciuti come Etruschi, i cui territori nel VIII secolo a.C. si estendevano fino alla foce dell'Arno nei pressi di Pisa,[8] e che nei due secoli successivi ampliarono il loro raggio d'azione fino alla foce del fiume Magra.[9]

Protezione dell'ambiente[modifica | modifica sorgente]

Allo scopo di proteggere le numerose specie di cetacei presenti nel mar Ligure, la Francia e l'Italia lo hanno classificato nel 1999 come SPAMI Specially Protected Areas of Mediterranean Importance (ovvero area del mare Mediterraneo di particolare importanza).

Il Santuario dei Cetacei del mar Ligure copre un'area di 84 000 k nella zona di mare aperto davanti al confine tra Francia e Italia. È una delle zone del Mediterraneo dove con più facilità è possibile avvistare gruppi di cetacei.

Nel 1996 l'Italia ha istituito il Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano grazie al quale sono salvaguardate le sette isole maggiori dell'arcipelago e i fondali con tutta l'importante fauna sia del mar Tirreno sia del Ligure. È attualmente il più grande parco marino d'Europa.[10]

Nel 1999 è stato istituito il Parco nazionale delle Cinque Terre, in Liguria, interamente nella Provincia della Spezia, che per le bellezze naturalistiche del suo territorio è un'importante meta turistica per chi è interessato non esclusivamente al turismo balneare.

Fauna[modifica | modifica sorgente]

Tra le specie che vivono nel mar Ligure e che risalgono i fiumi che sfociano in questo mare per riprodursi vi è la cheppia (Alosa fallax).

Territori bagnati dal mar Ligure[modifica | modifica sorgente]

Stato Regione Dipartimento o
Provincia
Francia Francia Blason région fr Provence-Alpes-Côte d'Azur.svg Provenza-Alpi-Costa Azzurra Blason06.PNG Alpi Marittime
Flag of Corsica.svg Corsica Flag of Corsica.svg Corsica Settentrionale
Monaco Monaco[11] - -
Italia Italia Liguria Liguria Imperia Imperia
Savona Savona
Genova Genova
La Spezia La Spezia
Toscana Toscana Massa e Carrara Massa e Carrara
Lucca Lucca
Pisa Pisa
Livorno Livorno

Comuni importanti che vi si affacciano[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dov'è il confine tra il Mar Ligure e il Tirreno?
  2. ^ http://www.iho.int/iho_pubs/standard/S-23/S23_1953.pdf Limits of Ocean and Seas (Special Publication Nº23)
  3. ^ IHO Publication S-23 Limits of Oceans and Seas Draft 4th Edition, 2002 (in attesa di approvazione)
  4. ^ Giovanni Targioni Tozzetti, Pier Antonio Micheli, Relazioni d'alcuni viaggi fatti in diverse parti della Toscana: per osservare le produzioni naturali, e gli antichi monumenti de essa, Stamperia imperiale, Firenze 1751, Volume 2, p. 184.
  5. ^ Emanuele Repetti, Dizionario geografico fisico storico della Toscana: contenente la descrizione di tutti i luoghi del Granducato, Ducato di Lucca, Garfagnana e Lunigiana, Firenze 1846, Volume 6, p. V.
  6. ^ Fascicolo riepilogativo relativo al volume Portolano P2 da Marina di Carrara a Sabaudia e Corsica
  7. ^ Atlante storico, Novara, Istituto geografico De Agostini, 1979, p. 18.
  8. ^ Giuseppe M. Della Fina, Etruschi: la vita quotidiana, Roma, L'Erma di Bretschneider, 2005, p. 11.
  9. ^ Giuseppe Franco, Orizzonti etruschi: una completa esplorazione del mondo etrusco, Milano, SugarCo, 1987, p. 22.
  10. ^ Silvano Landi, Il Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano: tra il verde e l'azzurro, Corpo Forestale dello Stato (PDF)
  11. ^ Il Principato di Monaco non ha alcuna divisione amministrativa perché è una città-stato

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]